Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
CAMPANIA. L'ELENCO DEGLI AMMESSI NEGLI ATCEMILIA ROMAGNA. ASSEGNAZIONE ESTIVA PER IL CAPRIOLOPAVONCELLA E MORIGLIONE. FEDERCACCIA PROTESTACaretta: da Ministro Costa ennesimo atto ostile alla cacciaAbruzzo: Consulta venatoria si riunisce sul Calendario 2020- 2021Lombardia. Formazione per il cinghialeDa Ministero Ambiente nuovo atto contro i cacciatoriMolise, parte caccia di selezione al cinghialeToscana. Il piano per il cinghialeAnimalisti Piemonte: accolto ricorso su Calendario venatorioCorona: nelle scuole siano i cacciatori ad insegnare il contatto con la naturaCaretta: eccessiva presenza fauna, intervenga Ministro BellanovaCCT: pubblicata delibera caccia di selezione caprioloLombardia: ok a modifiche legge caccia. Il commento di Fidc La Lipu vuole collegare la caccia al bracconaggioMazzali: ok a Odg su ospitalità cacciatori da fuori regioneUmbria: I cacciatori di cinghiale uniti contro il Covid-19Toscana: parte la selezione al caprioloFiocchi, strategia Farm to Folk Ue valorizzi la selvagginaLombardia, per M5S incostituzionale norma sui visori notturniArchiviato Eu Pilot bracconaggioLombardia: giubbino alta visibilità obbligatorio anche per la stanzialeFace: ottimo Farm to ForkPisa. Controllo corvidi ok all'IspraI cacciatori europei determinanti per la biodiversitàFondazione Una e tutela della BiodiversitàLombardia. Rolfi "attendiamo via libera a caccia di selezione e visori notturni"Toscana. Ecco il calendario venatorioLombardia. Mazzali "respinte pregiudiziali contro la caccia"Covid 19 e buone pratiche a cacciaPiemonte. Riparte la caccia di selezioneA Catania i cacciatori con la protezione civileFidc: su Manifesto FACE Biodiversità un altro passo avantiCCT: "si torna a caccia! Approvato calendario venatorio"Cinghiali Bologna: Botta e risposta con la Città MetropolitanaBraccata. Fra vergini e smemoratiFace cerca collaboratoriFace. I cacciatori con la ricercaStorno in deroga. La Toscana ha messo il turboBraccata. E' gazzarra dopo la lettera di LegambienteFedercaccia Emilia R.: “La caccia è attività motoria”Cinghiali. La Calabria ha un pianoLegambiente attacca la braccata. Fidc protestaLombardia. Chiarimenti in corso d'operaToscana verso il Calendario Venatorio. CCT: "Ottimo risultato"Toscana: nuova leadership ItalcacciaFrancia: record di beccacce inanellateUSA. 900 mila ettari riaperti alla cacciaFidc Perugia. Ingiusto pagare i danni dei cinghialiAnlc Lombardia: bene selezione caprioloToscana. Si ricomincia con i controlli e i prelieviFidc Umbria: no ad aumento tasse AtcToscana. Si chiede di ripartire con gli esamiAssessore Mammi (Emilia R.): priorità al controllo del cinghialeMolise: Tar respinge richiesta sospensione cacciaIl "Capanno" del GranducaCaccia. Importanti novità in LiguriaProcede monitoraggio su ceseneCalabria. Prima mossa sul calendarioPiombo: richiesta di chiarimenti dal Presidente della Face Emilia Romagna: ecco il calendario venatorioEmilia Romagna. Impazza la polemicaCabina regia mondo venatorio: Far ripartire attività venatoria e controlloPompignoli (Lega): "sospendere il pagamento della quota di iscrizione agli Atc"Morassut (MinAmbiente) rende onore al cuore dei cacciatori

News Caccia

Sicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorio


martedì 21 maggio 2019
    

 
Le Associazioni Venatorie Nazionali riconosciute dalla L. 157/92 e il CNCN – Comitato Nazionale Caccia e Natura, riuniti nella Cabina di Regia unitaria del mondo venatorio, hanno inviato una lettera ai vertici della Regione Sicilia, segnalando preoccupazione per le proposte di legge e ipotesi di individuazione e perimetrazione di nuove aree protette. Anzitutto per assicuarare una corretta gestione del patrimonio faunistico e del territorio. "I primi interessati sono i cittadini delle comunità interessate, e tra questi i cacciatori. Esserci – e non essere esclusi da tabelle che proibiscono l’accesso - significa portare avanti tradizioni quali l’agricoltura di qualità, la zootecnia, l’attività venatoria" scrive la cabina di regia del mondo venatorio.

Nella lettera si evidenziano alcuni punti da tener in considerazione.
 
• il giusto equilibrio tra aree protette e non (è un imperativo inderogabile). Il tetto del 30% fissato dal legislatore nazionale ha una sua ragione d'essere perché gli istituti a "divieto di caccia", nonché il divieto di caccia vicino a strade e case, sono stati voluti in armonia territoriale con gli Ambiti di Caccia e gli Istituti privati per i necessari interventi a tutela della biodiversità, delle colture agricole, degli allevamenti;

• l'obiettivo della protezione nelle aree protette - di per se - non ha come priorità la tutela, la salvaguardia delle specie e degli ambienti naturali perché esclude quelle attività "umane",identità delle popolazioni locali che sono compatibili con la conservazione e che consentono, alle comunità locali, di presidiare territori rurali con particolare riferimento alle aree interne svantaggiate;

• si sono fatti interpreti di critiche i movimenti di protesta dei Comuni e delle Comunità coinvolte contro l'istituzione di parchi per rappresentare e motivare, oggi come nel passato, l'incompatibilità con la sopravvivenza di donne e uomini in questi territori;

• l'impegno delle comunità che vivono già in queste virtuali “recinsioni” - i futuri parchi - è stato già di seguire pratiche e comportamenti di vita che hanno già dimostrato il loro interesse e la capacità a voler salvaguardare il paesaggio continuando a viverci malgrado gli svantaggi dello "spopolamento" di quei territori; contrastarlo è un merito dei cittadini che ci lavorano con parsimonia d’uso delle risorse e anche perché mantengono in essere una cultura importante come quella venatoria;

• la gestione della fauna selvatica e la pratica venatoria sono un valore come altri, tradizioni da non sottovalutare perché è un patrimonio da trasferire alle nuove generazioni per una corretta gestione e conservazione delle specie selvatiche. L’equilibrio tra fauna selvatica e patrimonio zootecnico anche con un’agricoltura di qualità, sono un valore. Non dimentichiamo che i prodotti tipici della Sicilia sono una qualità indiscusse del "made in Italy" nei mercati internazionali.

Le Associazioni della Cabina di Regia daranno il loro sostegno alle iniziative dell’associazionismo sul territorio, non solo quello venatorio, che si è democraticamente attivato per contrastare il Parco degli Iblei e quanti altri ne venissero proposti. Auspichiamo l’accoglimento delle nostre istanze per il significato nazionale di questa importante battaglia civile che coniuga il benessere degli uomini e il ruolo delle loro attività alla salvaguardia del creato. Restiamo a disposizione per organizzare un incontro di approfondimento al fine di confrontarci sugli argomenti sopra trattati. 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Sicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorio

Bene ora vediamo di passare dalle parole ai fatti!!!

da Fucino Cane 21/05/2019 14.28