Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Manifestazione anticaccia Pisa. Cct attiva i propri legali Fidc inizia raccolta ali moriglioneCaretta: in Veneto serve piano più incisivo sui cinghialiTorbiere Sebino. Da Assessore Rolfi sostegno al presidente cacciatoreMalachini (Lega): Governo ostile a tradizioni lombardeRolfi: Governo riconosca selecontrolloriCinghiali in piazzaUNA MISS A CACCIAToscana: emendamento venatorio alla circolazione fuoristradaFedercaccia a fianco degli agricoltoriIL GOVERNO ANNULLA LA DELIBERA LOMBARDA SUI ROCCOLIPER CCT SENTENZA TAR CON LUCI ED OMBRETRAPPOLE ANTI UOMO, MAZZALI PROTESTAToscana: Tar salva caccia alla beccaccia al 31 gennaioToscana. Soddisfazione dalle associazioni venatorieMancato commissariamento Atc Napoli e Benevento. Fidc diffidaBiella, Vassallo e i suoi denunciati dai cacciatoriValle della Canna: riapre la cacciaTorbiere del Sebino. Il nuovo presidente è un cacciatoreRomania, chiusa la caccia ad allodola e altre tre specieCaccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di piùRimini: sottratti alla caccia 400 ettari sui percorsi fluvialiL'Urca Macerata festeggia Sant'UbertoAnuu: un passo contemporaneoFriuli: disposti abbattimenti a protezione dalla peste suinaCostituita in Sicilia Cabina di Regia del mondo venatorioRichiami vivi. Cabina di Regia scrive al GovernoCaccia Futura. Beatrice Raffi: la caccia è rosaProtesta in Abruzzo. "No ai vincoli alle squadre"Valle della Canna. Caccia agli anatidi ancora chiusaNuove cacciatrici si affermano. Paola Battaia, l'arciera friulanaRicattura sul monte PizzocAnuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la viveFedercaccia al lavoro sulla comunicazioneAnuu: su caccia Tar in corto circuitoLombardia: modifiche su giornate integrative in appostamentoAbolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN Toscana: dal 30 ottobre braccata in area non vocataCarni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifestoArci Caccia Firenze: dai cinghialai esempi di senso civicoCacciatori investiti mentre soccorrono automobilistaAnuu: un pazzo ottobreUmbria. Gallinella arrostoCaccia Futura. Claudio Bettoni: Cacciatore e calciatoreBaggio: "l'emozione della caccia non è solo lo sparo"Tar Lombardia riforma decreto su giornate integrativeFidc: importante sentenza per la beccaccia in LiguriaGallinella difende la sua proposta: “è lo Stato che deve gestire la fauna”Cct: assemblea regionale per le proposte normativePuglia: Buconi annuncia battaglia su date di chiusuraArci Caccia: in Puglia un successo unitario delle Associazioni VenatorieSequestri da guardie Lac. Fidc Bs "vogliamo vederci chiaro"Capanno vandalizzato. Mazzali "si attivi la Procura"Caccia Futura: Lisa la falconieraLa Regione Toscana potenzia le Polizie provincialiProcura di Roma: Insultare sui social non lede la reputazioneRegione Umbria: nulli i controlli Wwf sui cacciatoriFidc Puglia: Tar non sospende la cacciaA Lodi il primo Congresso nazionale sulla selvagginaNuovo ricorso Lac su giornate integrative LombardiaPiemonte: M5S, "i proprietari terrieri devono poter vietare la caccia"Dalla Spagna una impotante iniziativa per la conservazione della tortoraCaccia Futura. Emidio del Borrello: tutto per la cacciaAnuu: tordi bagnatiTesserino venatorio. Tar Piemonte sospende disposizioniLiguria. Ecco il testo della sentenza del TarSardegna. Appello per la riapertura della caccia al coniglioEscursionisti soccorsi dai cacciatoriPuglia, Buconi "si va a caccia e si continua a lottare nei tribunali"Mai: Tar dà ragione a Regione Liguria su alcuni puntiPuglia, Consiglio di Stato riforma l'ordinanza del TarLiguria, altra decisione del TarRoccoli. L'Anuu protestaSardegna. Niente coniglioPantanelle. Una rara presenzaCaccia Futura. Alice Bianchini. Più rurale di così...Anuu: considerazioni sulla migrazione del tordo bottaccioAbruzzo. Proposta eliminazione delle aree contigueEmilia Romagna: Lega boccia tesserino venatorio digitalePuglia: Tar respinge richiesta sospensiva di VasIn Friuli serrato dibattito sulla modifica alla 157/92Regione Lombardia conferma calendario riduttivoTaricco (PD): in Senato al lavoro su controllo faunistico Proposta Gallinella. Che ne pensano i candidati umbri?Valle della Canna. Lega: "dall'Assessore risposta imbarazzante"Nuovo ricorso in Puglia contro calendario modificatoOsservatorio Fein Arosio: continua l'ottima migrazioneValle della Canna: divieto caccia ridotto a soli uccelli acquaticiIn Lombardia parte il controllo del cormoranoAnuu: la verità verrà a gallaCaccia Futura - Francesco Lionti: di padre in figlioFidc: da forum Coldiretti riflessioni e spunti immediati

News Caccia

Regionali Umbria: richiesti impegni sulla caccia


giovedì 10 ottobre 2019
    
 
 
 
In occasione delle elezioni regionali in Umbria, la Federcaccia umbra  chiede ai candidati impegni precisi e fatti concreti sui temi ambientali e gestionali ed il riconoscimento del ruolo positivo dell’attività venatoria e della figura sociale del cacciatore.

Sono chiesti impegni  concreti, da condividere e portare in discussione in sede regionale-nazionale per supportare l’attività venatoria come strumento di conservazione.

1. Il cacciatore è un protagonista della gestione, della valorizzazione dell’ambiente e il suo ruolo è riconosciuto dalla Legge dello Stato 157-92, che stabilisce che l’attività venatoria è lecita e riconosciuta. Il CACCIATORE è uno dei protagonisti individuati dalla Legge e quindi ha pieno diritto di stare nel consesso della società Italiana.

2. L’attività venatoria è uno strumento importante di gestione ambientale affidata per legge ad agricoltori, ambientalisti, enti locali e cacciatori. Il cacciatore rappresenta, con la sua attività, uno dei principali artefici della governance del territorio e della tutela della biodiversità.

3. Il cacciatore – così come sancito da Leggi e Regolamenti dell’Unione Europea italiani e regionali - svolge un ruolo attivo nella formazione, conservazione e ripristino di un ambiente naturale vivo ed equilibrato, nella valorizzazione di aree abbandonate e periferiche.

4. Il mondo venatorio è elemento fondamentale per la creazione di una filiera alimentare tracciata delle carni di selvaggina, che valorizzi una risorsa naturale di qualità rinnovabile del nostro territorio, attraverso la quale creare economia e posti di lavoro.

5. Il valore economico-occupazionale in Italia del comparto sportivo-venatorio e dei settori ad esso collegati, con i suoi quasi 100.000 addetti, ha un effetto economico di circa 7,3 miliardi di euro: un valore che rappresenta  lo 0,44% del PIL nazionale.

6. Il mondo venatorio, anche attraverso l’integrazione delle funzioni e una migliore organizzazione degli ATC, delle AFV e AATV, può sviluppare sinergie significative col mondo agricolo in tema di gestione e di sviluppo del territorio, contribuendo così alla crescita dell’impresa agricola in un contesto multifunzionale e di implementazione della Strategia europea, nazionale e regionale per la Biodiversità.

7. Le prossime sfide che interessano il mondo venatorio a livello regionale:
Attuazione del PFVR, dalla gestione della piccola selvaggina stanziale,alla individuazione di un reticolato di Area di Rispetto Temporaneo, al completamento della gestione della specie cinghiale,alla lotta alle specie opportuniste in territorio a caccia programmata per l’intero anno.
Gestione Sic e Parchi Regionali con la realizzazione al proprio interno di Aree di Rispetto Temporaneo,  di Zone di Ripopolamento e Cattura, perché si concretizzi la gestione  della fauna selvatica attraverso adeguate forme convenzionate fra Ente Parco  ed Ambito Territoriale di Caccia, affinché nel territorio montano sottratto alla caccia possano svilupparsi corrette forme di attività di promozione ambientale e di pratica di cinofilia sportiva.

Come portatore di interessi, Federcaccia chiede:
di sedere al tavolo verde della PAC post 2020 (Politica Agricola Comune);
di potenziare l’Osservatorio Faunistico, realizzando convenzioni con l'Università degli studi di Perugia per avere, come regione, una autonomia a titolo scientifico in materia di specie migratorie;
che la vigilanza volontaria venatoria, di tutte le associazioni, sia coordinata dalla Polizia Provinciale attraverso un pattugliamento misto;
di adeguare le normative regionali in tema venatorio, onde evitare i continui attacchi strumentali da parte delle associazioni ambientaliste, i cui rapporti o convenzioni con gli Enti preposti andrebbero approfonditi;
di modificare ed evitare di approvare norme e regolamenti vessatori e discriminanti verso i cacciatori (anche se non indirizzati direttamente verso la caccia).

"La nostra aspettativa è che questi obbiettivi trovino il legittimo riconoscimento nei programmi politici per il futuro impegno legislativo nella Regione Umbra" chiude Fidc.

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Regionali Umbria: richiesti impegni sulla caccia

Bene Presidente Buconi, patti chiari ed amicizia lunga.Non devono dimenticare, che ancora siamo tanti e che sappiamo fare squadra all'occorrenza.

da Da Federcacciatore 10/10/2019 20.51