Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Liguria, calendario venatorio annullato dal TarPiemonte: approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Emilia R.: la Lega chiede deroga allo storno in pre aperturaFidc Umbria: bene modifiche calendario ma c'è ancora da fareCinghiali Siena. La protesta di EnalcacciaStorno, cosa cambia per la caccia in deroga in ToscanaUmbria modifica calendario. Cacciabili anche moriglione e pavoncellaEmilia R.: Interrogazione su ripartizione territorio di caccia AtcCacciatori sentinelle a tutela della lepre italicaRespinti divieti per la caccia nelle aree umide toscaneCommissariato Atc Bologna 3Caccia Sardegna: il 3 settembre si parteCCT: approvato piano prelievo cervo nei ComprensoriCalendario Marche. Il Tar dà ragione alla RegioneA Macerata posizionati nidi per il germano realeIn Ue nuovo attacco alla caccia dei 5 Stelle su pavoncella e moriglioneCampania: richieste di modifica delle associazioni venatorie Liguria: la Corte Costituzionale boccia un provvedimento già superatoFrancia. La Ministra contro il vischioSicilia, il calendario venatorio in arrivo non piace agli animalistiLaghi della Piana: un convegno per rispondere agli attacchi del WwfPubblicate integrazioni calendario venatorio LombardiaLazio: Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Abrogata tassa e segnalazione per ricetrasmittentiCinghiale Piemonte: ok a nuova legge in ConsiglioEps Puglia: certezze per i cacciatori pugliesiCCT: continua il confronto con i cacciatori toscaniCalendario Venatorio Marche: caccia fino al 10 febbraioPuglia: le richieste del mondo venatorio sul calendarioMarche cinghiale: la Corte Costituzionale gela gli animalistiPuglia. La Lega protestaGrandi carnivori: apertura della Commissione UeFidc Umbria "giù le mani dalla Zrc San Gregorio"Toscana: non più obbligatorio tesserino digitale per lo stornoUmbria: esame abilitazione venatoria solo orale per il 2020Roberto Vivarelli confermato coordinatore Atc toscani Impugnativa Lombardia. Rolfi "Per Roma non esiste problema cinghiali"Piano Faunistico Marche: Tar respinge sospensiva animalistaCaccia Lombardia: Governo impugna la nuova leggeLiguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla cacciaMinistro Bellanova annuncia proposta su fauna selvaticaCaretta: su fauna selvatica la demagogia animalista dei VerdiIl mondo venatorio ricorda e celebra il grande Bruno ModugnoE' battaglia sul calendario venatorio della ToscanaUmbria: in arrivo delibera per moriglione e pavoncellaFidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncellaCiao BrunoCaretta: "Ministro Bellanova chiarisca su fauna selvatica"Fidc Umbria: insediata nuova dirigenzaLegge Toscana: guida praticaCaccia cinghiale Umbria: le proposte di Arci CacciaValle d'Aosta. Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021CCT: confronto con la Regione Toscana sulla preaperturaAttacco animalista a Vigevano contro i cacciatoriCaccia in deroga: in Emilia Romagna manca ancora la deliberaFondazione Una cerca proprio AmbassadorPiombo: la Ministra tedesca invita alla mediazioneLa Liguria dice no all'esclusione di pavoncella e moriglioneBelluno. Nuovo Piano per il cervoToscana. Assemblea Cct a CertaldoFidc: I cacciatori sentinelle della salute pubblicaConfagricoltura Toscana. Bene la nuova leggeToscana. Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: "norma filoanimalista"Verona. Accordo tra caccia e agricolturaSpeciale M&C in ricordo di BanaQuando la caccia fa spettacoloTroppi cinghiali in BasilicataTROFEI LADY PER LE CACCIATRICILivorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona Commissione

News Caccia

Cuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghiale


lunedì 15 giugno 2020
    

 
 
 
Con un nota circostanziata, il presidente della Liberacaccia di Cuneo Gabriele Sevega esprime perplessità sulle disposizioni della regione per la caccia di selezione al cinghiale.

"La presenza di questi ungulati sul territorio - scrive - è sempre più costante e sempre più a ridosso delle zone abitate, con rischi sempre più concreti alla circolazione stradale, senza tralasciare i danni alle coltivazioni.

Se da una parte Provincia di Cuneo, Ambiti Territoriali Caccia, Comprensori Alpini stanno cercando di implementare le attività, questa Segreteria Provinciale riceve quotidianamente richieste di intervenire, anche dal mondo agricolo.

Come Associazione vi è l’arduo compito di sensibilizzare i cacciatori nei confronti di questa forma di caccia che di fatto non può essere ritenuta tradizione radicata sul territorio ed infatti vi è sempre un maggior numero di partecipazione di cacciatori provenienti da altre Regioni d’Italia per poter prelevare questi ungulati.

Seppur la Regione Piemonte si sia adoperata ad aprire l’attività venatoria in caccia di selezione al cinghiale il 15 Maggio e la caccia di selezione al capriolo il 1 Giugno, con il plauso delle Associazione di categoria degli agricoltori, si è dimenticata degli attori finali, cioè dei cacciatori quali destinatari e praticanti dell’attività venatoria.

Infatti con l’approvazione della Legge Regionale 5/2018 è stato previsto un adempimento in più al cacciatore: in pratica una prova di tiro da effettuarsi presso i poligoni, avente validità 30 mesi e che in seguito all’approvazione del regolamento attuativo da parte del precedente Presidente Regionale si è trasformata in una taratura dell’arma, richiedendo così al cacciatore di certificare ogni arma che vorrà utilizzare nell’attività venatoria.

Da allora, Maggio 2019, la Segreteria Provinciale ANLC Cuneo ha richiesto più volte alla stessa Regione delucidazioni in merito, un adeguamento dello stesso regolamento presidenziale per quanto espresso in legge, una modifica alla stessa legge per evitare interpretazioni, ma ancora oggi nulla è giunto da Piazza Castello di Torino.

Si ritiene pertanto che se effettivamente la Regione Piemonte voglia utilizzare i cacciatori per l’esercizio venatorio in selezione, debba esprimersi in merito:

Alla prova di tiro che deve ritenersi se abilitazione del cacciatore o taratura dell’arma.

Accreditamento dei poligoni che possono rilasciare l’autorizzazione prevista dalla Legge Regionale 5/2018.

Possibilità di utilizzare cacciatori formati al rilevamento biometrico, attività già adottata in Regioni dove la caccia di selezione è radicata.

Adeguamento del regolamento del Presidente Regione Piemonte alla normativa in materia di armi.

Possibilità per i cacciatori autorizzati al prelievo in selezione all’utilizzo delle strade sottoposte a divieto Legge Regionale 32/82 e non solo al recupero del capo così come indicato dalla legge regionale 5/2018 art. 16.

Un prezzario unico delle quote richieste per poter essere ammessi all’esercizio venatorio in selezione.

Problematiche che devono essere risolte per evitare la perdita dei cacciatori che, in nell’incertezza del momento, abbandonano l’attività, mettendo in crisi gestionale ATC e CA e amplificando ulteriormente il problema ungulati e allontanandosi così dall’ottenere il risultato finale comune che tutti richiedono".


Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Cuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghiale

Prova di tiro voluta dal tiro a segno solo per mungere i cacciatori,solo in Piemonte nelle altre regioni non esiste.

da Lino 16/06/2020 21.45