Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Molise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvaggina Lombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

Bana, il ricordo di Massimo Marracci


lunedì 23 marzo 2020
    

 
 
Massimo Marracci ci invia un ricordo personale dell'avv. Gianni Bana, rivolto ai colleghi e amici della caccia europea e internazionale, con i quali in tanti anni insieme hanno lavorato.

Cari Amici e Care Amiche,

ho dovuto prendermi tre giorni per cercare di scrivervi qualche parola, visti questi momenti veramente duri per me e per tutti noi e non soltanto a causa della tragica scomparsa del nostro Maestro Giovanni Bana. Giovanni, che oggi avrebbe festeggiato il suo 83° compleanno.


Mi rivolgo a voi, senza formalità, per ringraziarvi di cuore dei vostri messaggi e della vostra fraterna solidarietà che Giovanni e noi abbiamo ricevuto da parte vostra.


Arriverà il tempo per tributargli gli onori che merita e che gli dobbiamo, d’accordo con la sua famiglia, dopo un’esistenza totalmente dedicata al lavoro, alla sua professione, alla caccia, alla ricerca ornitologica, alla difesa della ruralità e di tutte le sue tradizioni. Ci ha lasciato in eredità un’inestimabile lezione di professionalità e di vita.


Egli dichiarava spesso la necessità di difendere e promuovere le tradizioni «senza essere necessariamente tradizionalisti”. Aveva ragione. Per difendere la caccia come una tradizione e un’attività della ruralità, occorre appoggiarsi sui dati scientifici, sugli strumenti della comunicazione, sugli aspetti storici e culturali, dimostrando che essa è un’attività vitale per la conservazione della fauna selvatica e degli habitat. Lo sosteneva già più di trent’anni or sono.  Io, ho avuto il privilegio di essere scelto da Giovanni come il suo “allievo venatorio”.


Avevo 25 anni, allorché ci conoscemmo. Ciò accadeva nel marzo 1993, a Bergamo, in occasione di un’Assemblea nazionale dell’ANUU, l’Associazione dei Migratoristi Italiani: fu in tale occasione, facendomi coraggio, che mi presentai a Giovanni, all’epoca Presidente dell’associazione, offrendo la mia candidatura per lavorare per la caccia. E voilà, soddisfatto! Dopo qualche mese di conoscenza, cominciò a portarmi con sé a Bruxelles, a Strasburgo, a Parigi, a Marsiglia, a Valencia, ad Atene, a Malta e dappertutto. Il Parlamento europeo, il Consiglio d’Europa, la FACE, il CIC, le Federazioni nazionali; ovunque, Maître Bana era il benvenuto e per tutti aveva dei suggerimenti strategici, dei consigli tecnici, degli indirizzi da seguire e, soprattutto, dell’amicizia. L’AECT – fondata nel 1995 come AACT, Associazione degli Amici delle Cacce Tradizionali – una delle sue idee più brillanti, lo dimostrava sin dalla nascita, con gli altri fondatori Marius Barriere, Marc Meissel, Jean-Pierre Guercin, Jean-Claude Ricci e altri amici spagnoli delle Baleari, i portoghesi e gli amici maltesi. Senza dimenticare che, nel 1977, era stato uno dei fondatori della FACE, la famiglia allargata dei cacciatori europei. E che, poco dopo, aveva creato la Fondazione europea Il Nibbio. È incredibile il numero di persone che conosceva e che lo conoscono. Non so quanti viaggi in aereo, in treno, in auto, abbiamo fatto insieme … e quanti chilometri … sempre con la stessa energia e la stessa gioia di fare.


È per questo, che non ho perduto solo un maestro, ma anche un padre e un amico. Ora, tutto cambierà e occorrerà riorganizzarsi. È inevitabile, quando gli uomini-monumento come Giovanni spariscono. Tocca a noi preservare e coltivare il tesoro che ci lascia. Non sarà facile, ma bisognerà provarci. Augurandoci che si possa ricominciare a condurre la nostra vita normale in un lasso di tempo ragionevole, vista la grave crisi sanitaria che ci avvolge.


Per Giovanni, adesso, la pace. Finalmente, potrà discutere di caccia in leggerezza con tutti i suoi grandi Amici che se ne sono andati prima di lui: Marius Barriere, Albert Herrero, Pascual Batalla I Llorens, Raymond Pouget, Nikolaos Papadodimas, Jean-Paul Boidot, Pierre Daillant, Jean Servat… da lassù, fra una caccia alle anatre e una cattura di tordi con le reti, sono convinto che veglierà su di noi e che vorrà regalarci ancora tutto il suo sostegno.

Arrivederci Gianni, che la terra ti sia lieve.
Scritto a Milano, 23.03.2020
 
Massimo Marracci
Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Bana, il ricordo di Massimo Marracci

Bravo MASSIMO, parole sante, il mondo venatorio ne sentirà la mancanza, è stato un GRANDE.

da DOMENICO ROSSATO 24/03/2020 19.36

Re:Bana, il ricordo di Massimo Marracci

Caro avvocato Gianni Bana, ci ha lasciato troppo presto, avevamo ancora bisogno di Lei. Sicuro di interpretare anche il pensiero di tutti i cacciatori Bergamaschi dell'ANUU Migratoristi che hanno avuto modo, in tutti questi anni, di conoscere la grandissima persona che è stata e non potendo, in questo momento di grande difficoltà che sta attraversando il nostro Paese, salutarla e accompagnarla nell'ultimo viaggio, verso i verdi pascoli del cielo dove sono certo troverà un roccolo da far funzionare insieme anche ai tantissimi cacciatori che ci hanno lasciato prima ed in questo tremendo periodo, lo farò e faremo mentalmente con tutto il cuore, con l'affetto, la stima e riconoscenza per tutto quello che ha fatto per il mondo venatorio. Sono sicuro che ci aiuterà ancora anche da lassù. Il presidente Provinciale di Bergamo Carlo Luigi Piffari

da da Carlo Luigi Piffari 23/03/2020 23.02

Re:Bana, il ricordo di Massimo Marracci

Un bellissimo commento dovuto, fatto da parte di chi gli è stato a fianco, ed ha visto quale Grande generosa persona e Grande cacciatore era. Il mondo venatorio lo ricorderà per sempre. Bravo Massimo

da Terfiro 23/03/2020 15.11

Re:Bana, il ricordo di Massimo Marracci

Bellissimo sig. Marracci questo suo per l'Avvocato Gianni Bana

da marcus 23/03/2020 13.47