Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
PSA. Arrivano i VerdiUmbria. Si va verso una proroga per i prelievi di cinghialiBasilicata. Nuovo piano per i cinghialiSparvoli. Niente demagogia sulla PSAPSA. Liguria. In arrivo nuove disposizioniPSA. Incontro formativo in ToscanaPSA. Massa Carrara: sospesa caccia al cinghialeBuconi risponde alla LAV: “non sono fantasiose utopie che salveranno fauna ed economia”Arci Caccia: i fatti per contrastare la peste suina africanaMarche. Task Force a supporto delle IstituzioniPeste suina. Ordinanza congiunta Ministero della Salute e MIPAAFPeste suina africana. Collaborare per il bene di tuttiPeste suina. Anche l'Arcicaccia si allertaArci Caccia e CUFA rinnovano il Protocollo d’IntesaBruzzone (Lega): la PSA circola se manca il controllo della fauna selvaticaFidc: su PSA dal Mipaaf una richiesta di collaborazione Langone e il sugo di cinghialeUmbria mantiene alto livello di guardia su PSAStop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i caniBuconi "dagli animalisti parole indegne su Sassoli"Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"CCT: PSA, il ruolo determinante dei cacciatoriLa Regione Toscana afferma principio sussidarietà in materia venatoriaPSA: Arci Caccia si mobilita per fronteggiare l’emergenzaPeste suina: Regione Lombardia crea task force114 comuni tra Piemonte e Liguria rientrano nella Zona infetta PSARegno Unito. Fallita la petizione anticacciaToscana, nascono i CavFidc. Peste suina no ad allarmismi e strumentalizzazioniPSA. Agricoltori chiedono nomina Commissario StraordinarioAllerta cinghiale anche nelle MarcheEos slitta nel weekend del primo maggioIn Piemonte scattano misure preventiveRolfi: "Nessun caso di peste suina in Lombardia"Peste suina. Fidc "impegno a fianco delle istituzioni"Questione anellini: Regione Lombardia incontra le Associazioni venatorieCCT. Fagiani e lepri: al via le catture e le immissioni negli ATC toscaniLombardia. LAC impugna il calendarioAree protette. In Campania il TAR dà ragione alla RegioneMarche. Animalisti protestanoGonacon. In North Carolina cervi aumentati dopo progetto Piemonte, nessun accordo tra animalisti e agricoltoriDalla Regione Marche sostegno ai cacciatori su costi per la carne cacciataArci Caccia "accolto Odg su monitoraggio risultati GonaCon"Fidc Brescia: "la beffa della beccaccia a gennaio"Tecnico faunistico Santilli "controllo fertilità cinghiale, strategia efficace?"Lotti (Pd) "valutare se è opportuno avviare sperimentazione GonaCon"Toscana. Nuovo Piano di controllo cinghialiBilancio di stagione nel Canton TicinoEos vende già i bigliettiArci Caccia "Sterilizzazione cinghiali non ha fondamento scientifico"Dreosto e Casanova "soluzione cinghiali ridicola nei confronti dell'Europa"Caretta (FdI), sterilizzazione dei cinghiali ennesimo spreco di denaro senza risultatiBruzzone: "sterilizzazione cinghiali è presa in giro per i contribuenti"Fidc: "l'impegno dei cacciatori una ricchezza da valorizzare"Sicilia. "Il calendario venatorio non andava sospeso"Sicilia. Il CGA dà ragione ai cacciatoriFrancia. I danni degli ambientalistiArci Caccia "mancato Piano di gestione tortora nuoce alla specie"Importante riconoscimento globale per la falconeriaFidc estende ricerca satellitare al tordo bottaccio. Si parte in SardegnaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali


giovedì 4 novembre 2021
    
In un comunicato stampa Uncem, con tutto il sistema di Enti locali montani, condivide pienamente le linee di intervento indicate in queste ore dalla Conferenza delle Regioni per il contenimento dei cinghiali. Una emergenza che Uncem ha più volte rappresentato, con tutti i Comuni montani italiani. Gravi i problemi per le imprese agricole e per la sicurezza sulle strade. Servono interventi subito.

Uncem, con il Presidente nazionale Marco Bussone, riconosce importanti le sette linee di azione proposte e le rilancia, chiedendo a Governo, Parlamento, a tutte le Regioni di agire con efficacia e in tempi rapidi. Occore:

1) Modificare l'articolo 19 della Legge n. 157/1992 introducendo la figura del coadiutore di cui possa avvalersi la polizia provinciale nell’attuazione dei piani di controllo. Fra i soggetti attuatori dei piani di controllo, la conferenza delle regioni propone di inserire, oltre al Corpo di Polizia Provinciale, alla Polizia locale e ai Carabinieri Forestali, anche dipendenti delle amministrazioni provinciali o regionali muniti di licenza di caccia (nel caso in cui la Polizia provinciale sia passata nei ruoli regionali) e le associazioni di protezione civile in campo faunistico. Inoltre il ricorso al piano di controllo deve essere possibile anche per motivi di "pubblica incolumità", eventualmente anche riferiti ad interventi atti a prevenire o ridurre il rischio di incidenti stradali.
 
2) Rafforzare ed estendere il prelievo contenitivo degli ungulati anche nelle zone protette e in quelle percorse da incendio.
 
3) Prevedere adeguata copertura assicurativa attraverso l’inclusione di tale tipo di responsabilità nell’ambito delle polizze assicurative per Responsabilità Civile obbligatoria (RCA), oppure, in subordine, istituendo un apposito "Fondo danni incidentali" da fauna selvatica.
 
4) rafforzare i Corpi di Polizia provinciale, superando diverse criticità dovute agli attuali limiti alle assunzioni.
 
5) Trasferire integralmente alle Regioni che sopportano gli oneri della gestione della fauna selvatica tutti i proventi che attualmente vengono introitati dallo Stato per l’attività venatoria esercitata sul territorio.
 
6) Approvare definitivamente il decreto per indennizzi al 100% dei danni provocati da fauna protetta.
 
7) Riattivare il comitato tecnico faunistico nazionale, strumento ideale per riportare la discussione dei temi faunistico-venatori in seno al ministero delle politiche agricole e forestali.

Uncem aggiunge che solo insieme, i Comuni montani, a livello di Unioni montane e Comunità montane, possono definire percorsi con le Regioni. Occorre sostenere questo processo e invertire l'inselvatichimento dei territori, causato anche da un marcato abbandono di troppe aree agricole, forestali, produttive.




 

Redazione Big Hunter. Avviso ai commentatori
 
Commentare le notizie, oltre che uno svago e un motivo di incontro e condivisione , può servire per meglio ampliare la notizia stessa, ma ci deve essere il rispetto altrui e la responsabilità a cui nessuno può sottrarsi. Abbiamo purtroppo notato uno svilimento del confronto tra gli utenti che frequentano il nostro portale, con commenti quotidiani al limite dell'indecenza, che ci obbligano ad una riflessione e una presa di posizione. Non siamo più disposti a tollerare mancanze di rispetto e l'utilizzo manipolatorio di questo portale, con commenti fake, al fine di destabilizzare il dialogo costruttivo e civile. Ricordiamo che concediamo questo spazio, (ancora per il momento libero ma prenderemo presto provvedimenti adeguati) al solo scopo di commentare la notizia pubblicata. Pertanto d'ora in avanti elimineremo ogni commento che non rispetta l'argomento proposto o che contenga offese o parole irrispettose o volgari.
Ecco le ulteriori regole:
1 commentare solo l'argomento proposto nella notizia.
2 evitare insulti, offese e linguaggio volgare, anche se diretti ad altri commentatori della notizia.
3 non usare il maiuscolo o ridurre al minimo il suo utilizzo (equivale ad urlare)
4 rispettare le altrui opinioni, anche se diverse dalle proprie.
5 firmarsi sempre con lo stesso nickname identificativo e non utilizzare lo spazio Autore in maniera inappropriata (ad esempio firmandosi con frasi, risate, punteggiatura, ecc., o scrivendo il nickname altrui)
Grazie a chi si atterrà alle nostre regole.
Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali

Sicuramente in 30 Anni tutti abbiamo capito che la pagliacciata di affidare zone in esclusiva a sacchettari serve solamente a ingigantire e mandare totalmente fuori controllo i porci... Ora il lavoro più difficile è levare dai piedi queste ciurme di borsaioli che hanno preso possesso del paesaggio che in mano a loro nel frattempo è diventato un porcile.... Abbattimenti di maschi atti alla riproduzione per fare selfie e borsa pesante, foraggiamenti, attrattivo, impedimento ai cacciatori in forma singola di andare anziché a tordi o a beccacce a porci... E infamie varie.... Il problema più grande non sono i cinghiali ma i sacchettari da ciurma della domenica... Se si riescono a scansare questi personaggi il 90 %del problema è risolto...

da Luca 07/11/2021 22.07

Re:Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali

Sicuramente in 30 Anni tutti abbiamo capito che la pagliacciata di affidare zone in esclusiva a sacchettari serve solamente a ingigantire e mandare totalmente fuori controllo i porci... Ora il lavoro più difficile è levare dai piedi queste ciurme di borsaioli che hanno preso possesso del paesaggio che in mano a loro nel frattempo è diventato un porcile.... Abbattimenti di maschi atti alla riproduzione per fare selfie e borsa pesante, foraggiamenti, attrattivo, impedimento ai cacciatori in forma singola di andare anziché a tordi o a beccacce a porci... E infamie varie.... Il problema più grande non sono i cinghiali ma i sacchettari da ciurma della domenica... Se si riescono a scansare questi personaggi il 90 %del problema è risolto...

da Luca 07/11/2021 22.07

Re:Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali

No, non bisogna uccidere i cinghiali, loro stanno nel loro abitat, perché poi come fanno ad arrivare nei centri abitati, questa è la posizione dei famosi ambientalisti e animalisti Per migliorare la situazione bisogna intervenire seriamente, fare delle battute anche nei parchi nazionali ecc. Su vasta scala, ridurre la popolazione almeno del 70% e poi tenerla sotto controllo, sicuramente questo non è possibile con le forze di cui si fa menzione nel provvedimento.

da Raffaele 06/11/2021 20.22

Re:Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali

Prima di tutto si devono incentivare i contadini e gli agricoltori a non abbandonare i terreni agricoli noi che andiamo a caccia in un decennio abbiamo visto un totale abbandono delle terre, dove prima veniva coltivato di tutto in primis il grano e il granturco oggi vediamo immensi campi abbandonati dove sono nate spontaneamente per la maggior parte ginestre e felci ottimo rifugio per i cinghiali che di anno in anno abbondano sempre di più e di quel poco che viene coltivato lo distruggono. Incentivare gli agricoltori per far sì che si ritorni indietro come negli anni che l'agricoltura era più prosperosa. Dare ai cacciatori con ogni mezzo di abbattere più cinghiali possibili aprendo la caccia al 1 di settembre e fino al 31 gennaio, dopo del 31 di gennaio proseguire almeno fino a maggio con abbattimenti selettivi. W la CACCIA ed i Cacciatori

da Cacciatori calabresi 06/11/2021 19.04

Re:Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali

In ogni caso non mi sembra una grande conquista. Di fronte all'inettitudine del Parlamento, dalle regioni ci si aspetterebbe qualcosa di più. Soprattutto quanto a modifiche della 157. Voglio vedere cosa ne pensano i cinghialai.

da Rebus 05/11/2021 8.49

Re:Uncem: bene Regioni su Contenimento cinghiali

Col referendum impossibile tutto quanto richiesto

da Mino 04/11/2021 17.35