Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Caretta: da Ministro Costa ennesimo atto ostile alla cacciaAbruzzo: Consulta venatoria si riunisce sul Calendario 2020- 2021Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in Toscana

News Caccia

Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia


martedì 3 marzo 2020
    

 
 
 
La Giunta regionale del Piemonte ha proposto alcune modifiche alla legge regionale sulla caccia nell'ambito della legge di stabilità. Allo stato attuale le disposizioni proposte sono ancora passibili di modifiche. Gli articoli proposti e approvati dalla Giunta sulle disposizioni in materia di agricoltura e caccia (su cui Fidc Piemonte ha espresso già le proprie riserve) sono i seguenti:


Art. 16.
(Modifiche all’articolo 2 della l.r. 5/2018)
1. Il comma 5 dell'articolo 2 della legge regionale 19 giugno 2018, n. 5 (Tutela della fauna e gestione faunistico-venatoria) è abrogato.

Art. 17.
(Modifiche all’articolo 5 della l.r. 5/2018)
1. La lettera e) del comma 1 dell’articolo 5 della l.r. 5/2018 è sostituita dalla seguente:
“e) il risarcimento dei danni prodotti dalla fauna selvatica e dall’attività venatoria, gli interventi e le iniziative per la prevenzione dei danni stessi nonché il loro accertamento, sentiti gli ATC e CA.”.

Art. 18.
(Modifiche all’articolo 6 della l.r. 5/2018)
1. Il comma 7 dell’articolo 6 della l.r. 5/2018 è sostituito dal seguente:
“7. Il proprietario o il conduttore di un fondo che intende vietare sullo stesso l'esercizio dell'attività venatoria inoltra, entro trenta giorni dalla pubblicazione del piano faunistico-venatorio regionale, al Presidente della provincia e al sindaco della Città metropolitana di Torino e, per conoscenza all'ATC o CA di competenza, una richiesta motivata che deve essere esaminata dall’amministrazione nel rispetto dei termini di cui all'articolo 2 della legge 7 agosto 1990, n. 241 (Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi). La Giunta regionale stabilisce i criteri e le modalità di esercizio del presente divieto, compresa l’apposizione, a cura del proprietario o del conduttore del fondo ove insiste il divieto di caccia, di tabelle esenti da tasse, che delimitano in maniera chiara e visibile il perimetro dell’area interessata.”.

Art. 19.
(Modifiche all’articolo 8 della l.r. 5/2018)
1. Dopo il comma 4 dell’articolo 8 della l.r. 5/2018 è aggiunto il seguente:
“4 bis. I comitati di gestione degli ATC e dei CA per motivate esigenze ambientali, territoriali o faunistico-gestionali, possono richiedere una deroga al divieto di cui al comma 4. La Giunta regionale definisce i criteri per il riconoscimento e adotta i relativi provvedimenti.”.

Art. 20.
(Modifiche all’articolo 9 della l.r. 5/2018)
1. Il comma 1 dell’articolo 9 della l.r. 5/2018 è sostituito dal seguente:
“1. La Regione, in attuazione della l. 157/1992, anche al fine di realizzare uno stretto legame dei cacciatori con il territorio per favorire il loro impegno nella gestione e nella salvaguardia dei beni faunistico-ambientali, determina in modo adeguato le dimensioni spaziali e faunistiche dei singoli ambiti venatori. Il cacciatore residente in Piemonte fissa la propria residenza venatoria nell’ ATC o CA ove ritira il proprio tesserino venatorio regionale. Ulteriori ammissioni sono consentite, previo consenso dei rispettivi organi di gestione, nel rispetto del numero totale di cacciatori ammissibili. Il prelievo nei confronti della tipica fauna alpina, è comunque limitato al solo CA di residenza venatoria.”.
2. Al comma 2 dell’articolo 9 della l.r. 5/2018, le parole:”di estensione non inferiore a 50.000 ettari venabili” sono soppresse.

Art. 21.
(Modifiche all’articolo 10 della l.r. 5/2018)
1. Al comma 3 dell’articolo 10 della l.r. 5/2018 dopo le parole: “miglioramento dell’ambiente è inserita la seguente: ”naturale”.
2. Al comma 3 dell’articolo 10 della l.r. 5/2018 dopo le parole: “di protezione” sono inserite le seguenti: “e incremento”.

Art. 22.
(Modifiche all’articolo 11 della l.r. 5/2018)
1. Il comma 9 dell’articolo 11 della l.r. 5/2018, è sostituito dal seguente:
“9. Per garantire il rispetto delle disposizioni della legge 157/1992 e mantenere l'equilibrio di rappresentanza, i componenti di cui al comma 7, ad esclusione dei rappresentanti degli enti locali compresi nell’ATC o nel CA, non possono esercitare attività ricadenti in altre categorie.”.
2. Dopo il comma 16 dell’articolo 11 della l.r. 5/2018 è aggiunto il seguente:
“16 bis. Per la caccia di selezione agli ungulati e in particolar modo alla specie cinghiale, in deroga a quanto previsto dall’articolo 23 comma 1 lettera i), la Giunta regionale, sentito l’ISPRA, può regolamentarne il prelievo che potrà svolgersi due ore prima del sorgere del sole e due ore dopo il tramonto.”.

Art. 23.
(Modifiche all’articolo 12 della l.r. 5/2018)
1. Il comma 2 dell’articolo 12 della l.r. 5/2018 è sostituito dal seguente:
“2. I cacciatori residenti in altre regioni o all'estero possono essere ammessi in misura non superiore al 10 per cento dei cacciatori ammissibili per ogni ATC ed al 5 per cento di quelli ammissibili per ogni CA; le percentuali possono essere modificate, su richiesta dei Comitati di gestione, dalla Giunta regionale. ”.

Art. 24.
(Modifiche all’articolo 13 della l.r. 5/2018)
1. Al comma 2 dell’articolo 13 della l.r. 5/2018 le parole: “galliformi alpini” sono sostituite dalle seguenti: “tipica fauna alpina”.
2. Il comma 5 dell’articolo 13 della l.r. 5/2018 è sostituito dal seguente:
“5. Durante l’esercizio venatorio i cacciatori, al fine di svolgere l’attività in sicurezza, debbono indossare, sia sul lato ventrale sia sul lato dorsale, bretelle o capi di abbigliamento con inserti di colore ad alta visibilità.”.
3. Dopo il comma 5 dell’articolo 13 della l.r. 5/2018 è aggiunto il seguente:
“5 bis. La Giunta regionale può vietare o ridurre per periodi prestabiliti la caccia a determinate specie di fauna selvatica di cui all’articolo 18 della l. 157/1992, per importanti e motivate ragioni connesse alla consistenza faunistica o per sopravvenute particolari condizioni ambientali, stagionali o climatiche o per malattie o altre calamità.”.

Art. 25.
(Modifiche dell’articolo 24 della l.r. 5/2018)
1. La lettera aaa) del comma 1 dell’articolo 24 della l.r. 5/2018 è sostituita dalla seguente:
“aaa) mancato utilizzo sia sul lato dorsale sia ventrale di bretelle o capi di abbigliamento con inserti di colore ad alta visibilità.”.
2. Alla lettera i) del comma 1 dell’articolo 24 della l.r. 5/2018 le parole: “alle specie: coturnice e fagiano di monte” sono sostituite dalle seguenti: “alla tipica fauna alpina”.
3. La lettera m) del comma 1 dell’articolo 24 della l.r. 5/2018 è abrogata.

Art. 26.
(Modifiche dell’articolo 28 della l.r.5/2018)
1. Il comma 2 dell’articolo 28 è abrogato.
2. Dopo il comma 8 dell’articolo 28 della l.r. 5/2018 è aggiunto il seguente:
“8 bis. I termini per la definizione della pianificazione faunistica regionale di cui all’articolo 6 comma 3 e della pianificazione faunistica provinciale di cui all’articolo 7, comma 1 sono prorogati rispettivamente di 3 anni e di 4 anni decorrenti dalla relativa scadenza.”.

Art. 27.
(Modifiche all’articolo 30 della l.r. 5/2018)
1. Alle lettere a) e b) del comma 2 dell’articolo 30 della l.r. 5/2018 dopo le parole: “della legge 157/1992” sono aggiunte le seguenti: “ed il loro accertamento;”

Il progetto di legge è pubblicato qui

Leggi tutte le news

10 commenti finora...

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Piano piano ci tolgono tutto

da Mino tuletti 09/03/2020 10.21

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Piano piano ci tolgono tutto

da Mino tuletti 09/03/2020 10.21

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Cari politici piemontesi;stesori del PDL,ai cacciatori imponete in periodo di caccia,un capo ad alta visibilità!!! Perchè tale obbligo NON LO IMPONETE anche per i frequentatori del bosco nel periodo di caccia aperta????? cordialità

da Fucino Cane 06/03/2020 9.09

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

PEZZENTI ............ HANNO TRASFORMATO DUE LUSTRI IN 10 ANNI!!!!!!!!!!!!! BEEEEEEEEELIN CHE BRAVI!

da ZERO ASSOLUTO + bretyon INOX 03/03/2020 22.28

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

“5. Durante l’esercizio venatorio i cacciatori, al fine di svolgere l’attività in sicurezza, debbono indossare, sia sul lato ventrale sia sul lato dorsale, bretelle o capi di abbigliamento con inserti di colore ad alta visibilità.”. In testa un elmetto munito di lampeggiante giallo sempre in funzione, nonchè un sirena o fischio, tipo treno, ad attivamento automatico ogni 3 minuti. In caso di nebbia è comunque consigliato farsi precedere di 100 metri da due persone munite di campanacci per avvisare dell'arrivo del cacciatore.

da MarioP 03/03/2020 17.36

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Il proprietario del terreno può mettere tabelle di divieto esenti da tasse. E qua ti voglio cari piemontesi !!

da Sì decurta si decurta 03/03/2020 17.32

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Modifiche senza senso concreto, solo cambiamento di parole.

da Lino 03/03/2020 14.30

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Bene, se questa giunta è l'espressione degli amici dei cacciatori, ridateci la Bresso.

da Mario Cuneo 03/03/2020 14.22

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

Il paventato 16 bis trattandosi di caccia ,contrasta direttamente con la 157/92 e se passasse gli verrebbe direttamente impugnato.

da Gianduja Vettorello 03/03/2020 12.11

Re:Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla caccia

“5. Durante l’esercizio venatorio i cacciatori, al fine di svolgere l’attività in sicurezza, debbono indossare, sia sul lato ventrale sia sul lato dorsale, bretelle o capi di abbigliamento con inserti di colore ad alta visibilità.”. Sarebbe da modificare con: Durante l’esercizio venatorio in forma vagante... perchè non ha senso indossare abbigliamento ad alta visibilità cacciando da appostamento.

da flavioB 03/03/2020 9.39