Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Sos Moriglione. Fidc "concluse analisi ali della scorsa stagione"Lombardia. Due giornate integrativeIncidente mortale. Lega "serve immediato cambio di rotta su gestione fauna"Arci Caccia: Piano faunistico Abruzzo sia base di partenzaToscana, storno "iter rendicontazione inapplicabile"CCT: Giani si occupi da subito di urgenze faunistico venatorieSardegna: Tar sospende caccia a moriglioneAbruzzo: Piano faunistico venatorio approvato all'unanimitàSagra degli Osei Sacile. Prime conseguenze per gli animalistiValle Salimbene: Diffida Anuu persuade il sindaco"Regione Umbria e mondo venatorio: il confronto non è più rimandabile"Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapetura

News Caccia

Cacciatori sentinelle a tutela della lepre italica


giovedì 6 agosto 2020
    
 
 
 
Grazie al Progetto triennale "Verso il prelievo venatorio sostenibile della Lepre italica (Lepus corsicanus) in Sicilia: buone pratiche e azioni di monitoraggio", promosso dal Consiglio Regionale della Federcaccia e dall'Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche ed Agro-ambientali della Federcaccia nazionale (con il supporto del Laboratorio di Zoologia Applicata dell'Università di Palermo) e autorizzato dalla Regione Siciliana, è stato individuato e accertato il primo caso di Mixomatosi nella Lepre italica in Sicilia. L'abbattimento, avvenuto durante l'attività venatoria sperimentale nel comune di Racalmuto (AG) il 29 novembre 2018, di un maschio adulto di Lepre italica del peso di soli 2,3 kg, che presentava lesioni cutanee al capo, all'occhio (blefarocongiuntivite) e a livello genitale, sospette per Mixomatosi, ne hanno motivato il trasferimento in sicurezza al Centro di referenza nazionale per le Malattie Virali dei Lagomorfi presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna (Brescia), per gli accertamenti diagnostici specialistici. Recentemente è pervenuta dal predetto Centro la conferma della positività dell'esemplare per il Myxoma virus (MYXV o Poxvirus) da parte dei dottori Lavazza, Cavadini e Capucci. Le analisi molecolari effettuate hanno confermato che si tratta del ceppo "classico" del Myxoma virus, che colpisce il Coniglio selvatico. Sono in corso approfondimenti su questo primo caso assoluto di Mixomatosi nella Lepre italica.

La Mixomatosi è una malattia infettiva virale che colpisce pesantemente le popolazioni di Coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus), nelle quali determina pesanti mortalità. Era già noto, essendo stato testato anche in prove sperimentali controllate, che l'infezione può colpire, ma solo sporadicamente, anche la Lepre europea (Lepus europaeus) nella quale, tuttavia, manifesta delle lesioni meno gravi rispetto al coniglio. La trasmissione avviene principalmente per contatto e attraverso vettori Artropodi (pulci, zanzare, ecc.), da esemplari infetti. La Mixomatosi NON si trasmette all'uomo.

Il virus ha il suo ospite naturale nel Silvilago sudamericano (Sylvilagus brasiliensis), nel quale provoca un fibroma cutaneo benigno, localizzato nel sito di inoculo. Anche il Silvilago o "minilepre" (Sylvilagus floridanus) può infettarsi in forma lieve, ma soprattutto può rappresentare un serbatoio naturale di diffusione del Myxoma virus al Coniglio selvatico e alla sua forma domestica. Nelle popolazioni naturali della Lepre europea, casi di Mixomatosi sono stati segnalati sporadicamente in passato e sempre in piccoli numeri, di solito associati a focolai dell'infezione nelle popolazioni di Coniglio selvatico che vivono nelle stesse zone; recentemente anche in Gran Bretagna (2014).

Degni di nota sono i casi anomali di Mixomatosi segnalati nel 2018 e 2019 nelle popolazioni di Lepre iberica (Lepus granatensis) di Spagna e Portogallo, nella quale hanno determinato consistenti mortalità. In questi casi si è dimostrata la trasmissione del virus da lepre a lepre a seguito di un vero e proprio "salto di specie" (spillover). Infatti, gli studi hanno dimostrato che le infezioni erano dovute ad un ceppo ricombinante del Myxoma virus denominato "MYXV Toledo" (caratterizzato dall'inserimento di quattro nuovi geni verso il terminale 3' end del genoma a polarità negativa del Poxvirus - Dott. Lavazza, com. pers.).
Le indagini molecolari svolte sul Myxoma virus della Lepre italica di Racalmuto da parte del Centro di referenza nazionale per le Malattie Virali dei Lagomorfi di Brescia, hanno fortunatamente escluso che sia in causa quest'ultimo virus, trattandosi infatti di un ceppo "classico" di MYXV.
Si conferma ancora una volta il ruolo positivo svolto dal cacciatore come "sentinella ambientale" nell' "early warning". La "sorveglianza opportunistica" della fauna selvatica sul territorio si basa, infatti, sul rilevamento precoce dei casi anomali di mortalità/morbilità, allo scopo di allertare le Autorità sanitarie preposte.

Un caso di questo tipo ben difficilmente si sarebbe potuto accertare senza il fattivo coinvolgimento dei cacciatori ed il campionamento diretto di individui in natura. Visti i risultati molto positivi del Progetto, non solo sotto il profilo del monitoraggio sanitario, l'azione dei cacciatori proseguirà anche nella stagione 2020/'21 con la finalità di gestire la risorsa Lepre italica in Sicilia in modo sostenibile per le generazioni presenti e future, e secondo le indicazioni derivanti dalla scienza.


(Ufficio Studi e Ricerche Faunistiche e Agro-ambientali della Federcaccia)

 
  
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Cacciatori sentinelle a tutela della lepre italica

E pensare che a Pistoia c'era un bel progetto e l'ATC l'ha cancellato per aumentare il numero di fagiani direttamente lanciati in casseruola. Complimenti!

da Bravi ! 07/08/2020 17.35

Re:Cacciatori sentinelle a tutela della lepre italica

FEDERCACCIA VI HA ASFALTATO 2 VOLTE IN UN GIORNO. A CASA LE LARVE DI MOSCERINO

da Gardena 06/08/2020 16.17

Re:Cacciatori sentinelle a tutela della lepre italica

Ci mancava anche questa calamità

da nilo 06/08/2020 16.11