Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Livorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 BasilicataTar Abruzzo: improponibile questione di legittimità su aree contigueUmbria: gli agricoltori potranno abbattere cinghiali senza guardie venatorieToscana. In cantiere la legge sulla cacciaLivorno. Arcicaccia chiede modifiche per il caprioloCct: depositate osservazioni regolamento Padule di FucecchioMoriglione e Pavoncella. CCT sulla sentenza del Tar toscanoPiemonte. PagoPa per le concessioni regionaliUe. Conferenza Intergruppo sulla biodiversitàUmbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorioBruzzone (Lega) "Conte non escluda mondo venatorio, chiarisca"Campania: approvato Calendario VenatorioPiemonte. Ok a modifiche sulla cacciaToscana. Piano controllo cornacchia e gazzaFrancia. Vincono i verdiLivorno. Cct incontra selecontrollori e capi squadraIl Governo impugna la legge del Molise sulla cacciaCaretta: basta ritardi sulla caccia in derogaLega commenta questione Piemonte e Stati GeneraliPiemonte. Stralciate norme caccia da ddl OmnibusCalendario venatorio Campania: richieste modifiche Trento. Cinghiale sotto controlloCalabria. Verso la modifica della leggeCabina Regia: errore escludere il mondo venatorio da Stati GeneraliEnalcaccia. Stati generali o particolari?Bruxelles, dove si decide il nostro futuroArci Caccia: "Stati Generali con animalisti? No grazie!"Eps Campania: no alle limitazioni di IspraCinghiale. Protestano le squadre umbreVicenza. Patto fra cacciatori e agricoltoriVeneto. Berlato chiede piena applicazione mobilità venatoriaStati Generali. Animalisti all'attaccoLombardia approva deroga per storni e colombiToscana. Ripartono gli esami per la licenza di cacciaVenezia: cacciatori per la lagunaUmbria. Rinviata ancora la selezioneFrancia. 100 deputati firmano un appello per le cacce tradizionaliVeneto: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Piemonte. E' blitz anticaccia in consiglio regionale Regione Lombardia individua valichi migratori in provincia di BresciaRolfi: ora attuiamo nuova legge per contenere i cinghialiCaretta: "finalmente chiarezza sul rinnovo del Porto d'Armi"Uncza annulla assembleaAnuu Emilia R. e Anuu Veneto unite contro il Covid 19Umbria: Arci Caccia sollecita la Regione sulla stanzialeUmbria. Slitta la selezioneLiguria. Assessore Mai "I cinghiali se li prenda il Ministro Costa"Piemonte. Animalisti in allarmeLucca. Enalcaccia dice no al tesserino elettronico per lo stornoCuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghialePiemonte. Dal 1 luglio il tesserino si paga con PagopaToscana. La Regione incontra le associazioni venatorieBerlato sulle cacce in derogaPer la starna forum al Mezzano

News Caccia

Valle della Canna: riapre la caccia


martedì 5 novembre 2019
    

Germano, alzavola, marzaiola 
 
 
Il Parco del Delta del Po ha reso nota oggi la decisione di riaprire la caccia nell'area attigua all'oasi protetta Valle della Canna, dove il mese scorso si è verificata la morte per avvelenamento da botulino di migliaia di uccelli acquatici. Da giovedì 7 novembre sarà dunque possibile cacciare tutte le specie previste dal calendario venatorio nelle aree pre-parco.

 

La decisione, attesa da qualche giorno e richiesta da più soggetti ed enti, tra cui anche la Regione Emilia-Romagna, segue le indicazioni contenute nel parere di ISPRA, l'Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale, trasmesso al Parco del Delta del Po lo scorso 25 ottobre.

Come si legge nel parere ISPRA e riportato nel provvedimento di revoca, "Dal punto di vista della gestione idrica, la fornitura in via eccezionale di acque dal fiume Reno ha consentito un innalzamento del livello della valle con conseguente presumibile contributo al miglioramento dell'evoluzione epizootica a seguito della diluizione degli agenti di propagazione".

Continua il Parco: "Se le azioni intraprese di comune accordo tra tutti gli enti, tra cui l'immissione di abbondante acqua pulita nella Valle, hanno permesso di superare la fase critica dell'epidemia, il livello di vigilanza rimarrà comunque alto nei prossimi mesi, e l'area verrà costantemente monitorata al fine di scongiurare recrudescenze del fenomeno. Proprio per questa ragione, ISPRA ha suggerito in via precauzionale che la revoca del provvedimento di sospensione e dunque la riapertura dell'attività venatoria nelle zone attigue a Valle Mandriole fosse "successiva alla riscontrata stabilizzazione delle temperature massime al di sotto dei 20°C per sette giorni, condizioni queste ritenute sufficienti a inibire lo sviluppo larvale degli insetti su carcasse o altro materiale biologico presente in loco".

"Sono infatti le larve di insetti comuni che costituiscono il moltiplicatore naturale e la principale fonte di dispersione della tossina botulinica - spiega l'Ente Parco -: larve che si sviluppano solo a temperature superiori a 20°C. Le temperature massime giornaliere sono state così monitorate per sette giorni consecutivi dalla stazione di Marina di Ravenna gestita dal Servizio Idro-Meteo-Clima di ARPAE e, attestandosi al di sotto della soglia prevista, hanno dato il via libera al provvedimento di revoca del Parco e della Regione".

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Valle della Canna: riapre la caccia

Ho visto un servizio su rai3 che praticamente giustificava come cosa "naturale" il fenomeno e la peccaminosa moria di anitre, provocata invece come pare dall'incapacità e dall'incuria di una certa filosofia ambientalista inadatta a tutelare il patrimonio naturale. A cominciare dall'ambiente soprattutto, quello adatto agli animali, come ben sanno i cacciatori e tutti coloro che hanno veramente interesse alla loro sopravvivenza. Non basta mettere dei cartelli con la scritta "divieto di caccia", bisogna fare ben altro, e la caccia ben gestita potrebbe e dovrebbe dare un contributo sostanziale.

da Segui il denaro... 05/11/2019 17.45

Re:Valle della Canna: riapre la caccia

Questa si che può essere una buona notizia!

da Fucino Cane 05/11/2019 16.48