Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatore

News Caccia

Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia


giovedì 23 luglio 2020
    

 
 
Nella seduta del 22 luglio, il Consiglio dei Ministri ha impugnato alcuni articoli della legge regionale n. 9 approvata a maggio scorso dalla Regione Liguria, che ha introdotto alcune modifiche in tema di caccia.

Questi i motivi dell'impugnativa presentata dal Governo, secondo la nota ufficiale:

 
"1) La disposizione di cui all’articolo 2, comma 1, modifica l’articolo 29 della legge regionale 1 luglio 1994, n. 29, concernente l’esercizio venatorio da appostamento. In particolare tale norma regionale definisce gli appostamenti fissi e, in via residuale quelli temporanei, stabilendo, al comma 13 che i cacciatori che si siano avvalsi di appostamenti temporanei debbano, al termine della giornata di caccia, rimuovere il materiale usato per la costruzione dell’appostamento salvo il consenso del proprietario o conduttore del fondo. Con la modifica apportata dalla disposizione in esame viene stabilito che “il consenso si intende validamente accordato nel caso in cui non esiste un formale diniego”. Detta previsione, che non trova peraltro riscontro nella disciplina del prelievo venatorio di cui alla legge quadro n. 157/1992, incide sul regime della proprietà privata ponendosi in contrasto con l’articolo 832 del codice civile secondo cui “Il proprietario ha diritto di godere e disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l’osservanza degli obblighi stabiliti dall’ordinamento giuridico” violando quindi la competenza esclusiva statale in materia di ordinamento civile di cui all’articolo 117, comma 2, lettera l) della Costituzione. La disciplina del consenso attiene alla materia ordinamento civile, non potendosi ritenere validamente espressi in assenza di un formale diniego. Non possono ritenersi infatti applicabili le regole proprie del diritto amministrativo riguardanti il silenzio –assenso, finalizzate a superare l’inerzia della Pubblica Amministrazione dinanzi ad una istanza provvedimentale, né si possono vanificare gli strumenti di tutela sia civili che penali assicurati dall’ordinamento al proprietario e al conduttore a difesa dei propri diritti.
 

2) La disposizione di cui all’articolo 6, modifica l’articolo 35 della legge regionale 22 gennaio 1999, n. 4, in materia di foreste e di assetto idrogeologico, introducendo nel comma 4 ulteriori categorie di opere “non soggette ad alcun titolo abilitativo”, diverse e ulteriori rispetto a quelle indicate nell’articolo 149 del Codice di settore e nell’allegato A del decreto del Presidente della Repubblica, 13 febbraio 2017, n. 31, “Regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposta a procedura autorizzatoria semplificata”. L’articolo 149, comma 1, lettere b) ed e), del Codice di beni culturali e del paesaggio, esonera dall’autorizzazione paesaggistica unicamente gli interventi inerenti l’attività agro-silvo-pastorale che non comportino alterazioni permanenti dello stato dei luoghi e che non alterino l’assetto idrogeologico del territorio, e gli interventi di taglio colturale, forestazione e riforestazione, bonifica, antincendio e conservazione, previsti e autorizzati in base alla normativa forestale. Tali disposizioni anzidette e le voci A.19 e A20 del d.P.R. 31 del 2017, formano un sistema chiuso, in quanto definiscono in modo compiuto ed esaustivo il novero degli interventi inerenti all’attività agro-silvo-pastorale e forestale, esclusi dall’autorizzazione paesaggistica. Spetta, peraltro, soltanto allo Stato, individuare tali esclusioni, nell’esercizio della potestà legislativa esclusiva in materia di tutela del paesaggio, di cui all’articolo 117, secondo comma, lettera s), della Costituzione, nonché della potestà regolamentare riservata allo Stato nella medesima materia, ai sensi dell’articolo 117, sesto comma della Costituzione.

3) La disposizione di cui all’articolo 9 modifica la lettera a) del comma 1 dell’articolo 7 della legge regionale concernete le misure di salvaguardia in ambito venatorio nelle Zone di protezione speciale. La norma novellata fa divieto , nelle Zone di protezione speciale (ZPS) , tra l’altro dell’ “ esercizio dell'attività venatoria nel mese di gennaio, con l'eccezione della caccia da appostamento fisso e temporaneo e in forma vagante, nonché della caccia agli ungulati, per due giornate settimanali a scelta del cacciatore”. La disposizione consente quindi l’effettuazione di due giornate di caccia a scelta del cacciatore (da appostamento fisso e temporaneo e in forma vagante, nonché la caccia degli ungulati) all’interno delle zone di protezione speciale, nel mese di gennaio, in contrasto con quanto previsto dall’articolo 5, comma 1, lettera a) del decreto ministeriale 17 ottobre 2007, che vieta l’esercizio dell’attività venatoria nel mese di gennaio, consentendolo solo per due giornate alla settimana prefissate dal calendario venatorio, disciplinato dall’articolo 18, comma 4 della legge n. 157 del 1992, e non quindi non a scelta del cacciatore. L’aver lasciato ai cacciatori la scelta delle giornate in cui l’attività venatoria può essere esercitata, rappresenta una modifica indiretta e surrettizia al calendario venatorio previsto dall’articolo 18, comma 4 della legge n. 157/1992 che costituisce norma interposta nella materia tutela dell’ambiente e dell’ecosistema ., attribuita dall’articolo 117 comma 2, lettera s) della Costituzione , alla competenza esclusiva dello Stato. Nell'ordinamento italiano la vigente normativa in materia di protezione della fauna selvatica e di prelievo venatorio è contenuta nella legge quadro il febbraio 1992, n. 157, concernente «Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio» ritenuta dalla Corte Costituzionale disciplina contenente, ai sensi dell'art. 117, secondo comma, lettera s), Costituzione, il nucleo minimo di salvaguardia della fauna selvatica, il cui rispetto deve essere assicurato sull'intero territorio nazionale (Corte Costituzionale n.. 233/2010)".

Leggi tutte le news

12 commenti finora...

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Critiche e consensi valgono ZERO ASSOLUTO in materia caccia ( dal granello di sabbia al monolito più grande ) in quanto intervengono tutti :nani saltimbanchi ,figli di .... e non se esce, se poi vogliamo divertirci a trovare amministratori di ieri oggi o domani che fanno non fanno dovrebbero fare....... ancora peggio ma ditemi voi quale attività ( in Italia ) fa parlare TUTTI, XXXX caccia cacciatori e animali XXXX tutto il resto è noia ,come uscirne???? semplice, portati da quattro persone con i piedi in avanti.

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 25/07/2020 18.24

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Inutile scrivere una norma regionale all'esatto contrario della norma statale e poi gridare al complotto. E' una tattica elettorale per imbrogliare i babbei leghisti.

da Panecunzato 25/07/2020 10.51

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Questo governo come i precedenti ,ha portato alla luce l'ignoranza ed inaffidabilità di amministratori regionali che sull'onda della propaganda tentano di porsi come salvatori della patria,ma son poco più che affabilatori,che malamente e reiteratamente tentano di aggirare le norme dello stato per creare consenso nei perenni pancia vuota ululanti.Hanno anche questa volta rimediato l'ennesima fila di schiaffoni.

da Punta tacco. 24/07/2020 16.40

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Un marziano che leggesse gli articoli impugnati potrebbe pensare di trovarsi in uno stato severo e preciso, con regole certe e che vengono fatte rispettare scrupolosamente. Solo un marziano appena sbarcato però!

da MarioP 24/07/2020 14.16

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Ora si che si risolleverà l economia italiana....governo di parassiti poltronati

da Ligure 24/07/2020 12.19

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

A quanto pare i nostri illustri Ministri sono convinti che escludendo il coronavirus che ci ha messo in ginocchio, escludendo il fatto che in Liguria non si puo' viaggiare decentemente sulla rete autostradale, escludendo il fatto che molte imprese e attività non hanno i soldi per pagare le tasse ed escludendo tutto il resto l'unico problema che merita di essere affrontato urgentemente è la nuova normativa Ligure sulla caccia.... che schifo...

da red 24/07/2020 10.11

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

I LAVORATORI SPAZZERANNO VIA QUESTO GOVERNO DI SERVI DEL CAPITALISMO INTERNAZIONALE, ED I CANI DA GUARDIA FASCISTI CHE LO TENGONO IN VITA. LIBERA CACCIA IN LIBERO TERRITORIO.

da ANTOINE64 24/07/2020 10.06

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Regione di dilettanti allo sbaraglio.Ma come fai a scrivere che puoi mettere un appostamento fisso o un palco nel terreno privato di un terzo senza chiedergli il permesso ? Stipendi pubblici a scrocco.

da Rusticola 24/07/2020 9.38

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Complimenti a questo governo impugnati gli articoli delle nuove disposizioni sulla caccia con LA STESSA VELOCITA CHE HA RISOLTO I PROBLEMI DELLA VIABILITA LIGURE,VERGOGNATEVI e a questo punto si dovrebbero vergognare anche chi li ha messi li.

da Mino 51 23/07/2020 17.49

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Ciò che meraviglia, non sono le eccezioni e le deduzioni giuridiche contrarie mosse al calendario venatorio approvato dalla Regione Liguria, quanto la solerzia di alcuni ministri dell’attuale Governo, di sottoporre alla Avvocatura Generale dello Stato i calendari regionali al fine di cercare cavilli, come nella specie, per ostacolare e limitare l’esercizio venatorio. Arriveranno inevitabilmente le urne ed allora, ci si augura, si vedrà se saremo capaci di chiedere loro il conto.

da Da Federcacciatore 23/07/2020 17.46

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

QUESTO GOVERNO, COME TUTTI I GOVERNI, DECIDE SU QUELLO CHE FORZE ESTERNE FANNO PRESSIONE. E SULLA CACCIA GLI ANIMALISTI FANNO PRESSIONE

da PRESSIONATO 23/07/2020 16.40

Re:Liguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla caccia

Se questo governo fosse così attento su tutti i problemi della nostra povera Italia come lo è sui calendari venatori( di cui spulcia anche le virgole) saremmo a cavallo.....

da Pasquino 1 23/07/2020 16.20