Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Liguria, calendario venatorio annullato dal TarPiemonte: approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Emilia R.: la Lega chiede deroga allo storno in pre aperturaFidc Umbria: bene modifiche calendario ma c'è ancora da fareCinghiali Siena. La protesta di EnalcacciaStorno, cosa cambia per la caccia in deroga in ToscanaUmbria modifica calendario. Cacciabili anche moriglione e pavoncellaEmilia R.: Interrogazione su ripartizione territorio di caccia AtcCacciatori sentinelle a tutela della lepre italicaRespinti divieti per la caccia nelle aree umide toscaneCommissariato Atc Bologna 3Caccia Sardegna: il 3 settembre si parteCCT: approvato piano prelievo cervo nei ComprensoriCalendario Marche. Il Tar dà ragione alla RegioneA Macerata posizionati nidi per il germano realeIn Ue nuovo attacco alla caccia dei 5 Stelle su pavoncella e moriglioneCampania: richieste di modifica delle associazioni venatorie Liguria: la Corte Costituzionale boccia un provvedimento già superatoFrancia. La Ministra contro il vischioSicilia, il calendario venatorio in arrivo non piace agli animalistiLaghi della Piana: un convegno per rispondere agli attacchi del WwfPubblicate integrazioni calendario venatorio LombardiaLazio: Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Abrogata tassa e segnalazione per ricetrasmittentiCinghiale Piemonte: ok a nuova legge in ConsiglioEps Puglia: certezze per i cacciatori pugliesiCCT: continua il confronto con i cacciatori toscaniCalendario Venatorio Marche: caccia fino al 10 febbraioPuglia: le richieste del mondo venatorio sul calendarioMarche cinghiale: la Corte Costituzionale gela gli animalistiPuglia. La Lega protestaGrandi carnivori: apertura della Commissione UeFidc Umbria "giù le mani dalla Zrc San Gregorio"Toscana: non più obbligatorio tesserino digitale per lo stornoUmbria: esame abilitazione venatoria solo orale per il 2020Roberto Vivarelli confermato coordinatore Atc toscani Impugnativa Lombardia. Rolfi "Per Roma non esiste problema cinghiali"Piano Faunistico Marche: Tar respinge sospensiva animalistaCaccia Lombardia: Governo impugna la nuova leggeLiguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla cacciaMinistro Bellanova annuncia proposta su fauna selvaticaCaretta: su fauna selvatica la demagogia animalista dei VerdiIl mondo venatorio ricorda e celebra il grande Bruno ModugnoE' battaglia sul calendario venatorio della ToscanaUmbria: in arrivo delibera per moriglione e pavoncellaFidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncellaCiao BrunoCaretta: "Ministro Bellanova chiarisca su fauna selvatica"Fidc Umbria: insediata nuova dirigenzaLegge Toscana: guida praticaCaccia cinghiale Umbria: le proposte di Arci CacciaValle d'Aosta. Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021CCT: confronto con la Regione Toscana sulla preaperturaAttacco animalista a Vigevano contro i cacciatoriCaccia in deroga: in Emilia Romagna manca ancora la deliberaFondazione Una cerca proprio AmbassadorPiombo: la Ministra tedesca invita alla mediazioneLa Liguria dice no all'esclusione di pavoncella e moriglioneBelluno. Nuovo Piano per il cervoToscana. Assemblea Cct a CertaldoFidc: I cacciatori sentinelle della salute pubblicaConfagricoltura Toscana. Bene la nuova leggeToscana. Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: "norma filoanimalista"Verona. Accordo tra caccia e agricolturaSpeciale M&C in ricordo di BanaQuando la caccia fa spettacoloTroppi cinghiali in BasilicataTROFEI LADY PER LE CACCIATRICILivorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghiale

News Caccia

Cinghiali in piazza


venerdì 8 novembre 2019
    


Dalla manifestazione organizzata da Coldiretti in Piazza Montecitorio, recuperiamo un po' di dati (e commenti) emersi dalla ricerca di Ixè, resi noti dall'organizzazione agricola più importanet d'Italia.

Più che raddoppiati negli ultimi dieci anni, salgono a 2 milioni i cinghiali in Italia. Nella dorsale appenninica le popolazioni di cinghiali guadagnano terreno rispetto alla presenza umana con una concentrazione media di un animale ogni cinque abitanti in una fascia territoriale segnata già dalla tendenza allo spopolamento per l’indebolimento delle attività tradizionali.
L’eccessiva presenza di selvatici rappresenta un rischio – evidenzia la Coldiretti – per l’agroalimentare italiano visto che proprio nei piccoli comuni sotto i 5mila abitanti si concentra il 92% delle produzioni tipiche nazionali secondo lo studio Coldiretti/Symbola con ben 270 dei 293 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp) italiani riconosciuti dall’Unione Europea tra formaggi, oli extravergine di oliva, salumi e prodotti a base di carne, vini, panetteria e pasticceria. Un patrimonio conservato nel tempo dalle 279 mila imprese agricole presenti nei piccoli Comuni con un impegno quotidiano per assicurare la salvaguardia delle colture agricole storiche, la tutela del territorio dal dissesto idrogeologico e il mantenimento delle tradizioni alimentari.

Oltre otto italiani su 10 (81%) pensano che l'emergenza cinghiali vada affrontata con il ricorso agli abbattimenti, soprattutto incaricando personale specializzato per ridurne il numero".  Il 69% degli italiani ritiene che siano troppo numerosi mentre c'è addirittura un 58% che li considera una vera e propria minaccia per la popolazione.
"Il rischio - denuncia Coldiretti -  è che venga meno la presenza degli agricoltori, soprattutto nelle zone interne, e con essa quella costante opera di manutenzione che garantisce la tutela dal dissesto idrogeologico. Quella degli animali selvatici è infatti una minaccia diretta alla sicurezza delle persone – prosegue l'organizzazione agricola – con morti e feriti causati da attacchi di branchi di cinghiali scoperti mentre devastano campi e coltivazioni o entrano nelle aie delle case dove spesso a farne le spese sono anche cani pastore e da compagnia, mettendo anche a rischio l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali. Studi ed esperienze relative all’elevata densità dei cinghiali in aree di elevato pregio naturalistico hanno mostrato notevoli criticità in particolare per quanto riguarda il rapporto tra crescita della popolazione dei selvatici e vegetazione forestale".

Diverse le reazioni della politica. La ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova ha dichiarato:"Ho scritto al ministro dell'Ambiente Sergio Costa due giorni fa e mi ha gia' risposto; si continua a lavorare per passare per la modifica della legge 157/92",  "l'auspicio e' di lavorare in spirito unitario con Regioni e agricoltura per dare passo passo soluzione a tante criticita' che ci sono". Matteo Salvini é stato più categorico, schierandosi a favore dell'abbattimento dei cinghiali, una "calamità naturale" difesa ormai solo da "qualche ambientalista da salotto".
 
Seguito a ruota da Fabio Rolfi, assessore lombardo all'agricoltura, contrario all’istituzione della figura degli ausiliari per il controllo faunistico,  che ha ricordato i primi risultati positivi per il controllo dei cinghiali nella regione: “Il Governo ora deve agire in modo concreto, non ideologico”, ha detto. Questi risultati sono stati ottenuti grazie ai cacciatori ,sfruttando ogni possibilità che legge consente e usufruendo dell’impegno volontario di chi esercita l’attività venatoria. Ora è tempo – ha auspicato – che il Governo semplifichi le procedure e riconosca la figura dei selecontrollori, ossia dei cacciatori già formati che possono attuare i piani di controllo in maniera volontaria. La politica deve abbandonare ogni ideologia sull’utilizzo della caccia che è una attività di presidio dell’ambiente, per mantenere l’equilibrio dell’ecosistema”.
 
E Stefano Bonacini, presidente della Conferenza delle Regioni: "Consegneremo il vostro documento alla commissione agricoltura per fare in modo che sia convocata una vostra audizione, poiche la questione va affrontata a livello nazionale, altrimenti diventa una guerra fra poveri". "Siamo di fronte a una vera e propria emergenza - concorda con Coldiretti anche Confagricoltura - che richiede la collaborazione di tutti gli attori, agricoltori, cacciatori, selettori e se serve anche delle forze dell'ordine e dell'esercito per dare una risposta immediata". E CIA ricorda che la finalità di fondo va modificata, passando nella 157/92 dal principio di protezione a quello di gestione.

 Di parere avverso gli ambientalisti-animalisti (escluso Legambiente, per la verità), che confermano la loro avversione alla caccia, attribuendo il problema, oltre che all'attività venatoria, all'abbandono di agricoltura e allevamento in zone marginali.

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Cinghiali in piazza

La prima cosa da fare per risolvere il problema cinghiali è di impedire ogni ingerenza animalista sull'argomento, il resto viene da se.

da MarioP 11/11/2019 13.23

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

per gli ultimi 3 che hanno scritto:informatevi su come viene considerato questo animale nel resto del mondo e nel resto dell'europa:pensate che nel nord europa hanno problemi per contenere la loro proliferazione e soprattutto le malattie che possono portare in primis la peste suina già isolata in diversi soggetti,mi guarderei bene nel dare cibo nei parchi come se fosse un cagnolino!!!!ciao salottieri viva la caccia

da Mauro 10/11/2019 10.43

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

I cinghiali non sono cosi dannosi come si vuole far credere anzi sono intelligenti e tranquilli, e' l'essere umano che fa schifo inventa. di tutto

da Igennaro 09/11/2019 20.22

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

Perché Figuracce ,dubiti del fatto che i cinghiali attacchino le pecore?

da Lisandru 09/11/2019 17.07

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

Sarebbe bello ( ma siamo in Italia ) che nella prox dichiarazione dei redditi ci sia un prelievo non obbligatorio per rinfondere i danni causati da selvatici fuori controllo .E che con solamente con questo fondo ( fatti salvi i rimborsi previsti dalla 157/92 )vengano portati a termine i progetti protezionistici degli animalisti senza gravare sugli agricoltori o fruitori legali della natura,! Allora si vedrebbe finalmente chi ci tiene tanto da rimetterci di tasca propria .E se per caso questo fondo non sia sufficiente ci pensano gli animalisti a provvedere senza gravare sulle tasche altrui.

da Mauro Roma 08/11/2019 17.00

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

perché non vanno loro a coltivare la terra invece di stare imboscati nei salotti statali senza fare un cazzo???

da Inps 08/11/2019 15.03

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

Cavalchiamo cavalchiamo o cicavalcano!!

da W Coldiretti 08/11/2019 15.00

Re:CINGHIALI IN PIAZZA

Nelle interviste dei tg abbiamo sentito certe castronerie da parte dei manifestanti col fazzoletto al collo della Col....(cinghiali che assaltano greggi di pecore e via discorrendo )che,io cacciatore,mi guarderei bene nel cavalcare quest'onda giustizialista per/contro i cinghiali.....

da figurucce 08/11/2019 14.57