Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

Studiare la pernice elbana per salvare la specie in Italia


venerdì 6 marzo 2020
    

pernice rossa 
 
Un nuovo studio condotto dall'Università di Pisa, in collaborazione con l'Università di Oporto, ha indagato sul patrimonio genetico della pernice rossa elbana.  La ricerca è stata appena pubblicata sulla rivista Zoology che le ha dedicato la copertina.

I ricercatori hanno sequenziato 2.250 basi del DNA mitocondriale nella zona di distribuzione della specie, ritrovato documenti di archivio inediti e raccolto le testimonianze di addetti ai lavori (ex Corpo Forestale dello Stato, Polizia Provinciale di Livorno). Tutto questo ha permesso di confermare l’inquinamento genetico della pernice rossa elbana con l’esotica coturnice orientale (Alectoris chukar) e rivelare la contaminazione con alcune sottospecie di origine iberica. Il che è dovuto a scellerate gestioni venatorie degli anni sessanta.
 

“A fronte dell’irreversibile depauperamento genetico della specie nel nostro Paese – spiega Giovanni Forcina – la pernice elbana, seppure geneticamente non integra, è certamente la risorsa di maggior pregio per la sua lunga storia naturale, la capacità di auto sostentamento e l’assenza di ripopolamenti negli ultimi 25 anni. Pensiamo che essa custodisca ancora almeno una parte dell’ormai estinto patrimonio genetico della sottospecie originaria italiana e il sequenziamento dell’intero genoma, in svolgimento, ci darà le basi per chiarire quest’aspetto in via definitiva”.

“La pernice rossa elbana merita senza dubbio di essere conservata – spiega Filippo Barbanera – Purtroppo è fortemente minacciata dalla presenza del cinghiale, dall’abbandono delle aree rurali interne e dall’eccessivo affollamento della costa. Dopo la recente eradicazione dei galliformi non nativi nella vicina Pianosa, su quest’isola si sta pensando di immettere popolazione una popolazione di pernice rossa di origine non italiana ritenuta geneticamente integra. Ritengo che proteggere un nucleo di pernici elbane sull’isola di Pianosa (una sorta di back-up demografico) sarebbe certamente preferibile rispetto alla scelta della purezza genetica ma è un obiettivo non conseguibile sulla base delle sole risorse italiane”.

 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Studiare la pernice elbana per salvare la specie in Italia

Sulla trasmissione PRESA DIRETTA si parla di neocototinoidi veleni che ammazzano le api velenosi per l'ambiente queste sono notizie per l'ambiente avvelenato bisognerebbe indagare cosa succede in EUROPA.

da Salviamo gli uccelli 07/03/2020 17.44