Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionale Parlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

PAC: Nuove opportunità per la conservazione degli uccelli europei


giovedì 27 ottobre 2022
    

 
Il 26 ottobre 2022, l'eurodeputato Álvaro Amaro (PT, EEP) e l'eurodeputato Alex Agius Saliba (MT, S&D), insieme alla Federazione europea per la caccia e la conservazione (FACE), hanno ospitato la conferenza di alto livello "Nuove opportunità per la conservazione degli uccelli d'Europa ” nel Residence Palace, Bruxelles.
 
Questo evento ha discusso le opportunità per la conservazione degli habitat e degli ecosistemi per gli uccelli europei in linea con gli ultimi sviluppi delle politiche europee, tra cui la riforma della politica agricola comune (PAC) e l'imminente legge sul ripristino della natura. Nel suo discorso di apertura, l'eurodeputato Álvaro Amaro, presidente dell'intergruppo "Biodiversità, caccia, campagna" del Parlamento europeo ha affermato: "La proposta della CE sulla legge europea sul ripristino della natura può svolgere […] un ruolo essenziale nel garantire il ripristino degli habitat degradati. Gli habitat ripristinati apporteranno grandi benefici alle specie di uccelli colpite dalla perdita e dalla frammentazione dell'habitat. Se vogliamo garantire che questa idea si traduca in diverse iniziative di successo sul campo, dobbiamo coinvolgere tutte le parti interessate rurali e mettere in atto i giusti incentivi”.
 
L'eurodeputato Alex Agius Saliba, vicepresidente dell'Intergroup ha sottolineato che: "In Europa, in questo momento, abbiamo un gruppo di 7 milioni di cacciatori che sono partner chiave e il cui contributo alla conservazione non può essere sopravvalutato, soprattutto alla luce delle diverse iniziative adottate nell'ambito della strategia dell'UE sulla biodiversità per il 2030. Ritengo che la nuova proposta di ripristino della natura rappresenti una buona opportunità per sostenere le azioni di conservazione dei cacciatori europei. È importante sostenere le azioni di conservazione da parte dei cacciatori e che la conservazione basata sulla comunità e il coinvolgimento attivo delle parti interessate siano promossi a tutti i livelli”.
 
Il discorso principale è stato tenuto da Joseph van der Stegen, Unità per la conservazione della natura, DG Ambiente, Commissione europea, il quale ha affermato che: “Molti uccelli hanno subito un forte declino nell'UE negli ultimi anni, in particolare quelli che dipendono dai terreni agricoli. Le direttive sulla natura e la prossima legge sul ripristino della natura mirano, tra gli altri, a ripristinare gli habitat degli uccelli a una buona qualità. I cacciatori hanno un ruolo da svolgere in questa sfida! Nella gestione dei terreni di caccia e oltre, hanno l'opportunità di contribuire a ripristinare la natura nell'UE e apportare benefici alla società nel suo insieme”.
 
La Sig.ra Barbara Herrero Cangas, Birdlife Europe & Central Asia ha aggiunto che: “I conservatori ei cacciatori dovrebbero avere lo stesso obiettivo: popolazioni di uccelli sane. Abbiamo assistito al recupero di molte specie attraverso una buona legislazione che è stata applicata, decisioni basate sulla scienza e investimenti nella conservazione attiva. Ma gli uccelli sono ancora in declino. Ora abbiamo un'enorme opportunità per riportare indietro gli uccelli e i loro habitat attraverso la nuova legge sul ripristino della natura. Ci auguriamo di vedere la comunità venatoria fortemente mobilitata a favore della legge, insieme alle ong ambientaliste”.
 
Nella sua presentazione, il dott. Carlos Sánchez García-Abad, della Fundación Artemisan (Spagna) ha parlato delle opportunità per la conservazione di tortora, quaglia e pernice rossa: “In Spagna, i cacciatori stanno dimostrando un vero impegno per la conservazione degli uccelli selvatici e di altri animali selvatici, come è il caso della pernice rossa, della tortora e della quaglia comune. Ma il tempo stringe, quindi la futura PAC e la legge sul ripristino della natura potrebbero essere un punto di svolta per cambiare il destino di queste specie, poiché i cacciatori non possono cambiare la situazione attuale da soli". Il Sig. Nicolas Rivet, Direttore Generale, Fédération Nationale des Chasseurs (FNC), Francia, ha descritto gli sforzi compiuti dai cacciatori francesi. Ha sottolineato in particolare che i cacciatori, che rappresentano un grande gruppo di stakeholder rurali in Francia, sono estremamente attivi sul campo. In totale, realizzano più di mille progetti a favore della biodiversità che vanno dal monitoraggio degli uccelli migratori mediante marcatura GPS o radar, alla creazione e gestione dell'habitat, compreso il ripristino delle zone umide, e il rilevamento delle malattie della fauna selvatica. Il signor Rivet ha dimostrato che la comunità di cacciatori è una forza trainante della conservazione della natura in Francia. L'evento è stato moderato dal Dr. David Scallan, Segretario Generale di FACE, che ha anche ospitato un'ampia discussione di domande e risposte.  (FACE)

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:PAC: Nuove opportunità per la conservazione degli uccelli europei

Pra si fa meglio e per i selvatici. Le stoppie non bisogna ararle subito e i frutti bisogna anche una parte lasciarla sugli alberi come per esempio le olive che i nuovi mezzi di raccolta non ne lasciano nemmeno uno. Queste cose possono essere fatte gia da domani. Un cordiale saluto.

da GIACOMO 27/10/2022 19.40