Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Livorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 BasilicataTar Abruzzo: improponibile questione di legittimità su aree contigueUmbria: gli agricoltori potranno abbattere cinghiali senza guardie venatorieToscana. In cantiere la legge sulla cacciaLivorno. Arcicaccia chiede modifiche per il caprioloCct: depositate osservazioni regolamento Padule di FucecchioMoriglione e Pavoncella. CCT sulla sentenza del Tar toscanoPiemonte. PagoPa per le concessioni regionaliUe. Conferenza Intergruppo sulla biodiversitàUmbria. Atteso parere Ispra su calendario venatorioBruzzone (Lega) "Conte non escluda mondo venatorio, chiarisca"Campania: approvato Calendario VenatorioPiemonte. Ok a modifiche sulla cacciaToscana. Piano controllo cornacchia e gazzaFrancia. Vincono i verdiLivorno. Cct incontra selecontrollori e capi squadraIl Governo impugna la legge del Molise sulla cacciaCaretta: basta ritardi sulla caccia in derogaLega commenta questione Piemonte e Stati GeneraliPiemonte. Stralciate norme caccia da ddl OmnibusCalendario venatorio Campania: richieste modifiche Trento. Cinghiale sotto controlloCalabria. Verso la modifica della leggeCabina Regia: errore escludere il mondo venatorio da Stati GeneraliEnalcaccia. Stati generali o particolari?Bruxelles, dove si decide il nostro futuroArci Caccia: "Stati Generali con animalisti? No grazie!"Eps Campania: no alle limitazioni di IspraCinghiale. Protestano le squadre umbreVicenza. Patto fra cacciatori e agricoltoriVeneto. Berlato chiede piena applicazione mobilità venatoriaStati Generali. Animalisti all'attaccoLombardia approva deroga per storni e colombiToscana. Ripartono gli esami per la licenza di cacciaVenezia: cacciatori per la lagunaUmbria. Rinviata ancora la selezioneFrancia. 100 deputati firmano un appello per le cacce tradizionaliVeneto: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Piemonte. E' blitz anticaccia in consiglio regionale Regione Lombardia individua valichi migratori in provincia di BresciaRolfi: ora attuiamo nuova legge per contenere i cinghialiCaretta: "finalmente chiarezza sul rinnovo del Porto d'Armi"Uncza annulla assembleaAnuu Emilia R. e Anuu Veneto unite contro il Covid 19Umbria: Arci Caccia sollecita la Regione sulla stanzialeUmbria. Slitta la selezioneLiguria. Assessore Mai "I cinghiali se li prenda il Ministro Costa"Piemonte. Animalisti in allarmeLucca. Enalcaccia dice no al tesserino elettronico per lo stornoCuneo. Perplessità di Anlc su selezione al cinghialePiemonte. Dal 1 luglio il tesserino si paga con PagopaToscana. La Regione incontra le associazioni venatorieBerlato sulle cacce in derogaPer la starna forum al Mezzano

News Caccia

Anuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la vive


mercoledì 30 ottobre 2019
    

Riceviamo e pubblichiamo:
 
La recente sentenza del Consiglio di Stato n. 7182 del 22/10/2019 sul calendario venatorio della Regione Liguria 2018-2019 induce seriamente a ritenere come l’ossessionato modo di interpretare la tutela della natura, nel rispetto della legge, porti talvolta a misconoscere ogni valutazione concreta sulla protezione dell’ambiente e dell’avifauna.
 
La sentenza, ad esempio, più volte sottolinea che le date delle decadi “teoriche” della migrazione prenuziale, nelle quali, lo ricordiamo, può essere previsto il prelievo venatorio, non devono assolutamente sovrapporsi con le decadi “reali” della migrazione della specie considerata, durante le quali il prelievo è vietato. Che vogliamo dire? Che un simile assunto è irrealistico ed illogico, perché non è possibile prevedere con la bilancina del farmacista e con teorici diagrammi il preciso inizio della migrazione, anche di un solo individuo, e affermare, nell’ambito di una rigida giurisprudenza europea, che la migrazione post-nuziale possa considerarsi iniziata per una determinata specie. Se lo Stato o la Regione non dimostrano con dati scientifici e tecnici che non si verifica alcuna sovrapposizione, in quanto nella regione interessata la nidificazione termina prima o la migrazione di ritorno inizia più tardi, in assenza di dati regionali l’analisi delle sovrapposizioni deve basarsi su dati nazionali (n.d.r. l’Italia è più lunga che larga!), altrimenti la caccia non può essere concessa… Siamo veramente al di fuori di ogni legge naturale, come se a giugno (periodo di approvazione dei calendari venatori) si possa sapere quanto accadrà sei mesi dopo, con l’influenza decisiva che le condizioni meteo esercitano sul passo. Ad esempio, basterebbe assumere quanto si paventava per il Tordo sassello (Turdus iliacus) o per la Peppola (Fringilla montifringilla), dei quali tutti asserivano una forte diminuzione, quasi profetizzandone la scomparsa e che, invece, sono apparsi nell’ottobre 2019 in rimarchevole anticipata quantità, forse presagendo un rigido inverno alle latitudini del loro abituale stazionamento. La sintesi di questa insanabile frattura tra leggi scritte dall’uomo e leggi naturali è quella del saggio prelievo che persino i bracconieri dei tempi andati (quando, per intendersi, in montagna si pativa la fame) rispettavano nella loro attività predatoria, se non altro perché non venisse meno, la fonte di sostentamento. Occorre formalizzare dei piani di gestione per ogni specie con chiare modalità e altrettanto chiari limiti stagionali e giornalieri di prelievo. Bisogna essere coscienti che l’uomo è gestore della natura, al centro di un Creato, per chi crede e chi non crede, che non può sussistere senza una saggia fruizione, cui l’uomo in camice bianco e il giudice togato dovranno limitarsi a contribuire senza ulteriori pretese, guardate con senso di divertito compatimento da tutti quelli che la natura la vivono in prima persona, perché nell’ambiente ci siamo tutti, nessuno escluso, come i cacciatori.

 

ANUUMigratoristi Stampa
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Anuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la vive

"Bisogna essere coscienti che l’uomo è gestore della natura, al centro di un Creato, per chi crede e chi non crede, che non può sussistere senza una saggia fruizione" : AH AH AH AHA HAHAHA HAHAH AH Roba che nemmeno nell'antico testamento

da Ciao Ciao 02/11/2019 19.37

Re:Anuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la vive

Era ora

da Bg 30/10/2019 21.43

Re:Anuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la vive

CHIUSA LA CACCIA ALLA ALLODOLA IN ROMANIA

da Billy 30/10/2019 14.33