Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Inizio di stagione. In bocca al lupo anche dalla Cabina di Regia Buconi: "in bocca al lupo a tutti i cacciatori"Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatore

News Caccia

Francia. Ricostituite 47 zone umide


venerdì 27 dicembre 2019
    

 
 
In quattro anni, il progetto  Mileoc ha consentito la ricostituzione di ben  47 piccole aree umide, grazie all'intervento dei cacciatori e delle loro associazioni in Occitania. Lo comunica il locale dipartimento della Federcaccia francese.

Questi nuovi interventi portano il totale a 193 aree ricostituite, vale a dire altrettanti ambienti che contribuiscono a una migliore gestione delle risorse idriche e altrettante opportunità per la fauna e la flora di trovare a loro disposizione un habitat, un rifugio e / o un posto di abbeveraggio.

Ciascuna delle 47 aree è stato oggetto di una diagnosi preliminare che ha permesso di identificare i lavori di restauro da eseguire per adattarlo  al contesto locale. Il lavoro è stato svolto in autunno per non disturbare le specie che abitano questi ambienti nel resto dell'anno.

Il progetto MILEOC punta a favorire conoscenza, salvaguardia e ripristino degli ambienti lenticolari in Occitania, vale a dire gli ecosistemi umidi a lento rinnovamento (stagni, specchi d'acqua, torbiere ...). È gestito dalla Federazioni dei cacciatori dell'Occitania e dai loro partner e riceve sostegno finanziario dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dall'Agenzia delle acque Adour-Garonne.
 

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

in italia invece siamo bravissimi a fare il contrario,le zone umide piu belle diventano oasi o parchi e chi li gestisce non capisce un ca...volo. Le valli di comacchio che rientrano dentro il parco del delta sono ancora aperte alla caccia ma di fatto sono diventate un grande mare super salato perche i cacciatori non possono gestire il livello delle acque "troppo alte"e con il passare degli anni sono sparite tutte le pasture per gli acquatici migratori,quindi evitano di sostare in valle. Pero c'e una forte presenza di fenicotteri per tutto il periodo dell'anno e migliaia di cormorani da fare vedere ai turisti con le gite in barca,PORTANO SOLDI E NON INTERESSA A NESSUNO SE LE FOLAGHE I MORIGLIONI E TUTTE LE ALTRE SPECIE ACQUATICHE NON VI SOSTANO PIU.

da fausto 27/12/2019 20.12

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Già l'Italia era fornita di queste aree poi sono arrivati i bifolchi che, con la complicità e il menefreghismo delle federazioni venatorie,sono stati interrati anche gli ultimi fossati.

da Antico cacciatore 27/12/2019 18.03

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Le zone umide nel frangente di questo secolo stanno diventando una rarità. Solo una politica lungimirante può cambiare le cose. Quando un giorno la caccia e il territorio dipenderanno dal ministero dell'agricoltura e dello sviluppo economico rurale potremo eguagliare la Francia se non superarla . La selezione politica che possiamo fare con il voto è di fondamentale importanza. I veri politici in parlamento e gli opportunisti in fonderia !!

da bretone 27/12/2019 14.37

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

.... Zone umide, in italia, zps - zic ecc.ecc., insomma sempre restrizioni!

da s.g. 27/12/2019 13.33

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Io credo che questo modello, o qualcosa di simile, sarà presto obbligatoriamente imposto in tutta Italia, non solo per recuperare la biodiversità ma per far fronte anche ai cambiamenti climatici e per imbrigliare quell'acqua che, quando non scarseggia per la siccità, fa enormi danni col precipitarsi a valle e riversarsi praticamente subito in mare, senza dare ristoro e costituire serbatoi per i tempi magri. Chi vivrà vedrà. "E chi nol crede, venga egli a vedella".

da Francesco P. 27/12/2019 11.58

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

bhe non è mica un'iniziativa malvagia !! sempre che.......... all'interno di queste aree " recuperate " non si eserciti nessun tipo di caccia, sparse a macchia di leopardo sul territorio venabile potrebbero essere un polmone virtuoso per l'arrivo di speci cacciabili per tutti!! Se invece si tratta di aree di caccia per pochi intimi come a volte avviene in Italia ( ricordo su queste pagine EROI cacciatori che ripristinano aree umide per poi andarci loro ed amici vari ) allora ciccia!!! Come non detto

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 27/12/2019 11.48

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

In Italia invece le zone umide le fanno gestire da incompetenti come i presidenti dei parchi,poi però succede quello che tutti sappiamo, come nella valle della canna???

da Fucino Cane 27/12/2019 11.45