Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Livorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 BasilicataTar Abruzzo: improponibile questione di legittimità su aree contigueUmbria: gli agricoltori potranno abbattere cinghiali senza guardie venatorieToscana. In cantiere la legge sulla cacciaLivorno. Arcicaccia chiede modifiche per il caprioloCct: depositate osservazioni regolamento Padule di FucecchioMoriglione e Pavoncella. CCT sulla sentenza del Tar toscanoPiemonte. PagoPa per le concessioni regionaliUe. Conferenza Intergruppo sulla biodiversitàUmbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorioBruzzone (Lega) "Conte non escluda mondo venatorio, chiarisca"Campania: approvato Calendario VenatorioPiemonte. Ok a modifiche sulla cacciaToscana. Piano controllo cornacchia e gazzaFrancia. Vincono i verdiLivorno. Cct incontra selecontrollori e capi squadraIl Governo impugna la legge del Molise sulla cacciaCaretta: basta ritardi sulla caccia in derogaLega commenta questione Piemonte e Stati GeneraliPiemonte. Stralciate norme caccia da ddl OmnibusCalendario venatorio Campania: richieste modifiche Trento. Cinghiale sotto controlloCalabria. Verso la modifica della leggeCabina Regia: errore escludere il mondo venatorio da Stati GeneraliEnalcaccia. Stati generali o particolari?Bruxelles, dove si decide il nostro futuroArci Caccia: "Stati Generali con animalisti? No grazie!"Eps Campania: no alle limitazioni di IspraCinghiale. Protestano le squadre umbreVicenza. Patto fra cacciatori e agricoltoriVeneto. Berlato chiede piena applicazione mobilità venatoriaStati Generali. Animalisti all'attaccoLombardia approva deroga per storni e colombiToscana. Ripartono gli esami per la licenza di cacciaVenezia: cacciatori per la lagunaUmbria. Rinviata ancora la selezioneFrancia. 100 deputati firmano un appello per le cacce tradizionaliVeneto: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Piemonte. E' blitz anticaccia in consiglio regionale Regione Lombardia individua valichi migratori in provincia di BresciaRolfi: ora attuiamo nuova legge per contenere i cinghialiCaretta: "finalmente chiarezza sul rinnovo del Porto d'Armi"Uncza annulla assembleaAnuu Emilia R. e Anuu Veneto unite contro il Covid 19Umbria: Arci Caccia sollecita la Regione sulla stanzialeUmbria. Slitta la selezioneLiguria. Assessore Mai "I cinghiali se li prenda il Ministro Costa"Piemonte. Animalisti in allarmeLucca. Enalcaccia dice no al tesserino elettronico per lo stornoCuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghialePiemonte. Dal 1 luglio il tesserino si paga con PagopaToscana. La Regione incontra le associazioni venatorieBerlato sulle cacce in derogaPer la starna forum al Mezzano

News Caccia

Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre


mercoledì 29 aprile 2020
    

Cinghiali Regione Umbria 
 
 
Fidc Umbria informa che il prossimo 30 aprile l'assessore regionale Morroni presenterà in giunta, per la preadozione, il calendario venatorio per la stagione 2020/21. Ma sul testo, secondo l'associazione, ci sono diversi punti da correggere.

Federcaccia Umbra in particolare giudica in maniera negativa la proposta pesentata sulla caccia al cinghiale, con l'introduzione della sola forma singola a partire da ottobre ma il posticipo dell'avvio della braccata al primo novembre.
 
"Le criticità - commenta Fidc - sono fondamentalmente tre, e riguardano la tutela delle coltivazioni, della biodiversità e la congruità con la legge quadro nazionale 157/92. Cominciando dalla tutela delle colture, sono molte quelle di pregio ancora in piedi a ottobre. Posticipare di un mese la caccia in battuta  significa abbandonarle ai selvatici, tra l'altro in un periodo di emergenza sanitaria che impedisce il contenimento primaverile della specie. A tal proposito sarebbe interessante conoscere la voce delle associazioni agricole, che finora non abbiamo sentito. Come testimoniano i dati delle scorse stagioni, inoltre, proprio ottobre è il mese più efficace per la caccia in battuta. Allo stesso modo, senza la caccia al cinghiale durante il mese di ottobre tutti i cacciatori si concentreranno sulle altre specie, con grave danno per la biodiversità (selvaggina nobile stanziale e piccola migratoria). Infine, ma non certo meno importante, aprendo il primo ottobre in forma singola e chiudendo il 31 gennaio in battuta, il cinghiale verrebbe cacciato per quattro mesi al posto dei tre previsti dalla 157/92. I cacciatori umbri sono persone responsabili: lo testimonia la chiusura, ormai consueta, della caccia alla femmina di fagiano al 30 novembre anziché al 31 dicembre, oppure della lepre alla seconda domenica di dicembre anziché al 31, anche se l'assessore - inspiegabilmente - ne ha proposto la chiusura al 6, nonostante la specie goda di ottima salute. Anche su questo punto Federcaccia chiede di spostare la chiusura al 13 dicembre. Allo stesso tempo, chiediamo che il periodo di addestramento dei cani da caccia sia prolungato fino al 17 settembre, escludendo le giornate di preapertura".

Fidc fa inoltre notare come sia mancato il confronto con le associazioni. "Gli incontri si sono finora limitati all'informazione degli interlocutori di quanto da egli già deciso, il tutto accompagnato dalla sua stessa ammissione di non conoscere molto bene la materia. Viene da chiedersi chi sia a consigliarlo nelle sue decisioni: non certo gli uffici regionali, la cui competenza ben conosciamo e apprezziamo" precisa Fidc Umbria.

Tornando al cinghiale, spiega l'associazione venatoria, l'assessore giustifica la sua scelta sostenendo che nelle regioni limitrofe lo si cacci fino a fine gennaio, e che pertanto - se in Umbria si chiudesse prima - il suide troverebbe nella nostra regione zone di rifugio, incrementando i danni alle colture. Tuttavia, la situazione nelle regioni confinanti è molto eterogenea, con alcune realtà in evoluzione verso l'apertura in ottobre (nelle Marche, in una parte della Toscana e una parte del Lazio). Oltretutto, le zone montuose di confine tutelano in maniera naturale gran parte del territorio, visto che in quota - in gennaio - non vi è presenza di colture in atto. Infine, a proposito di montagna, invitiamo l'assessore a considerare il fatto che, sopratutto a gennaio inoltrato, le squadre delle zone montuose potrebbero trovarsi impossibilitate a cacciare a causa della neve. Il tutto a danno soprattutto degli agricoltori e dell'equilibrio della fauna, ma anche degli stessi cacciatori che si vedrebbero ridotte le giornate di caccia, a fronte dei già elevati costi sostenuti per la licenza.

In forza di tutte le precedenti considerazioni, Federcaccia Umbra auspica l’apertura della specie ai primi di ottobre come già anticipato, e la chiusura a fine di dicembre rispettando l'arco temporale. Nel mese di gennaio, qualora non si dovessero raggiungere le quote stabilite, sarebbe possibile prevedere delle battute specifiche a completamento dei piani.

Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

ER CIGNALARO,non so in che parte d'Italia vivi.Non si apre prima del 1° ottobre e si chiude dopo tre mesi di caccia.

da Frank 44 30/04/2020 15.08

Re:Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

Condivisione delle richieste F.I.D.C. da socio Enalcaccia.

da Etrusco Toscano 30/04/2020 11.53

Re:Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

Ma dai basta con queste chiacchiere in tutta Italia il cinghiale lo cacciano dalla terza domenica di settembre a fine Febbraio non ci prendiamo in giro !!!

da Er cignalaro 30/04/2020 11.50

Re:Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

a settembre la stanziale, ottobre le palombe e da novembre il porco, se fanno li caxxi loro e gli altri devono guardare

da cinghialari rovina della caccia 29/04/2020 14.47

Re:Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

tra un po' la apriranno il primo dicembre cosi si cacciano il passo della beccaccia che è l'unica forma che non possono fare prima del porcello,mi chiedo a che servono tutti gli sforzi e soldi per avere qualche ceppo di selvaggina stanziale buona se poi si fa in modo di sterminarla

da Mauro 29/04/2020 13.09

Re:Fidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembre

Il cinghiale DEVE aprire insieme alle altre forme di Caccia, senno gli altri Cacciatori con le orde di cinghalari cicciaroli occupati a sterminare la stanziale possono anche appendere il fucile al chiodo

da Basta regali ai cinghialari cicciaroli 29/04/2020 11.21