Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Liguria, calendario venatorio annullato dal TarPiemonte: approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Emilia R.: la Lega chiede deroga allo storno in pre aperturaFidc Umbria: bene modifiche calendario ma c'è ancora da fareCinghiali Siena. La protesta di EnalcacciaStorno, cosa cambia per la caccia in deroga in ToscanaUmbria modifica calendario. Cacciabili anche moriglione e pavoncellaEmilia R.: Interrogazione su ripartizione territorio di caccia AtcCacciatori sentinelle a tutela della lepre italicaRespinti divieti per la caccia nelle aree umide toscaneCommissariato Atc Bologna 3Caccia Sardegna: il 3 settembre si parteCCT: approvato piano prelievo cervo nei ComprensoriCalendario Marche. Il Tar dà ragione alla RegioneA Macerata posizionati nidi per il germano realeIn Ue nuovo attacco alla caccia dei 5 Stelle su pavoncella e moriglioneCampania: richieste di modifica delle associazioni venatorie Liguria: la Corte Costituzionale boccia un provvedimento già superatoFrancia. La Ministra contro il vischioSicilia, il calendario venatorio in arrivo non piace agli animalistiLaghi della Piana: un convegno per rispondere agli attacchi del WwfPubblicate integrazioni calendario venatorio LombardiaLazio: Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Abrogata tassa e segnalazione per ricetrasmittentiCinghiale Piemonte: ok a nuova legge in ConsiglioEps Puglia: certezze per i cacciatori pugliesiCCT: continua il confronto con i cacciatori toscaniCalendario Venatorio Marche: caccia fino al 10 febbraioPuglia: le richieste del mondo venatorio sul calendarioMarche cinghiale: la Corte Costituzionale gela gli animalistiPuglia. La Lega protestaGrandi carnivori: apertura della Commissione UeFidc Umbria "giù le mani dalla Zrc San Gregorio"Toscana: non più obbligatorio tesserino digitale per lo stornoUmbria: esame abilitazione venatoria solo orale per il 2020Roberto Vivarelli confermato coordinatore Atc toscani Impugnativa Lombardia. Rolfi "Per Roma non esiste problema cinghiali"Piano Faunistico Marche: Tar respinge sospensiva animalistaCaccia Lombardia: Governo impugna la nuova leggeLiguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla cacciaMinistro Bellanova annuncia proposta su fauna selvaticaCaretta: su fauna selvatica la demagogia animalista dei VerdiIl mondo venatorio ricorda e celebra il grande Bruno ModugnoE' battaglia sul calendario venatorio della ToscanaUmbria: in arrivo delibera per moriglione e pavoncellaFidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncellaCiao BrunoCaretta: "Ministro Bellanova chiarisca su fauna selvatica"Fidc Umbria: insediata nuova dirigenzaLegge Toscana: guida praticaCaccia cinghiale Umbria: le proposte di Arci CacciaValle d'Aosta. Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021CCT: confronto con la Regione Toscana sulla preaperturaAttacco animalista a Vigevano contro i cacciatoriCaccia in deroga: in Emilia Romagna manca ancora la deliberaFondazione Una cerca proprio AmbassadorPiombo: la Ministra tedesca invita alla mediazioneLa Liguria dice no all'esclusione di pavoncella e moriglioneBelluno. Nuovo Piano per il cervoToscana. Assemblea Cct a CertaldoFidc: I cacciatori sentinelle della salute pubblicaConfagricoltura Toscana. Bene la nuova leggeToscana. Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: "norma filoanimalista"Verona. Accordo tra caccia e agricolturaSpeciale M&C in ricordo di BanaQuando la caccia fa spettacoloTroppi cinghiali in BasilicataTROFEI LADY PER LE CACCIATRICILivorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfatta

News Caccia

Umbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorio


giovedì 2 luglio 2020
    

 
“L’assessorato regionale ha svolto un’azione di interlocuzione continua con Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, per acquisire il parere obbligatorio necessario per l’approvazione del Calendario venatorio 2020-2021, ma l’Istituto, per problematiche interne che ne hanno rallentato l’operatività, non è stato in grado di adempiere in tempi rapidi; dalle rassicurazioni ricevute ci attendiamo un riscontro entro la prossima settimana”. È quanto sottolinea l’assessore regionale alla Caccia, Roberto Morroni. “La proposta di calendario ha seguito una celere tabella di marcia, ottenendo il parere favorevole unanime della III Commissione consiliare, ma il passaggio definitivo è ostacolato dai tempi dell’Ispra, nonostante le nostre numerose sollecitazioni. Questo – aggiunge - sta creando le ben note difficoltà e soprattutto il forte ritardo per la prevista apertura della caccia di selezione al capriolo. Valuteremo comunque un possibile recupero del tempo perduto, pur nella considerazione che questo tipo di caccia, come riconosciuto dalle Associazioni venatorie, deve seguire precisi periodi biologici della specie, con finestre temporali del prelievo ben individuate e delimitate”.

L’assessore Morroni interviene anche sulle misure di contenimento dei cinghiali, in merito ai rilievi mossi dal coordinamento delle squadre di cinghialisti. “Sono rilievi non pertinenti ed inesatti. Le forme di caccia al cinghiale consentite dalla legge – rileva innanzitutto - non prevedono esclusivamente la braccata, ma anche altre forme di caccia sia collettive che singole e non è pertanto corretto negare la possibilità ad altri cacciatori interessati di esercitare la caccia al cinghiale”.

Sui risultati della gestione della specie fin qui attuata e che ha visto sempre in primo piano l’attività delle squadre “dai dati in possesso della Regione e dall’andamento dei danni causati da questa specie all’agricoltura - una situazione, questa, che ha raggiunto una dimensione grave e non più tollerabile - non risultano certamente riscontri positivi. Il controllo dei danni è sempre più complesso e difficoltoso – sottolinea Morroni -, e questo causa un notevole onere per il bilancio regionale. La crescita della popolazione di cinghiali in Umbria è negli ultimi venti anni in costante e continuo aumento, con rischi anche per l’incolumità pubblica, evidenziando una inefficace capacità di controllo con le misure finora adottate”.

“Continueremo nell’impegno per risolvere i problemi aperti, sia per il varo definitivo del calendario venatorio sia per il contenimento delle specie – conclude l’assessore Morroni – proseguendo nel metodo di dialogo e confronto con tutti i portatori di interesse”.
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Umbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorio

Lo stravolgimento della prima bozza del calendario evidenzia che anche i politici di dx si genuflettono al volere delle AA.VV. è dei cinghialai, la poltrona scotta. L'assessore Morroni purtroppo ha perso la strada, quella precedente era giusta. La caccia in mano a questi signori non ha futuro. Pensavo fosse finita "l'era" della ciccia per tutti.

da Pensavo .....peccato. 04/07/2020 16.23