Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Manifestazione anticaccia Pisa. Cct attiva i propri legali Fidc inizia raccolta ali moriglioneCaretta: in Veneto serve piano più incisivo sui cinghialiTorbiere Sebino. Da Assessore Rolfi sostegno al presidente cacciatoreMalachini (Lega): Governo ostile a tradizioni lombardeRolfi: Governo riconosca selecontrolloriCinghiali in piazzaUNA MISS A CACCIAToscana: emendamento venatorio alla circolazione fuoristradaFedercaccia a fianco degli agricoltoriIL GOVERNO ANNULLA LA DELIBERA LOMBARDA SUI ROCCOLIPER CCT SENTENZA TAR CON LUCI ED OMBRETRAPPOLE ANTI UOMO, MAZZALI PROTESTAToscana: Tar salva caccia alla beccaccia al 31 gennaioToscana. Soddisfazione dalle associazioni venatorieMancato commissariamento Atc Napoli e Benevento. Fidc diffidaBiella, Vassallo e i suoi denunciati dai cacciatoriValle della Canna: riapre la cacciaTorbiere del Sebino. Il nuovo presidente è un cacciatoreRomania, chiusa la caccia ad allodola e altre tre specieCaccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di piùRimini: sottratti alla caccia 400 ettari sui percorsi fluvialiL'Urca Macerata festeggia Sant'UbertoAnuu: un passo contemporaneoFriuli: disposti abbattimenti a protezione dalla peste suinaCostituita in Sicilia Cabina di Regia del mondo venatorioRichiami vivi. Cabina di Regia scrive al GovernoCaccia Futura. Beatrice Raffi: la caccia è rosaProtesta in Abruzzo. "No ai vincoli alle squadre"Valle della Canna. Caccia agli anatidi ancora chiusaNuove cacciatrici si affermano. Paola Battaia, l'arciera friulanaRicattura sul monte PizzocAnuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la viveFedercaccia al lavoro sulla comunicazioneAnuu: su caccia Tar in corto circuitoLombardia: modifiche su giornate integrative in appostamentoAbolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN Toscana: dal 30 ottobre braccata in area non vocataCarni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifestoArci Caccia Firenze: dai cinghialai esempi di senso civicoCacciatori investiti mentre soccorrono automobilistaAnuu: un pazzo ottobreUmbria. Gallinella arrostoCaccia Futura. Claudio Bettoni: Cacciatore e calciatoreBaggio: "l'emozione della caccia non è solo lo sparo"Tar Lombardia riforma decreto su giornate integrativeFidc: importante sentenza per la beccaccia in LiguriaGallinella difende la sua proposta: “è lo Stato che deve gestire la fauna”Cct: assemblea regionale per le proposte normativePuglia: Buconi annuncia battaglia su date di chiusuraArci Caccia: in Puglia un successo unitario delle Associazioni VenatorieSequestri da guardie Lac. Fidc Bs "vogliamo vederci chiaro"Capanno vandalizzato. Mazzali "si attivi la Procura"Caccia Futura: Lisa la falconieraLa Regione Toscana potenzia le Polizie provincialiProcura di Roma: Insultare sui social non lede la reputazioneRegione Umbria: nulli i controlli Wwf sui cacciatoriFidc Puglia: Tar non sospende la cacciaA Lodi il primo Congresso nazionale sulla selvagginaNuovo ricorso Lac su giornate integrative LombardiaPiemonte: M5S, "i proprietari terrieri devono poter vietare la caccia"Dalla Spagna una impotante iniziativa per la conservazione della tortoraCaccia Futura. Emidio del Borrello: tutto per la cacciaAnuu: tordi bagnatiTesserino venatorio. Tar Piemonte sospende disposizioniLiguria. Ecco il testo della sentenza del TarSardegna. Appello per la riapertura della caccia al coniglioEscursionisti soccorsi dai cacciatoriPuglia, Buconi "si va a caccia e si continua a lottare nei tribunali"Mai: Tar dà ragione a Regione Liguria su alcuni puntiPuglia, Consiglio di Stato riforma l'ordinanza del TarLiguria, altra decisione del TarRoccoli. L'Anuu protestaSardegna. Niente coniglioPantanelle. Una rara presenzaCaccia Futura. Alice Bianchini. Più rurale di così...Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccioAbruzzo. Proposta eliminazione delle aree contigueEmilia Romagna: Lega boccia tesserino venatorio digitalePuglia: Tar respinge richiesta sospensiva di VasIn Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92Regione Lombardia conferma calendario riduttivoTaricco (PD): in Senato al lavoro su controllo faunistico Proposta Gallinella. Che ne pensano i candidati umbri?Valle della Canna. Lega: "dall'Assessore risposta imbarazzante"Nuovo ricorso in Puglia contro calendario modificatoOsservatorio Fein Arosio: continua l'ottima migrazioneValle della Canna: divieto caccia ridotto a soli uccelli acquaticiIn Lombardia parte il controllo del cormoranoAnuu: la verità verrà a gallaCaccia Futura - Francesco Lionti: di padre in figlioFidc: da forum Coldiretti riflessioni e spunti immediati

News Caccia

In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92


martedì 15 ottobre 2019
    

 
 
 
Come già fatto dalle Marche, anche il Friuli Venezia Giulia si appresta ad approvare una proposta di legge nazionale per la modifica della 157/92 da sottoporre al parlamento, con l'obbiettivo di combattere l'invasione dei cinghiali. La proposta è stata approvata dalla IV Commissione consiliare, non senza polemiche. In particolare da parte del Movimento 5 Stelle, che chiede metodi alternativi alla caccia per contenere gli ungulati.

Si tratta nello specifico della pdln n. 9 “Norme in materia di prevenzione dei danni causati dalla fauna selvatica. Modifica alla legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio)“.

“Con la pdln, – spiega Mara Piccin, di Forza Italia– Governo e Parlamento saranno chiamati a modificare una norma datata, dando un ruolo primario ai cacciatori nella gestione degli ungulati, considerando che la proliferazione di cinghiali e di altri mammiferi selvatici è proseguita e i pochi agenti forestali e venatori nel territorio non possono da soli affrontare il problema”.

“Con la modifica della norma, le Regioni potranno gestire il controllo degli ungulati anche al di fuori dei periodi e degli orari vigenti, affidando l’attuazione dei Piani di abbattimento ai cacciatori soci delle riserve di caccia, coordinati dalle guardie venatorie afferenti alle amministrazioni pubbliche.

“In IV Commissione – fa sapere la consigliera – è emerso il dato dell’aumento esponenziale delle segnalazioni di danni, nei terreni agricoli del Friuli Venezia Giulia, causati soltanto da cinghiali: dai 91 casi del 2018 ai 218 – sinora – del 2019. La problematica della proliferazione dei cinghiali è ormai riconosciuta e va affrontata su basi pratiche e non ideologiche, a fronte dei danni nell’agricoltura e dei gravi incidenti stradali.

“Il progetto di legge nazionale è l’unica possibilità che abbiamo di affrontare il problema – specifica la consigliera – considerando che tutte le modifiche regionali che abbiano tentato di derogare alla legge 157 sono state cassate. I presunti metodi alternativi al controllo venatorio, quali utilizzo di fonti luminose, sagome, repellenti e via dicendo, nel corso di anni di sperimentazioni (per esempio quelle dell’allora Provincia di Pordenone) hanno portato soltanto a risultati minimi. Ringrazio l’assessore Zannier per aver accolto questa soluzione.

“Auspico – ha concluso la Piccin – che una modifica rapida di una norma datata possa essere presa in considerazione dal Parlamento, tenendo conto anche delle pressioni delle altre Regioni sul tema”.

Leggi tutte le news

22 commenti finora...

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Enrico il privato agricoltore oltre ad usufruire della rifusione del danno agricolo da fauna selvatica come ogni altro imprenditore si fa una bella sssicurazione per i possibili inconvenienti che possono inficiare la sua attività non c'è molto da aggiungere.nessuno ti obbliga a fare l'imprenditore agricolo,come nessuno ti obbliga a violare il codice della strada.se ci sono i cartelli è il conducente che deve adeguarsi e conformare la propria andatura per scongiurare possibili incidenti,e questo che sia fauna selvatica,domestica o un qualsiasi altro segnale di pericolo come una curva pericolosa o un incrocio stradale.qui a leggere certi commenti gli idioti si capisce immediatamente chi sono...

da Bruno 17/10/2019 9.32

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

SEGUE.....oppure mi sembri il classico burocrate che dopo aver letto un po', dopo aver visionato un po' di carte e aver imparato l' ABC della teoria crede di aver capito e, soprattutto, con molta semplicità trovare la soluzione a tutti i problemi....ecco se così è sappi che non ne abbiamo bisogno..... Rimango in attesa di tua cordiale riposta. Saluti

da Springer toscano 17/10/2019 9.30

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Lex....non ho ben capito, dalla tua risposta chi sarebbe che paga e con quali soldi..puoi essere più preciso?... Non ho detto che la legge obbiettivo è ancora attiva.....Mi spieghi perchè i cacciatori non si devono ritagliare un ruolo di utilità per la società ? Devono continuare ad essere vessati e invisi (sopratutto da chi ne sa di caccia, gestione e abiente quanto io ne so di astro fisica nucleare) ingiustamente come ora? Non possono alzare la testa? Spiegaci......Poi....tu sostituiresti, per il contenimento della fauna, la caccia con degli "agenti di controllo". Quindi come da tua stessa ammissione adesso la selvaggina può essere immessa ufficialmente dal cacciatore nel mercato legale tramite i centri di raccolta autorizzati (e creare così anche qualche posto di lavoro...che non grava su nessuno) mentre poi.....deve essere smaltita (ovviamente a pagamento)....e' questo il "progettone"?? Quindi...se passa questa splendida idea non solo va pagato l' operatore che abbatte la selvaggina ma va poi pagato il servizio di smaltimento di carcasse di ottima e pregiata carne???? Un vera rivoluzione. Tornando alla legge obbiettivo...è vero come ho detto presentava delle criticità come l' eccessivo accanimento sul capriolo NELLE ZONE NON VOCATE ALLA SPECIE (nelle vocate la popolazione è in perfetta salute) e la non distinzione di tempi e classi per quanto riguarda gli abbattimenti selettivi al cinghiale. Ma son cose che con poco si potrebbero tranquillamente ovviare....non credi comunque che il forte decremento del capriolo (per me sbagliato) comunque sia indicativo del fatto che la caccia può, se ben organizzata e gestita, essere un' ottimo strumento per, appunto contenere la selvaggina??...Infine...perdonami Lex...ma da come scrivi mi dai l' impressione, o del laureando che si stà studiano la materia, e allora ok....studia ma ricordati di andare anche a vedere come stanno le cose realmente perchè tra il dire e il fare.....

da SPRIGERT TOSCANO 17/10/2019 9.26

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Le idee dei 5 stelle sono fallimentari: non ne azzeccano una! Dal reddito di cittadinanza ai brigatisti al caso Whirlpool “salvata” da DI MAIO. Gli ausiliari della caccia saranno un altro buco nell’acqua! Ci vorranno i soldati per andarli a recuperare nel bosco....

da Carlo 16/10/2019 22.06

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Un idiota quando parla o scrive di fa subito individuare. Infatti a lui dei danni che subisce il privato agricoltore che gli frega? L’importante è garantire che lo Stato mantenga integra la propria “proprieta’”. Che quando causa un incidente mortale non è più sua proprietà in quanto c’e’ un cartello di pericolo. Ecco un idiota ragiona così. Quindi lasciamo che a governare siano gli idioti. E aspettiamo lo schianto. Dopo andremo a cercarli e li manderemo dove meritano. In clinica. Non c’e’ molto da aspettare. Gli scricchiolii ormai sono molto forti in ogni settore. Il crollo è imminente.

da Enrico 16/10/2019 21.26

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Springer toscano,paga chi ha le deleghi nelle regioni o nelle provincie per svolgere l'attività di controllo.per ciò che riguarda la legge obbiettivo Toscana,stai sbagliando i tempi in quanto essa è decaduta ha dicembre dello scorso anno.I cacciatori non debbono ritagliarsi nessun ruolo,rispetto ad una materia che non gli compete.E carcasse nelle azioni di controllo debbono essere smaltite e non certo inviate al commercio in quanto si commetterebbe un illecito ,perché si venderebbe indebitamente un bene dello stato senza le necessarie attribuzioni,in quanto solo nelle azioni di caccia il cacciatore diventa dopo abbattimento proprietario della fauna che ha cacciato,nelle azioni di controllo questa condizione non si realizza,al netto che normalmente le azioni di controllosi realizzano principalmente per motivazioni sanitarie e tutela pubblica.Sul fatto poi che quella legge abbia ottenuto buoni risultati oltre che rimanere illegittima,da alcuni documenti che mi son passati per le mani ,non ne sarei così convinto ,visto la destrutturazione su popolazioni di alcune specie,come il capriolo,o la quasi scomparsa dello stesso in alcune zone,ricordando che stiamo sempre parlando di un bene dello stato che il medesimo conserva e gestisce..Lo stato ,non la regione Toscana in contrasta con la legge nazionale.

da Lex Luthor 16/10/2019 21.17

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

La "maretta" sculettante che cerca visibilità, prima con gli archi e le frecce, poi con i fari per cacciare di notte...adesso con questa altra pagliacciata.

da tornate a lavorare 16/10/2019 19.25

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Lex...mi permetto...e chi li paga? E' fondamentale questo aspetto.... La legge obbiettivo della regione Toscana, nonostante le varie criticità che presenta, nonostante sia stata osteggiata in tutti i modi proprio da chi ne avrebbe tratto giovamento per il fatto di ritagliarsi un ruolo di utilità pubblica) ha comunque ottenuto risultati buoni.....e credimi con poco si farebbe molto meglio. Inoltre, grazie all' istituzione di centri raccolta selvaggina, essa viene effettivamente trasformata in risorsa con la creazione di alcuni posti di lavoro produttivi e non...a carico della comunità, e con la messa a disposizione anche di chi non è cacciatori di ottima e sana carne. Torno a dire....lasciamo perdere spot elettorali....guardiamo in faccia la realtà senza andare a cercare baggianate inutili.

da springer toscano 16/10/2019 17.27

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Lex Luthor ribadisco: in Italia una risorsa là si fa diventare un costo per la collettività. Il resto sono tutte inutili chiacchere. Spero prima possibile l’Italia finisca come deve (in macerie) per essere ricostruita dalle fondamenta. È già successo in passato e spero accada al più presto. Non solo per la caccia, ovviamente. Ma gli idioti in un paese civile non prendono decisioni, ma sono curati dai medici.

da Enrico 16/10/2019 16.57

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Enrico il controllo non è attivita venatoria Quindi ai cacciatori non viene sottratto un bel nulla,in quanto la caccia per il prelievo regolamentato ed in concessione di un bene dello stato rimane tranquillamente aperta oltre che una possibilità attuabile.oltretutto le specie " problematiche" sono molte oltre al cinghiale dove appunto serve una attivit'a specializzata continuativa è coordinata per essere attuata con risultati di successo,e non certo di volontari ,che se oggi ,non gli garba,o perché di notte fa freddo,o caldo o la moglie deve essere accompagnata a fare la spesa ti dicono che non possono,o peggio che non gli comoda ,quel giorno o in quegli orari,soprattutto quando quelle azioni sono più produttive ovvero negli orari crepuscolari,o quando le attività umane sono meno impattanti..Questa continuità si realizza unicamente attraverso un rapporto lavorativo coordinato,dove gli orari di operatività e giornate sono noti e remunerati equamente.Altri paesi qui non centrano nulla in quanto hanno legislazioni differenti come differente è la proprietà della fauna ,dove l'accesso alle terre è subordinato al consenso e pagamento di denari è così il prelievo della fauna.

da Lex Luthor 16/10/2019 15.24

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Enrico...concordo!! Ma stai tranquillo....è solo un "annuncio elettorale"....

da SPRINGER TOSCANO 16/10/2019 15.05

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Enrico...concordo!! Ma stai tranquillo....è solo un "annuncio elettorale"....

da SPRINGER TOSCANO 16/10/2019 15.05

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Leggendo i commenti qua sotto c’ è da rimanere allibiti! In Italia diventerà un costo per i cittadini ciò che in tutti gli altri paesi del mondo è una risorsa: la fauna e in particolare i cinghiali! Arrivare a stipendiare persone per fare un dispetto ai cacciatori che farebbero quel servizio gratis dice chiaramente dove finirà l’Italia. Speriamo finisca tutto in macerie prima possibile: DOPO sarà più facile ricostruire una volta ELIMINATI i deficienti che decidono in Italia.

da Enrico 16/10/2019 13.46

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Caro Lex se mi autorizzano a mettere trappole e prenderli vivi (per metterli dove?) io sono ancora più contento. Infatti quando ho abbattuto un animale mi piacerebbe ridargli la vita! Se ci sono anche le guardie provinciali ad aiutare ancora meglio! Da tutti c’è sempre da imparare qualcosa. Insomma come giovane cacciatore sono entusiasta di questa grande opportunità. Non credo affatto che vi sarà la corsa per questo lavoro dato che è molto duro e se uno NON HA la passione della caccia preferirà senza dubbio IL REDDITO DI CITTADINANZA. Spero pertanto che trovino i soldi per finanziare il progetto (i mesi di stipendio sono fitti e le attrezzature costose siano trappole che armi e ottiche) ed inizino quanto prima le selezioni. Io come KARAMOJO BELL, SAREBBE UN SOGNO CHE SI AVVERA. Ce la metterò tutta!

da Anselmo 16/10/2019 13.24

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Avere una licenza venatoria,non significa,che ti vengano fornite armi o munizioni per effettuare le azioni di controllo.Questo perché la legge, prima degli abbattimenti prevede i metodi ecologici,sempre sotto supervisionedelle guardie provinciali,o dei cc forestali.Quelli troppo ansiosi di tirare il grilletto,credo che passeranno più di qualche tempo a mettere trappole di cattura ecologiche.Il disegno di legge poi non prescrive che gli interventi di controllo siano fatti in autonomia ,ma sempre sotto il coordinamento delle guardie provinciali.In base alle regioni vi saranno più o meno posti è più o meno candidati ,ma l'essere cacciatore non costituisce titolo preferenziale,perché come scritto,della licenza venatoria possono munirsi anche in seguito.Insomma per una attività lavorativa ,dove non esistono sabati e domeniche,festività o notturne( specialmente) magari per 1000 euro al mese o anche meno,di baldi giovani e non ,plurititolati ,ve ne sono in giro un bel po,che ed una opportunità lavorativa migliorre magari che fare il fattorino o il lavapavimenti al Mc donald o al call center che non vedono l'ora di partecipare.

da Lex Luthor 16/10/2019 12.58

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

HA Ha HA . Poveri illusi. Non avete ancora capito che sulla caccia non siete voi a mangiare, ma i soliti politicanti.

da Vecchio cacciatore 16/10/2019 12.49

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

In effetti conosco più di un giovane che non ha le disponibilità economiche per andare a caccia! E segue qualche parente. Questa sarebbe una grossa opportunità! Oltre a ricevere uno stipendio avrebbe anche tutta l’attrezzatura gratis! Carabina e ottiche per circa 3000 euro, poligono per allenarsi e munizioni gratis! Se poi dovesse abbattere anche corvidi e storno anche canna liscia e cartucce sempre gratis! Senza contare la licenza di caccia che non pagherebbe! Un vero colpo di fortuna!

da Marco 16/10/2019 12.01

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

È il mio sogno. Sicuramente farò domanda e cercherò di entrare. Non ci sarà la fila. Saremo noi cacciatori ad essere finalmente PAGATI per il servizio che facciamo. Dato che lavoro con contratti a termine per me sarebbe un 6 al Superenalotto!!!

da Anselmo 16/10/2019 9.11

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Ermes io non penso nulla,ritengo che la proposta sia corretta ,in quanto ciò che oggi facevi gratis è illegale.Il concorso pubblico e il successivo corso che porta ad una contratto coordinato lavorativo ,taglierà fuori ,improvvisati,maldestri,arraffoni.Il controllo faunistico avverrà per tutte le specie problematiche e non solo per quelle di "comodo".Oltretutto porterà alle proprie responsabilità' gli enti preposti,e chi li dirige....

da Lex Luthor 16/10/2019 8.40

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Lex Luthor, davvero pensi che il personale che concorrerebbe per un contratto di lavoro per effettuare le azioni di controllo faunistico siano persone diverse dai cacciatori? Beata ingenuità. Almeno ci pagheranno per qualcosa che oggi facciamo gratis. Anzi dobbiamo pure pagare! Saluti

da Ermes74 15/10/2019 22.19

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

A me va bene. Sarò pagato per andare a caccia. Aspetto con ansia di poter fare la domanda!! Fare della caccia il mio lavoro: il sogno di una vita!!

da Anselmo 15/10/2019 20.32

Re:In Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92

Questo articolo la dice lunga sulla visione ristretta e demagoga dei proponenti.Lo stato parla di controllo della fauna ,non di controllo degli ungulati.Lo stato non ha chiamato i cacciatori,in quanto il controllo faunistico non è azione di caccia.,e trovo corretto l'approccio di M5s con la sua proposta di concorso per la formazione di operatori faunistici che si muovono sotto il coordinamento delle polizie provinciali per poter controllare tutta la fauna che possa creare problematiche

da Lex Luthor 15/10/2019 19.01