Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Campania: no alle modifiche di legge da 6 associazioni venatorie CCT: Una giornata spettacolare a Orbetello per le FedercacciatriciMuroni interroga Costa: no cacciatori a gestire la Riserva del SebinoColombaccio. Anlc aderisce a Progetto HobsonGenovesi (Ispra): Più cinghiali anche a causa delle aree protettePresentata Giunta Bonaccini. Alla Caccia Alessio MammiDa Fidc Campania ok a testo modifica legge cacciaFiocchi critico su elezione Amaro: "Presidenza debole"Inizia il lavoro dell'intergruppo "Biodiversità, caccia, ruralità"Trenta europarlamentari italiani a difendere la caccia in EuropaUe: Alvaro Amaro nuovo Presidente dell'Intergruppo CacciaCinghiali e agricoltori, Morroni corregge il tiroCacciatori? I primi paladini del territorioOn. Dreosto: "rilanciare il ruolo del cacciatore"Abbattimenti illegittimi Bolzano. Condanne per quasi un milione di euroCinghiali. Coldiretti Molise sul piede di guerraMazzali: caccia a scuola, bene proposta DonazzanLinee guida Vinca: CCT sollecita la Regione ToscanaA Hit un manifesto per le Cabine di Regia territorialiVinca e calendari. Sorrenti (Fidc): serve forte reazione delle RegioniQuasi triplicati gli ungulati nel VenetoUna manciata di animalisti a HitNatura 2000. Rivalutare la VincaRegione Veneto: bene l'avvio della banca dati dei cacciatoriDonazzan: "la caccia va insegnata ai giovani"Hit Show 2020: gli eventi di sabato e domenicaArci Caccia: "Unità? Noi ci siamo"Fidc: "per stare insieme ci vuole rispetto"Campania: "modifica legge caccia sia ritirata"Hit 2020: i focus sulla caccia della Regione VenetoCinghiale Umbria. Morroni propone apertura a novembreCampania, nuova proposta di modifica della legge sulla cacciaInterrogazione Covolo (Lega) sulla manifestazione animalista a HitToscana: le proposte della cabina di regiaToscana: Wwf e Legambiente bocciano la riforma della cacciaA caccia con Donald Trump Jr e suo figlio: negli USA un'asta pubblicaLangone su Il Foglio "meglio i ragazzini cacciatori dei fan di Achille Lauro"Tutti i convegni di Hit Show 2020Puglia: la Lipu punta alla VincaAnche a Bergamo un corso per monitorare la beccacciaGli Atc e le funzioni pubbliche, il parere dell'Avvocato CarmenatiDa CCT giudizio positivo sulla riforma toscanaLa vita di Roberto Baggio in un film su NetflixI Beach Boys suoneranno alla Convention sulla caccia: è polemicaDa Libera Caccia Toscana proposte di modifica alla Legge regionaleFidc: no a chi semina odioMigratoria. A Hit il punto sugli studi di FedercacciaCaccia in cucina diventa maggiorenneVicenza, Berlato chiede revoca sit in anticaccia a HitBrexit: Sergio Berlato va a BruxellesBiodiversità: uomo e istituzioni al centro per progettare il futuroAbruzzo: le proposte delle squadre per il Piano faunisticoCalabria: importante chiarimento su caccia febbraioCaccia e biodiversità, il nuovo modello franceseDaini Circeo, Pro Natura chiede fermezza sugli abbattimentiUniversità Urbino: tra attività all'aperto caccia meno pericolosaCabina Regia Mondo Venatorio: incidenti in calo negli ultimi tre anniFidc: "si chiude la stagione e si scatenano i soliti profeti di sventura"Mazzali: squallido bollettino animalista a fine stagioneAbruzzo. Squadre in agitazione sul nuovo Piano FaunisticoFidc a Hit Show: tutti gli eventiToscana: approvato piano cinghiale aree non vocateMazzali "Anche proliferazione piccioni è emergenza"Trento: Costituito il Tavolo faunistico provincialeMarche. Cisl: "vigilanza venatoria a rischio"Sardegna: Anlc, Cpts e Ucs uniscono le forzeDecreto Milleproroghe: infondato allarme deregulation cacciaDivieto caccia cinghiale Sondrio. Sentenza TarLe novità dal Comitato esecutivo AnuuMarche: via libera della II Commissione al Piano faunisticoBrescia: Cacciatori in campo per pulire le TorbierePdl Piccin: multe fino a 3500 euro per chi disturba i cacciatoriLo Studio di Vignac sulla beccaccia in FranciaUtr Como: corsi monitoratori beccacciaUmbria, Ass. Morroni "incrementare contenimento cinghiali"Riserva Monti Livornesi. La Regione si impegna a tutelare la cacciaPuglia, caccia ancora aperta per tordi e anatidiRolfi: senza i cacciatori problema cinghiale sarebbe ingestibile Lessinia, 2 mila ettari di Parco torneranno cacciabiliMinistero Ambiente: da Giarratano a ZaghiFace: In Italia cacciatori partecipano ai censimenti ufficialiToscana. Il nuovo Piano dovrà salvaguardare i capanni da cacciaPiemonte: ok a fuoristrada per la caccia al cinghialeI cacciatori toscani per il monitoraggio dell'avifauna migratoriaPuglia: prosegue la caccia a colombaccio e corvidiArci Caccia: da rinnovare comitati Atc L'Aquila e PescaraEmilia Romagna: incontro sulla caccia della Lega

News Caccia

Francia. Ricostituite 47 zone umide


venerdì 27 dicembre 2019
    

 
 
In quattro anni, il progetto  Mileoc ha consentito la ricostituzione di ben  47 piccole aree umide, grazie all'intervento dei cacciatori e delle loro associazioni in Occitania. Lo comunica il locale dipartimento della Federcaccia francese.

Questi nuovi interventi portano il totale a 193 aree ricostituite, vale a dire altrettanti ambienti che contribuiscono a una migliore gestione delle risorse idriche e altrettante opportunità per la fauna e la flora di trovare a loro disposizione un habitat, un rifugio e / o un posto di abbeveraggio.

Ciascuna delle 47 aree è stato oggetto di una diagnosi preliminare che ha permesso di identificare i lavori di restauro da eseguire per adattarlo  al contesto locale. Il lavoro è stato svolto in autunno per non disturbare le specie che abitano questi ambienti nel resto dell'anno.

Il progetto MILEOC punta a favorire conoscenza, salvaguardia e ripristino degli ambienti lenticolari in Occitania, vale a dire gli ecosistemi umidi a lento rinnovamento (stagni, specchi d'acqua, torbiere ...). È gestito dalla Federazioni dei cacciatori dell'Occitania e dai loro partner e riceve sostegno finanziario dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dall'Agenzia delle acque Adour-Garonne.
 

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

in italia invece siamo bravissimi a fare il contrario,le zone umide piu belle diventano oasi o parchi e chi li gestisce non capisce un ca...volo. Le valli di comacchio che rientrano dentro il parco del delta sono ancora aperte alla caccia ma di fatto sono diventate un grande mare super salato perche i cacciatori non possono gestire il livello delle acque "troppo alte"e con il passare degli anni sono sparite tutte le pasture per gli acquatici migratori,quindi evitano di sostare in valle. Pero c'e una forte presenza di fenicotteri per tutto il periodo dell'anno e migliaia di cormorani da fare vedere ai turisti con le gite in barca,PORTANO SOLDI E NON INTERESSA A NESSUNO SE LE FOLAGHE I MORIGLIONI E TUTTE LE ALTRE SPECIE ACQUATICHE NON VI SOSTANO PIU.

da fausto 27/12/2019 20.12

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Già l'Italia era fornita di queste aree poi sono arrivati i bifolchi che, con la complicità e il menefreghismo delle federazioni venatorie,sono stati interrati anche gli ultimi fossati.

da Antico cacciatore 27/12/2019 18.03

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Le zone umide nel frangente di questo secolo stanno diventando una rarità. Solo una politica lungimirante può cambiare le cose. Quando un giorno la caccia e il territorio dipenderanno dal ministero dell'agricoltura e dello sviluppo economico rurale potremo eguagliare la Francia se non superarla . La selezione politica che possiamo fare con il voto è di fondamentale importanza. I veri politici in parlamento e gli opportunisti in fonderia !!

da bretone 27/12/2019 14.37

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

.... Zone umide, in italia, zps - zic ecc.ecc., insomma sempre restrizioni!

da s.g. 27/12/2019 13.33

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

Io credo che questo modello, o qualcosa di simile, sarà presto obbligatoriamente imposto in tutta Italia, non solo per recuperare la biodiversità ma per far fronte anche ai cambiamenti climatici e per imbrigliare quell'acqua che, quando non scarseggia per la siccità, fa enormi danni col precipitarsi a valle e riversarsi praticamente subito in mare, senza dare ristoro e costituire serbatoi per i tempi magri. Chi vivrà vedrà. "E chi nol crede, venga egli a vedella".

da Francesco P. 27/12/2019 11.58

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

bhe non è mica un'iniziativa malvagia !! sempre che.......... all'interno di queste aree " recuperate " non si eserciti nessun tipo di caccia, sparse a macchia di leopardo sul territorio venabile potrebbero essere un polmone virtuoso per l'arrivo di speci cacciabili per tutti!! Se invece si tratta di aree di caccia per pochi intimi come a volte avviene in Italia ( ricordo su queste pagine EROI cacciatori che ripristinano aree umide per poi andarci loro ed amici vari ) allora ciccia!!! Come non detto

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 27/12/2019 11.48

Re:Francia. Ricostituite 47 zone umide

In Italia invece le zone umide le fanno gestire da incompetenti come i presidenti dei parchi,poi però succede quello che tutti sappiamo, come nella valle della canna???

da Fucino Cane 27/12/2019 11.45