Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
CCT: a Firenze la caccia si tinge di rosaCaccia Toscana: in Consiglio la proposta della GiuntaAncora presidio animalista a Hit ShowEnzo D'Angelis: quando la pittura incontra l'ars venandiTrento: ritirato ddl Zanotelli su riforma della cacciaPiemonte: Recupero giornate caccia cinghiale non fruiteMazzali: su vigilanza ambientale Regione non crei figli e figliastriLargo ai giovani: Andrea Petrelli all'Atc MC2Piano Faunistico Toscana pronto a fine annoLombardia: nominati componenti Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"Fidc "da Utr Bg biasimo per superamento cinghiali abbattuti"Maglio (Anlc Puglia): in arrivo altre proroghe chiusura caccia Toscana: approvate linee guida su Piano faunistico CCT: a Firenze la prima assemblea regionale dell'annoAvellino. Domato incendio grazie ai cacciatoriIl premio Oscar Jennifer Lawrence e le altre dive cacciatriciCacciatori solidali: carne di cinghiale alla mensa dei poveriPieroni: Sbrana si vergogni e si dimetta dal SenatoMazzali a caccia, ancora offese e minacce sui socialSicilia: prolungata al 30 gennaio chiusura beccacciaFidc: ancora disprezzo per una tragediaSenatrice Sbrana sorride per la morte di cacciatoriTar Lombardia: no a operatori abilitati al controllo della volpePiccin: "clima d'odio contro i cacciatori, serve legge per tutelarli"Piemonte, incontro delle associazioni venatoriePiano faunistico Toscana. Salvini "attenzione alle variazioni"Riserva Monti Livornesi. CCT chiede garanzie per la cacciaIbra torna al Milan. Contestato perchè cacciatorePiano faunistico Marche, lavori in corsoMarche. Fidc "sui dati degli anticaccia il vuoto scientifico"Incendi Liguria. Il divieto di caccia si applica per tre anniA caccia di rifiuti. Il volontariato dei cacciatoriViolenza contro i Cacciatori. Fidc chiede incontro con Ministro dell'InternoFriuli: ignoti danno fuoco a due altane di cacciaSardegna: proposti corsi per sulla sicurezza a cacciaLiguria, la caccia al cinghiale non chiudePiano faunistico Marche: Audizioni in Regione "Basta con gli auguri di morte". L'indignazione delle cacciatriciFiocchi arruola i cacciatori per mappare il degrado ambientalePiemonte, Legge caccia. Cirio incontra gli animalistiAncora odio contro i cacciatoriAnlc Veneto: "fondi alla caccia? Solo il 6% delle tasse dei cacciatori"Marche, Pieroni: “La caccia nei siti Natura 2000 è consentita”Prolungamento caccia beccaccia? "Merito di Scolopax Overland"Respinto ricorso cacciatori Lampedusa e LinosaNovara: nuovo regolamento caccia alla volpeAl Tg1 cacciatori contro il bracconaggioIn Abruzzo via alla filiera dei cinghialiPuglia: proroga caccia beccaccia fino al 19 gennaioCCT querela diffamatori dei cacciatoriAmbientalisti diffidano la Regione MarcheFidc Brescia: Guardie volontarie, vademecum praticoLombardia: segnatura subito dopo l'abbattimentoCaccia, Rolfi: centralismo del Governo Conte sconfitto in corte costituzionaleLa scomparsa di Giacomo NicolucciFrancia. Ricostituite 47 zone umideAbruzzo: proroga per la caccia alla beccacciaCATTURE RICHIAMI. ANUU NON MOLLATOSCANA. MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE

News Caccia

Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica


venerdì 15 novembre 2019
    

 
 
 
“Ai casi di cronaca che vedono la chiusura di tratti autostradali per contenere l’invasione degli ungulati, pratica questa decisamente onerosa, si aggiunge la richiesta, da parte dei cittadini preoccupati, di intensificare le azioni di contenimento. Non esiste una soluzione unica: istituzioni e forze dell’ordine, associazioni agricole, ambientaliste, venatorie e animaliste devono parlarsi e lavorare insieme alla risoluzione di un problema che non può continuare a rappresentare una così grande preoccupazione per le persone e incidere sull’equilibrio dell’ambiente”.

Lo ha dichiarato Maurizio Zipponi, Presidente di Fondazione UNA – Uomo, Natura, Ambiente, all’indomani dei diversi casi di cronaca legati all’invasione della fauna selvatica nei contesti agricoli e cittadini e, da parte di Coldiretti, del dossier redatto con Ixé sull’emergenza animali selvatici.

Secondo il dossier, 6 italiani su 10 (62%) vivono una paura reale legata all’invasione di animali come i cinghiali mentre ancora più numerosi (75%) sono quelli che pensano che ciò possa portare a serie conseguenze per l’equilibrio ambientale e per le coltivazioni. “La sostenibilità si preserva quando si raggiunge l’equilibrio di tre fattori: quello ambientale, in quanto il faro deve essere il pieno rispetto della natura; quello sociale, perché deve essere tutelata la qualità di vita delle persone; quello economico, per permettere agli attori dello sviluppo di crescere e progredire – ha continuato Zipponi – in questa direzione, il contenimento della fauna selvatica deve essere un fenomeno su cui va ricercato un equilibrio sostenibile; intervenire esclusivamente con il trasferimento verso altre aree è una soluzione non risolutiva o sostenibile nel lungo periodo, implicando il trasporto su gomma di una ingente quantità di animali di grossa stazza”.

“Il dossier che abbiamo presentato con Ixé ha dato evidenza al fatto che la maggioranza degli italiani considera l’eccessiva presenza degli animali selvatici come una emergenza nazionale, e come tale va affrontata. Le persone toccate dal fenomeno e gli agricoltori, che ne vivono le conseguenze in prima persona, vanno difesi” ha aggiunto Stefano Masini, Responsabile Area Ambiente e Territorio di Coldiretti.

Fondazione UNA evidenzia il contributo che le associazioni venatorie, attraverso la loro professionalità e competenza, possono offrire alla risoluzione di questa emergenza; il cacciatore di oggi è il primo paladino del territorio, contribuendo alla tutela di parchi e boschi nei quali vive e opera e, come tale, degli animali: non mere vittime della sua attività ma parte di un ecosistema da preservare. Ne sono un esempio i progetti che la Fondazione sostiene: uno di questi riguarda la tutela dell’Orso Marsicano, il mammifero più in pericolo di estinzione in Italia, o le varie attività promosse trasversalmente sul territorio nazionale per la lotta al bracconaggio, il vero nemico da combattere.
 

Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica

Oh Gino, con 52 rinnovi di P.A. stanzialista quasi esclusivamente fagiani e qualche lepre nella pianura Alessandrina e nel tempo n° 5 breton ( compreso INOX) ti pare che non abbia trovato nella mia vita di cacciatore qualche covata di fagiani????? Poi se un Soilengo in zona protetta faccia fuori un pò di tutto ci può anche stare, le covate a parte cornacchie e volpi le hanno eliminate VOLPONI A DUE ZAMPE ............ CAPISCI A ME'

da zero assoluto + BRETON inox 15/11/2019 20.27

Re:Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica

Zero assoluto cerca. E trova.

da Gino 15/11/2019 16.32

Re:Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica

Ma dove sono più decine di covate di fagiani ?????????.......... sulla luna? Siamo paladini del niente

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 15/11/2019 14.17

Re:Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica

Vacci anche te invidioso a ammazzare porci! Sai che un cinghiale rovina decine di covare di fagiani? Sei proprio un buono a niente

da Gino 15/11/2019 13.14

Re:Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica

Ma tutto 'sto polverone a chi giova? Ammazza porci pensate che ve li fanno cacciare? Scordatevelo!

da x gli ammazza porci 15/11/2019 12.56

Re:Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvatica

Per esempio, quella operazione sull'autostrada Firenze-mare di domenica, strombazzatata ai quattro venti da tutti i telegiornali nazionali a tutte le ore, non risolverà una beata mazza. Quei sedici caprioli, riliberati in collina (montagna, Acquerino?), di nuovo incalzati dai lupi, torneranno presto intorno all'ospedale di Pistoia e nell'area Cespevi, dove un controllo (non la caccia: lì non è possibile) ben fatto dai cacciatori potrebbe almeno tamponare l'emergenza. La soluzione? Levate di mezzo i lupi (non estirpandoli ma) riconducendone le popolazioni a numeri accettabili. Ma il sondaggio IXE', commissionato a suo uso e consumo da Coldiretti (per non inimicarsi le associazioni ambientaliste), dice che la gente comunemente ignara di come stanno davvero le cose, non è assolutamente d'accordo a toccare non solo i lupi, ma anche cervi, daini e caprioli, indistintamente inquadrati nell'immaginario come "BAMBY".

da BAMBOCCIONI! 15/11/2019 11.42