Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Caretta: da Ministro Costa ennesimo atto ostile alla cacciaAbruzzo: Consulta venatoria si riunisce sul Calendario 2020- 2021Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

PAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversità


martedì 10 marzo 2020
    

 
 
 
E' ora di pensare ad un'agricoltura sostenibile. E' questo che chiede una dichiarazione in dieci punti, firmata da un grandissimo numero di scienziati in tutta Europa, nella quale si chiedono impegni mirati per affrontare le sfide della sostenibilità nella prossima politica agricola comune (PAC).

La dichiarazione mette in eidenza i punti deboli dell'attuale proposta della PAC per quanto riguarda l'ambiente, il clima e le questioni socioeconomiche. Sembra che i governi dell'UE invece di potenziare la protezione dell'ambiente stiano discutendo potenziali tagli di bilancio al secondo pilastro della PAC, che finanzia programmi agroambientali.
 
Nella loro dichiarazione, gli scienziati riconoscono che "l'agricoltura è il principale motore del degrado ambientale in Europa" riferendosi a questioni legate sia all'espansione / intensificazione che all'abbandono della terra. Inoltre, attirano l'attenzione sul fatto che "le riforme precedenti non sono riuscite a riprogettare o integrare gli strumenti esistenti per migliorare le prestazioni della PAC".

Lo rende noto la FACE, confederazione che rappresenta i 7 milioni di cacciatori d'Europa, la quale concorda sulla necessità di maggiori ambizioni ambientali nella riforma della PAC, attraverso l'adozione di un approccio basato sulla performance per la conservazione della biodiversità. Le associazioni venatorie nazionali europee sono sempre più preoccupate per lo status delle popolazioni di selvaggina in Europa e per la capacità dell'attuale proposta della PAC di garantire la biodiversità. Il calo delle specie di piccola selvaggina, come la starna, il fagiano e la lepre, è allarmante e continuerà a meno che non ci siano cambiamenti nella prossima PAC.
 
Gli scienziati sottolineano anche la necessità di almeno il 10% di aree dedicate alla natura efficaci in tutti i terreni agricoli, contribuendo così a costruire una biodiversità funzionale resiliente. Inoltre, gli agricoltori che mantengono terreni agricoli ad alto valore naturale (HNV) dovrebbero essere ben supportati. Per FACE, l'agricoltura non dovrebbe essere limitata alla "produzione", ma anche al sostegno della conservazione della biodiversità laddove siano soddisfatti gli obiettivi specifici stabiliti dalla legislazione dell'UE. Ad esempio, per quanto riguarda l'ammissibilità delle caratteristiche naturali, le norme della PAC devono incoraggiare gli agricoltori a mantenere sulla loro terra importanti habitat a beneficio della biodiversità (e dell'agricoltura).
 
In tutta Europa, le partnership tra cacciatori e agricoltori hanno dimostrato di offrire benefici per la conservazione. È importante che il valore di queste collaborazioni costruttive sia riconosciuto nella PAC post 2020.

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:PAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversità

Finalmente qualcuno che parla chiaro. Speriamo che Fiocchi e compagnia briscola ne facciano tesoro. E' inutile cpontinuare a sostenere l'agricoltore come il migliore alleato del cacciatore. L'agricoltura industrializzata, intensiva, come quella di oggi non tiene conto dei principi di sostenibilità. Andate nelle terre del prosecco leghista e ve ne renderete conto. C'è bisogno di un salto enorme di qualità nella vita dell'uomo. In Italia, c'è da recuperare tutto l'appennino, con allevamenti bradi, taglio del bosco come si deve, recupero di produzioni alla maniera tradizionale. Una gestione che non vuol dire negazione delle innovazioni. Ma basta veleni, basta monocolture, basta sfruttamento irrazionale dei suoli.

da Basta con l'agricoltura assassina 10/03/2020 9.01