Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc Piemonte. Primo incontro con l'Assessore ProtopapaViezzi rieletto alla guida di Fidc FriuliE se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urne

News Caccia

CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversità


martedì 7 maggio 2019
    
 La Confederazione Cacciatori Toscani in un comunicato commenta i risultati del recente Rapporto dell'Onu sulla biodiversità. Eccolo:

E’ di ieri la notizia shock diffusa da tutti i principali mezzi d’informazione sui risultati emersi dal secondo rapporto ONU sulla biodiversità del pianeta. L’organismo delle Nazioni Unite che si occupa del tema, Ipbes (Piattaforma intergovernativa scientifico politica sulla biodiversità e gli ecosistemi), si è riunito a Parigi con la partecipazione dei rappresentanti di 130 Paesi.

I dati emersi sono quanto mai allarmanti: “La salute degli ecosistemi da cui dipendiamo, così come tutte le altre specie, si sta deteriorando più velocemente che mai”. L’unica speranza per evitare il peggio è quella di porre fine allo sfruttamento intensivo degli ecosistemi per le attività umane. Le cause sono da tempo note; inquinamento ambientale, uso scellerato delle risorse naturali, etc.

Gli scienziati hanno affermato sulla scorta di un rapporto di oltre 1800 pagine, frutto di 3 anni di censimenti, analisi, dati raccolti da centinaia di esperti, che la terra è all’inizio della sesta estinzione di massa della sua storia, la prima attribuita all’uomo e alle sue attività. Negli ultimi secoli per mano dell’uomo, sono già scomparse oltre 680 specie di vertebrati.

Non è troppo tardi per agire ha dichiarato Robert Watson, Presidente dell’Ipbes, ma solo se cominciamo da subito e a tutti i livelli ad invertire questa china. Un cambiamento che riguarda la dimensione mondiale ma anche locale. Una inversione radicale dei nostri comportamenti e delle nostre azioni, che non esclude nessuno.

Di fronte a scenari di questo tipo, nessuno può far finta di niente. Anche la cultura venatoria, le pratiche che la connotano, gli effetti sulle popolazioni faunistiche e sul territorio, possono stare in equilibrio con la difesa ed il ripristino della biodiversità ambientale e faunistica.

Lo sfondo culturale e la sfida esistenziale che il nostro mondo e i cacciatori dovranno vincere, sta dentro a questo pericoloso quadro di mutamenti di cui clima e biodiversità ambientale, rappresentano fattori su cui dovremo fare a lungo i conti.

Il mondo della caccia può essere oggi e nel futuro dalla parte del pianeta? A parere della Confederazione Cacciatori Toscani, a questa domanda dovrà seguire una risposta affermativa. Sì, la caccia per essere parte di una sfida esistenziale, dovrà prima di tutto vincere la battaglia culturale. Per resistere e sconfiggere le pulsioni proibizioniste e le scorciatoie di norme e provvedimenti che punteranno progressivamente solo nella direzione della limitazione all’esercizio venatorio, noi cacciatori dovremo mettere in campo e riproporre con forza ed intelligenza la logica della gestione faunistica, territoriale ed ambientale. La caccia non potrà essere uno dei capri espiatori su cui si tenterà di lavare la coscienza del disastro in corso, lasciando inalterate le profonde contraddizioni che riguardano le vere cause di ciò che sta avvenendo.

Rilanciando e praticando il modello della gestione faunistico ambientale, come riferimenti centrali per dare senso ad una attività come la caccia, sarà possibile ristabilire un nuovo terreno su cui costruire alleanze e rifondare una politica e una strategia di lungo periodo. Anche il nuovo “patto” con il mondo agricolo che sta sullo sfondo delle urgenti politiche che dovremmo attivare nei prossimi mesi, dovrà necessariamente basarsi su questi principi di interesse generale.

La riforma della nuova PAC (Politica Agricola Comunitaria) e le strategie nuove di cui si sta ragionando in Europa e recentemente evidenziate dall’ ultimo Convegno FACE in tema di riforma agricola comunitaria, oggi risentono positivamente di questo nuovo approccio. Un diverso modello per lo sfruttamento consapevole delle risorse e del territorio, con il mantenimento della biodiversità quale elemento centrale per la vita sul pianeta. Ecco dunque delinearsi una nuova frontiera su cui potremo dare legittimazione alla più antica delle attività umane: la caccia. Caccia e cacciatori per una nuova alleanza con il mondo agricolo, per generare attraverso risorse economiche, nuove tecniche agronomiche, volontariato diffuso, corretta gestione faunistica, ripristino di ambienti, un nuovo impegno per il futuro nostro e delle nuove generazioni. Un patto ed una sfida che dovrà partire da ora e non rinviato al domani
Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversità

Se si riuscisse a dimostrare ai PADRONI DEL VAPORE che è remunerativo anche INVERTIRE LA ROTTA......IL GIOCO SAREBBE FATTO..... come fu per la RIVOLUZIONE INDUSRTIALE ......questa sarebbe la RIVOLUZIONE GLOBALE. Saluti

da Walt46 08/05/2019 9.19

Re:CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversità

Attenzione che quando scompariranno le Api,nel giro di un lustro scomparirà anche l'uomo;

da FucinoCane 08/05/2019 0.40

Re:CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversità

Ci pensa l'ebetina.

da D.Trump 07/05/2019 19.23

Re:CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversità

Miezzegaaa! Io direi che a questo catastrofismo, che ha delle basi serie, bisogna reagire a prescindere. I cacciatori sono sempre più una sparuta schiera, anche stanca. Certe sensibilità si possono riscontrare nei giovani, per cui, diamoci da fare a reclutarne più di quelli che abbiamo e a formarli non solo sui principi del cacciare, ma sulle logiche del superamento di questo modello di sviluppo. Non dimenticando che tutto gira sul business. E sugli interessi soggettivi e collettivi. Dobbiamo convincere la gente, non solo che la caccia è bella, ma che il cacciatore è il più sensibile e il più impegnato nella battaglia per ristabilire un minimo di equilibri nei nostri territori. Dobbiamo essere più ambientalisti di questi che tali si professano, in televisione, ma quando li cerchi sul territorio non ne trovi uno. Solo un giorno all'anno a far finta davanti alle telecamere di raccogliere cartacce. E con gli agricoltori, bisogna fare un patto, sì, il più saldo possibile, ma con quelli che la smettono di fare danni all'ambiente. E per ora, ce ne sono tanti, ma tanti. Lo dice proprio questo rapporto: quanto a inquinamento, gli agricoltori se la battono con le automobili e con gli inquinatori di città (riscaldamento in inverno e condizionamento in estate). E poi, in televisione, fanno vedere che c'è a rischio l'allodola, intendendo che bisognerebbe proibirne la caccia. E amen, vero ministro Fulvio Costa?

da Capree!! 07/05/2019 17.46