Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Sparvoli: una stagione serenaVeneto: mobilità venatoria da ottobreLombardia: cacciatori autorizzati al controllo di 20 mila piccioniAnuu diffida sindaco di Valle Salimbene "no all'assurdo divieto di caccia"Abruzzo: Piano Faunistico al varo. Imprudente: "Passaggio storico"Lombardia: modifiche al Calendario VenatorioToscana. Massimo Fabbri cacciatore ecologistaUngulati. Vicini a un provvedimentoUna medaglia per i migliori trofeiUmbria. Guardie senza licenzaMoriglione. Raccolta ali, "più facile contribuire alla ricerca"Andrea Pieroni. Candidato cacciatore in ToscanaCovid e sicurezza a cacciaVeneto. La Regione va avantiToscana. Un cacciatore candidato in RegioneLiguria, Alessio Piana: “Gli ultimi cinque anni a difesa della caccia”Francia. Willy Shraen "cacciatori è il momento di resistere"FACE incontra il commissario per l'ambiente Sinkevičius sulla direttiva UccelliBrescia: riapre la caccia in due valichi interessati da rotte migratorieLiguria: approvata giornata di caccia aggiuntiva in appostamentoSacile: Caretta interroga il Ministro su aggressione animalistaRegione Toscana: accordi reciprocità caccia Umbria e LazioToscana: Tar sospende caccia pavoncella e moriglioneSardegna. Ok a Piani di prelievo per lepri e perniciCacciatori francesi sul piede di guerraToscana. Coldiretti chiede l'assessorato all'AgroalimentarePiombo. La Face rincara la doseDreosto (Lega), no a bando piombo, presentata proposta di risoluzioneIl patto coi lupi. Alle origini della cacciaSacile, ancora un'aggressione animalista alla Sagra degli OseiGoverno impugna riforma caccia ToscanaSicilia. Wwf impugna Tar respingeBelluno. Riapre caccia al cervoBuconi fa rettificare articolo diffamatorio su RepubblicaCaretta risponde a Sofri: "ipocrita è chi è contro la caccia"FACE: inattuabile proposta Comitato REACH sul piomboPiana candidato in Liguria: "cacciatori fondamentali per il territorio"Puglia, Fidc: "un successo la sentenza del Tar"Piombo zone umide. Dreosto "sarà battaglia all'ultimo voto"Liguria: approvato nuovo calendario venatorioSalute e caccia. Fidc risponde agli animalistiNuova stagione venatoria vecchie polemicheMacerata: progetto scuola delle FedercaccciatriciPreapertura. Fidc Veneto chiede delibera urgenteRegione Toscana: la preapertura resta in vigoreVeneto. Preapertura in parte sospesa dal TarPreapertura caccia 2020: dove e comeRegionali. Da Massaciuccoli un candidato cacciatoreToscana. Confermata preaperturaAbruzzo: approvato Piano faunistico e calendario venatorioSicilia, modificato Calendario VenatorioToscana. Chiarimenti sulla preaperturaBelluno: stop all'abbattimento di cerviMarche. Un cacciatore candidato alle regionaliToscana. Preapertura a tortora e storno (in deroga)Tortora. Raccolta ali 2020-21Toscana. Le aspettative di Arci CacciaSicilia. TAR respinge richiesta ambientalistiLazio. Così si caccia il cinghialeLazio. Solo tortora in preapeturaMolise. Calendario venatorio e preaperturaMarche. Candidato cacciatoreCia Toscana: la Regione applichi subito nuove norme sulla cacciaDreosto" grazie ai cacciatori bonificati 12 ettari di montagna"Veneto: autorizzato autoconsumo cinghiali abbattuti dai controlloriFrancia: Johanna e il riscatto della caccia

News Caccia

Carni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifesto


martedì 29 ottobre 2019
    

 
Valorizzare e promuovere l'utilizzo della selvaggina nei ristoranti. Questo è l'obiettivo del “Manifesto delle carni selvatiche nella ristorazione”, appena presentato al Palazzo della Provincia di Bergamo nell'ambito del progetto Selvatici e buoni, promosso dalla Fondazione Una (Uomo, Natura, Ambiente). Il documento, redatto dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, capofila scientifico del progetto con il supporto della condotta slowfood valli orobiche, contiene 10 principi chiave attraverso il quale i ristoratori del territorio si impegnano a valorizzare la scelta sana e sostenibile delle carni selvatiche.

Dal bosco alla tavola dunque, a partire dalla formazione dei cacciatori, che tramite appositi corsi, acquisiscono tutte le informazioni tecniche operative sul corretto trattamento delle carni durante l'attività venatoria. Ma il progetto prevede anche workshop formativi per i ristoratori, rassegne enogastronomiche, studi sanitari e nutrizionali. Tutto all'unico fine di proporre la selvaggina come valida alternativa alla carne bovina, in chiave salutistica ed ecosostenibile.    

“Con “Selvatici e Buoni” abbiamo voluto dare un segnale di svolta sviluppando una filiera tracciata della selvaggina, valorizzando gli aspetti di sicurezza alimentare, tutela del patrimonio faunistico e rispetto dell’ambiente che stanno a cuore a Fondazione UNA – ha commentato Maurizio Zipponi, Presidente Fondazione UNA – il territorio di Bergamo ha fatto da pioniere; abbiamo infatti siglato un protocollo d’intesa con la Regione Lombardia per esportare il modello in altre province lombarde. Oltre a rappresentare un passo avanti in tema di sostenibilità della filiera alimentare, “Selvatici e Buoni” ha certamente dato nuovo impulso al turismo enogastronomico locale, dando ai ristoratori la possibilità di differenziarsi attraverso l’apposizione di una specifica vetrofania legata all’adesione al progetto”.


 
MANIFESTODELLE CARNI SELVATICHE NELLA RISTORAZIONE

UNA SCELTA SANA E SOSTENIBILE


Le carni di ungulati selvatici provenienti dalla filiera certificata del territorio,sono un prodotto sano e sostenibile che rispecchia la normativa in materia di sicurezza alimentare e benessere animale ed inoltre presentano valori nutrizionali ideali per una corretta dieta.

IL RISTORATORE SI IMPEGNA A RISPETTARE I CONTENUTI E PROMUOVERE GLI OBIETTIVI DEL MANIFESTO

1. Acquistare carni selvatiche proveniente dalla filiera certificata del territorio, sostenendo le produzioni primarie locali, preferendole a quelle d’importazione.

2. Garantire il rispetto della sicurezza alimentare e la tracciabilità della filiera.

3. Promuovere nella ristorazione l’utilizzo delle carni selvatiche del territorio offrendo piatti ispirati sia alle tradizioni locali sia all’innovazione gastronomica.

4. Assicurare la presenza di un menù ‘selvatico’ del territorio all’interno delle proposte gastronomiche compatibilmente con la disponibilità.

5. Privilegiare, nelle ricette a base di carni selvatiche, l’utilizzo delle materie prime del territorio rispettando la stagionalità dei prodotti.

6. Stabilire prezzi equi in armonia con le economie locali.

7. Promuovere una ristorazione che limiti gli sprechi alimentari.

8. Contribuire alla conoscenza della filiera selvatica intesa come produzione primaria sostenibile ed elemento fondamentale dell'identità culturale, sociale ed alimentare del territorio.

9. Fornire ai clienti adeguate informazioni sulle caratteristiche nutrizionali delle carni selvatiche utilizzate.

10. Esporre la vetrofania nel proprio locale e divulgarne i principi.



Sulla base della sottoscrizione del manifesto delle carni selvatiche nella ristorazione il comitato scientifico di “Selvatici e Buoni” ha scelto di assegnare la vetrofania biennale a10 ristoranti della provincia:

    Ristorante ‘Chalet Engadina’ (Vilminore di Scalve)
    Osteria Bastioli(Vilminore di Scalve)
    Ristorante ‘Peccati di Gola’ (Vilminore di Scalve)
    Locanda Blum In (Rovetta)
    Trattoria enogastronomica Selva di Gelso (Clusone)
    RistOrobie (Cusio)
    Osteria al Gigianca (Bergamo)
    Noi restaurant (Bergamo)
    Hosteria del vapore (Chiuduno)
    Puro cibo e vino (Ranica)    

Tale riconoscimento permetterà di distinguere i ristoratori del territorio bergamasco in materia di competenze nella gestione delle carni selvatiche. L’operato dei ristoratori sarà supervisionato da Fondazione UNA e Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, e sarà coordinato a livello locale dalla condotta Slowfood valli orobiche.

 

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Carni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifesto

Ho compreso che la caccia o quello che ne rimane si vende per esistere a cuochi ,joker e saltimbanchi!!!!! Caro ivan sei proprio terribile !! Se sei un cacciatore ancora peggio!!! Via i mercati dal tempio ! la caccia ai cacciatori............... o nò?

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 30/10/2019 19.17

Re:Carni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifesto

ZEROASSOLUTO si capisce dalla firma quello che hai compreso

da Ivan 29/10/2019 23.18

Re:Carni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifesto

c'azzecca, c'azzecca. A meno che tutto questo non vada a disturbare la digestione di certi possessori di licenza di caccia che "dialogano" con macellai e trattori-ristoratori, per alimentare la cosiddetta "lavanderia".

da Ursus 29/10/2019 16.26

Re:Carni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifesto

e che commenti volete fare ............. CHECCIAZZECCA con la caccia???????

da ZERO ASSOLUTO + breton INOX 29/10/2019 15.43