Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Caretta: da Ministro Costa ennesimo atto ostile alla cacciaAbruzzo: Consulta venatoria si riunisce sul Calendario 2020- 2021Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea


venerdì 27 marzo 2020
    

Federcaccia Lombardia ha pubblicato la lettera di Luca Amedeo Meani, Presidente della sezione Fidc di Vimercate, coinvolto nella lotta contro il Coronavirus in questi difficili giorni tra le corsie dell’ Ospedale San Gerardo di Monza, come coordinatore Chirurgia seconda, urologia, Week surgery, oggi convertite in unità operative Covid 19 all’ ASST di Monza.
 
"Un altro esempio di vita da parte di un cacciatore" commenta l'associazione venatoria. "Una testimonianza che tocca il cuore, che ci rende ancor più fieri di essere una grande famiglia". "E’ un ritratto della condizione degli operatori sanitari in questi giorni, dei pazienti colpiti dalla malattia e una riflessione su come potrà essere il mondo una volta uscito da questa crisi, anche il nostro mondo venatorio" scrivono dalla Federcaccia lombarda.
 
Ecco il testo della lettera:

Cari amici cacciatori, le Unità operative da me coordinate all’Ospedale San Gerardo di Monza sono state convertite in Unità COVID 19. Questo fatto di per se stesso sta a significare che stiamo vivendo momenti drammatici e unici per noi e la Nostra Nazione e sono certo che nessuno possa oggi dire di non essersi accorto di quanto sta accadendo intorno a noi. E’ certo però che l’Italia quando avrà la fortuna di uscire da questo drammatico momento sarà composta da persone che avranno sulle spalle un trauma talmente grande, da far si che il passato risulti un tempo ormai molto lontano da tutti noi.

Vedete, oggi, io così come tanti e tanti altri colleghi ci troviamo ad incontrare la morte tutti i giorni, tuttavia non è la morte che ci spventa, ma è l’essere consapevoli che potrà accadere anche a noi, ma cosa?

Il dover morire quasi improvvisamente, senza avere il conforto di alcuno, se non di operatori sanitari , che in mezzo al turbinio e all’incessante richiesta di aiuto di altri nostri simili, riescano a trovare il tempo per stringere la mano ai fratelli che stanno partendo e magari ci possano accompagnare con almeno il segno della croce o qualsiasi altro conforto religioso se non si è Cristiani o Cattolici.

Vi sto scrivendo in un momento in cui sono riuscito a bere un bicchiere d’acqua, prima di riniziare il percorso che in questo periodo di quaresima, ci ricorda quello che nostro Signore ha concluso sul monte Calvario. Vedete, anche le loro famiglie, spesso perdono le tracce perchè vengono separate da subito dai loro cari allorquando gli stessi vengono ricoverati. Le notizie ai famigliari, che spesso sono in quarantena perchè sono stati a contatto con i nostri fratelli ricoverati, vengono fornite al telefono, quindi coloro che vengono isolati sono consapevoli che non vedranno la famiglia, almeno fino a quando non saranno dimessi. A volte però, così come potete assumere dai dati che il bollettino quotidiano della Protezione civile ci fornisce, alcuni possono non farcela e mentre sono ancora consapevoli, si disperano, perchè improvvisamente qualcosa gli sta togliendo la vita lontano dai propri affetti e dai propri cari. Purtroppo in Italia la percentuale di chi oggi non riesce a farcela è molto alta, circa il 10%.

Non vi dico altro, ma spero che questa testimonianza, e vi assicuro che il minimo che ho descritto mi sta cambiando profondamente la vita anche se oggi sono 38, gli anni che ho vissuto e vivo cercando di aiutare gli altri ad affrontare la sofferenza, vi ispiri, in qualche modo a riflettere sul seguente argomento.

Anche se tutti i nostri amici cacciatori e nostri simpatizzanti, riuscissero a raggiungere la terra ferma, indenni perchè non soffocati da questo guado insidioso, sicuramente molti di loro saranno gravati dal metabolizzare le complesse situazioni famigliari, esito di un momento unico e terribile, che verranno ad essere accettate solo dopo molto tempo, ma saranno visibili alla pari di cicatrici così evidenti da non poter mai più essere ignorate.

Per questo motivo, penso che dovremo prepararci ad una situazione post Corona-Virus, così diversa da quella che ci appariva prima, che se ben ricordo, già ci sembrava in declino. Quindi Vi prego, al fine di affrontare meglio una situazione che ad oggi ci sembra lontana a venire ed ignota, cerchiamo di unire le nostre forze per far si che la nostra passione sia rilanciata in positivo, magari cercando di  evitare dispute inutili che ci distolgono  da ciò che sarà veramente necessario mettere in capo in un prossimo futuro.

Personalmente penso che sarà molto utile adottare soluzioni che agevolino i nostri amici cacciatori nel riprendere l’attività venatoria, magari potremmo suggerire come FIDC alla Regione, modalità che siano incentivanti verso chi, per le conseguenze di quanto sta accadendo, dia una priorità bassa alla sua passione venatoria.

In fondo ho visto che l’assessore Rolfi e la Regione stessa, in questo periodo stanno affrontando appunto il problema, derogando le date obbligatorie per la legge della Regione Lombardia n 26 del 1993, in materia di riconsegna dei tesserini venatori, delle domande da consegnare per l’ammissione agli ambiti territoriali di caccia e comprensori Alpini e di altre incombenze necessarie per legge, tutto questo al fine di limitare la circolazione degli individui, che  ricordo a tutti,  azione importantissima per limitare la diffusione dell’infezione. Mi auspico però, possano essere azioni che nascano da una vera intenzione che trae origine dalle necessità e le difficoltà attuali di tutti coloro che amano il nostro mondo, ma che vi ricordo, vivono in un’età media di tutto rispetto.

Detto questo vi saluto e riprendo l’attività che anche oggi, al momento, non può conoscere l’orario di ritorno a casa.

Vi chiedo ancora scusa per la mia lunga riflessione

Un abbraccio a tutti


Luca Amedeo Meani
Presidente Sezione Comunale FIDC di Vimercate

Leggi tutte le news

13 commenti finora...

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Alzano e chi era in quell'ospedale la causa principale dell'epidemia in italy. deficenti!!!!

da Alzano responsabili dell'ospedale dementi! 29/03/2020 11.26

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Grazie Luca per quello che stai facendo assieme a tutto il personale sanitario d'Italia. La tua riflessione viene condivisa da tutti noi. Spero che tutti i politici si rendano conto che bisogna investire su sanità e ricerca non solo in Italia, ma nel mondo. Non servono le armi e gli egoismi. Ancora grazie. Un saluto dal Lazio.

da Antonio 29/03/2020 11.06

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Ragazzi non scaldatevi. I cinesi sono persone come noi, che hanno sofferto come stiamo soffrendo noi e che hanno messo a disposizione il loro vissuto per aiutare (anche) noi. Non facciamoci influenzare dalla facile notizia “gossip” o complottista. I cinesi in Italia sono esattamente sulla stessa barca con noi, il fatto che una malattia abbia origine (forse, non è che abbia la targa) in una determinata nazione non ne rende colpevole il popolo che ci vive.

da Zuzzi 29/03/2020 0.49

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Una cosa e' certa e sicura. I ristoranti cinesi in italia hanno definitivamente chiuso! Da parte mia di sicuro non ci andro' piu' nemmeno morto.

da Io me 28/03/2020 19.15

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Un cacciatore eroe che non distingue cacciatori e animalisti si sacrifica x tutta l umanità..in bocca al lupo Dott..Luca

da Il cacciatore del paese fantasma 28/03/2020 14.08

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

COME DICE "PURTROPPO E' LA FINE" ANCHE IO CREDO CHE QUESTO VIRUS SIA STATO RILASCIATO O SFUGGITO DAL LABORATORIO DI WUHAN IN CINA!LA TRASMISSIONE DELLA RAI DEL 2015 NE FA FEDE!QUINDI NON SO' PURTROPPO CHE FINE FARA'LA NOSTRA SPECIE!CERTO SE QUALCUNO AVESSE LE PROVE SE NE GUARDA BENE DAL TIRARLE FUORI PERCHE'CI SAREBBE LA CACCIA AI CINESI IN TUTTI I PAESI ED IL RISHIO QUASI CERTO DI UNO SCONTRO NUCLEARE CON LA CINA!MA 2 PIU' DUE FA QUATTRO ED E' IMPOSSIBILE SE NON FOSSE VERO CHE L'ALLARME LANCIATO DA WUHAN NEL 2015 DEL SUPER VIRUS POI SI SIA VERIFICATO PROPRIO LI!IL POPOLO MICA E'SCEMO!

da mariolino umbro 28/03/2020 12.03

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

La colpa pero' e di quei colioni di ALZANO penso sempre medici che non hanno dato subito l'allarme!!ma dopo un mese .Perche' non li arrestano?

da '''' 28/03/2020 8.27

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Questo virus e' arma di distruzione di massa rilasciato appositamente e vedo e prevedo che ne verra' immesso anche dell'altro tipo in modo da fare ancora piu' danni all'umanita' triste a dirlo ma a scrivere sul blog non saremo piu' gli stessi dell'anno passato.

da Purtroppo e' la fine 28/03/2020 8.16

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Forza Luca...non può piovere per sempre...un abbraccio.

da Alessandro 27/03/2020 22.13

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

graze per quello che fa è una dimostrazione del cuore grande che hanno i cacciatori e i medici tutti inun momento difficile

da Zubbiani G ANUU Lumezzane 27/03/2020 16.07

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Forza, coraggio, prudenza. Voi in prima linea, siete e resterete per sempre, un esempio per tutti. Grazie

da Da Federcacciatore 27/03/2020 15.26

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

E noi tutti ti abbracciamo Luca. Forte.

da Gilbe 27/03/2020 14.45

Re:Coronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima linea

Grazie di questa preziosissima testimonianza

da Red 27/03/2020 13.31