Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
CCT: approvato piano prelievo cervo nei ComprensoriCalendario Marche. Il Tar dà ragione alla RegioneA Macerata posizionati nidi per il germano realeIn Ue nuovo attacco alla caccia dei 5 Stelle su pavoncella e moriglioneCampania: richieste di modifica delle associazioni venatorie Liguria: la Corte Costituzionale boccia un provvedimento già superatoFrancia. La Ministra contro il vischioSicilia, il calendario venatorio in arrivo non piace agli animalistiLaghi della Piana: un convegno per rispondere agli attacchi del WwfPubblicate integrazioni calendario venatorio LombardiaLazio: Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Abrogata tassa e segnalazione per ricetrasmittentiCinghiale Piemonte: ok a nuova legge in ConsiglioEps Puglia: certezze per i cacciatori pugliesiCCT: continua il confronto con i cacciatori toscaniCalendario Venatorio Marche: caccia fino al 10 febbraioPuglia: le richieste del mondo venatorio sul calendarioMarche cinghiale: la Corte Costituzionale gela gli animalistiPuglia. La Lega protestaGrandi carnivori: apertura della Commissione UeFidc Umbria "giù le mani dalla Zrc San Gregorio"Toscana: non più obbligatorio tesserino digitale per lo stornoUmbria: esame abilitazione venatoria solo orale per il 2020Roberto Vivarelli confermato coordinatore Atc toscani Impugnativa Lombardia. Rolfi "Per Roma non esiste problema cinghiali"Piano Faunistico Marche: Tar respinge sospensiva animalistaCaccia Lombardia: Governo impugna la nuova leggeLiguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla cacciaMinistro Bellanova annuncia proposta su fauna selvaticaCaretta: su fauna selvatica la demagogia animalista dei VerdiIl mondo venatorio ricorda e celebra il grande Bruno ModugnoE' battaglia sul calendario venatorio della ToscanaUmbria: in arrivo delibera per moriglione e pavoncellaFidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncellaCiao BrunoCaretta: "Ministro Bellanova chiarisca su fauna selvatica"Fidc Umbria: insediata nuova dirigenzaLegge Toscana: guida praticaCaccia cinghiale Umbria: le proposte di Arci CacciaValle d'Aosta. Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021CCT: confronto con la Regione Toscana sulla preaperturaAttacco animalista a Vigevano contro i cacciatoriCaccia in deroga: in Emilia Romagna manca ancora la deliberaFondazione Una cerca proprio AmbassadorPiombo: la Ministra tedesca invita alla mediazioneLa Liguria dice no all'esclusione di pavoncella e moriglioneBelluno. Nuovo Piano per il cervoToscana. Assemblea Cct a CertaldoFidc: I cacciatori sentinelle della salute pubblicaConfagricoltura Toscana. Bene la nuova leggeToscana. Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: "norma filoanimalista"Verona. Accordo tra caccia e agricolturaSpeciale M&C in ricordo di BanaQuando la caccia fa spettacoloTroppi cinghiali in BasilicataTROFEI LADY PER LE CACCIATRICILivorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 Basilicata

News Caccia

Trento. Cinghiale sotto controllo


lunedì 29 giugno 2020
    

 
 
Con un provvedimento proposto dall’assessore Giulia Zanotelli, la Giunta provinciale ha approvato la nuova disciplina che regola il controllo del cinghiale in provincia di Trento. L'obiettivo è riordinare la materia per renderla più chiara ed accessibile lasciandone intatta la sostanza, frutto dell’esperienza acquisita e del confronto con i soggetti interessati. Dall'applicazione della disciplina in vigore, aggiornata nel 2019 con l'obiettivo di semplificare e rendere maggiormente efficace il controllo della specie, è emersa la necessità di riorganizzare ancora la materia. Poiché tale disciplina attribuisce un ruolo fondamentale all'Ente gestore della caccia, soprattutto per quanto riguarda le attività messe in campo nell'area A, rinominata area di contenimento, nella quale è il primo responsabile dell'attività di controllo, le modifiche sono frutto di un confronto con lo stesso. È stata, innanzitutto, rivista la definizione della zonizzazione del territorio provinciale, che lo differenzia in funzione della presenza stabile o meno del suide e che ha un impatto diretto sull'applicazione della disciplina, sono stati puntualmente elencati gli interventi di monitoraggio in capo all'Ente gestore, alcuni articoli sono stati riscritti, semplificandoli ulteriormente, ed è stata disciplinata nel dettaglio l'attività di pasturazione, finalizzata ad attirare i cinghiali per catturarli, sottolineando la differenza con il foraggiamento, il cui divieto è chiaramente dichiarato. Oltre a queste sono state apportate altre modifiche, più di forma che di sostanza, sempre con l'intento di semplificare e chiarire gli obiettivi e l'operatività della disciplina, ed è stato rivisto in parte l'ordine di titoli, capi e articoli.

La Provincia e l'Ente gestore della caccia continuano a cooperare nel perseguimento delle finalità di controllo attraverso il personale del Corpo forestale ed i controllori, soggetti muniti di specifica abilitazione conseguita con la partecipazione ad un apposito corso di formazione.

L’organizzazione dei corsi rimane affidata all’Accademia ambiente foreste e fauna del Trentino, istituita presso la Fondazione Edmund Mach. La nuova disciplina è stata sottoposta all’Ispra e all'Osservatorio faunistico.

La Provincia autonoma di Trento – si legge nel provvedimento – considera il cinghiale una specie problematica in considerazione del suo impatto sulle colture agricole, sugli equilibri ecologici e sulla fauna selvatica: vanno scoraggiate quindi azioni di immissione abusiva e sono da evitare sia l’espansione sia l’immigrazione spontanea dai territori confinanti.

E' in vigore dal 2011 l'attuale impostazione della disciplina del controllo del cinghiale e dei suoi ibridi su tutto il territorio provinciale. L'attività di controllo consiste nell'abbattimento o cattura di specie non cacciabili o per le quali la caccia è sospesa, come è il caso del cinghiale e dei suoi ibridi nella nostra provincia, anche al di fuori dei periodi di caccia e nelle zone in cui la stessa è vietata, per motivi sanitari, per la tutela del suolo, per la selezione biologica, per la tutela del patrimonio storico-artistico, per la tutela delle produzioni zoo-agro-forestali ed ittiche. Le finalità del controllo al cinghiale e agli ibridi sono contenere la specie dove la sua presenza è consolidata, affinché il suo impatto non sia di pregiudizio alle attività agricole e alle altre componenti dell’ecosistema; evitarne l’insediamento nel restante territorio provinciale; perseguire l’eradicazione delle forme ibride in tutto il territorio provinciale.

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Trento. Cinghiale sotto controllo

Culture diverse anche in Francia e sotto controllo, chi vuole ci spara e se lo raccatta, ovunque, singoli o a squadre, dal lunedì alla domenica... Ora che anche da noi i politici hanno capito che paga più eradicare i porci che raccattare i voti di chi alla domenica va a giocherellare nei cinghialodromi mandando assurdamente fuori controllo orde di porci a devastare territori e colture e causare incidenti dal lunedì al sabato... E quindi eradicano dai tavoli di gestione gli allevaporci ci liberiamo di questo tossico giocherello di sti 4 gatti e dei loro porci devastatori in un attimo... Il futuro per la caccia è per noi cacciatori veri sicuramente sarà migliore.... E comunque almeno non pagheremo più x colpa di questi i danni da porco come assurde leggi ci stanno obbligando a fare da 20 anni....

da Luca 29/06/2020 14.35