Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Campania: no alle modifiche di legge da 6 associazioni venatorie CCT: Una giornata spettacolare a Orbetello per le FedercacciatriciMuroni interroga Costa: no cacciatori a gestire la Riserva del SebinoColombaccio. Anlc aderisce a Progetto HobsonGenovesi (Ispra): Più cinghiali anche a causa delle aree protettePresentata Giunta Bonaccini. Alla Caccia Alessio MammiDa Fidc Campania ok a testo modifica legge cacciaFiocchi critico su elezione Amaro: "Presidenza debole"Inizia il lavoro dell'intergruppo "Biodiversità, caccia, ruralità"Trenta europarlamentari italiani a difendere la caccia in EuropaUe: Alvaro Amaro nuovo Presidente dell'Intergruppo CacciaCinghiali e agricoltori, Morroni corregge il tiroCacciatori? I primi paladini del territorioOn. Dreosto: "rilanciare il ruolo del cacciatore"Abbattimenti illegittimi Bolzano. Condanne per quasi un milione di euroCinghiali. Coldiretti Molise sul piede di guerraMazzali: caccia a scuola, bene proposta DonazzanLinee guida Vinca: CCT sollecita la Regione ToscanaA Hit un manifesto per le Cabine di Regia territorialiVinca e calendari. Sorrenti (Fidc): serve forte reazione delle RegioniQuasi triplicati gli ungulati nel VenetoUna manciata di animalisti a HitNatura 2000. Rivalutare la VincaRegione Veneto: bene l'avvio della banca dati dei cacciatoriDonazzan: "la caccia va insegnata ai giovani"Hit Show 2020: gli eventi di sabato e domenicaArci Caccia: "Unità? Noi ci siamo"Fidc: "per stare insieme ci vuole rispetto"Campania: "modifica legge caccia sia ritirata"Hit 2020: i focus sulla caccia della Regione VenetoCinghiale Umbria. Morroni propone apertura a novembreCampania, nuova proposta di modifica della legge sulla cacciaInterrogazione Covolo (Lega) sulla manifestazione animalista a HitToscana: le proposte della cabina di regiaToscana: Wwf e Legambiente bocciano la riforma della cacciaA caccia con Donald Trump Jr e suo figlio: negli USA un'asta pubblicaLangone su Il Foglio "meglio i ragazzini cacciatori dei fan di Achille Lauro"Tutti i convegni di Hit Show 2020Puglia: la Lipu punta alla VincaAnche a Bergamo un corso per monitorare la beccacciaGli Atc e le funzioni pubbliche, il parere dell'Avvocato CarmenatiDa CCT giudizio positivo sulla riforma toscanaLa vita di Roberto Baggio in un film su NetflixI Beach Boys suoneranno alla Convention sulla caccia: è polemicaDa Libera Caccia Toscana proposte di modifica alla Legge regionaleFidc: no a chi semina odioMigratoria. A Hit il punto sugli studi di FedercacciaCaccia in cucina diventa maggiorenneVicenza, Berlato chiede revoca sit in anticaccia a HitBrexit: Sergio Berlato va a BruxellesBiodiversità: uomo e istituzioni al centro per progettare il futuroAbruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunisticoCalabria: importante chiarimento su caccia febbraioCaccia e biodiversità, il nuovo modello franceseDaini Circeo, Pro Natura chiede fermezza sugli abbattimentiUniversità Urbino: tra attività all'aperto caccia meno pericolosaCabina Regia Mondo Venatorio: incidenti in calo negli ultimi tre anniFidc: "si chiude la stagione e si scatenano i soliti profeti di sventura"Mazzali: squallido bollettino animalista a fine stagioneAbruzzo. Squadre in agitazione sul nuovo Piano FaunisticoFidc a Hit Show: tutti gli eventiToscana: approvato piano cinghiale aree non vocateMazzali "Anche proliferazione piccioni è emergenza"Trento: Costituito il Tavolo faunistico provincialeMarche. Cisl: "vigilanza venatoria a rischio"Sardegna: Anlc, Cpts e Ucs uniscono le forzeDecreto Milleproroghe: infondato allarme deregulation cacciaDivieto caccia cinghiale Sondrio. Sentenza TarLe novità dal Comitato esecutivo AnuuMarche: via libera della II Commissione al Piano faunisticoBrescia: Cacciatori in campo per pulire le TorbierePdl Piccin: multe fino a 3500 euro per chi disturba i cacciatoriLo Studio di Vignac sulla beccaccia in FranciaUtr Como: corsi monitoratori beccacciaUmbria, Ass. Morroni "incrementare contenimento cinghiali"Riserva Monti Livornesi. La Regione si impegna a tutelare la cacciaPuglia, caccia ancora aperta per tordi e anatidiRolfi: senza i cacciatori problema cinghiale sarebbe ingestibile Lessinia, 2 mila ettari di Parco torneranno cacciabiliMinistero Ambiente: da Giarratano a ZaghiFace: In Italia cacciatori partecipano ai censimenti ufficialiToscana. Il nuovo Piano dovrà salvaguardare i capanni da cacciaPiemonte: ok a fuoristrada per la caccia al cinghialeI cacciatori toscani per il monitoraggio dell'avifauna migratoriaPuglia: prosegue la caccia a colombaccio e corvidiArci Caccia: da rinnovare comitati Atc L'Aquila e PescaraEmilia Romagna: incontro sulla caccia della Lega

News Caccia

Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"


giovedì 9 gennaio 2020
    

Caccia Marche 

Riceviamo e pubblichiamo:
 
Evidentemente contrariate dal fatto che finalmente la Regione Marche sta concludendo il nuovo Piano Faunistico Venatorio e vada a cadere così la principale scusa per i continui ricorsi contro l’attività venatoria, le consuete sigle anticaccia - inclusi Wwf e Lipu, malgrado si dichiarino pubblicamente non contrari alla pratica venatoria - pubblicano una serie di considerazioni sui dati dei prelievi, correttamente inseriti nella bozza del Piano stesso.

Invece di plaudire il fatto che finalmente la Regione dispone e pubblica questi dati, fondamentali per la gestione della fauna, gli anticaccia si avventurano in valutazioni e calcoli privi di qualsiasi rigore scientifico, a cui seguono conclusioni bizzarre e orientate chiaramente a creare infondate preoccupazioni.

Contrastare con i fatti l’emotività non è sempre facile e richiede tempi e spazi di cui i profeti dell’animalismo non hanno bisogno, ma cerchiamo comunque di rispondere per punti sintetici al loro ingiustificato allarmismo ideologico.

1.     Definire “danni irreversibili alla biodiversità” quelli causati dai cacciatori col prelievo venatorio è una falsità che trova immediata risposta nei dati pluriennali favorevoli di tendenza delle popolazioni di molte specie di uccelli migratori oggetto di caccia, sia in Europa, sia in Italia, sia in Regione Marche. Tra questi anche lo storno, oggetto di caccia in deroga in Regione Marche per danni alle colture agricole, mostra una stabilità delle popolazioni nidificanti in Regione, dal 2000 al 2017. Anche il colombaccio e la tortora, oggetto di caccia in pre apertura da decenni, mostrano un incremento sempre nel territorio regionale. Si potrebbe continuare con i dati europei e italiani per la quaglia, il tordo bottaccio, l’alzavola, il germano reale, la beccaccia, il frullino etc. etc., ma riteniamo sufficienti gli esempi riportati sopra per chiarire il vuoto dei contenuti del comunicato degli anticaccia, e la superficialità tendenziosa con cui queste sigle affrontano il tema della gestione faunistica.

2.     Allo stesso modo il linguaggio allarmistico utilizzato riguardo ai dati dei prelievi è del tutto infondato. Prendendo proprio l’esempio dello storno, e utilizzando il dato più elevato fornito di 114.108 capi abbattuti nel 2016, confrontando con la stima più bassa dello storno in Europa di 57.700.000 individui, si ottiene un’incidenza del prelievo nelle Marche dello 0,2%, quando la mortalità naturale della specie è intorno al 60% all’anno. Non importa essere scienziati per rendersi conto che rappresenta una percentuale che a livello demografico non ha alcun impatto sulla popolazione.

3.     Venendo alla questione piombo, troviamo ancora toni bizzarri e catastrofistici mentre la realtà evidente e scientificamente dimostrabile è che in decenni di impiego di munizioni tradizionali nessuna patologia riconducibile ad avvelenamento da piombo contenuto nelle cartucce è emersa in questi anni né fra i consumatori abituali di selvaggina né tantomeno in chi non se ne ciba e vive in campagna. Anche in questo caso l’utilizzo delle parole “effetti devastanti sulla salute pubblica” ha solo un miserabile scopo allarmistico, del tutto privo di fondamento.

4.     Le associazioni anticaccia evitano accuratamente di far presente che i cacciatori, e con essi quelli marchigiani, investono decine di migliaia di euro all’anno di propria tasca nei miglioramenti ambientali, nel ripristino e conservazione di zone umide, nel monitoraggio della fauna e nella ricerca in generale. Tutto a proprie spese senza richiedere contributi agli enti pubblici, attività al contrario molto in voga presso le sigle firmatarie del comunicato.

Quello che soprattutto emerge dalla lettura dell'articolo è una mancata conoscenza delle basi fondamentali legate alla gestione delle risorse naturali e della fauna selvatica con numeri che se presi singolarmente potrebbero apparire importanti ma che se riferiti in percentuale alla risorsa sarebbero sicuramente insignificanti o comunque sostenibili, come dimostrano i dati delle tendenze delle specie cacciabili.
 
Da quanto sopra scaturisce un’evidente conclusione: le associazioni anticaccia, e con esse anche Wwf e Lipu, non sono interlocutori credibili per la gestione faunistica, poiché guidate esclusivamente da un’avversione ideologica alla caccia orientata alla totale abolizione di questa attività.

 

FEDERCACCIA MARCHE

FEDERCACCIA NAZIONALE UFFICIO STUDI E RICERCHE FAUNISTICHE E AGRO AMBIENTALI

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"

Mi auguro che il presidente Buconi, voglia finalmente avviare una campagna di diffamazione verso questi pseudo ambientalisti da salotto, che approfittano della buona fede di cittadini onesti elevandosi a paladini della natura ,denigrando i cacciatori, mentre invece sono solo dei miserabili che puntano al 5x1000 delle dichiarazioni dei redditi.E' ora di rendere noto attraverso la stampa nazionale chi sono questi personaggi e quale è il loro infimo fine, e non tollerare più minacce e auguri di morte verso i cacciatori ma passare a denunce e richieste di danni. Si cominci a ridurgli il profitto e vedrete come cambieranno in fretta .

da bretone 09/01/2020 18.05

Re:Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"

Il vero problema è che finché queste cose le dite a Noi cacciatori non cambierà mai nulla! E' all'opinione pubblica che deve arrivare il messaggio. Se le Associacioni Venatorie si unissero per realizzare un progetto (richiesta fondi con soldi versati dai cacciatori) per realizzare trasmissione televisiva autofinanziata con i nostri soldi sulla rete pubblica nazionale, magari un passo avanti lo faremmo....

da Edoardo Donati 09/01/2020 12.23

Re:Marche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"

Le associazioni ambientaliste sono vere e proprie SPA i cui dirigenti lucrano milioni di euro per apporre il loro bollino su opere pubbliche assolutamente distruttive. Vivono solo grazie alle fake news sulla caccia è sulla violenta diffamazione dei cacciatori che porta taluni esasperati al crimine.

da Il vero volto degli ambientalisti italioti 09/01/2020 12.05