Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Liguria, calendario venatorio annullato dal TarPiemonte: approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Emilia R.: la Lega chiede deroga allo storno in pre aperturaFidc Umbria: bene modifiche calendario ma c'è ancora da fareCinghiali Siena. La protesta di EnalcacciaStorno, cosa cambia per la caccia in deroga in ToscanaUmbria modifica calendario. Cacciabili anche moriglione e pavoncellaEmilia R.: Interrogazione su ripartizione territorio di caccia AtcCacciatori sentinelle a tutela della lepre italicaRespinti divieti per la caccia nelle aree umide toscaneCommissariato Atc Bologna 3Caccia Sardegna: il 3 settembre si parteCCT: approvato piano prelievo cervo nei ComprensoriCalendario Marche. Il Tar dà ragione alla RegioneA Macerata posizionati nidi per il germano realeIn Ue nuovo attacco alla caccia dei 5 Stelle su pavoncella e moriglioneCampania: richieste di modifica delle associazioni venatorie Liguria: la Corte Costituzionale boccia un provvedimento già superatoFrancia. La Ministra contro il vischioSicilia, il calendario venatorio in arrivo non piace agli animalistiLaghi della Piana: un convegno per rispondere agli attacchi del WwfPubblicate integrazioni calendario venatorio LombardiaLazio: Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Abrogata tassa e segnalazione per ricetrasmittentiCinghiale Piemonte: ok a nuova legge in ConsiglioEps Puglia: certezze per i cacciatori pugliesiCCT: continua il confronto con i cacciatori toscaniCalendario Venatorio Marche: caccia fino al 10 febbraioPuglia: le richieste del mondo venatorio sul calendarioMarche cinghiale: la Corte Costituzionale gela gli animalistiPuglia. La Lega protestaGrandi carnivori: apertura della Commissione UeFidc Umbria "giù le mani dalla Zrc San Gregorio"Toscana: non più obbligatorio tesserino digitale per lo stornoUmbria: esame abilitazione venatoria solo orale per il 2020Roberto Vivarelli confermato coordinatore Atc toscani Impugnativa Lombardia. Rolfi "Per Roma non esiste problema cinghiali"Piano Faunistico Marche: Tar respinge sospensiva animalistaCaccia Lombardia: Governo impugna la nuova leggeLiguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla cacciaMinistro Bellanova annuncia proposta su fauna selvaticaCaretta: su fauna selvatica la demagogia animalista dei VerdiIl mondo venatorio ricorda e celebra il grande Bruno ModugnoE' battaglia sul calendario venatorio della ToscanaUmbria: in arrivo delibera per moriglione e pavoncellaFidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncellaCiao BrunoCaretta: "Ministro Bellanova chiarisca su fauna selvatica"Fidc Umbria: insediata nuova dirigenzaLegge Toscana: guida praticaCaccia cinghiale Umbria: le proposte di Arci CacciaValle d'Aosta. Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021CCT: confronto con la Regione Toscana sulla preaperturaAttacco animalista a Vigevano contro i cacciatoriCaccia in deroga: in Emilia Romagna manca ancora la deliberaFondazione Una cerca proprio AmbassadorPiombo: la Ministra tedesca invita alla mediazioneLa Liguria dice no all'esclusione di pavoncella e moriglioneBelluno. Nuovo Piano per il cervoToscana. Assemblea Cct a CertaldoFidc: I cacciatori sentinelle della salute pubblicaConfagricoltura Toscana. Bene la nuova leggeToscana. Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: "norma filoanimalista"Verona. Accordo tra caccia e agricolturaSpeciale M&C in ricordo di BanaQuando la caccia fa spettacoloTroppi cinghiali in BasilicataTROFEI LADY PER LE CACCIATRICILivorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfatta

News Caccia

Ue. Conferenza Intergruppo sulla biodiversità


giovedì 2 luglio 2020
    

 
 
In questi giorni si è tenuta a Bruxelles la prima conferenza promossa dall'Intergruppo Biodiversità, Caccia e Campagna su “ripensare la Biodiversità,” in previsione dell'approvazione della nuova PAC comunitaria.

L'eurodeputato Amaro, che ha presieduto l'incontro, ha aperto la discussione concentrandosi sulle opportunità e le sfide per l'ambiziosa strategia dell'UE sulla biodiversità fino al 2030, che è stata recentemente presentata dalla Commissione europea. Il presidente dell'Intergruppo ha dichiarato: "La pubblicazione della strategia sulla biodiversità dell'UE 2030 solleva molte domande, che devono essere analizzate seriamente se vogliamo rendere il Green Deal una realtà per tutti i cittadini dell'UE. Se la strategia è " adatta a tutti " , come ha dichiarato il commissario Virginijus Sinkevičius nell'ultima audizione della commissione AGRI, sarà fondamentale che le parti interessate delle zone rurali siano considerate partner principali ".  Amaro ha aggiunto che "gli agricoltori, i gestori del territorio e i cacciatori europei combattono ogni giorno la perdita di biodiversità, che è stata una sfida enorme negli ultimi decenni nell'UE. Hanno avviato iniziative di successo e hanno creato reti preziose sul campo. Qualsiasi strategia deve includere attori rurali come parte della soluzione per avere successo,  soprattutto quando arriviamo a discutere di aree protette, che spesso possono sfociare in una visione estremamente statica della conservazione della natura”.

L'eurodeputato Agius Saliba ha sottolineato il contributo cruciale dei cacciatori e dei gestori del territorio nell'arrestare la perdita di biodiversità e nell'invertire il declino dell'avifauna delle campagne e degli impollinatori. Ha detto: "Fino ad ora, la rete Natura 2000 ha fatto fatica a fornire risultati visibili e ha bisogno di una migliore attuazione, nuovi elementi innovativi e un migliore supporto da parte delle nostre comunità locali. Il 5 ° rapporto del Manifesto sulla biodiversità FACE mostra chiaramente che i cacciatori insieme ad altre parti interessate in quanto autorità pubbliche, ONG ambientaliste, enti di ricerca, proprietari terrieri e agricoltori, sono molto attivi nella conservazione di una vasta gamma di habitat e specie in Europa. A tale proposito, Natura 2000 richiede l'impegno dei cacciatori sotto forma di monitoraggio, gestione delle specie e ripristino dell'habitat ".

In un videomessaggio indirizzato ai partecipanti alla conferenza, l'eurodeputata Katainen ha confermato l'importanza dei principali obiettivi fissati dalla strategia dell'UE sulla biodiversità fino al 2030 e la necessità di agire ora con soluzioni pratiche. Ha sottolineato che "occorre tenere conto delle diverse circostanze a livello nazionale per garantire un'attuazione equa ed equilibrata. L'approccio della Commissione nei confronti degli attori rurali e delle imprese rurali è piuttosto limitato. Se vogliamo che l'Europa sia un continente leader nel campo della sostenibilità ecologica, abbiamo bisogno dei pilastri sociali, culturali ed economici al centro del dibattito. Se chiediamo risultati ambientali ambiziosi da agricoltori, silvicoltori, proprietari terrieri, cacciatori e imprenditori, dobbiamo allocare risorse sufficienti per farli funzionare, al fine di attuare con successo questa strategia e raggiungere risultati concreti ".

Humberto Delgado Rosa, direttore per il patrimonio naturale, DG Ambiente, Commissione europea, ha tenuto un discorso programmatico e ha illustrato i punti di maggiore interesse della strategia. Ha sottolineato che: "Nessuna agenda politica, compresa la strategia sulla biodiversità dell'UE 2030, può essere costruita solo sulla base di messaggi negativi, è sempre necessario un suo lato positivo. Questa è l'essenza del piano di ripristino della natura dell'UE: possiamo rimettere la natura nelle nostre vite dove lo vogliamo e dove sono più necessari i suoi servizi ".

Kim Friedman, della FAO, ha sottolineato la necessità di coinvolgere le parti interessate nel processo di effettiva attuazione delle politiche: "Il rafforzamento delle nostre relazioni con la natura è molto probabile che sia efficace quando teniamo conto dell'apporto delle parti interessate: abbiamo bisogno di "tutti i portatori d'interesse per rendere efficaci i piani per la biodiversità, secondo una visione integrata delle comunità".

Erik Gerritsen, Senior Policy Analyst presso IEEP, ha dichiarato: "In Europa abbiamo buone prove dei successi nella conservazione e nel recupero di ambienti, ma l'azione deve essere più ampia e più efficace per invertire la tendenza. La rinnovata ambizione della strategia  sulla biodiversità nel Green Deal dell'UE è una vera opportunità per tutte le parti interessate per unire le forze, ma non deve essere sprecata di nuovo. Le istituzioni dell'UE devono adottare misure urgenti per soddisfare le esigenze di investimento, non solo attraverso finanziamenti dedicati alla natura, ma anche una migliore integrazione, ad esempio con Piani strategici della PAC ".

Jurgen Tack, direttore scientifico di ELO, ha dichiarato: "Non tenere conto della redditività economica e dell'equità sociale, ha dimostrato di portare a risultati deludenti. La gestione qualitativa ed efficace dovrebbe essere al centro della strategia dell'UE sulla biodiversità del 2030 e gli agricoltori dovrebbero essere i partner preferenziali. Dato che le misure volontarie e gli accordi contrattuali si sono dimostrati molto efficaci, ELO raccomanda di scegliere una vasta gamma di strumenti volontari per la conservazione dei territori della Comunità Europea, come quelli analizzati nel programma LIFE "Land Is For Ever" ".

Con oltre 250 partecipanti online, l'incontro è stato moderato dalla dott.ssa Hilde Eggermont, coordinatrice della piattaforma belga per la biodiversità. L'evento è stato organizzato in collaborazione con la Federazione europea FACE per la caccia e la conservazione e l'organizzazione europea dei proprietari terrieri ELO. Numerosi deputati al Parlamento europeo si sono uniti alla conferenza.

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Ue. Conferenza Intergruppo sulla biodiversità

Federcacciatore sei un illuso

da FIDC? No grazie! 03/07/2020 17.09

Re:Ue. Conferenza Intergruppo sulla biodiversità

Amico cacciatore Flavio romano, arrivera' inesorabilmente la sua fine di politicante. I provvedimenti dallo stesso adottati, saranno emendati e sostuiti. Un Ministro palesemente di parte,non andra' otre una legislatura. In Europa,per nostra fortuna, almeno da quanto sopra pubblicato,la pensano diversamente.

da Da Federcacciatore 03/07/2020 14.06

Re:Ue. Conferenza Intergruppo sulla biodiversità

Parole e valori che in Italia non vengono neppure ascoltate. Costa e M5S ci stanno smontando pezzo per pezzo con l'aiuto di certi tribunali. Ieri in Toscana hanno vietato il prelievo di moriglione e pavoncella solo perchè il ministero dell'ambiente ha "suggerito" di non svolgerne la caccia. Europa di "si" alla gestione e ministero di costa suggerisce "no". Vince il fazioso costa. Tra breve impugneranno anche per le altre specie.

da Flavio romano 02/07/2020 13.42