Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
CCT. Le priorità che ci attendonoUn sostegno alla cacciaDreosto e Bruzzone si propongono interlocutori presso il MinisteroCabina di regia del mondo venatorio: basta alla ripetuta disinformazione sull’attività venatoriaLombardia. Mazzali chiede proroga dei controlliLivorno. ATC9 e ArcicacciaLiguria. Il Governo impugna un articolo della legge di stabilitàBuconi: “La Rai perde il pelo, ma non il vizio”Arcicaccia. Da Rai 3 un nuovo, immotivato, attacco alla cacciaCaretta: “Basta calunnie verso il comparto venatorio”Vibo Valentia. Corso per selecontrolloriBerlato: “La Rai denigra i cacciatori, uniamo le forze per far sentire la nostre voce”Orbetello. Il comune vara la consultaUmbria. La caccia in arancioneUE: si discute della direttiva uccelliDreosto: Commissione UE fornisca indirizzi per prelievo specie in aumentoFranco Poli nuovo presidente Atc Livorno 9Caretta: la politica si adegui a sentenza ConsultaNidi artificiali per la nidificazione dei germani realiNetflix conferma film su BaggioAgricoltura e Ambiente. Draghi nomina i sottosegretari Agricoltura e Caccia nel mirino c’è un futuro sostenibileBruzzone chiede a Governo periodo di transizione su aumento massimali cacciaBruzzone: Cinquestelle alla derivaLiguria. Coldiretti insiste per i controlli dei cinghialiCCT. Pulizia dell’ambiente: continua l’impegno dei cacciatoriCabina regia: Proposta referendum iniziativa insostenibileUmbria: ok caccia selezione fuori comune fino al 28 febbraioToscana. Saccardi e CCT commentano sentenza su art. 37Sentenza su Controllo faunistico. Interviene FassiniRolfi: Controllo faunistico, ruolo operatori volontari chiarito dalla ConsultaStato Natura UE e caccia: i datiRecord di colombacci nel sud-ovest della FranciaToscana: cabina di Regia chiede posticipo per rinnovi cacciaBerlato: decisamente trascurabile impatto caccia sull'ambienteDreosto: "L'agenzia ambientale conferma impatto minimo della caccia"FACE: "La natura è sotto attacco, ma la caccia non c'entra"Umbria: perplessità sulla caccia di selezione al cinghialeFidc Lombardia: Referendum non abolirebbe la cacciaIl cinghiale attraverso l'Europa Arci Caccia Umbria: contro danni cinghiale serve più prevenzioneAbruzzo: selezione al cinghiale estesa fino a settembreCabina RegiaToscana: pericolo referendum, serve unitàFassini (Arci Caccia) interviene su quesito proposto dagli animalistiFidc: buon lavoro al Governo DraghiFidc: indagine parassitosi lepre italica in una tesi di laureaAnuu: "comunicare, comunicare, comunicare"Rolfi "dimostreremo utilità attività venatoria"Fidc: "gli animalisti ci riprovano. Staremo uniti"CCT: "nuovo attacco alla caccia"Possibile Referendum: la Lega a difesa della cacciaBerlato, "referendum caccia, ora unire le forze"Caccia cinghiale a febbraio. Bocciata mozione in ToscanaDraghi scarica gli animalistiCct: l'unità e le altre sfideOrnella, Lucio e la cacciaUmbria: la protesta del Coordinamento squadre di caccia al cinghiale Arci Caccia Umbria. Il cinghiale è un problemaLombardia. Osservazioni Fidc su Vinca Calendario Venatorio 21/22Fiocchi lancia raccolta fondi campagna "Io sono cacciatore"Francia. Deputato condannato per ingiurie a Schraen (FNC)La Spagna verso divieto di caccia al lupoFidc: bene fondi Ue a tutela biodiversità e naturaUmbria ok al prelievo cinghiali tramite caccia di selezioneCacciatori bresciani in piazza contro i vandali animalistiToscana. Esami sospesiBerlato sollecita Piano controllo contenimento fauna selvaticaLega: "da Ministro Costa indegna azione a favore degli ambientalisti"Didattica contro caccia. Bruzzone interviene sul testo apparso su socialEmilia R. ok a risoluzione contro abrogazione caccia nei fondi agricoliFidc smentisce dichiarazioni Lipu su Quotidiano di BariBerlato: basta con le fiabe stravolte dall'animalismoLa cabina di regia contesta l'ultimo regalino di Costa agli ambientalistiIn giudizio. Botta e risposta fra cacciatore e molestatoreCalabria: Ispra dice no alla prorogaStagione venatoria: diminuiscono incidenti e vittimeHit Show slitta a giugnoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Sentenza su Controllo faunistico. Interviene Fassini


lunedì 22 febbraio 2021
    
 Piergiorgio Fassini Arci Caccia
 
 
Sulla Sentenza della Corte Costituzionale sul controllo della fauna in Toscana, interviene il Presidente nazionale di Arci Caccia Piergiorgio Fassini

 “La Sentenza n. 21/2021 della Corte Costituzionale: un nuovo approccio alla questione del controllo faunistico da parte del Giudice delle Leggi ma, anche, la conferma che la L. n. 157/1992 deve essere letta, in chiave interpretativa, secondo la realtà attuale.”

È quanto sostiene il Presidente nazionale Arci Caccia Piergiorgio Fassini dopo aver letto la decisione della Corte Costituzionale depositata mercoledì scorso.

“La decisione – è vero – riguarda una serie di norme in materia di controllo faunistico (quelle previste dal comma 2 dell’articolo 19 della L. n. 157/1992 ndr) relative alla Regione Toscana” precisa Fassini “ma l’analisi complessiva che la Corte fa della questione ha rilevanza per tutto il contesto nazionale.”

“Sono stato inizialmente insospettito dalla dimensione della decisione (ben 12 pagine) dove, non più tardi di un anno fa e sino ad allora, la stessa Corte ha sempre liquidato la questione in termini che possiamo definire, ma così ne parla la stessa sentenza, aritmetici, di mera sommatoria: l’elenco delle figure previste dalla norma nazionale non può essere integrato da altre figure nell’ambito di norme regionali. E così, dal 2005 e sino a ieri e secondo questa visione, sono state cassate norme emanate praticamente da tutte le Regioni d’Italia. Unica superstite quella della mia Regione, il Veneto e poi capiremo anche il perché.” prosegue il Presidente “A cosa potevano servire 12 pagine per definire una questione nota nei modi ormai consolidati?”.

“La spiegazione” rileva ancora Fassini “si ricava leggendo la Sentenza: la Corte ed il Relatore incaricato, per la prima volta e mi passi l’esempio figurativo che vuole essere rispettoso della Corte, non si fermano a guardare le sole carte sul tavolo, ma rileggono la 157 nel suo insieme e, soprattutto, la rileggono aprendo la finestra: solo così è possibile apprezzare come è cambiato il contesto complessivo legato alla fauna selvatica, come è cambiato il contesto amministrativo a cui la stessa è affidata dopo il passaggio della Delrio, richiamando nel contempo il Codice dell’Ambiente e anche i principi comunitari di precauzione, di adeguatezza e di proporzionalità applicati alla protezione della fauna.”.

“Il percorso argomentativo seguito dalla Corte è talmente chiaro, lineare ed esplicito” prosegue Fassini “che non è nemmeno necessario per me parafrasare i passaggi più rilevanti, ma semplicemente richiamarli. Sostiene infatti la Corte: l’integrazione disposta dalla norma regionale censurata merita di essere considerata come un’espressione legislativa che aumenta lo standard minimo di tutela ambientale previsto dalla disposizione statale: è infatti rivolta a riportare a un livello fisiologico la consistenza del personale qualificato destinato a eseguire i piani di abbattimento, ciò che appare necessario per attuare gli obiettivi, anche di tutela dell’ecosistema, previsti dallo stesso comma 2 dell’art. 19 della legge n. 157 del 1992. La giurisprudenza di questa Corte, del resto, è costante nell’affermare che la collocazione della materia «tutela dell’ambiente [e] dell’ecosistema» tra quelle di esclusiva competenza statale non comporta che la disciplina statale vincoli in ogni caso l’autonomia delle Regioni. «Il carattere trasversale della materia, e quindi la sua potenzialità di estendersi anche nell’ambito delle competenze riconosciute alle Regioni, mantiene, infatti, salva la facoltà di queste di adottare, nell’esercizio delle loro attribuzioni legislative, norme di tutela più elevata» (sentenza n. 7 del 2019). Questa Corte ha anche precisato che «la valutazione intorno alla previsione di standard ambientali più elevati non può essere realizzata nei termini di un mero automatismo o di una semplice sommatoria […] ma deve essere valutata alla luce della ratio sottesa all’intervento normativo e dell’assetto di interessi che lo Stato ha ritenuto di delineare nell’esercizio della sua competenza esclusiva» (sentenza n. 147 del 2019).”

“Si può quindi concludere che la censurata integrazione, da un lato, non si svolge in contrasto con la ratio della disposizione statale, né altera la procedimentalizzazione da questa prevista: l’autorizzazione dei piani di abbattimento e la verifica dell’attuazione dei medesimi restano, infatti, attività di esclusiva competenza dell’amministrazione pubblica, al cui personale rimane inoltre assegnato il coordinamento della fase esecutiva. Dall’altro, essa è funzionale all’effettivo conseguimento anche delle stesse, prevalenti, finalità di tutela ambientale – che altrimenti rischierebbero di rimanere inattuate a causa di un’inadeguata disponibilità di personale qualificato – in ragione delle quali la norma statale prevede il controllo faunistico. La norma censurata, riconducibile, come si è visto, anche a plurime competenze legislative regionali (tra le quali il governo del territorio, l’agricoltura, la protezione civile, la tutela della salute), risulta quindi funzionale a consentire di perseguire effettivamente le suddette finalità; pertanto, si dimostra idonea a incrementare lo standard minimo di tutela ambientale stabilito dalla legge statale.”.

“Al di là della mera questione specifica” sottolinea il Presidente “la Corte evidenza che l’operatore volontario formato e che opera in regime di controllo e coordinamento della Vigilanza istituzionale svolge attività (tra l’altro, di pubblico servizio) del tutto sovrapponibile a quella svolta in materia dal personale di istituto e, alle medesime condizioni, la sua attività non è nociva o lesiva dell’ambiente e degli habitat ma, per usare le stesse parole della Corte, idonea a incrementare lo standard minimo di tutela ambientale stabilito dalla legge statale. Con buona pace di chi ancora non vuole sia riconosciuto alla nostra categoria un ruolo di presidio e tutela dell’ambiente e del territorio e delle attività antropiche.”.

“La Corte” rileva ancora Fassini “non manca poi di evidenziare la necessità di una lettura costituzionalmente adeguata ed aggiornata della 157 e del fatto che, rispetto ad alcuni necessari passaggi di adeguamento delle disposizioni della legge quadro, sono sul tavolo numerosi proposte in sede parlamentare oltre che, sul punto, un OdG dei Presidenti delle Regioni e PPAA del 2017, fondato su una riforma dell’articolo 19 secondo l’approccio adottato dalla Regione Veneto e che ha trovato, da subito, la nostra condivisione ed il nostro convinto appoggio all’iniziativa congiunta dei Governatori.”.

“Quindi” conclude Fassini “come dice la Corte, l’operatore formato e coordinato c’è e la sua attività, oltre che essere rispettosa della tutela del bene ambiente è anche integrativa dell’attività della Pubblica amministrazione. Aggiungo anche che l’operatore formato è disponibile, e non solo da oggi, alle nuove sfide della tutela faunistica, quali ad esempio il controllo delle specie aliene o il concorso nel controllo del possibile ingresso nel nostro territorio di zoonosi pericolose per i selvatici ma anche per molte specie di interesse zootecnico.”.
Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Sentenza su Controllo faunistico. Interviene Fassini

FASSINI se non siete riusciti farci andare a caccia con la scusa del covid e di questo vi dovreste vergognare non solo la sua associazione ma tutte perché non avete fatto niente lo zero assoluto. cacciatori che cacciano ( DA SOLI IN MEZZO AI BOSCHI TRATTATI COME UNTORI )cosa volete fare contro il controllo faunistico su animali che stanno stravolgendo l'ambiente...quando sarà l'ora di pagare la tessera spero che i cacciatori si ricordano di quello che fate per la caccia...praticamente niente saluti

da zanfo 22/02/2021 22.08

Re:Sentenza su Controllo faunistico. Interviene Fassini

Da umile migratorista,ho forti dubbi che l'"Operatore formato" sia una vera opportunità per la Caccia, come generalmente si intende. Che il Controllo Faunistico, se lo faccia la Corte Costituzionale come da sentenza e come meglio crede.

da 1 toscano 22/02/2021 21.17

Re:Sentenza su Controllo faunistico. Interviene Fassini

La figura dell’operatore-incaricato di pubblico servizio implica delle responsabilità in capo all’operatore stesso. Quindi attenzione a chi nell’espletamento dell’attività dovesse assistere a reati perseguibili d’ufficio! In quel caso è obbligato a segnalare il fatto nei termini di legge. Diversamente si procede per omissione di atti d’ufficio nei suoi confronti.

da Cacciatore p.p. 22/02/2021 20.41

Re:Sentenza su Controllo faunistico. Interviene Fassini

Interessante analisi .Apprezzo la definizione di " attivita' di pubblico servizio " .Citazione usata su sollecito degli organi dirigenti regionali per proseguire l'atttivita' di contenimento delle nutrie riportata nella "autocertificazione " da effetuarsi anche fuori comune nelle due settimane che siamo stati in zona arancione .Svolgiamo una attivita ' di pubblico servizio .. E chi ti potrebbe disturbare ? interruzione di pubblico esercizio ?

da Vito Canevese 22/02/2021 16.24

Re:Sentenza su Controllo faunistico. Interviene Fassini

Bidotta argpomentazione. Mi piacerebbe però che tali principi venissero assunti su un piano più generale. Gli equilibri faunistici, in positivo e in negativo, attengono a tutto il sistema "naturale" (si direbbe meglio: ecologico) dei territori, che in Italia (ma anche in gran parte della Europa) sono assolutamente antropizzati, cioè: di naturale non hanno più niente. E per questo, a seconda degli interventi (e degli interessi) sono modificati a volte a sproposito (cause: agricoltura, industria, altre attività inquinanti). Per cui, non solo con l'art. 37 (o simili) ma con l'attività di caccia (regolamentata, controllata, pianificata) è possibile riportarli a un giusto equilibrio. Senza distinzione fra piccola e grande selvaggina, stanziale e migratoria. Una unità d'intenti è indispensabile per agire di conseguenza. Ci vorrebbe un Draghi anche per la caccia.

da Sergio M. 22/02/2021 9.12