Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Sicilia: sospesa caccia all'alzavola In Toscana un nuovo manuale per gli aspiranti cacciatoriUmbria: scende a 15 il numero dei cacciatori nelle squadreCruciani appoggia proposta Berlato contro chi ostacola la cacciaBrescia: capanno da caccia dato alle fiammeIn Europa dibattito su piani biodiversità PACCaretta: su cinghiali allarme anche dall'AnciCostituente. Risponde ArcicacciaBerlato: istituire reato ecoterrorismoMobilità: Vademecum Arcicaccia per Lazio, Umbria e ToscanaIl volo della quaglia: 1193 Chilometri in meno di un meseCanton Ticino. I dati della caccia altaSardegna: caccia a lepre e pernice sarde in riaperturaBrescia: capanni distrutti nella notteCpa Lombardia: Prevenire atti di disturbo all'attività venatoriaSardegna: chiusa caccia a lepre e pernice sardeFidc lancia hashtag "Caccia... #DistanziamentoNaturale"Fidc Sardegna chiede integrazioni al Calendario VenatorioMazzali "cinghiali a Milano, gravissimo fatto da non sottovalutare"Umbria: ricorso di Wwf su tesserino venatorio provvisorioAnlc Abruzzo "a quando la coturnice?"Fidc lancia la costituenteCosì in UK si combatte il terrorismo animalistaLovari e Fattorini: Per gli ungulati bisogna cambiare parametriFauna selvatica. Rolfi "Il Governo ha impugnato una legge che funziona"Costa convoca solo gli animalisti su tema bracconaggio e cacciaIncidenti con selvatici in aumento sulle strade italianeVicenza: continua monitoraggio ai passi migratoriFidc: bene interrogazione Ue su Direttiva Uccelli e cacciaLucca: "su manifesto anticaccia intervenga il Sindaco"Marche. Tar sospende pavoncella moriglione e combattenteDirettiva Uccelli. Parlamentari Ue chiedono chiarezza sul ruolo della cacciaUna mostra fotografica dedicata alle sentinelle del boscoLombardia. Nuovo decreto per le giornate integrativeCct difende caccia in braccata all'Isola d'ElbaAscoli Piceno: ancora un incidente. "Cinghiali fuori controllo"Falsità sulla caccia dagli animalisti. Risponde Isabella VillaCalabria. "Sospensione caccia cinghiale Zps e Sic aggrava emergenza"Biodiversità e futuro della selvaggina. Nuove strategie in UeTroppi cinghiali sulle strade. Altro incidente mortale in A26Arci Caccia Pistoia "Padule Fucecchio, disparità trattamento cacciatori"Ordinanza Tar caccia Calabria. Regione chiarisce Genova, 24 sigle animaliste in piazza per i diritti dei cinghialiToscana: dal 5 ottobre al via nuove abilitazioni caccia di selezioneDa Ministero Salute opuscolo contro peste suinaUmbria, tesserini ancora provvisoriTardino: Regione Sicilia ponga rimedio a sospensione cacciaMazzali. "In Lombardia multe a cacciatori per norma mal interpretata"Calabria. Allo studio soluzioni per la caccia nei siti Natura 2000Aree contigue Pnalm. Wwf diffida gli AtcFiocchi "sospensive Tar ormai prassi per bloccare la caccia"Sicilia: Tar sospende in parte calendario venatorioCalabria: Tar sospende alcune parti del Calendario venatorioUe. Si discute sul futuro della selvagginaVeneto. Calendario valido. Sospesa caccia moriglione e pavoncellaCalabria. Tar si esprime su calendario 2019 - 2020Puglia: anticipato avvio caccia al colombaccioBelluno. La caccia al cervo rimane in vigoreSos Moriglione. Fidc "concluse analisi ali della scorsa stagione"Lombardia. Due giornate integrativeIncidente mortale. Lega "serve immediato cambio di rotta su gestione fauna"Arci Caccia: Piano faunistico Abruzzo sia base di partenzaToscana, storno "iter rendicontazione inapplicabile"CCT: Giani si occupi da subito di urgenze faunistico venatorieSardegna: Tar sospende caccia a moriglioneAbruzzo: Piano faunistico venatorio approvato all'unanimitàSagra degli Osei Sacile. Prime conseguenze per gli animalistiValle Salimbene: Diffida Anuu persuade il sindaco"Regione Umbria e mondo venatorio: il confronto non è più rimandabile"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Controllo Cinghiale. Approvate tre mozioni in Basilicata


mercoledì 26 febbraio 2020
    

 
 
 
Il Consiglio regionale della Basilicata ha approvato tre mozioni sull’emergenza cinghiali. La prima, proposta dai consiglieri Giovanni Vizziello (Fratelli d’Italia) e Vincenzo Baldassarre (Idea) ha impegnato la Giunta regionale “in forza della necessità di una tempestiva gestione dell’emergenza, a predisporre un piano di controllo regionale del cinghiale, quale parte integrante del più generale piano faunistico venatorio regionale, che contenga una nuova determinazione delle aree vocate e non vocate al cinghiale. A prevedere, quali strumenti di controllo numerico dei cinghiali nelle aree cosiddette non vocate a detta specie di ungulati, l’utilizzo di metodi ecologici sia di prevenzione (foraggiamento dissuasivo, dissuasori olfattivi, dissuasori acustici, recinzioni elettriche) sia di cattura (chiusini, gabbie-trappola), nonché di caccia selettiva, in quest’ultimo caso anche al di fuori degli orari e dei periodi di caccia previsti dalla legge, estendendo tali facoltà anche agli imprenditori agricoli professionali, ai coltivatori diretti, ai proprietari e ai conduttori professionali e non di fondi agricoli muniti di apposite autorizzazioni e permessi di caccia e, quindi, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa venatoria, consentendo agli stessi di esercitare, in via di autotutela ed esclusivamente nei fondi di proprietà, la forma della cattura e/o dell’abbattimento selettivo”.

Con la mozione, inoltre, si impegna il Governo regionale “a garantire un sostegno economico, nella forma di un contributo commisurato alle spese di gestione e di organizzazione della caccia al cinghiale in forma selettiva, a quanti (cacciatori iscritti agli Atc, proprietari e conduttori di fondi agricoli) sono legittimati a praticare il prelievo venatorio selettivo sui cinghiali; a fornire indicazioni relativamente al recupero e allo smaltimento delle carcasse degli ungulati, dando attuazione agli obiettivi previsti dalla normativa regionale in tema di promozione di percorsi di filiera relativi alla gestione delle carni degli ungulati selvatici e alla valorizzazione di tale risorsa; a riferire al più presto in Consiglio regionale, relativamente allo stato di attuazione degli obiettivi programmatici stabiliti dalla legislazione regionale, muovendo in particolare dall’analisi della condizione iniziale dell’emergenza cinghiali esistente all’entrata in vigore delle normativa di cui alla L.r. n. 37 del 2018 e degli effetti a tutt’oggi prodotti da tale normativa”.

All’unanimità è stata poi approvata la mozione presentata dai consiglieri regionali della Lega, Gianuario Aliandro e Dina Sileo con la quale impegnano il Presidente e la Giunta regionale “a modificare le direttive regionali e l’esercizio venatorio del cinghiale come stabilito dalla delibera di Giunta regionale n. 953 del 2016 del dipartimento Politiche agricole e forestali, aumentando a 40 il numero massimo delle unità consentite per la squadra di caccia al cinghiale e ampliando la forbice compresa tra 10 e 20 componenti, così da portare il limite massimo da 20 a 40 unità”.


Sempre all’unanimità, l’Aula ha approvato la mozione presentata dal consigliere Dina Sileo  (Lega). Con il documento il Consiglio regionale impegna il presidente della Giunta regionale a “promuovere modifiche alla legge n. 157/1992, al fine di rendere concretamente attuabili ed efficaci i piani di contenimento per una migliore gestione del patrimonio agricolo e zootecnico, consentendo alle regioni di abilitare, previa frequenza di appositi corsi, operatori muniti di licenza per l’esercizio venatorio. Si potrebbe prevedere la figura dell’operatore volontario, ossia un selecontrollore, a seguito di appositi corsi di formazione che, a titolo volontario, fornisca supporto nell’effetuazione del contenimento numerico dei cinghiali oggi in capo solo agli agenti dipendenti di Regioni, Province e Città metropolitane”. Al presidente della Giunta regionale è chiesto, altresì, l’impegno a “proporre iniziative per introdurre misure adeguate e corrispondenti risorse finanziarie, in conformità con la normativa europea, al fine di riparare i danni arrecati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole e zootecniche, alle strutture aziendali agricole, agli impianti produttivi e alle infrastrutture agricole, prevedendo l’istituzione di un fondo nazionale che vada a coadiuvare i fondi regionali per riuscire a riparare i danni da fauna selvatica; e a convocare con urgenza un tavolo istituzionale per analizzare le azioni di prevenzione contro la peste suina africana”.

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Controllo Cinghiale. Approvate tre mozioni in Basilicata

Mi pare evidente che non ci capiscano un cazzo.....

da Amaro lucano 26/02/2020 13.49