Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatore

News Caccia

Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico


lunedì 30 dicembre 2019
    

Presenzini Guardie giurate Wwf 
 
La Federcaccia di Brescia in questi giorni ha pubblicato una serie di interventi volti a chiarire quale sia l'attività lecita delle guardie volontarie e entro quali poteri queste possono muoversi durante i controlli dell'attività venatoria. Li riportiamo integralmente.
 
Quali obblighi devono rispettare le guardie volontarie?

Gli agenti di vigilanza devono qualificarsi, e ciò può avvenire mediante alla divisa o altro segno esterno di riconoscimento dell’appartenenza un corpo autorizzato la vigilanza venatoria, oppure nel caso di addetti che non portino segni distintivi potrà avvenire mediante l’esibizione di un documento (decreto del Prefetto o tesserino di riconoscimento) che dimostri l’attribuzione della qualifica. Altro obbligo, come abbiamo già visto riguarda la redazione di apposito verbale di contestazione secondo i criteri già individuati ed elencati dall’art 28 comma 5 I. 157/92, che verrà poi inviato all’autorità da cui dipendono. Si ribadisce l’obbligo di annotare a verbale le dichiarazioni del trasgressore, altrimenti la mancanza potrebbe configurare il reato di cui all’art 328 c.p. (omissione di atti di ufficio). Il trasgressore, eventualmente constatata l’omissione, potrà indirizzare l’addetto di vigilanza o all’ente da cui dipende una nota di contestazione dell’omissione.

Qual è l’ambito territoriale di competenza dei soggetti di vigilanza venatoria?

Bisogna sottolineare un’ ulteriore differenza che riguarda la competenza territoriale degli addetti alla vigilanza. Mentre per gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria non si pone il problema dell’ ambito territoriale, avendo gli stessi competenza su tutto il territorio nazionale, per tutti gli altri agenti accertatori l’esercizio delle funzioni rigorosamente collegato al territorio in cui possono esercitarle, che si determina in relazione all’ente da cui dipendono o dal decreto di nomina prefettizio. È pertanto escluso che le guardie volontarie possono svolgere funzioni di vigilanza, a qualunque ente esse appartengano, al di fuori dell’ambito della provincia su cui ha giurisdizione il prefetto o il Questore che le ha riconosciute.

Le guardie volontarie possono procedere a sequestri penali?


Altra attività di indagine riservata ai soli addetti alla vigilanza che rivestono la qualifica di polizia giudiziaria è il sequestro. Il sequestro è un atto finalizzato ad acquisire una prova a fini processuali e puo riguardare selvaggina, armi, arnesi di caccia e tutti i beni pertinenti al reato. Il sequestro non può però riguardare cani o richiami vivi autorizzati.

Le guardie volontarie possono trattenermi in attesa dei guardiacaccia della provincia o dei forestali?


Le guardie volontarie non hanno il potere di accompagnare il cacciatore presso i loro uffici mentre possono solo chiedere al cacciatore di attendere sul posto l’arrivo di Ufficiali o agenti di polizia giudiziaria. L’invito ad attendere sul posto non può comunque trasformarsi nel fermo di indiziato di delitto ( art. 384 c.p.c.) consentito solo agli Ufficiali e agenti di polizia giudiziaria e solo nei confronti di persone indagate di delitti di una certa gravità.

Il sequestro deve essere trasmesso entro 48 ore al Procuratore della Repubblica e convalidato dal Gip nelle 48 ore successive, altrimenti perde efficacia. Il cacciatore non è tenuto a soddisfare richieste non motivate o5 palesemente illegittime, bisogna tenere presente che comunque l’opposizione non può mai diventare violenta o minacciosa altrimenti si configurerebbero reati di cui all’art. 336 c.p. Il sequestro può essere effettuato nei soli casi previsti dall’articolo 30 I. 157/92, ovvero qualora il cacciatore abbia commesso una contravvenzione mentre la polizia giudiziaria non può procedere al sequestro dei mezzi, degli arnesi e della fauna selvatica di cui è ammesso il prelievo nei casi di sanzione amministrativa. Infine il sequestro viene tramutato in confisca nei casi in cui il cacciatore sia stato condannato con sentenza definitiva per le contravvenzioni di cui all’art. 30 comma 1 lettere a) b) c) d) e) della legge 157/92.

Più In generale le guardie volontarie venatorie non possono avvalersi delle prerogative che l’art. 347 e sgg. c.p.p. prevede per la polizia giudiziaria. Pertanto insieme al sequestro (art.354) rimangono loro precluse attività come la comunicazione della notizia di reato (art. 347 c.p.p.), l’assicurazione delle fonti di prova (art.348 c.p.p.), l’accompagnamento di persone per identificazione (art.349 c.p.p.), l’assunzione di sommarie informazioni (art.350-351).

Nei limiti dell’espletamento delle attività di vigilanza cui sono destinate con l’ordine di servizio previsto dall’art. 8, comma 3, del regolamento provinciale n° 14 del 29/05/2007, così come modificato con deliberazione n°9 del 20 aprile 2012, le guardie volontarie agiscono invece come pubblici ufficiali e in tale veste, qualora “…hanno notizia di un reato perseguibile d’ufficio, devono farne denuncia per iscritto, anche quando non sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito. La denuncia è presentata o trasmessa senza ritardo al pubblico ministero o a un ufficiale di polizia giudiziaria” (art.341 e 332 c.p.p.)

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

Dovrebbero anche vigilare sui comportamenti degli animalari molestatori!

da Alcedo 02/01/2020 17.09

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

sono sempre dell'idea che solo un minorato mentale può andare in giro dopo i 50 anni, con la divisina da netturbino piene di patacche da idiota! ma non è ora di sopprimere definitivamente certi pratiche di controllo da parte di gente che andrebbe accuratamente visitata dallo psichiatra prima di rilasciare il decreto da far solo caos? perché questi fenomeni non li vedi mai quando c'è da lavorare per gli animali? quando c'è da rimboccarsi le maniche? sti paraculo che prendono il gettone , sti morti di fame !! infami!

da Claudio 01/01/2020 18.18

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

Francesco i poteri/doveri delle guardie volontarie sono definiti da leggi...ogni altra interpretazione arbitraria e' un abuso a prescindere dalle associazioni di appartenenza.

da bastiancontrario 01/01/2020 18.15

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

Nella logica delle cose possono svolgere un controllo obiettivo chi appartiene a un associazione ideologica?Diquesto i Prefetti ne dovrebbero tenere conto.

da Francesco 01/01/2020 11.46

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

Cara Fidc Brescia,forse vi siete dimenticati che per le infrazioni penali dell'art 30,la guardia volontaria deve fare un varbale di segnalazione specificando il più chiaro possibile il fatto accaduto, alla polizia provinciale che seguirà tuttol'iter in merito al sequetro dell'arma o i mezzi che vengono utilizzati per commettere il reato;questo per NON incorrere e denunciato in omissioni in atti d'afficio. Con una simile denuncia alla guardia il decreto viene revocato e difficilmente lo riotterrà

da Fucino Cane 30/12/2019 15.59

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

I chiarimenti non fanno mai male solo che l'articolo non e' sufficientemente esaustivo riguardo il sequestro cautelare in caso di confisca amministrativa a cui possono procedere la guardie volontarie (art 13/689)

da bastiancontrario 30/12/2019 15.38

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

Già detto e ridetto: POTREBBE LA REDAZIONE ( O CHI NE SA QUALCOSA ) rendere visibile a tutti questo fantomatico " decreto" che nessuno sà come è fatto e cosa deve esserci scritto ( anche se varia da regione e regine o prefetture varie ) per il resto placche e divise contano zero assoluto ti puoi anche vestire da darth vader comprato su amazon

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 30/12/2019 13.06

Re:Fidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum pratico

Praticamente alle gurdie volontarie documenti in mano perchè si possano riconoscere. E, per il resto pikke!

da s.g. 30/12/2019 11.38