Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Europee. Cacciatori al votoTar Campania annulla Piano controllo cinghialeLazio, protocollo d'intesa su cinghiali accontenta gli agricoltoriIl punto sulla caccia con il Commissario uscente Karmenu VellaIl Botswana reintroduce la caccia agli elefantiCinghiali, Rolfi: servono risposteElezioni Europee 2019. I candidati vicini al mondo venatorioAnimalisti rinviati a giudizio per aggressione a cacciatoriFidc Pg: i candidati alle europee amici dei cacciatoriFidc, chiarimento sulle coperture assicurative "Giornata della biodiversità. Insostituibile il ruolo dei cacciatori"Appostamenti caccia Toscana, Montemagni (Lega) bacchetta la GiuntaEuropee. Fiocchi "meno burocrazia e ostacoli per i cacciatori"Il Ministro upupaFano, 400 bambini alle lezioni di didattica ambientale FidcConfagricoltura: dal Tar toscano una sponda ai talebani animalistiEuropee. Anche Carlo Fidanza si impegna per la cacciaEuropee. Caroppo (Lega): restituire dignità ai cacciatori842. Botta e risposta tra Arci Caccia e FidcFidc contro M5S: "i cinghiali? Non sono nel contratto"M5S: spostamento deleghe caccia non è nei patti di governoIl Ministro Centinaio si pone come missione riportare la caccia al MipaaftSicilia. Basta parchi e divieti. La posizione unitaria del mondo venatorioUmbria, la giunta approva il calendario venatorio 2019-2020MASSIMO BUCONI ELETTO NUOVO PRESIDENTE NAZIONALE DELLA FIDCCalendari venatori. Ci vuole scienza e non ideologiaDanni sociali ed economici da fauna selvaticaEuropee, altri candidati favorevoli alla cacciaArci Caccia: Gallinella prende le distanze da abolizione 842Piano Faunistico Venatorio Umbria: le osservazioni di Fidc PerugiaCacciatori nelle scuole. Altri due esempi dalla ToscanaBaggio in Tribunale difende la sua passione per la cacciaCampomenosi (Lega): in Europa continuerò la battaglia sui KCFedercaccia: dalla Cia un segnale interessanteTg5, Brambilla e Berlusconi colpiscono ancoraCct: No allo snaturamento delle Zone di ripopolamentoParco Monti Livornesi, le richieste dei cacciatoriDeroghe caccia. La Lombardia cambia strategiaSospensione braccata: sale la protesta degli agricoltori toscaniBruzzone in Senato sollecita modifiche a legge cacciaDa Fidc un no secco all'abolizione dell'842Sicilia, anticipata udienza Tar su calendario venatorioAtc Benevento sulla via del commissariamentoModifica legge caccia: ecco le proposte della CiaItalia prima con Pasqualetti al Campionato europeo di ChioccoloIl volo record del croccoloneCaccia al rifiuto. Nel senese in 3 mila a pulire i boschiCassazione: lecito addestrare cani con richiami acusticiEuropee, Comi ed altri amici della cacciaArci Caccia: più danni dopo stop controllo in braccata in Toscana Bertacchi alla guida di Fidc LombardiaMarco Salvadori nuovo Presidente Fidc ToscanaAssociazioni Venatorie firmano impegno per l'ambienteToscana, sospesa braccata per controllo cinghialeMaullu: "sciagurato ddl Cinque Stelle si accanisce contro i cacciatori"Causa alla Corte di Giustizia Ue sulla caccia al lupoLupo? In Svizzera si vuole facilitare l'abbattimentoRiconfermati Presidenti Atc peruginiCaretta (FdI) Respingeremo attacco ideologico del M5SLa Lega reagisce. Bruzzone "la caccia non si tocca"In Puglia mobilità venatoria gratuita per la migratoriaLiguria, posticipata apertura caccia cinghialeCCT: "M5S attacca caccia pubblica"Cabina di Regia: dai 5 Stelle un nuovo attacco alla cacciaNella Proposta di Legge "Tutela Animali" anche l'abrogazione dell'842CCT: Pulizia ambiente. Ecco l'impegno dei cacciatori Ministri M5S presentano legge contro maltrattamento animaleUn altro defibrillatore donato dai cacciatoriFACE lancia campagna #Vote4HuntingCon il contributo Fidc una laurea sulla beccacciaBrambilla ancora prima assenteista in ParlamentoA Bergamo il 13° concorso di cucina con selvaggina cacciata CCT commenta rapporto Onu sulla biodiversitàFidc Umbria al rinnovo con una lista unitariaFidc sulla difficile situazione della caccia in CalabriaMolise, nuovo disciplinare caccia cinghialeRinnovo Presidenza Federcaccia: presentata lista BuconiNuova sede CCT in Val d'ElsaFACE: le nuove sfide per la caccia e la biodiversitàMarco Bruni rimane alla guida di Federcaccia Brescia Fidc Bg: Su specie problematiche serve intervento nazionaleCalabria: è protesta sulla gestione del cinghialeA Caccia Village incontro con Gallinella su modifica della 157/92Fidc Grosseto: il nuovo Presidente è il trentenne SenseriniCalendario Venatorio Toscana: le osservazioni di Arci CacciaSpagna, leader dei cacciatori candidato alle europeeEuropee: volano fendenti tra Comi e FiocchiIn UK proibito il controllo di specie problematicheLatina, iscrizione Atc solo on line. Protestano le associazioniEmilia Romagna approva nuovo Piano volpeLiguria, proposta modifica calendario caccia cinghialeCabina Regia venatoria, manifesto elezioni EuropeeAtc Firenze Nord Prato: cambio della guardiaTrento, ricorso animalista contro abolizione comitato cacciaRinnovi degli Atc, Federcaccia Perugia sostiene presidenti uscentiSpopola "Colpi", esilarante parodia sulla cacciaInterrogazione Bruzzone contro Parco IbleiBolzano: l'incremento degli ungulati minaccia la ricrescita della forestaFidc Brescia risponde agli attacchi su roccoli e derogheMichele Bornaghi, 36 anni, nuovo Presidente Fidc Bergamo

News Caccia

Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"


martedì 2 aprile 2019
    

Si è svolto oggi a Siena, il Convegno promosso dall’EPS Toscana incentrato sul nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale. Un tema quanto mai importante che EPS ha voluto mettere al centro di una iniziativa che ha avuto il merito di sviluppare un confronto utile tra portatori d’interesse, la scienza e la politica regionale. Comuni valutazioni sono emerse rispetto alle forti criticità dell’attuale situazione gestionale in materia faunistico venatoria in una Regione un tempo modello e riferimento a livello nazionale.

Per risolvere le criticità che oggi caratterizzano la caccia in Toscana è necessario mettere in campo lo strumento fondamentale della futura pianificazione territoriale; il PFVR infatti, dovrà prefigurare le future scelte sulla gestione faunistica e stabilire i criteri e gli indirizzi su cui incentrare il ruolo e le funzioni degli istituti faunistici pubblici e privati.

I ritardi maturati in questi anni devono dunque essere superati per dare certezza ai soggetti impegnati nella gestione.
I lavori sono stati introdotti dal Dott. Galdino Cartoni, che ha preso la parola su invito del moderatore Dott. Federico Morimando Tecnico ATC Siena 3. Il Presidente Nazionale EPS ha rappresentato le proposte e le aspettative delle Aziende Faunistiche e Agrituristiche Venatorie, che ambiscono sempre di più a svolgere un importante ruolo sia sotto il profilo della conservazione faunistica ed ambientale, sia sotto il profilo economico, occupazionale e produttivo.

Il Prof. Marco Apollonio, docente di Scienze della Natura e del Territorio dell’Università di Sassari ha ampiamente sviluppato i temi inerenti la gestione degli ungulati e le complesse dinamiche legate al rapporto tra essi e le attività umane. Un intervento fortemente apprezzato che non ha evitato di affrontare aspetti spinosi come quello del Lupo, sviluppati con assoluto rigore scientifico e con piena consapevolezza della realtà che stiamo vivendo e delle criticità che si stanno aggravando nel territorio.

Anche la voce degli ATC è emersa durante i lavori con la comunicazione del Coordinatore Regionale ATC Toscani Roberto Vivarelli Presidente ATC Siena 3 Nord. Vivarelli ha ribadito con forza alcune richieste e valutazioni che gli Ambiti hanno rivolto alla Regione Toscana inerenti il funzionamento dei Comitati di gestione e la necessità di un radicale ripensamento sulla governance; in particolare sul ruolo e le funzioni che vengono a determinarsi tra Regione e ATC. La mancanza di un nuovo Piano Faunistico che sappia leggere l’attualità del territorio agro – silvo - pastorale per disegnare il futuro, rappresenta oggi un limite reale per l’attività degli ATC Toscani, per una corretta e rinnovata attività degli istituti faunistici e per l’efficace gestione delle popolazioni faunistiche.

Nel convegno, la posizione ed il punto di vista del mondo venatorio è stata rappresentata dal Dott. Marco Romagnoli Segretario Regionale della Confederazione Cacciatori Toscani. La CCT di cui anche l’EPS è parte integrante assieme alle altre Associazioni Confederate (Federcaccia Toscana, ANUU Migratoristi, ARCT), rappresenta oggi oltre il 60% dei cacciatori toscani. Il segretario ha esordito con una prima considerazione di carattere politico; l’Assessore Remaschi ha recentemente annunciato la volontà di celebrare a fine giugno una Conferenza Regionale sulla caccia. Occorre però recuperare prima il rapporto tra cacciatori agricoltori e ATC che da tempo appare logorato e circoscritto in tavoli di confronto dove le decisioni vengono continuamente rinviate. La Confederazione, ritiene che il ritardo sull’approvazione del PFVR debba necessariamente essere colmato. Non si tratta di un atto burocratico o formale ha asserito Romagnoli, bensì di un documento che sancisce la volontà politica oltre alle scelte tecniche che la Regione intenderà attivare per uscire dalle secche nelle quali il modello toscano è finito in questi ultimi anni.

Romagnoli ha ripreso i temi più volte evidenziati dalla Confederazione in questi mesi sui quali occorrerà con urgenza procedere:
- Affrontare, ripensare ed innovare la governance istituzionale sulla caccia;
- Ripensare il ruolo e le funzioni dell’ATC sviluppando gli strumenti di confronto anche a livello locale per far si che il nuovo Piano rappresenti il frutto del confronto e del coinvolgimento del territorio e delle varie istanze e proposte espresse.
- Criteri univoci sulla nuova pianificazione e ferma opposizione a procedure “stralcio” poiché il territorio è da considerarsi un “unicum” su cui armonizzare le singole azioni. Azioni che dovranno vedere coinvolti i vari enti gestori (Regione, ATC, Parchi, AFV e AAVV)
- Risorse ed investimenti pubblici per la gestione faunistica
- Un diverso approccio al tema degli ungulati ritenuta ormai esaurita l’esperienza della Legge Obiettivo n.10/2016
- Affrontare la crisi della piccola selvaggina stanziale con strumenti nuovi (Distretti per la stanziale, miglioramenti ambientali, rilancio qualitativo degli istituti faunistici.
- La migratoria: dati e scienza a difesa dei calendari venatori
- Una nuova gestione del comparto danni provocati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole

Infine il segretario Romagnoli ha voluto anche richiamare l’attenzione sul rapporto con ISPRA e sulla necessità che la Regione riattivi e valorizzi altri riferimenti scientifici quali il CIRSEMAF e le Università per rafforzare l’autonomia decisionale e legislativa della regione contrastando le pulsioni centraliste del Ministero dell’Ambiente in materia di caccia.

Una responsabilità che spetta al mondo politico. I cacciatori Toscani aspettano risposte; risposte che stanno dentro il dibattito della campagna elettorale in corso e del futuro governo della Regione Toscana.

I lavori si sono conclusi con l’intervento del Consigliere Regionale della Lega Nord Roberto Salvini,che raccogliendo l’invito degli organizzatori ha chiarito le priorità del suo gruppo consiliare, ribadendo la centralità per la Lega degli interessi di agricoltori e cacciatori nella più complessa tematica riguardante il territorio e l’ambiente.
 
 
 
Confederazione Cacciatori Toscani
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"

CCT fatelo almeno che sia IMMUNE DA EVENTUALI RICORSI!

da Tordela 05/04/2019 9.47

Re:Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"

X TOSCANACCIO le chiedo scusa ma se posso darle un consiglio si faccia l assicurazione privata, è l unico modo per ribellarsi a questa tirannia delle aavv. almeno quelli non vi prendono in giro .questi a cui fin ora si è rivolto pensano solo a riempirsi le tasche e a prendesi poltrone e privilegi.

da genny 4 bott 02/04/2019 19.29

Re:Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"

Ottimi propositi. Ma per questa storia del calendario bocciato dal TAR, è vero che qualcuno ha omesso documentazione importante? Così dicono in giro. Chi è stato? C'è modo di saperlo? Non vorrei rinnovare la tessera sbagliando bottega.

da Toscanaccio 02/04/2019 17.13