Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc Emilia Romagna "fantasiosi attacchi animalisti"Toscana "Colpo di mano su istituti privati"Toscana: approvata legge su contenimento ungulati nelle aree urbanePonteranica (BG), il sindaco vuole vietare la caccia in battutaStorni, chiarimento dalla Regione ToscanaAtc Unico Brescia, chiusa caccia alla lepreCaccia Futura. Pietro Vismara: apprendista dirigenteNominati Commissari Atc Benevento e NapoliPAC: I cacciatori europei chiedono "maggiori ambizioni ambientali"Controlli venatori. Wwf Perugia filma i cacciatoriFidc: marcate nuove cesene per progetto satellitareBologna: aggiornamento per 80 capisquadraPuglia. ArciCaccia auspica collaborazioneFauna selvatica, Governo tergiversaMacron e il "patto segreto" con i cacciatoriFidc Umbria, nuove richieste per la caccia alla RegionePiacenza: chiusura anticipata anche per pernici e starneFiocchi: l'Ue vuole vietare il piombo. Associazioni pronte a mobilitarsiNorme tassidermia Liguria. Consulta respinge ricorso Una: soluzioni sostenibili per l'emergenza fauna selvaticaFiliera selvaggina: Arci Caccia si appella alle forze politicheToscana: comunicazione storni abbattuti entro il 20 novembreAudizioni Valle della Canna. Pompignoli "scarico di responsabilità"Toscana: arrivano le guardie venatorie Cia Campania: ok a prelievo selettivo cinghiale in aree criticheCCT dice no ai Rangers a pagamento contro i cinghialiTaricco: filiera selvaggina sì ma da controllo faunisticoInterrogazione PD: su cinghiali serve analisi attuazione 157/92Educare gli anticaccia violenti si puòTroppi cinghiali? Per CIA la soluzione non sono i cacciatoriM5S affossa proposta commercializzazione carne selvaggina cacciataA Pisogne (BS) un concorso per capanniCaccia Futura - Patrizia Andolfi, L'anima gemellaAnuu sul passo: "novembrini sottotono"Piacenza: chiusa anticipatamente caccia alla lepre nell'Atc Pc 2Manifestazione anticaccia Pisa. Cct attiva i propri legali Fidc inizia raccolta ali moriglioneRolfi: Governo riconosca selecontrolloriCaretta: in Veneto serve piano più incisivo sui cinghialiTorbiere Sebino. Da Assessore Rolfi sostegno al presidente cacciatoreMalachini (Lega): Governo ostile a tradizioni lombardeCinghiali in piazzaUNA MISS A CACCIAToscana: emendamento venatorio alla circolazione fuoristradaFedercaccia a fianco degli agricoltoriIL GOVERNO ANNULLA LA DELIBERA LOMBARDA SUI ROCCOLIPER CCT SENTENZA TAR CON LUCI ED OMBRETRAPPOLE ANTI UOMO, MAZZALI PROTESTAToscana: Tar salva caccia alla beccaccia al 31 gennaioToscana. Soddisfazione dalle associazioni venatorieMancato commissariamento Atc Napoli e Benevento. Fidc diffidaBiella, Vassallo e i suoi denunciati dai cacciatoriValle della Canna: riapre la cacciaTorbiere del Sebino. Il nuovo presidente è un cacciatoreRomania, chiusa la caccia ad allodola e altre tre specieCaccia Futura - Emanuele Marchi, di tutto, di piùRimini: sottratti alla caccia 400 ettari sui percorsi fluvialiL'Urca Macerata festeggia Sant'UbertoAnuu: un passo contemporaneoFriuli: disposti abbattimenti a protezione dalla peste suinaCostituita in Sicilia Cabina di Regia del mondo venatorioRichiami vivi. Cabina di Regia scrive al GovernoCaccia Futura. Beatrice Raffi: la caccia è rosaProtesta in Abruzzo. "No ai vincoli alle squadre"Valle della Canna. Caccia agli anatidi ancora chiusaNuove cacciatrici si affermano. Paola Battaia, l'arciera friulanaRicattura sul monte PizzocAnuu: L'esasperata tutela della natura fa ridere chi la viveFedercaccia al lavoro sulla comunicazioneAnuu: su caccia Tar in corto circuitoLombardia: modifiche su giornate integrative in appostamentoAbolire la caccia non aiuta la natura. Lettera su Science di 130 scienziati IUCN Toscana: dal 30 ottobre braccata in area non vocataCarni selvatiche nei ristoranti: ecco il manifestoArci Caccia Firenze: dai cinghialai esempi di senso civicoCacciatori investiti mentre soccorrono automobilistaAnuu: un pazzo ottobreUmbria. Gallinella arrostoCaccia Futura. Claudio Bettoni: Cacciatore e calciatoreBaggio: "l'emozione della caccia non è solo lo sparo"Tar Lombardia riforma decreto su giornate integrativeFidc: importante sentenza per la beccaccia in LiguriaGallinella difende la sua proposta: “è lo Stato che deve gestire la fauna”Cct: assemblea regionale per le proposte normativePuglia: Buconi annuncia battaglia su date di chiusuraArci Caccia: in Puglia un successo unitario delle Associazioni VenatorieSequestri da guardie Lac. Fidc Bs "vogliamo vederci chiaro"Capanno vandalizzato. Mazzali "si attivi la Procura"Caccia Futura: Lisa la falconieraLa Regione Toscana potenzia le Polizie provincialiProcura di Roma: Insultare sui social non lede la reputazioneRegione Umbria: nulli i controlli Wwf sui cacciatoriFidc Puglia: Tar non sospende la cacciaA Lodi il primo Congresso nazionale sulla selvagginaNuovo ricorso Lac su giornate integrative LombardiaPiemonte: M5S, "i proprietari terrieri devono poter vietare la caccia"Dalla Spagna una impotante iniziativa per la conservazione della tortora

News Caccia

Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie


lunedì 26 agosto 2019
    

 
 
Dopo la pubblicazione del Calendario Venatorio siciliano, le associazioni venatorie riconosciute hanno diramato una lettera aperta alla Regione. Eccola:

Molte parole si stanno spendendo sul Calendario Venatorio 2019/20 ma, dopo l’amara esperienza della precedente annata, non ci potevamo aspettare nulla di buono. E’ talmente evidente che nessuno di noi può affermare che l’attuale Calendario è quello che i Cacciatori siciliani si auguravano.

Siamo stati sicuramente danneggiati oltremodo ma a questo punto, dopo i fatti dello scorso anno che hanno visto impugnative e sentenze più sfavorevoli che favorevoli, cosa ci potevamo aspettare di buono quest’anno?

Perseverare ancora con gli stessi atteggiamenti e comportamenti di ieri crediamo che non si arriverà a nessun risultato positivo per cui invitiamo tutti ad essere più pacati e riflessivi per il bene della nostra passione cui tutti sicuramente teniamo oltremodo.

Riteniamo che oggi, arrivati al capolinea, non sia più il momento dei proclami e delle sommosse. Oggi si rende necessario ed indifferibile che le Associazioni Venatorie assieme alle Istituzioni preposte, al mondo Agricolo ed al mondo Ambientalista si siedano SUL SERIO attorno ad un tavolo per programmare anche in Sicilia ciò che la nostra legge Quadro Nazionale (L. 157/92) prevede in merito alla tutela ambientale ed all’esercizio della caccia e che la nostra Legge Regionale n. 33/97 non prevede.

Con ciò non vogliamo assolutamente sponsorizzare la proposta di modifica/stravolgimento dell’attuale L.R. n.33/97 che da diverso tempo si trova in III^ Commissione ARS e che più volte ed in diverse occasioni abbiamo ribadito piena di profili di incostituzionalità e mancato rispetto della Legge Nazionale, ma desideriamo collaborare per la revisione di alcuni articoli dell’attuale Legge che ci permetterebbero la gestione del territorio e delle specie selvatiche.

Riteniamo, altresì, ingiustificabile ed inammissibile lo smantellamento delle Ripartizioni Faunistico Venatorie, senza aver prima creato una valida alternativa, che tanta confusione e disservizio stanno provocando tra i Cacciatori e le Associazioni Venatorie. I Progetti in essere stanno trovando enorme difficoltà nella loro realizzazione causa questo disservizio. Ma a chi importa? Tanto si parla di quei pochi di buono dei Cacciatori!

Rientrando in tema Calendario Venatorio appare incomprensibile:

– il divieto della preapertura alla Tortora anche alla luce della motivazione scientifica che abbiamo trasmesso in Assessorato nella quale si riferiva che i dati regionali in possesso dimostrano un aumento della popolazione nidificante in Sicilia (Rete Rurale Nazionale Lipu 2019- Sicilia), che è stata oggetto di caccia nell’arco temporale di 18 anni, con giornate di preapertura e limiti più ampi di prelievo.

Appaiono oltremodo penalizzanti le seguenti date di apertura e chiusura:

– alla Quaglia – in tutti i Calendari troviamo un arco temporale di gran lunga superiore al nostro;

– agli Anatidi – neanche il Ministero dell’Ambiente ha avuto da ridire in nessun Calendario dell’Italia sulle date di apertura fissate al 15 Settembre con chiusura al 31 Gennaio – con alcune specie che compaiono e scompaiono da una bozza all’altra sino ad arrivare al Calendario definitivo con ancora ulteriori modifiche;

– inaccettabile la chiusura della caccia alla Beccaccia stabilita al 10 Gennaio quando lo scorso anno nella sentenza definitiva il CGA non toccava la data di chiusura fissata al 31 Gennaio;

– Priva di fondamento la caccia al Cinghiale in forma libera esclusivamente da appostamento temporaneo in quanto tale forma di caccia si utilizza per limitare gli abbattimenti e/o per non arrecare disturbo ad altre specie selvatiche. Ma se la caccia alla data del 2 Novembre è aperta a tante specie selvatiche e considerando la prolificità di tale selvatico perché questa limitazione di forma di caccia?

Incomprensibile il divieto di caccia in tutto il territorio “dell’ex istituendo Parco Regionale dei Monti Sicani”, anche come terminologia, dopo la recentissima sentenza del TAR Palermo (se ricordiamo bene per la terza volta)

Le scriventi Associazioni Venatorie hanno sempre e, a giusta ragione, ritenuto che, come in tema di Calendario Venatorio annuale – anche con riferimento e richiamo alle disposizioni previste dalla esistente legislazione – il dialogo e il confronto fra le parti sia necessariamente essenziale.

Tale confronto, che si svolge fra soggetti e categorie interessate, che sono molteplici e ben individuate dalla Legge di cui all’oggetto, conduce all’esame delle criticità e analizza le soluzioni, anche diverse, che possono essere adottate.

Sono già diversi anni che si accentua sempre più uno scollamento tra l’Istituzione Regionale del settore e le categorie interessate all’esercizio venatorio.

Sono state abrogate per disuso le riunioni, preliminari all’adozione di provvedimenti, che si svolgevano presso l’Assessorato all’Agricoltura, tra i rappresentanti delle Associazioni Venatorie, delle Associazioni Ambientaliste, delle Associazioni degli Agricoltori, e di altre Associazioni interessate; sono scomparsi i Tavoli tecnici ristretti assai utili alla formazione dei Calendari Venatori.

Si è di fatto determinata una “messa all’angolo” delle Associazioni Venatorie, principali protagoniste ed interessate del settore.

Tutto ciò è emerso con evidenza in occasione della recentissima riunione del Comitato Regionale Faunistico Venatorio (forse convocato soltanto per obbligo di menzione nell’emanando Calendario Venatorio!) per esprimere il parere su una bozza non letta e non conosciuta di Calendario.

Alla suddetta Riunione sono stati presenti, quasi esclusivamente, i rappresentanti delle Associazioni Venatorie ed in questa occasione c’è stata una serrata concertazione, nel rispetto delle varie posizioni.

E’ parso di intendere, da parte di chi rappresentava le Istituzioni, che l’Assessore assicurava la disponibilità ad intervenire con appositi correttivi non palesemente in contrasto con norme vigenti.

Ha destato forte perplessità la totale assenza dei Rappresentanti delle Associazioni Ambientaliste! Erano già stati accolti tutti i loro divieti?

Sta di fatto, in conclusione, che nessuna istanza e proposta delle Associazioni Venatorie risulta accolta e che, quindi, sia stato emanato da appena qualche giorno un pessimo calendario venatorio, il più penalizzante calendario venatorio di tutte le Regioni dell’Italia. Anche se il danno si è già verificato coinvolgendo settori dell’industria, dell’economia e del turismo, rimane ancora la possibilità di ovviare alle incongruenze e di apportare qualche modifica utile attraverso un decreto assessoriale da emanare con una certa urgenza.

Le scriventi Associazioni Venatorie, pur tuttavia, offrono ancora una volta la loro disponibilità di collaborazione e chiedono una immediata ed urgente convocazione.

Con osservanza

I presidenti Anuu Migratoristi Sebatiano Valfrè; Arci Caccia Francesco D’Elia; Federcaccia Giuseppe La Russa; Enalcaccia Giuseppe Evola

 

Leggi tutte le news

20 commenti finora...

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Per la totale anarchia delle pratiche venatorie esercitate dalla quasi totalità dei portatori di fucile, la caccia andrebbe aperta da ottobre a dicembre e stop; l'unico selvatico stanziale che reggeva l'urto venatorio sta scomparendo a causa di maledette virosi; le associazioni venatorie pensano solo a organizzare garette con pollame travestito da selvaggina per sparatori seriali e nemmeno sanno il significato delle parole "gestione faunistica del territorio", "rinaturalizzazione ambientale", "conoscenza dei cicli biologici della selvaggina"...solo sparare, sparare per più tempo possibile, con l'uso di tutti i richiami possibili...nessun esame di coscienza....per cortesia, finitela di far prendere aria ai polmoni....

da Giovanni Zito 28/08/2019 16.28

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Come avete visto la bella Sardegna e i signori POLITICI SARDI hanno gli attributi x decidere come e quando consentire hai propri cacciatori la stagione venatoria.NOI SICILIANI SIAMO ALLO SBARAGLIO E I NOSTRI POLITICI SE NE SBATTONO MI SPIACE SOLO KE NOI CACCIATORI SICILIANI NN SIAMO UNITI.SPERO SOLO IN UN DUTURO MIGLIORE....

da Nino PALERMO 27/08/2019 21.57

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Old hunter. Inizia a fare come me. Assicurazione privata. Niente tessere. Vadano a lavorare al posto di campare sulle nostre spalle, prendendo i solo in giro.

da Hunter74 27/08/2019 21.09

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Testuale :ieri sono andato alla mia associazione per ritirare i bollettini e i permessi , l addetto mi fa : hai visto ? Alla fine abbiamo fatto togliere 2 divieti di caccia vicino al fiume !! Stamani vado a vedere e trovo sulla argine il cartello " idrovia del Savio " in pratica è la pista ciclabile per cui non si può cacciare a meno di 150 mt !!! Perciò hanno tolto il divieto vecchio !! Sono tutte fregature per noi

da Old Hunter 27/08/2019 13.01

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

X Sebastiano coppola;caro ragazzo se hai nel sangue la passine per la caccia,difficilmente il sacro fuoco che arde dentro di te difficilmente si spegnerà,andrai incontro a diversi problemi in primis la mancanza di territorio,le diminuizione delle specie cacciabili,ed altri orpelli,ma non sfiduciarti perchè sulla tua strada troverai cacciatori anziani che ti aiuteranno nel tuo cammino,auguri e un forte abbraccio ragazzo mio e non demordere mai.

da Fucino Cane 27/08/2019 10.18

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Se le ass.lavorassero tutto l'anno,nn ci troveremmo in queste condizioni. Sarebbe opportuno una riflessione di tutti. Vergogna.

da Diego 27/08/2019 10.18

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Ciao a tutti sperando che questo messaggio venga letto dico che: io verrei diventare un futuro cacciatore, ma se il vostro scopo è quello di far passare la passione per la caccia, ci state riuscendo alla grande. Ps se siamo arrivati al punto che anche un ragazzo parla di ciò, c'è veramente un problema di fondo.

da Sebastiano coppola 27/08/2019 7.23

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

La Regione Sicilia, nel stilare il calendario avrà preso in considerazione i consigli dati da un noto teleimbonitore???

da Fucino Cane 27/08/2019 1.38

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

È l solita solfa " È IO PAGO " NESSUN PIANO FAUNISTICO AGGIORNATO È QUESTO E QUELLO CHE VOGLIONO GLI AMBIENTALISTI. SIAMO AL 3° MONDO PECORONI

da Ivano Franco 26/08/2019 23.04

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Sta per finire il famoso magna magna delle associazzioni per le assicurazzioni

da Salvo 84 26/08/2019 21.57

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

C'è un'alternativa : Sindacato Venatorio Italiano.

da jamesin 26/08/2019 21.30

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Le ass.venatorie in Sicilia sono presenti non saranno unite il problema è il nostro governo siciliano che fa schifo su tutti i fronti

da Cacciatore siciliano 26/08/2019 20.15

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Bamboccione ho già scritto cosa è successo in Sicilia ma tu eri a dormire come sai fare bene per tutte le questioni venatorie

da Gardena 26/08/2019 20.04

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Associazioni vendute fino all'ultimo...da questo documento si capisce tutto... Che vergogna

da Roby80 26/08/2019 19.32

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

gardena latita, la collaborazione della fidc ecco a cosa è servita

da federcaccia e legambiente stessa gente 26/08/2019 19.00

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

..lottano ,si indignano e gettano la spugna con gran dignità (De Andrè) , ormai fanno passare per successi la caccia a Gazze.cornacchie,corvi,nutrie ,gabbiani ,tutti nocivi responsabili dello sterminio del 50% dei nidiacei ,dovrebbero pagarci per cacciarli 13 mesi all' anno

da Big Hunter 26/08/2019 18.58

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Poteva andarvi peggio!!!

da Fucino Cane 26/08/2019 17.21

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Quando la regione Sicilia preparava il calendario venatorio, le associazioni venatorie siciliane erano presenti al tavolo delle trattative per discuterlo?

da Fucino Cane 26/08/2019 17.19

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

ma quando si fanno i calendari le aavv al tavolo non ci sono? LA PARA DI PERDERE ASSOCIATI LI ASSALE. AMICI NON FATEVI RAGGIRARE ANCORA.

da GENNY 4 BOTT 26/08/2019 14.30

Re:Sicilia. La reazione delle Associazioni venatorie

Documento troppo morbido, scritto con toni quasi remissivi, giusto per dire lo abbiamo fatto per accontentare i nostri associati... Il gioco delle parti lo impone... Ma niente di più.

da Grey dog hunter 26/08/2019 12.30