Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Caretta: da Ministro Costa ennesimo atto ostile alla cacciaAbruzzo: Consulta venatoria si riunisce sul Calendario 2020- 2021Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

Serve uno sforzo da parte di tutti


giovedì 19 marzo 2020
    

 
 
Ognuno di noi, in questo delicatissimo momento di crisi sanitaria e sociale dovrebbe fare la sua parte. Non uscendo di casa, se non strettamente necessario, come giustamente ci hanno imposto di fare. Evitando i contatti con gli altri e mantenendo le distanze quando ci concediamo un’uscita per una spesa frugale. E se le libertà individuali sono sospese, situazione necessaria per fermare il dilagare dei contagi del CoronaVirus, anche le aziende che continuano giustamente a lavorare, tenendo così viva la nostra già fragile economia, hanno, probabilmente qualche responsabilità nell’influenzare i consumatori-cittadini.
 
Basta fare un giro sui giornali on line, che tutti frequentiamo molto più assiduamente del solito alla ricerca di notizie positive sul numero dei guariti (che per fortuna stanno aumentando) o accendere la tv, per imbattersi in mille pubblicità dove si continuano a mostrare assembramenti di persone, di fatto incentivandoli. In fondo la pubblicità non dovrebbe cogliere i cambiamenti prima ancora che avvengano? Allora cosa aspettano quei geni del marketing per adeguarsi alle nuove disposizioni governative che raccomandano di mantenere le distanze e stare in casa, evitando i contatti?
 
Sembra che nessuna pubblicità sia variata rispetto a un mese fa, quando di fatto la nostra vita era completamente diversa. Se anche le aziende facessero la loro parte fino in fondo, non solo proteggendo i propri dipendenti tramite lo smart working e i dispositivi di protezione individuali, ma anche educando la cittadinanza e adeguandosi ai cambiamenti in corso, forse avremmo fatto un altro passettino avanti verso la sconfitta definitiva di questo virus. E se non capissero questa urgenza, forse sarebbe auspicabile quanto prima un nuovo decreto che, per il bene di tutti, vietasse l’utilizzo di immagini che di fatto istigano a non rispettare i divieti in atto.

Leggi tutte le news

0 commenti finora...