Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatore

News Caccia

Verona. Accordo tra caccia e agricoltura


martedì 14 luglio 2020
    

 
 
Insieme per la gestione delle risorse naturali, per collaborare ad iniziative di carattere ecologico, per vigilare sul territorio, per tutelare il paesaggio agrario. È quanto prevede il protocollo siglato questa mattina, nella sede provinciale di Coldiretti Verona, da Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Verona e Alessandro Salvelli, presidente provinciale di Federcaccia.

Alla firma dell’accordo era presente anche il direttore di Coldiretti Verona Giuseppe Ruffini.

L’accordo rappresenta un’importante intesa tra due Associazioni impegnate a trovare soluzioni che uniscano agricoltori e cacciatori in una relazione sostenibile con l’ambiente. Nel veronese i cacciatori sono circa 6800 di cui 3000 iscritti a Federcaccia.

Molti i fattori di interesse comune come il monitoraggio della fauna selvatica, il rispetto delle prassi agronomiche, la prevenzione del bracconaggio, degli incendi, in un’ottica di reciprocità per il ruolo di sentinelle rivestito da entrambe le figure professionali. Il rapporto tra caccia e agricoltura, precisa il protocollo d’intesa, afferisce a un unico ambito: la gestione del territorio rurale, con i conseguenti benefici per l’attività venatoria e quella agricola, anche in rapporto al tema della tutela dell’ambiente salvaguardando la biodiversità attraverso la ricostituzione di habitat, il presidio del territorio e delle stesse coltivazioni, con innegabili vantaggi generali al paesaggio agrario, forestale, idrogeologico ed alla fauna.

“La firma di questo protocollo è particolarmente importante – commenta Daniele Salvagno – in quanto, effettivamente, si pongono le basi, anche a livello provinciale, per un’attività che sicuramente proseguirà nel tempo, per la tutela del territorio e delle aziende agricole dalla fauna selvatica e dai grandi predatori. La fauna selvatica causa danni consistenti in pianura come in montagna dove il rischio principale sono il ruscellamento e lo smottamento dei pascoli scoscesi. Questo fenomeno a lungo andare comporta gravissimi danni idrogeologici anche a valle con piene improvvise e altri fenomeni dannosi per gli insediamenti, oltre che per l’ambiente. L’equilibrio del numero di selvatici in montagna è quindi fondamentale per la salvaguardia del sistema montano stesso e di tutto il territorio. L’opera dei cacciatori si affianca pertanto a quella degli allevatori nel mantenimento e nella valorizzazione del territorio montano e in genere nella salvaguardia dell’ambiente”.

Nel programma delle azioni previste, in un’ottica di sviluppo delle conoscenze, di formazione ed educazione pubblica, rientra lo sviluppo di iniziative di carattere sociologico, storico culturale, divulgative e legislative.

Soddisfatto il presidente della sezione provinciale di Federcaccia Verona, Alessandro Salvelli, che, in gesto di collaborazione, ha consegnato al presidente Salvagno la bandiera associativa, concludendo: “intendiamo dar seguito, con Coldiretti Verona, al protocollo già siglato a livello regionale. Con questa iniziativa vogliamo affrontare seriamente ed efficacemente il problema delle specie nocive, attraverso soluzioni concrete e risolutive. Saremo in grado di organizzare e partecipare a incontri sul territorio e a tutte le iniziative che per effetto della sottoscrizione saranno poste in essere. Il nostro corpo di vigilanza volontaria sarà sempre più attento all’uso corretto delle aree agricole da parte dei cacciatori”.

Coldiretti Verona, attraverso l’ente di formazione Impresa Verde Verona Srl, ha iniziato un percorso formativo per cacciatori con indicazioni sulla sicurezza nell’attività venatoria. A maggio la formazione a distanza è stata seguita da 40 cacciatori e in programma ci sono altri corsi.


Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Verona. Accordo tra caccia e agricoltura

andostà er problema?Me porti una pesca da Kg se semo quattro un pezzo per uno e ce la finimo se so solo me la magno in 4 vorte. Chi sa sto federcaccia cosa voleva di!!!!

da federcaccia agricoltore hia hai hai 16/07/2020 13.26

Re:Verona. Accordo tra caccia e agricoltura

E si cari signori........vi vorrei vedere davanti a frutta o verdura che pesa 1kg cadauno, se la acquistate...non dico altro, anzi purtroppo non si torna indietro....cmq meglio con gli agricoltori

da Mario 15/07/2020 22.17

Re:Verona. Accordo tra caccia e agricoltura

Belle parole ma i fatti,come scritto da chi mi ha preceduto se non si stabiliscono e si fanno RISPETTARE le leggi e regole sull'uso dei diserbati e antiparassitari,e tutta la chimica usata in agricoltura. Questi accordi non hanno valore giuridico sul mondo agricolo è solo una preghiera agli agricoltori sperando che si rendano più responsabili nell'uso della chimica in agricoltura, e di altre leggi sulle superfici da coltivare e quelle da lasciare incolte per cui ricevono già dei contributi.

da Bekea 15/07/2020 16.49

Re:Verona. Accordo tra caccia e agricoltura

le parole sono belle ma bisogna vedere i fatti. Gli agricoltori sono i primi inquinatori dell'ambiente con tutti i diserbanti e pesticidi che usano a piacimento.Che la FIDC sottoscriva accordi con gli agricoltori mi è sempre sembrata una cosa senza senso in quanto i cacciatori ripopolano mentre diserbanti e pesticidi uccidono.

da renzo 1945 15/07/2020 13.22

Re:Verona. Accordo tra cacccia e agricoltura

Un'altro bell'accordo sul modello legambiente. Ma dell'abbandono di pesticidi diserbanti e schifosissima chimica ammazza tutto anche esseri umani ne avete parlato o è stato rinviata al prossimo documento.

da Te lo dico adesso? no te lo dico dopo 14/07/2020 17.49