Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Livorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 BasilicataTar Abruzzo: improponibile questione di legittimità su aree contigueUmbria: gli agricoltori potranno abbattere cinghiali senza guardie venatorieToscana. In cantiere la legge sulla caccia Livorno. Arcicaccia chiede modifiche per il caprioloCct: depositate osservazioni regolamento Padule di FucecchioMoriglione e Pavoncella. CCT sulla sentenza del Tar toscanoPiemonte. PagoPa per le concessioni regionaliUe. Conferenza Intergruppo sulla biodiversitàUmbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorioBruzzone (Lega) "Conte non escluda mondo venatorio, chiarisca"Campania: approvato Calendario VenatorioPiemonte. Ok a modifiche sulla cacciaToscana. Piano controllo cornacchia e gazzaFrancia. Vincono i verdiLivorno. Cct incontra selecontrollori e capi squadraIl Governo impugna la legge del Molise sulla cacciaCaretta: basta ritardi sulla caccia in derogaLega commenta questione Piemonte e Stati GeneraliPiemonte. Stralciate norme caccia da ddl OmnibusCalendario venatorio Campania: richieste modifiche Trento. Cinghiale sotto controlloCalabria. Verso la modifica della leggeCabina Regia: errore escludere il mondo venatorio da Stati GeneraliEnalcaccia. Stati generali o particolari?Bruxelles, dove si decide il nostro futuroArci Caccia: "Stati Generali con animalisti? No grazie!"Eps Campania: no alle limitazioni di IspraCinghiale. Protestano le squadre umbreVicenza. Patto fra cacciatori e agricoltoriVeneto. Berlato chiede piena applicazione mobilità venatoriaStati Generali. Animalisti all'attaccoLombardia approva deroga per storni e colombiToscana. Ripartono gli esami per la licenza di cacciaVenezia: cacciatori per la lagunaUmbria. Rinviata ancora la selezioneFrancia. 100 deputati firmano un appello per le cacce tradizionaliVeneto: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Piemonte. E' blitz anticaccia in consiglio regionale Regione Lombardia individua valichi migratori in provincia di BresciaRolfi: ora attuiamo nuova legge per contenere i cinghialiCaretta: "finalmente chiarezza sul rinnovo del Porto d'Armi"Uncza annulla assembleaAnuu Emilia R. e Anuu Veneto unite contro il Covid 19Umbria: Arci Caccia sollecita la Regione sulla stanzialeUmbria. Slitta la selezioneLiguria. Assessore Mai "I cinghiali se li prenda il Ministro Costa"Piemonte. Animalisti in allarmeLucca. Enalcaccia dice no al tesserino elettronico per lo stornoCuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghialePiemonte. Dal 1 luglio il tesserino si paga con PagopaToscana. La Regione incontra le associazioni venatorieBerlato sulle cacce in derogaPer la starna forum al Mezzano

News Caccia

Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia


martedì 28 aprile 2020
    

 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
 
Legambiente Piemonte-Valle d’Aosta ha diffuso nei giorni scorsi un documento in cui chiede modifiche e ulteriore ritardo nell’approvazione del disegno di legge n 83 "Disposizioni collegate alla legge di stabilità regionale 2020" della Regione Piemonte. La maggior parte di queste richieste riguarda le variazioni alla legislazione venatoria in questa regione.

Alle pagine 4 e in parte 5 Legambiente affronta il tema della pandemia COVID-19, lanciandosi in affermazioni errate, fuorvianti e tendenziose che dimostrano la volontà d’imporre limitazioni all’attività venatoria, prendendo come scusa un dramma sanitario verificatosi in Italia. Un vero atto di sciacallaggio a cui non si può dare altra definizione se non quella di “meschino”.

In merito alle affermazioni esposte nel “Considerato che” di pagina 4 si fa presente quanto segue per i seguenti punti:

    • A proposito della caccia quale mezzo di contatto fra le persone citato da Legambiente è del tutto evidente che l’attività si svolge all’aperto, quindi, adottando le stesse misure che il Governo emana e promulgherà per le altre attività umane, è possibile esercitarla in piena sicurezza.
    • Non corrisponde al vero che le attività venatorie hanno solo carattere ludico-ricreativo, ma al contrario molte attività sono considerate socialmente utili per il controllo delle specie. In ogni caso ci si chiede per quale motivo Legambiente abbia considerato solo la caccia fra le attività ludico-ricreative da limitare, mentre abbia tralasciato altre forme d’interazione dell’uomo con gli animali selvatici, tra cui la ricerca, l’inanellamento, la cura degli animali feriti nei centri di recupero, le visite a parchi naturali con fauna in cattività, oppure la detenzione degli animali d’affezione, anch’essi soggetti potenzialmente al contatto col virus.
    • Se è vero che COVID-19 rappresenta la più grave forma di pandemia degli ultimi anni, proprio per questo è fondamentale il monitoraggio delle specie selvatiche garantito dalla sorveglianza attiva (raccolta di organi e sangue) degli animali cacciati, eseguita dai cacciatori. I principali fattori scatenanti delle zoonosi sono considerati i cambiamenti di uso del suolo, l’incremento degli allevamenti intensivi e l’utilizzo di pascoli, specialmente in regioni cruciali per la biodiversità, cioè i fattori che intensificano i rapporti diretti tra uomo - animali domestici - fauna selvatica e la possibilità di trasmissione di patogeni tra loro.  Diversi studi internazionali suggeriscono come le zoonosi emergenti originate dalla fauna selvatica hanno maggiori probabilità di verificarsi in regioni con una maggiore densità di popolazione umana e una maggiore diversità della fauna selvatica, come nel sud est asiatico e le regioni equatoriali. Conferma di ciò è che tutte le malattie elencate sono emerse in quelle aree del mondo.

    • In merito allo studio citato, che evidentemente Legambiente non ha letto per intero, si fa presente che non è stata accertata l’origine del virus. Al momento si sta ancora discutendo sull'origine della diffusione del COVID-19 e quindi certe conclusioni appaiono possibili, ma del tutto affrettate e strumentali. L’ipotesi più accreditata ipotizza che la fase iniziale dell'emergenza del virus dalla fauna selvatica sia stata verosimilmente dovuta alla caccia di sussistenza delle popolazioni locali finalizzata ad ottenere proteine animali, che ha causato il passaggio del virus all’uomo passando per una specie in grado di modificare il virus. In ogni caso, la maggior pare delle malattie zoonotiche diffuse a livello mondiale (COVID-19, SARS, Nipha virus, Ebola, AIDS, etc..) derivano da un’interazione più o meno diretta all’interno di ambienti in rapido cambiamento fra animali selvatici, animali domestici e uomo.
Sulla base di quanto sopra descritto la richiesta di Legambiente: “Legambiente Piemonte e VdA chiede pertanto che le norme del capo III del DDL 83/2020 vengano stralciate e rinviate ad un esame approfondito da condurre solo al termine dell’emergenza attuale”  risultano del tutto strumentali e orientate dal consueto atteggiamento ideologico anticaccia.
Di seguito alcune considerazioni che spiegano l’erroneità della proposta di Legambiente-Valle d’Aosta:

Pur in presenza delle gravi problematiche sanitarie in essere, che si confida saranno sempre più attenuate passando ad una fase di possibile convivenza con il virus SARS-CoV-2, sulla base delle considerazioni sopra esposte Federcaccia Piemonte e l’Ufficio Nazionale Studi e Ricerche ritengono:

    • necessario che il futuro della conservazione del patrimonio faunistico e la regolamentazione dell’attività venatoria in Piemonte, così come in Italia, continuino secondo le strategie di gestione già assunte a livello regionale, nazionale e internazionale;

    • necessario che la gestione delle specie di cui trattasi sia nuovamente attivata includendo in essa la ripresa dei monitoraggi di tipo faunistico e sanitario;

    • incongruente la sospensione della modifica di legge richiesta da Legambiente Piemonte e VdA, considerato che la stessa legge regionale proietta i propri effetti per un tempo indefinito negli anni, rispetto ad una pur grave problematica sanitaria che si spera vivamente di poter contenere nei prossimi mesi e possibilmente risolvere nei prossimi anni;

    • incongruente la richiesta di Legambiente Piemonte e VdA rispetto alla materia trattata, non risentendo di ripercussioni dirette in conseguenza della pandemia COVID-19, se non nel contingente a causa di eventuali limitazioni alla mobilità delle persone;

    • necessario salvaguardare i servizi ecosistemici che la fruizione sostenibile di quote assai limitate delle popolazioni delle specie oggetto della modifica di legge può assicurare sul piano culturale e socio-economico.

Le successive richieste di Legambiente-Valle d’Aosta sulla riduzione di specie cacciabili sono già state contraddette punto per punto da questa Federazione e dai documenti tecnici dell’Ufficio Studi e Ricerche Nazionale, ci limitiamo a far presente ancora che le specie cacciabili in Italia sono consentite dalla direttiva 147/2009/CE, dalla Legge 157/92, e ritenute cacciabili da ISPRA in tutti i calendari venatori delle altre regioni. Legambiente continua a sostenere tesi prive di fondamento scientifico, e a discriminare i cittadini piemontesi cacciatori dai propri colleghi del resto d’Italia.

Federcaccia Piemonte
Ufficio Studi e Ricerche Nazionale Federcaccia

Leggi tutte le news

10 commenti finora...

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

Basta prese in giro, ancora con la storia che il covid 19 venga dagli animali. Il virus viene da un laboratorio, resta da chiarire se è sfuggito o se è stato liberato appositamente

da Mauro 30/04/2020 12.26

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

Ma non era proprio Federcaccia la prima associazione che insieme ad Arci Caccia ha sottoscritto patti e alleanze con Legambiente???? Sveglia..le uniche associazioni che hanno voglia di mandarci a caccia sono la Libera e CPA

da davide78 29/04/2020 15.22

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

Impiccateli a testa in giu nella pubblica piazza, bastonarne uno per educarne cento

da X° Mas 29/04/2020 14.51

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

Matrimonio già finito? Forse che la grande madre si è scoperto essere una [email protected]@@ e faceva la cresta alle entrate della cassa degli animalari?

da fidc e lagambiente sempre brutta gente 29/04/2020 13.55

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

Si ok stiamo attenti! Si ok il " blob "verde cerca di inglobarsi caccia, pandemia ed altro, ma NOI comuni mortali altre che avere una tessera un P,A. e un cane , cosa possiamo fare oltre che stare alla finestra e SPERARE che le AAVV varie facciano il nostro interesse o perlomeno il loro dovere, fino ad oggi ci sono stati solo chiesti dei soldi MA TIRARE FUORI LE PALLE E DENUNCIARE, COMPRARE PAGINE DI GIORNALI, dire qualcosa di sinistra o di destra o di centro ? ........piiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii encefalogramma piatto!

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 29/04/2020 11.43

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

comunque stiamo sul chi va la....questi non mollano

da setter'63 29/04/2020 0.10

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

L'errore risibile che commettono gli "ambientalisti", e' il considerare la caccia attivita' ludico - ricreativa, verosimilmente confondendola con il loro "interesse" per i veri problemi dell'ambiente, per la cui salvaguardia fanno veramente poco. Al contrario, l'ars venandi, e' cosa molto diversa, cosi' come indica il sostantivo latino "ars". Semplice e' cavalcare l'emotivita', tuttavia, al di infondate richieste ideologiche, la caccia e' ammessa e continuera' ad essere praticata, pure in presenza di eventuali e molte remote sospensioni temporanee.

da Da Federcacciatore 28/04/2020 21.16

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

SECONDO ME LA PROSSIMA PANDEMIA LA PORTERANNO GLI STORNI CON LE TONNELLATE DI GUANO CHE RIVERSANO SULLE CITTA'!DITEGLIELO A QUEI SAPIENTONI(SI FA PER DIRE)DEI LEGAMBIENTISTI!

da mariolino umbro-veterinario 28/04/2020 19.09

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

Io sono preoccupato che animali domestici possono contagiare l'uomo, quindi vediamo se gli animalardi hanno qualche soluzione, tipo mettere in quarantena colonie di gatti e cani randagi.

da Grazie. 28/04/2020 18.48

Re:Fidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla caccia

E te pareva..........Eccoli lì pronti ( COME AL SOLITO ) a farci a fette, Dovete picchiare duro ( SE NE AVETE CUORE )contro queste nefandezze nei nostri confronti, senza dimenticare che il " come siamo belli come siamo bravi " delle donazioni a favore della lotta contro il cov 19 SI SCIOGLIERA' COME UN ETTO DI BURRO SCALDATO PER MEZZ'ORA IN UN FORNO A MICROONDE e noi saremmo sempre le pezze da piedi ( paganti ) di tutti " politici, AAVV,peripatetiche,pifferai ..... "

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 28/04/2020 18.10