Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Archiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatoriToscana: allarme ColdirettiLombardia. Rolfi chiede le derogheToscana: appostamenti fissiMolise. Il Wwf contesta la riaperturaCovid 19. Nuove iniziative FedercacciaCct chiede risposte urgenti su controllo e selezioneEmilia Romagna. Sì ad addestramento cani e caccia selezioneAddestramento cani anche in ToscanaRolfi: in Lombardia caccia cinghiale tutto l'anno anche con visori notturniAttività cinofile e prelievi selettivi: Dreosto scrive alle RegioniCabina di regia Mondo Venatorio: Facciamo ripartire il settoreFidc Umbria: no ad apertura caccia braccata al primo novembreFidc Piemonte: Da Legambiente meschino sciacallaggio sulla cacciaCinghiali. Assessore Basilicata sollecita provvedimenti governativiMolise, è legge la possibilità di estendere caccia al cinghialeArci Caccia Emilia Romagna: in cammino verso il Calendario Venatorio 2020Nuova riserva di caccia per IbrahimovicFidc supera il milione di euro donati per l'emergenza Covid19Agricoltura e fauna selvatica ai tempi del CoronavirusMarche: continua la solidarietà dei cacciatoriArci Caccia e Eps invitano all'unitàToscana: "riparta selezione cinghiale"

News Caccia

Regionali Umbria: richiesti impegni sulla caccia


giovedì 10 ottobre 2019
    
 
 
 
In occasione delle elezioni regionali in Umbria, la Federcaccia umbra  chiede ai candidati impegni precisi e fatti concreti sui temi ambientali e gestionali ed il riconoscimento del ruolo positivo dell’attività venatoria e della figura sociale del cacciatore.

Sono chiesti impegni  concreti, da condividere e portare in discussione in sede regionale-nazionale per supportare l’attività venatoria come strumento di conservazione.

1. Il cacciatore è un protagonista della gestione, della valorizzazione dell’ambiente e il suo ruolo è riconosciuto dalla Legge dello Stato 157-92, che stabilisce che l’attività venatoria è lecita e riconosciuta. Il CACCIATORE è uno dei protagonisti individuati dalla Legge e quindi ha pieno diritto di stare nel consesso della società Italiana.

2. L’attività venatoria è uno strumento importante di gestione ambientale affidata per legge ad agricoltori, ambientalisti, enti locali e cacciatori. Il cacciatore rappresenta, con la sua attività, uno dei principali artefici della governance del territorio e della tutela della biodiversità.

3. Il cacciatore – così come sancito da Leggi e Regolamenti dell’Unione Europea italiani e regionali - svolge un ruolo attivo nella formazione, conservazione e ripristino di un ambiente naturale vivo ed equilibrato, nella valorizzazione di aree abbandonate e periferiche.

4. Il mondo venatorio è elemento fondamentale per la creazione di una filiera alimentare tracciata delle carni di selvaggina, che valorizzi una risorsa naturale di qualità rinnovabile del nostro territorio, attraverso la quale creare economia e posti di lavoro.

5. Il valore economico-occupazionale in Italia del comparto sportivo-venatorio e dei settori ad esso collegati, con i suoi quasi 100.000 addetti, ha un effetto economico di circa 7,3 miliardi di euro: un valore che rappresenta  lo 0,44% del PIL nazionale.

6. Il mondo venatorio, anche attraverso l’integrazione delle funzioni e una migliore organizzazione degli ATC, delle AFV e AATV, può sviluppare sinergie significative col mondo agricolo in tema di gestione e di sviluppo del territorio, contribuendo così alla crescita dell’impresa agricola in un contesto multifunzionale e di implementazione della Strategia europea, nazionale e regionale per la Biodiversità.

7. Le prossime sfide che interessano il mondo venatorio a livello regionale:
Attuazione del PFVR, dalla gestione della piccola selvaggina stanziale,alla individuazione di un reticolato di Area di Rispetto Temporaneo, al completamento della gestione della specie cinghiale,alla lotta alle specie opportuniste in territorio a caccia programmata per l’intero anno.
Gestione Sic e Parchi Regionali con la realizzazione al proprio interno di Aree di Rispetto Temporaneo,  di Zone di Ripopolamento e Cattura, perché si concretizzi la gestione  della fauna selvatica attraverso adeguate forme convenzionate fra Ente Parco  ed Ambito Territoriale di Caccia, affinché nel territorio montano sottratto alla caccia possano svilupparsi corrette forme di attività di promozione ambientale e di pratica di cinofilia sportiva.

Come portatore di interessi, Federcaccia chiede:
di sedere al tavolo verde della PAC post 2020 (Politica Agricola Comune);
di potenziare l’Osservatorio Faunistico, realizzando convenzioni con l'Università degli studi di Perugia per avere, come regione, una autonomia a titolo scientifico in materia di specie migratorie;
che la vigilanza volontaria venatoria, di tutte le associazioni, sia coordinata dalla Polizia Provinciale attraverso un pattugliamento misto;
di adeguare le normative regionali in tema venatorio, onde evitare i continui attacchi strumentali da parte delle associazioni ambientaliste, i cui rapporti o convenzioni con gli Enti preposti andrebbero approfonditi;
di modificare ed evitare di approvare norme e regolamenti vessatori e discriminanti verso i cacciatori (anche se non indirizzati direttamente verso la caccia).

"La nostra aspettativa è che questi obbiettivi trovino il legittimo riconoscimento nei programmi politici per il futuro impegno legislativo nella Regione Umbra" chiude Fidc.

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Regionali Umbria: richiesti impegni sulla caccia

Bene Presidente Buconi, patti chiari ed amicizia lunga.Non devono dimenticare, che ancora siamo tanti e che sappiamo fare squadra all'occorrenza.

da Da Federcacciatore 10/10/2019 20.51