Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
In Ue nuovo attacco alla caccia dei 5 Stelle su pavoncella e moriglioneCampania: richieste di modifica delle associazioni venatorie Liguria: la Corte Costituzionale boccia un provvedimento già superatoFrancia. La Ministra contro il vischioSicilia, il calendario venatorio in arrivo non piace agli animalistiLaghi della Piana: un convegno per rispondere agli attacchi del WwfPubblicate integrazioni calendario venatorio LombardiaLazio: Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021Abrogata tassa e segnalazione per ricetrasmittentiCinghiale Piemonte: ok a nuova legge in ConsiglioEps Puglia: certezze per i cacciatori pugliesiCCT: continua il confronto con i cacciatori toscaniCalendario Venatorio Marche: caccia fino al 10 febbraioPuglia: le richieste del mondo venatorio sul calendarioMarche cinghiale: la Corte Costituzionale gela gli animalistiPuglia. La Lega protestaGrandi carnivori: apertura della Commissione UeFidc Umbria "giù le mani dalla Zrc San Gregorio"Toscana: non più obbligatorio tesserino digitale per lo stornoUmbria: esame abilitazione venatoria solo orale per il 2020Roberto Vivarelli confermato coordinatore Atc toscani Impugnativa Lombardia. Rolfi "Per Roma non esiste problema cinghiali"Piano Faunistico Marche: Tar respinge sospensiva animalistaCaccia Lombardia: Governo impugna la nuova leggeLiguria, Governo impugna nuove disposizioni sulla cacciaMinistro Bellanova annuncia proposta su fauna selvaticaCaretta: su fauna selvatica la demagogia animalista dei VerdiIl mondo venatorio ricorda e celebra il grande Bruno ModugnoE' battaglia sul calendario venatorio della ToscanaUmbria: in arrivo delibera per moriglione e pavoncellaFidc Umbria: calendario venatorio delude su moriglione e pavoncellaCiao BrunoCaretta: "Ministro Bellanova chiarisca su fauna selvatica"Fidc Umbria: insediata nuova dirigenzaLegge Toscana: guida praticaCaccia cinghiale Umbria: le proposte di Arci CacciaValle d'Aosta. Approvato Calendario Venatorio 2020 - 2021CCT: confronto con la Regione Toscana sulla preaperturaAttacco animalista a Vigevano contro i cacciatoriCaccia in deroga: in Emilia Romagna manca ancora la deliberaFondazione Una cerca proprio AmbassadorPiombo: la Ministra tedesca invita alla mediazioneLa Liguria dice no all'esclusione di pavoncella e moriglioneBelluno. Nuovo Piano per il cervoToscana. Assemblea Cct a CertaldoFidc: I cacciatori sentinelle della salute pubblicaConfagricoltura Toscana. Bene la nuova leggeToscana. Nuova legge sulla caccia, Roberto Salvini: "norma filoanimalista"Verona. Accordo tra caccia e agricolturaSpeciale M&C in ricordo di BanaQuando la caccia fa spettacoloTroppi cinghiali in BasilicataTROFEI LADY PER LE CACCIATRICILivorno: urgenti modifiche caccia selezione e cinghialeContenimento fauna. Centro-destra abbandona CommissioneValle della Canna, da Bruxelles i complimenti di Dreosto ai cacciatoriLegge Toscana. Cct soddisfattaCCT: approvata riforma legge caccia ToscanaUmbria: approvato calendario venatorio 2020 - 2021Francia, nuovi MinistriToscana. Cinghiale in braccata aree non vocate, piani cervidi e mufloneApprovato Calendario venatorio 2020 - 2021 Basilicata

News Caccia

Abolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN


martedì 29 ottobre 2019
    

Bufali
 
“L'abolizione della caccia sportiva non protegge gli animali”. Sono queste le conclusioni a cui sono giunti oltre centotrenta scienziati di tutto il mondo aderenti a IUCN, esprimendo la loro preoccupazione per la deriva animalista di molti governi.
 
Gli studiosi hanno sottoscritto una lettera pubblicata sulla prestigiosa rivista Science in cui si evidenzia che le politiche di conservazione che non sono basate sulle evidenze scientifiche sono pericolose per la conservazione degli habitat e della biodiversità e rischiano di danneggiare e impoverire le comunità rurali.

“La caccia sportiva, soprattutto la caccia grossa praticata in Africa od in altri paesi in via di sviluppo è sotto pressione da parte delle associazioni animaliste e diversi paesi (Australia, Francia Olanda) – sottolineano nelle conclusioni -  hanno già emesso provvedimenti restrittivi sull'importazione dei trofei di caccia. Tali misure dovrebbero avere la finalità di favorire la conservazione della fauna, ma al contrario, esistono convincenti evidenze che l’abrogazione della caccia sportiva avrebbe conseguenze negative sulla fauna selvatica stessa".

Continua la lettera: "In Africa sono molti di più i territori naturali sottoposti a regime venatorio di quelli a parco nazionale e la fine di questa attività comporta il rischio di una trasformazione di queste aree selvagge con una conseguente perdita di biodiversità. Certamente una caccia mal regolata mette in pericolo le popolazioni animali, ma la soluzione non è il divieto, ma una sua migliore regolazione e gestione. Molte esperienze hanno dimostrato che una attività venatoria ben regolata e basata su presupposti biologici ha effetti positivi per molte specie (rinoceronte, argali, big horn e molti ungulati africani). La caccia al trofeo è fonte di reddito per molte popolazioni rurali specie nelle aree troppo remote e selvagge per attirare altre forme di eco-turismo. Per questo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) sostiene che una buona regolazione e gestione di questa attività ha effetti positivi sulla fauna.

La prossima assemblea IUCN valuterà tutti questi aspetti, valutando anche altri documenti IUCN, inclusi orientamenti e dichiarazioni dei gruppi di specialisti. Per quanto riguarda la caccia ai trofei, la Species Survival Commission ha sviluppato "Principi guida per l'utilizzo della caccia ai trofei come strumento di conservazione" e IUCN ha pubblicato un documento informativo (versione aggiornata preparata per CITES CoP17. Questi documenti riconoscono che, se ben gestito, il trofeo la caccia può offrire importanti benefici per la protezione e il recupero delle specie, la conservazione dell'habitat e la riduzione della caccia illegale e del commercio illegale di specie selvatiche, nonché offrire importanti vantaggi di sussistenza alle comunità rurali (ad esempio in Namibia, Zimbabwe, Tanzania, Tagikistan, Canada, Pakistan e diversi paesi europei paesi).

Leggi tutte le news

5 commenti finora...

Re:Abolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN

Sicuramente le associazioni animaliste le daranno come fake news e diranno che è un'invenzione dei cacciatori e chi sta da la loro parte

da Falco Pellegrino 30/10/2019 12.32

Re:Abolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN

Stiamo tranquilli perchè televisioni e giornali diffonderanno la notizia...

da Arrabbiato 67 30/10/2019 8.28

Re:Abolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN

Cosa volete che sappiano questi scienziati, date piuttosto retta a Rob Molina o alla Bramby.Quelli sì che ci capiscono.

da Frank 44 29/10/2019 19.14

Re:Abolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN

Canada ? lo stato canadese aiuta i Nativi in modo quasi imbarazzante per la popolazione normale oltre a questo è una nazione RICCHISSIMA che non ha bisogno di niente e nessuno! riguardo la caccia /pesca è forse la nazione più avanzata al Mondo per la gestione di queste due risorse ed i RESIDENTI possono godere di questi vantaggi con pochi spiccioli. Ma non esiste la Mafia e gli ATC !

da Pino 29/10/2019 17.02

Re:Abolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN

Alle comunità rurali non va un bel nulla solo a politici che in Africa si vendono per 1000 € non gli importa nulla di biodiversità, conservazione etc. etc. ... non siamo sfacciatamente ridicoli ..... ....Questi documenti riconoscono che, se ben gestito....questa frase dice tutto e il contrario di tutto .....se ben gestito, ma quando ??????

da Rob Molina 29/10/2019 16.56