Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Attuazione legge caccia Toscana. Ecco cosa cambia


venerdì 28 ottobre 2022
    
 
A seguito della pubblicazione della delibera 1184 del 24/10/22 riguardante il nuovo regolamento di attuazione della Legge regionale sulla caccia, la Confederazione Cacciatori Toscani ne evidenzia i principali aspetti rilevanti.

"a) – una maggiore autonomia degli AA.TT.CC sull’articolazione del bilancio e sulle risorse

destinate ad investimenti organizzativi e faunistico gestionali;

b) – regole ed indirizzi per le immissioni di fauna selvatica;

c) – istituzione di una Commissione di Verifica e Controllo sui risultati e obiettivi gestionali

raggiunti per gli Istituti Faunistici Pubblici e Privati;

d) – Regole sullo svolgimento sulla Caccia al Cinghiale in Braccata e riduzione del numero

minimo di partecipanti iscritti alla squadra;

e) – inanellamento dei richiami Vivi e Appostamenti Fissi;

f) – organizzazione del prelievo degli Ungulati nel territorio a Caccia Programmata, A.F.V. e A.A.V..

g) – organizzazione della Caccia di Selezione a Cervidi Bovidi e Cinghiale;

h) – organizzazione dei Corsi di Abilitazione e Commissione di Esame.

Si tratta di punti importanti per lo svolgimento dell’attività venatoria e per la gestione del territorio ai fini faunistico ambientali. Il nuovo regolamento è anche il frutto di un confronto costruttivo con l’assessorato e gli uffici competenti.

Non possiamo fare a meno tuttavia di rilevare il forte ritardo con il quale si è giunti a questa approvazione.

Un ritardo che rischia di generare ulteriori effetti negativi su alcune disposizioni urgenti quanto attese che risulteranno operative solo a partire dal prossimo 1 febbraio 2023 e dunque con la futura stagione venatoria.

Ci riferiamo in particolare alla regolamentazione della caccia in braccata al cinghiale e alla

riduzione del numero minimo dei partecipanti alla battuta o ad altre parti del regolamento che avrebbero potuto essere derogate e rese immediatamente esecutive alla data di approvazione.

Anche sulla gestione degli Istituti Privati (composizione della Commissione di verifica e controllo, ruolo e competenze sugli obiettivi raggiunti etc) e sulla gestione degli ungulati nelle AAVV, rileviamo alcuni limiti rispetto alle proposte da noi avanzate puntualmente nei tavoli di confronto.

Con questo atto si conclude una lunga fase di riforma del quadro normativo regionale sull’attività venatoria.

Il prossimo obiettivo rimane oggi l’approvazione del nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale".

Leggi tutte le news

0 commenti finora...