Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatore

News Caccia

Fidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncella


mercoledì 22 luglio 2020
    

 
Delusione da Federcaccia Umbria per il calendario venatorio 2020 - 2021. L'Assessorato ha deciso infatti di conformare il testo alla richiesta del Ministero dell'Ambiente di escludere pavoncella e moriglione dall’elenco delle specie cacciabili per la stagione venatoria 2020-21. Una richiesta illegittima, quella del Ministero - scrive Fidc Umbria -, frutto di un approccio ideologicamente contrario all’attività venatoria, alla quale tutte le Regioni, e fortunatamente in diverse lo hanno fatto, dovrebbero opporsi.

La Regione Umbria, continua l'associazione venatoria, aveva in mano, in sede di pubblicazione del proprio calendario venatorio, tutti gli strumenti necessari per rispettare il comma 1 dell’art.18 della L.157/92 così come stabilito dal comma 4 della stessa norma statale. Né tantomeno - aggiunge - l’Assessore Morroni potrà prendersela con ISPRA, (Organo tecnico consultivo dello Stato e delle Regioni), che nel corrente anno aveva espresso ad altre Regioni pareri positivi in merito alla cacciabilità delle due specie, con dei limiti di carniere giornalieri e stagionali.

A tal proposito Fidc Umbria ricorda all’Assessorato l’Ordinanza del Consiglio di Stato, Sez.III del 18.10.2019 che ha ritenuto cacciabili moriglione o pavoncella fino al 19 gennaio, o più semplicemente il fatto che l’accordo AEWA, al quale la nota ministeriale del 28.5.2020 fa riferimento, non ha ancora efficacia vincolante né nell’ordinamento comunitario né tantomeno in quello italiano. E prosegue: "Non è accettabile la motivazione della recente sentenza del TAR Toscana, perché anch’essa non ha colto la cogenza della direttiva rispetto all’accordo AEWA, né la differenza sotto descritta fra le due specie nella classificazione AEWA. Federcaccia e Regione Toscana stanno infatti proponendo appello al Consiglio di Stato".

"Se ciò non bastasse -  argomenta Fidc Umbria - proprio il moriglione ha aumentato i propri effettivi in Italia, nel corso degli ultimi anni in tre siti chiave per la specie: uno di questi siti è risultato essere proprio il lago Trasimeno che nelle ultime tre stagioni ha ospitato da 24.000 a 30.000 esemplari circa, cioè la maggior parte della popolazione svernante in Italia. Per quanto riguarda la pavoncella la situazione è surreale: il Ministero non conosce nemmeno la differenza fra le diverse categorie dell’accordo AEWA e incredibilmente la Regione Umbria si adegua a tale interpretazione sbagliata. Possiamo solo ricordare all’Assessore che è proprio AEWA, al quale il Ministero dell’Ambiente fa riferimento, ad avere inserito questa specie nella colonna A categoria 4, cioè cacciabile con un appropriato piano di gestione che coinvolga il prelievo. Un piano che esiste di fatto a livello regionale con i limiti proposti da ISPRA di 5 capi al giorno e 25 stagionali. È bene infine ricordare che è attualmente in vigore il Piano d’Azione Internazionale Multispecie che ha identificato nel controllo dei predatori e delle pratiche agricole la chiave di volta per riportare queste specie (e non solo) in uno stato di conservazione favorevole".

Federcaccia Umbria chiede alla Regione, all’Assessore Morroni, e a tutti i consiglieri di approvare una nuova delibera che consenta la caccia alle due specie, evitando di rassegnarsi alle indicazioni errate e autoritarie del Ministero dell’Ambiente, il cui approccio anticaccia dovrebbe ormai essere ben noto a tutti i pubblici amministratori che vogliono perseguire una concreta e oggettiva tutela di fauna, ambiente e territorio scevra da posizioni ideologiche che tendono a escludere o limitare fortemente attività tradizionali perfettamente sostenibili e praticabili nel rispetto di tutte le norme statali e internazionali.


Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Fidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncella

CARA LEGA CARO SALVINI COL PD HO SEMPRE CACCIATO LA PAVONCELLA ANCHE LO SCORSO ANNO CON VOI NO?EBBENE I VOTI DELLA MIA FAMIGLIA TE LI PUOI SCORDARE! CHE SCHIFOOOOOO!

da mariolino umbro 24/07/2020 18.42

Re:Fidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncella

Perché la regione Lazio non ha fatto lo stesso?ormai l andazzo è questo ,prepariamoci purtroppo a perdere specie cacciabili anno dopo anno

da allodolaiomatto 22/07/2020 12.54

Re:Fidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncella

Questo assessore ha proprio rotto i [email protected]@@@. Se la lega non ci mette una pezza col [email protected]@@ che prenderà più i voti dei cacciatori.

da Afc. 22/07/2020 11.37