Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Mazzali propone tetto massimo per risarcimento danni AtcWilly Schraen rieletto dai cacciatori francesiArci Caccia "nasce nuova associazione di riservisti"L'Università degli studi di Milano lancia sondaggio sulla selvagginaAbruzzo, nuovo disciplinare caccia selezione cinghiale fino alle 24Anuu: XXIII Campionato Europeo di chioccolo Aect a MarsigliaLombardia: Caccia di selezione aperta su tutto il territorio regionaleGuardie Zoofile: Consiglio di Stato accoglie ricorso contro EnpaLazio, Arci Caccia riferisce sull'incontro in Regione a tema PSABertacchi risponde ad Arci Caccia LombardiaGrandi Carnivori. Intergruppo e Face alla ricerca di vie da seguireArci Caccia Lombardia: "un calendario venatorio dalla difficile gestazione"Tozzi. Bruzzone interroga il Ministro GiorgettiContinua il viaggio dei beccaccini catturati a FucecchioLav: Decreto Governo in arrivo favorisce i cacciatoriPsa. Regione Lazio incontrerà le associazioni venatorieBerlato: la Regione Veneto applichi le derogheNel reatino in arrivo Commissari Ue sulla PsaDivieto caccia a 3 anni zone incendiate. Incostituzionale la legge ligureLombardia: Ecco tutti i calendari venatori divisi per zoneFidc "a Montoggio sulla PSA la Liguria fa da apripista"Marche. Approvato prelievo in deroga per storno, piccione di città e tortora dal collareAgricoltura e Biodiversità… un obiettivo da raggiungere!Toscana. La Regione autorizza prelievo in deroga per il piccionePSA. Una serata con Federcaccia VareseANUU. L’alta pressione favorisce un veloce passo primaverile 2022Veneto. PSA: pronto piano di prevenzione e interventi urgentiPeste Suina, Dreosto: UE apre agli aiuti eccezionali per i paesi colpiti#StudiainPaceconFedercaccia. I cacciatori al fianco dei bambini ucrainiCCT: continua progetto telemetria satellitare sul tordoConvegno nel genovese con il Commissario Straordinario PSALazio: approvato piano di abbattimento cinghialiCaccia, le proposte dell'Associazione Rurale CalabreseCalendario Venatorio Lombardia: ecco i contenutiLa cabina di regia scrive alla Rai "basta trasmissioni che denigrano la caccia"Umbria: parere favorevole della Commissione sul Calendario VenatorioLissone. Europa verde chi?San Miniato (PI). Tre voliere a cielo apertoCCT: i dettagli della caccia in deroga allo storno 2022 - 2023Face: rapporto 2022 sulla gestione della tortoraTozzi: si attiva la Commissione di Vigilanza RaiCpa Lombardia sul calendario venatorioCalabria: le proposte sul nuovo calendario venatorioBruzzone in Senato "falsità sulla caccia a Rai 3"Sparvoli: "l'ultima bravata di un fanatico"UNA: 20 tonnellate di rifiuti raccolti dai cacciatori con "Paladini del territorio"Lombardia. Federcaccia per il calendarioArci Caccia "Super Mario Sapiens: ennesimo episodio di disinformazione"Dreosto: "troppa inerzia su peste suina"Toscana, approvata deroga storno e delibera su vigilanzaAbruzzo: nuovo disciplinare controllo cinghialeFidc "Tozzi e 'Sapiens' un salto in un fantasioso passato""Sapiens", attacco alla caccia di Mario Tozzi su Rai 3Francia. Sospesa per 5 anni la caccia al gallo cedroneCCT mette in guardia sui nuovi Piani di gestione dei siti Natura 2000Fiocchi: "contro PSA I cacciatori italiani possono essere risorsa determinante"Casanova e Dreosto (Lega - ID): “Piena solidarietà a Roberto Baggio, chi lo attacca non sa di che parla”PSA Roma. Cabina di regia sollecita incontro urgente con la RegioneUmbria: presentato in Commissione il Calendario VenatorioEps Toscana sul Calendario venatorioAl via confronto sul Calendario Venatorio ToscanoCaretta (FdI), attacchi animalisti a Baggio diffamatori e lesiviSardegna. Ok del Comitato faunistico sul calendario venatorioMassardi (Lega): lo spiedo torna nei piatti dei brescianiNuovo attacco contro Baggio perchè cacciatoreMazzali: "Possiamo tornare a mangiare lo spiedo sul territorio"Fidc Petriolo e Atc Mc2: stage formativo con l'Università del MoliseStelvio. Polemica per l'abbattimento di cerviUK. La caccia come misura della biodiversitàOk a delibere su Caccia di selezione in ToscanaCampania. Accordo sul Calendario VenatorioMolise. Corsi per controllo cinghialiFedercaccia annuncia nuove iniziativeBiella. Liberacaccia contro AtcPsa. La recinzione non basta, dice l'assessore piemonteseLa Calabria si doterà di un nuovo piano faunisticoEntropy for life sui cinghiali. Passate parolaInaugurazione Mostra ornitologica e arti venatorie a TolentinoCampania. La Regione ascolti le osservazioni del mondo venatorioFidc su One health. Approccio interdisciplinare alla salute umana e animaleMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Le zone umide vanno gestite. Su Nature la conferma di Wetlands International


lunedì 2 maggio 2022
    
 
 
Una conferma non da poco quella arrivata dalla prestigiosa Nature, che in questi giorni ha pubblicato un articolo scientifico di Wetlands International, l’ente coordinatore dei censimenti invernali degli uccelli acquatici in tutto il mondo, che grazie alla collaborazione con diverse Università, ha dimostrato che le zone umide migliori per la conservazione degli uccelli sono quelle in cui si attua una gestione attiva, mentre quelle semplicemente protette non sono altrettanto efficaci. Lo rende noto la Federcaccia che  vista della Strategia Nazionale per la Biodiversità 2030 si augura che siano prese in considerazione queste importanti conclusioni e sia riconosciuto e incentivato il ruolo dei cacciatori nella gestione, conservazione e ripristino delle zone umide italiane.

Qui il comunicato di Wetlands International 

Le aree protette non sempre favoriscono la biodiversità: la gestione è fondamentale

L’impatto sulla fauna selvatica della designazione di aree protette come i parchi nazionali non è uniforme, secondo il più grande studio globale degli effetti sugli uccelli acquatici. I risultati mostrano che la gestione delle zone tutelate per proteggere le specie e i loro habitat è fondamentale – e senza tale gestione, queste aree hanno maggiori probabilità di essere inefficaci.

Nel corso di quest’anno i leader mondiali si riuniranno in Cina per stabilire l’agenda degli sforzi di conservazione globale per il prossimo decennio. I piani per proteggere formalmente il 30% della superficie terrestre entro il 2030 stanno prendendo piede, ma gli autori dello studio dicono che questo da solo non garantirà la conservazione della biodiversità. Essi sostengono che gli obiettivi devono essere fissati per la qualità delle aree protette, non solo per la quantità.

Il nostro nuovo studio si è concentrato sugli uccelli acquatici, comprese le specie minacciate a livello globale, esaminando l’impatto di 1.500 aree protette (in 68 paesi) su più di 27.000 siti di uccelli acquatici con informazioni di conteggio. Gli uccelli acquatici sono ben studiati e diffusi, mentre la loro mobilità significa che possono rapidamente colonizzare o lasciare un luogo in base alla qualità delle condizioni. I risultati possono avere una rilevanza più ampia per la conservazione di altri taxa e la gestione di aree protette per gli uccelli non acquatici.

Lo studio è stato condotto dalle Università di Exeter e Cambridge ed è pubblicato sulla rivista Nature. Il gruppo di ricerca ha incluso Wetlands lnternational e le università di Bangor, Queensland, Copenhagen e CorneiI. La ricerca si è basata sugli sforzi di molte migliaia di volontari in tutto il mondo, attraverso il censimento internazionale degli uccelli acquatici (coordinato da Wetlands lnternational) e il Christmas Bird Count (National Audubon Society) per raccogliere i dati sulle popolazioni degli uccelli acquatici.

“Sappiamo che diversi gruppi di uccelli acquatici richiedono specifiche condizioni di habitat per l’alimentazione, il riposo e la nidificazione. Se questi requisiti non vengono soddisfatti, le aree protette non possono servire a fornire adeguati habitat sicuri e produttivi per mantenere queste popolazioni di uccelli acquatici”, dice il dottor Taej Mundkur, coordinatore del censimento internazionale degli uccelli acquatici con Wetlands lnternational.

“Lo studio ha dato informazioni preziose e ribadisce l’importanza della raccolta di serie a lungo termine di informazioni di censimento degli uccelli in Europa, Africa, Asia, Neotropici e nelle Americhe e il ruolo delle reti impegnate di volontari e collaboratori locali”.

“Sappiamo che le aree protette possono prevenire la perdita di habitat, soprattutto in termini di arresto della deforestazione”, ha detto l’autore principale Dr Hannah Wauchope, del Centre far Ecology and Conservation al Penryn Campus di Exeter in Cornovaglia. “Tuttavia, abbiamo molta meno comprensione di come le aree protette aiutino la fauna selvatica”.

Questo studio mostra che, mentre molte aree protette funzionano bene, molte altre non riescono ad avere un effetto positivo”. “Piuttosto che concentrarci solo sull’area globale protetta, dobbiamo concentrarci di più sul garantire che le aree siano ben gestite per beneficiare della biodiversità”, dice il dottor Szabolcs Nagy, coordinatore del censimento degli uccelli acquatici in Africa ed Eurasia con Wetlands International.

Lo studio ha usato un metodo “prima e dopo-controllo-intervento” – confrontando le tendenze delle popolazioni di uccelli acquatici prima che le aree protette fossero istituite con quelle successive, e confrontando anche le tendenze di popolazioni di uccelli acquatici simili all’interno e all’esterno delle aree protette. Questo ha fornito un quadro molto più accurato e dettagliato rispetto agli studi precedenti.

I risultati di questo studio saranno importanti per i principali quadri di conservazione globali e delle vie di migrazione, e per i governi nazionali”, dice Ward Hagemeijer, Senior Advisor e responsabile globale del lavoro sugli uccelli acquatici presso Wetlands International. Ciò fornirà elementi informativi importanti  alla Convenzione sulla Diversità Biologica, alla Convenzione di Ramsar sulle zone umide, all’Accordo Africano-Eurasiatico sugli uccelli acquatici (AEWA), all’accordo dell’Asia orientale – Australasian Flyway Partnership, e la Western Hemisphere Shorebird Reserve Network così come i governi nazionali sulla necessità non solo di stabilire reti di siti di importanza internazionale per queste specie migratorie, ma anche di assicurare un’adeguata gestione conservativa in queste aree. Gestione e ripristino con obiettivi chiari per soddisfare le esigenze specifiche e varie delle diverse specie di uccelli acquatici che dipendono da questi siti durante i loro cicli di vita annuali”.

La constatazione che aree protette più grandi tendono ad essere più efficaci sottolinea la necessità di un approccio ampio e a livello complessivo di paesaggio alla designazione e alla gestione di questi habitat.

 

 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole. Per eventuali segnalazioni potete scrivere a [email protected]
Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Le zone umide vanno gestite. Su Nature la conferma di Wetlands International

perchè gli atc cosa sono? almeno nella AFV possono andare a caccia tutti mentre negli atc solo i coglioni INCAPACI prepotenti residenti...la mafia degli atc..sput sput

da sput 03/05/2022 10.49

Re:Le zone umide vanno gestite. Su Nature la conferma di Wetlands International

caccia alla migratoria s intende...

da Basta Parchi..Afv e mangiatoie 03/05/2022 10.33

Re:Le zone umide vanno gestite. Su Nature la conferma di Wetlands International

....AFV ladrocini di Stato e in mano ai furbetti del quartierino,......chiuse e abolite x tutta la vita .

da Basta Parchi..Afv e mangiatoie. 03/05/2022 10.31

Re:Le zone umide vanno gestite. Su Nature la conferma di Wetlands International

si le diamo in mano agli ATC cosi si fanno le riserve private per i quattro residenti morti di fame ... meglio il parco... oppure una bella AFV a pagamento , si di quelle che per una giornata di caccia ti chiedono 2000/3000 euro ... li gli uccelli si salvano non certo in mano agli ATC !

da AFV tutta la vita 02/05/2022 21.21

Re:Le zone umide vanno gestite. Su Nature la conferma di Wetlands International

Embé che ci voleva un manipolo di scienziati per sapere che se i parchi,le zone umide ,le lanche e le golene se nn utilizzati attivamente vanno a morire ??? La questione e la summa é che dette aree di parco soprattutto " i protettori dei soldi che genera il difendere a parole la natura "le vedono e le hanno sempre viste come una vittoria sulla Caccia......MENTRE TUTTO LA BIODIVERSITÁ DEGRADAVA......POVERINI.

da Basta Parchi 02/05/2022 11.08