Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
PSA. Arrivano i VerdiUmbria. Si va verso una proroga per i prelievi di cinghialiBasilicata. Nuovo piano per i cinghialiSparvoli. Niente demagogia sulla PSAPSA. Liguria. In arrivo nuove disposizioniPSA. Incontro formativo in ToscanaPSA. Massa Carrara: sospesa caccia al cinghialeBuconi risponde alla LAV: “non sono fantasiose utopie che salveranno fauna ed economia”Arci Caccia: i fatti per contrastare la peste suina africanaMarche. Task Force a supporto delle IstituzioniPeste suina. Ordinanza congiunta Ministero della Salute e MIPAAFPeste suina africana. Collaborare per il bene di tuttiPeste suina. Anche l'Arcicaccia si allertaArci Caccia e CUFA rinnovano il Protocollo d’IntesaBruzzone (Lega): la PSA circola se manca il controllo della fauna selvaticaFidc: su PSA dal Mipaaf una richiesta di collaborazione Langone e il sugo di cinghialeUmbria mantiene alto livello di guardia su PSAStop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i caniBuconi "dagli animalisti parole indegne su Sassoli"Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"CCT: PSA, il ruolo determinante dei cacciatoriLa Regione Toscana afferma principio sussidarietà in materia venatoriaPSA: Arci Caccia si mobilita per fronteggiare l’emergenzaPeste suina: Regione Lombardia crea task force114 comuni tra Piemonte e Liguria rientrano nella Zona infetta PSARegno Unito. Fallita la petizione anticacciaToscana, nascono i CavFidc. Peste suina no ad allarmismi e strumentalizzazioniPSA. Agricoltori chiedono nomina Commissario StraordinarioAllerta cinghiale anche nelle MarcheEos slitta nel weekend del primo maggioIn Piemonte scattano misure preventiveRolfi: "Nessun caso di peste suina in Lombardia"Peste suina. Fidc "impegno a fianco delle istituzioni"Questione anellini: Regione Lombardia incontra le Associazioni venatorieCCT. Fagiani e lepri: al via le catture e le immissioni negli ATC toscaniLombardia. LAC impugna il calendarioAree protette. In Campania il TAR dà ragione alla RegioneMarche. Animalisti protestanoGonacon. In North Carolina cervi aumentati dopo progetto Piemonte, nessun accordo tra animalisti e agricoltoriDalla Regione Marche sostegno ai cacciatori su costi per la carne cacciataArci Caccia "accolto Odg su monitoraggio risultati GonaCon"Fidc Brescia: "la beffa della beccaccia a gennaio"Tecnico faunistico Santilli "controllo fertilità cinghiale, strategia efficace?"Lotti (Pd) "valutare se è opportuno avviare sperimentazione GonaCon"Toscana. Nuovo Piano di controllo cinghialiBilancio di stagione nel Canton TicinoEos vende già i bigliettiArci Caccia "Sterilizzazione cinghiali non ha fondamento scientifico"Dreosto e Casanova "soluzione cinghiali ridicola nei confronti dell'Europa"Caretta (FdI), sterilizzazione dei cinghiali ennesimo spreco di denaro senza risultatiBruzzone: "sterilizzazione cinghiali è presa in giro per i contribuenti"Fidc: "l'impegno dei cacciatori una ricchezza da valorizzare"Sicilia. "Il calendario venatorio non andava sospeso"Sicilia. Il CGA dà ragione ai cacciatoriFrancia. I danni degli ambientalistiArci Caccia "mancato Piano di gestione tortora nuoce alla specie"Importante riconoscimento globale per la falconeriaFidc estende ricerca satellitare al tordo bottaccio. Si parte in SardegnaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili


venerdì 12 novembre 2021
    
 
 
Si è tenuto ieri pomeriggio a Firenze, nella prestigiosa sede dell'Accademia dei Georgofili, un interessante convegno sul tema della riforma della PAC (Politica Agricola Comunitaria) e delle future interazioni con la Gestione Faunistica.

Dopo l’apertura dei lavori da parte del Prof. La Marca,  è seguito l’intervento del Presidente Nazionale della Federcaccia Massimo Buconi, che ha inquadrato il tema generale attorno al quale si sarebbero poi svolte le comunicazioni dei relatori che si sono alternati in cattedra. 
In particolar modo il Presidente Buconi ha spiegato come la riforma della Nuova PAC, in via di approvazione, dopo una lunga fase di gestazione, debba necessariamente rendere protagonista anche il comparto venatorio del nostro paese; ogni ragionamento su agricoltura, ambiente e biodiversità debba necessariamente coinvolgere anche il sistema della gestione della fauna selvatica, operato dai cacciatori.
Si è poi cercato di sviluppare una riflessione sulla futura prospettiva agricola per il nostro paese, anche in relazione alle future risorse economiche derivanti dalla nuova PAC, in un contesto dove attualmente registriamo un costante aumento delle popolazioni della fauna ungulata, mentre al contrario prosegue il declino per molte specie faunistiche anche protette, appartenenti sia all’avifauna che alla piccola selvaggina stanziale, storicamente da sempre presenti nei nostri territori.
Può un’agricoltura sostenibile che produce biodiversità ambientale determinare le condizioni affinché gli habitat siano favorevoli a specie faunistiche di pregio e fauna migratoria?
Riportiamo di seguito alcune pillole degli interventi che si sono susseguiti durante il convegno prima delle conclusioni tenute dal Vicepresidente Nazionale di Federcaccia Moreno Periccioli.
Il Professor Marco Olivi dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e il Professor Ferdinando Albissini dell’Università della Tuscia, analizzando gli aspetti legislativi della nuova proposta, hanno sottolineato come la 157/92 sia stata concepita come una legge incentrata solamente sulla tutela della fauna e volta alla sua gestione. “Abbiamo un problema di bilanciamento di interessi che la nuova PAC non risolve”. “Aumenta la burocrazia legata alle politiche agricole ed anche sul benessere animale non si è giunti ad alcun bilanciamento di interessi, lasciando, dal punto di vista normativo, un vuoto di indirizzo ed applicazione”. “Giungendo infine alla fondamentale conclusione che lo standard minimo di tutela della fauna non può essere fissato in maniera univoca, ma debba invece essere legato alle condizioni ambientali e faunistiche territoriali”.
Anche per Giordano Pascucci direttore Cia Toscana, la riforma della L.N. 157/92 non è più rimandabile anche se l'impresa agricola non può più attendere i tempi necessari.
Fa ben sperare la convergenza su molti punti che necessitano di revisione, a partire dalla gestione delle zone protette, ma anche quelle marginali e non coltivate.
Il Professor Nicola Lucifero dell’Università di Firenze ha messo in evidenza come la questione dei danni da fauna selvatica in agricoltura manca di soluzioni sul piano giuridico sia Statale che Regionale. “Tutto è basato sull’ottica di prevenzione dei danni, che però si muove in un contesto ambientale e di normativa europea che è fortemente cambiato”.
Il professor Marco Apollonio, Università di Sassari, ha sottolineato come la variazione del territorio negli ultimi decenni abbia visto lo spopolamento delle campagne, l'abbandono della pastorizia errante ed un aumento delle foreste e delle aree protette che ha favorito un aumento esponenziale di alcune specie a scapito di altre. Gli ungulati sono infatti aumentati non solo in Italia ma bensì in tutta Europa, con conseguenze sia per le produzioni agricole, che per l’ambiente.
Per Francesco Postorino in rappresentanza della Confagricoltura nazionale, la valutazione generale sulla riforma della Pac è negativa, finendo per costituire solo un ulteriore aggravio di burocrazia. “Il panorama faunistico è per certi versi migliorato negli ultimi anni, ma non si è saputo gestirlo”. “Occorre un nuovo patto tra caccia ed agricoltura.”
Postorino ha dunque una riflessione fondamentale su come giungere ad una profonda revisione della L.N. 157/92 in un contesto nazionale ed europeo profondamente mutato e che pone quindi la necessità di una cambiamento di passo per giungere ad i necessari e nuovi equilibri tra Caccia, Agricoltura e Governance territoriale.
Il Prof. Francesco Sorbetti Guerri ha illustrato la tematica dei danni da fauna selvatica dal punto di vista dei sistemi di prevenzione applicati al patrimonio forestale, ai rischi di natura sanitaria animale e umana, alla circolazione stradale, alla conservazione del suolo.
Il dottor Michele Bottazzo, dell'ufficio Studi e ricerche FIdC è entrato maggiormente nei dettagli sull'impegno che Federcaccia ha sviluppato per dare voce alla posizione ed alle proposte dei cacciatori nella definizione dei nuovi piani di sviluppo rurale (PSR) legati alla nuova Pac: dalla presentazione di studi tecnici a progetti locali, alla indicazione di misure utili alla fauna selvatica e alla salvaguardia della Biodiversità, condivise e concertate con gli agricoltori.
Investire sulle buone pratiche agricole negli ambienti agricoli, significa investire sulla creazione di habitat favorevoli per la presenza di fauna selvatica sia stanziale che migratoria.
Il dottor Michele Sorrenti, coordinatore dell'ufficio Studi e ricerche Federcaccia, ha illustrato il ruolo dei cacciatori nel mantenimento di habitat e biodiversità e quanto possono fare all'interno delle possibilità offerte dalla nuova Pac, evidenziando tutte quelle pratiche agricole che potrebbero apportare rischi alla sopravvivenza delle popolazioni di alcune specie selvatiche.
“L'agricoltura infatti è fra le cause più citate di diminuzione di biodiversità. Il mondo venatorio viene a torto considerato utile solo nel contenimento delle specie in esubero, mentre sono innumerevoli le iniziative a livello nazionale e europeo portate avanti dai cacciatori per la conservazione degli habitat agrari e soprattutto di ambienti umidi, impegnandosi anche in aree precluse all'attività venatoria o in progetti le cui ricadute positive riguardano solo in parte, a volte anche minima, specie cacciabili a favore di tutta la biodiversità.”
Infine il vice presidente nazionale Moreno Periccioli è intervenuto in maniera incisiva per sottolineare come da tutti gli interventi sia emersa l'occasione imperdibile ed irripetibile fornita ai cacciatori dalla nuova Pac. 
Una occasione ed una sfida che abbiamo già raccolto e nella quale Federcaccia si è impegnata con serietà.
La legge nazionale 157/92 richiede una profonda revisione;  lasciando alla caccia il profilo popolare che la contraddistingue, occorre ora rafforzarne l'aspetto tecnico e scientifico basato sul principio della “gestione faunistica”.
Giudico importante -  ha sottolineato Periccioli - quanto emerso sulla necessità di un nuovo patto fra Caccia e Agricoltura, evocato da Postorino.
Solo cacciatori e agricoltori possono essere i soggetti che possono mantenere, aumentare e valorizzare la fauna selvatica nel nostro territorio.
Rivedere il ruolo degli Atc è ormai non solo opportuno ma necessario, così come la legge157.
Un invito all'accademia a farsi promotrice di una iniziativa che possa fare da incontro, confronto e sintesi, fra i diversi portatori di interesse, le cui conclusioni non possano che essere indiscutibili dal punto di vista tecnico-scientifico e una autorevole e qualificata base di  confronto per la Politica e le istituzioni.
 
 
(Confederazione Cacciatori Toscani)
Leggi tutte le news

20 commenti finora...

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Ma l'agricoltura non fa niente x ripristinare gli ambienti interessa solo i loro interessi e della selvaggina non gliene frega niente nella bassa lodigiana distruggono tutto con pesticidi e macchinari disboscamento totale si vede a km di distanza come fa la selvaggina a salvarsi e nascondersi si accorgono solo adesso che ce questo problema in italia ma non faranno mai niente x fermare tutto questo gli agricoltori pensano solo al loro guadagno gli frega di noi solo x contenere certe speci come nutrie e ungulati della piccola selvaggina non importa vedremo cosa faranno le nostre associazioni x me niente come sempre tante belle parole ma pochi fatti

da Re rob 15/11/2021 21.43

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

HÄPEÄ

da . 15/11/2021 19.57

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Parla tu che hai votato brambi dudù non ti vergogni ?

da jamesin 15/11/2021 12.29

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Vede Gardena;l'asfalto lo utilizzi per tappare,le buche che ci sono a Roma,invece di voler asfaltare chi non è iscritto alla Fidc!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Fucino Cane 15/11/2021 10.31

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Buongiorno, il referendum non si fa, semplicemente perché non sono state raggiunte le firme necessarie, l'articolo 842 non si abolisce perché il PD e' giustamente contrario, come lo sono le maggiori associazioni ambientaliste, in quanto la caccia assumerebbe una deriva capitalistica e non sociale.

da antoine64 15/11/2021 10.20

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Vai avanti con la migratoria Gardena e lascia perdere i macellai che sono la rovina della caccia e dei migratoristi'.

da jamesin 13/11/2021 22.31

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Federcaccia ti asfalta, microbo patogeno.

da Turdus iliacus 13/11/2021 19.27

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Si Michele Sorrenti,(alias Gardena)magnifico rettore "dell'Ufficio Recupero Rottami Fidc" al massimo vi avrà certamente illustrato come si lanciano(alla francese)i fagiani pronta caccia????????????????????

da Fucino Cane 13/11/2021 18.09

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Le tue ridicole opinioni qua non interessano proprio a nessuno. Sei un animalaro beota che ignora le basi minime della scienza faunistica. Non sai cos’è là mortali sostitutiva e nemmeno l’incremento utile annuo. Credi che gli animali sia quelli di Walt Disney perché così te la raccontano in TV. La tua ignoranza mi fa pena.

da Studia e non perdere più tempo 13/11/2021 16.29

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Caro non so come ti chiami, anche se ne dubito, spero che tu abbia una certa riserva di intelligenza altrimenti la tua situazione è veramente disperata. In ogni caso dovremmo cercare di conservare questo nostro mondo non per noi ma per le generazioni future mentre tu e i tuoi amici appellandovi a tradizioni ormai obsolete ed anacronistiche cercate ancora di difendere l'indifendibile. Sono pienamente consapevole del fatto che tutti contribuiamo a questo continuo degrado, io incluso, ma si deve cercare di evitarlo omettendo di compiere azioni distruttive per il solo gusto ludico o economico. Purtroppo però parlare con gente come te risulta del tutto inutile perché chi nasce ciuccio, ciuccio muore. Un salutone Buona fortuna

da X riperdi tempo 13/11/2021 15.56

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Se garantisce Robin allora siamo a posto.

da Luca 13/11/2021 9.22

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Cosa ti fa credere che questo referendum non si farà?

da X Robin 13/11/2021 8.29

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Forse molti di questi che commentano, non hanno ancora capito che incombe l'abrogazione dell'842. Sono anni che ci provano, ma adesso siamo proprio vicini. Questo referendum non si farà. Per il prossimo, forse a breve, non garantisco.

da Robin 12/11/2021 22.24

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Vattene sui siti animalari che le tue ca22ate qua non interessano a nessuno. Quindi passi lunghi e ben distesi.

da Riperdi tempo 12/11/2021 20.47

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Se vuoi fare il cacciatore fai pure ma evita di palesare a tutti la tua imbecillità difendendo tesi prive di ogni logica: continua a mantenere, aumentare e valorizzare la fauna del nostro territorio con i tuoi sistemi e spera solo di non incontrare qualcuno che ti valorizzi con gli stessi metodi

da Per quello qua sotto 12/11/2021 20.19

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

L’animalista che non capisce una sega e ripete le solite ca22ate arriva puntuale con opinioni che non interessano a nessuno se non agli animalisti come lui che qui non ci sono!

da Perdi tempo 12/11/2021 19.47

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

I cacciatori tra gli unici soggetti che possono mantenere, aumentare e valorizzare la fauna del nostro territorio....nemmeno sul vademecum del cazzaro più imbecille c'è un'idiozia simile. L'unico sistema che voi potete fare per mantenere, aumentare e valorizzare la fauna del nostro territorio è smettere di fare i vostri danni.... e c'è anche qualcuno che ci crede......povera gente...un salutone

da quante palle 12/11/2021 19.12

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

E invece la PIOVRA è da tempo che sta muovendosi per modificare la 157. Verrà modificata, diranno, per evitare il referendum ma in realtà verrà fatto in modo che il drastico e ulteriore calo del numero dei cacciatori sia compensato dall’aumento dei costi per praticare la caccia. Ci saranno cooperative miste agricoltori/aavv al posto degli attuali ATC. E a dividersi il bottino (se ci sarà il bottino, io ne dubito) saranno agricoltori e dirigenti nazionali e regionali delle più importanti aavv. Torneranno, secondo questo progetto che cammina sulle solide gambe degli agricoltori, i tempi belli degli incassi milionari, degli stipendi per tutti, dei dividendi per pochi. Il progetto, sponsorizzato dai georgofili, va avanti. E IL REFERENDUM IN REALTÀ NON SAPPIAMO CHI DAVVERO LO HA SPINTO. E SI COMINCIA A CAPIRE PERCHÉ LE MAGGIORI ASSOCIAZIONI AMBIENTALISTE ABBIANO INVITATO A NON FIRMARE.

da IL PUZZLE SI COMPONE… 12/11/2021 18.10

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

Modificare la 157/92??????????????????????????????? per voi è, e resterà solo un'UTOPIA!!!!!!!!!!!!!!!!!

da Fucino Cane 12/11/2021 16.57

Re:CCT: Riforma Pac e gestione fauna al centro di un convegno dei Georgofili

l'imica cosa che potete incrementare è il porcile con tutte le conseguenze nefaste che esso comporta sia per altre forme di caccia che per la comunitù al netto degli incidentri stradali e morti per palle vaganti.

da S.V. 12/11/2021 16.23