Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Arci Caccia e Eps "La caccia, una e indivisibile"Ancora proteste per il calendario venatorio sicilianoDal Friuli una proposta di modifica della 157/92Fiocchi: 5 stelle-Pd e la cacciaEmergenza cinghiali Roma. Ancora nessun interventoOk definitivo in Molise a Calendario Venatorio 2019 - 2020Sicilia, Bandiera "su calendario venatorio abbiamo fatto il possibile"Umbria: Wwf denuncia consiglieri che hanno votato Piano faunisticoSardegna: mozione Piras per pareri tecnici sulla faunaA San Giovanni Val D'Arno assemblea CCT su calendario venatorioIl calendario venatorio siciliano delude le aspettativeIn Spagna caccia già apertaRieti, protesta l'Atc per le limitazioni alla braccata Continua ricerca tortora, grazie a raccolta aliSicilia, proposte modifiche a bozza calendario venatorioAl Game Fair la "Braccata rosa" delle cacciatriciBrescia: preapertura alla cornacchiaUmbria: Giunta propone preapertura 1 e 8 settembreFidc Sardegna risponde ad attacco animalistaSardegna, a proposito del Calendario Venatorio Arci Caccia critica approvazione Piano Faunistico UmbriaMentre in Nuova Zelanda...Castel Viscardo (TR). Convegno su habitat, biodiversità e selvaggina stanzialeChiesina Uzzanese (PT). 39° Fiera degli Uccelli Abruzzo. Approvato calendario venatorio 2019/2020L'amministrazione Trump favorevole all'espansione dell'accesso alla cacciaFIDC Pistoia organizza 3 incontri con i cacciatoriCaccia apertura in FranciaPistoia. Corso abilitazione prelievo selettivo Daino-Muflone-CervoLindsay Scott e la struggente natura selvaggia Padule Fucecchio. Al via il controlloSicilia. Arcicaccia protestaCPA, FIDC e UCS- ANLC Sardegna. Incontro con l'AssessoratoFedercaccia. Nominate le prime commissioniLazio. Approvata preapertura caccia tortoraUmbria: approvato Piano Faunistico Venatorio"Una sfida al buonsenso"Sardegna, arriva parere Ispra su Calendario VenatorioArci Caccia L'Aquila: "ad agosto ancora senza calendario venatorio"Crisi di Governo vicina?Ungulati: proposte modifiche da Fidc Forlì CesenaFidc Umbria: no ad aumenti per le squadre dei cinghialaiSalvini chiede sostituzione del Ministro CostaEmilia R. Molinari (Pd): Caccia braccata patrimonio da tutelareConsiglio Ministri impugna legge mobilità venatoria PugliaBerlato: no alle illegittime restrizioni degli Atc sulla cacciaUmbria: approvato in Commissione Piano faunistico VenatorioAbruzzo, calendario ancora da approvare. Wwf pronto a ricorsoVietare la caccia sui fondi privati? In Piemonte è legittimoBruzzone interroga il Ministro Costa sui KCTrento, animalisti ricorrono al Tar contro il calendario venatorioSicilia, partito monitoraggio del coniglio selvaticoLombardia. No della Regione ai tesserini opzione cacciaToscana, ok a Piani cervo, daino e mufloneFedercaccia Umbra, Giovanni Selvi neopresidenteRichiami vivi. Fidc Lombardia "inaccettabili dichiarazioni Lac"Lega Emilia Romagna: "braccata a rischio" Molise, ok calendario venatorio in CommissioneUmbria: stagione venatoria a rischioLa festa del cacciatore dell'Anuu PC aiuta l'ospedale pediatricoCalendario venatorio Lombardia: pubblicate le integrazioniColombaccio, cabina di regia scrive agli AtcPescia (PT), premiazione fiera uccelliStorno: in Puglia ok del comitato faunistico sulla derogaLiguria: ricorso animalista contro calendario venatorio Rappresentanza Atc. Tar Piemonte respinge ricorso FidcFiocchi: "bene roccoli Lombardia, continua lavoro in Europa"Richiami vivi, Anuu: il buonsenso in LombardiaMazzali: "buon lavoro della Regione sui roccoli"Massardi: riapertura roccoli grande vittoria dei cacciatoriRolfi annuncia riapertura roccoli LombardiaCaccia, questione di eticaCalendario venatorio Molise, ecco le dateFormigine. Protesta per aggressione animalistaTar Piemonte respinge ricorsi contro calendari venatoriBerlato torna alla guida dell'Associazione Cacciatori VenetiApprovato calendario venatorio Valle d'AostaCpa Lombardia: fumata nera sulle derogheDdl Proteggi Animali verso testo unificatoMilano, il cartellino della discordiaVentavoli presidente Consorzio Bonifica Basso ValdarnoApprovato Calendario Venatorio 2019 - 2020 in CalabriaBasilicata: approvato calendario venatorio 2019 - 2020CCT: A Capannoli argomenti per un lavoro comuneMarche: Approvata caccia in deroga allo stornoBuconi plaude ad accordo Coldiretti - Fidc VenetoMoriglione e pavoncella. Plauso di Fidc alle RegioniFiumani (CPA) "Feltri venga a conoscere i cacciatori"Calendari venatori ancora in alto mareLombardia, il punto di Rolfi sul controllo dei cinghialiFidc ribadisce: "l'842 non si tocca!"Cassazione conferma condanna Lac per controlli su cacciatoriColdiretti Umbria chiede varo immediato Piano FaunisticoLa caccia corre sui socialBruzzone a Ministro Tria: ridurre Iva selvaggina da allevamentoCalendario Venatorio Toscana e specifiche provinciali. La deliberaDa Casalguidi il punto sulla difesa della caccia toscanaMarche: Giunta adotta Piano Faunistico Venatorio Umbria, sblocco Piano Faunistico salverà preapertura

News Caccia

Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"


martedì 2 aprile 2019
    

Si è svolto oggi a Siena, il Convegno promosso dall’EPS Toscana incentrato sul nuovo Piano Faunistico Venatorio Regionale. Un tema quanto mai importante che EPS ha voluto mettere al centro di una iniziativa che ha avuto il merito di sviluppare un confronto utile tra portatori d’interesse, la scienza e la politica regionale. Comuni valutazioni sono emerse rispetto alle forti criticità dell’attuale situazione gestionale in materia faunistico venatoria in una Regione un tempo modello e riferimento a livello nazionale.

Per risolvere le criticità che oggi caratterizzano la caccia in Toscana è necessario mettere in campo lo strumento fondamentale della futura pianificazione territoriale; il PFVR infatti, dovrà prefigurare le future scelte sulla gestione faunistica e stabilire i criteri e gli indirizzi su cui incentrare il ruolo e le funzioni degli istituti faunistici pubblici e privati.

I ritardi maturati in questi anni devono dunque essere superati per dare certezza ai soggetti impegnati nella gestione.
I lavori sono stati introdotti dal Dott. Galdino Cartoni, che ha preso la parola su invito del moderatore Dott. Federico Morimando Tecnico ATC Siena 3. Il Presidente Nazionale EPS ha rappresentato le proposte e le aspettative delle Aziende Faunistiche e Agrituristiche Venatorie, che ambiscono sempre di più a svolgere un importante ruolo sia sotto il profilo della conservazione faunistica ed ambientale, sia sotto il profilo economico, occupazionale e produttivo.

Il Prof. Marco Apollonio, docente di Scienze della Natura e del Territorio dell’Università di Sassari ha ampiamente sviluppato i temi inerenti la gestione degli ungulati e le complesse dinamiche legate al rapporto tra essi e le attività umane. Un intervento fortemente apprezzato che non ha evitato di affrontare aspetti spinosi come quello del Lupo, sviluppati con assoluto rigore scientifico e con piena consapevolezza della realtà che stiamo vivendo e delle criticità che si stanno aggravando nel territorio.

Anche la voce degli ATC è emersa durante i lavori con la comunicazione del Coordinatore Regionale ATC Toscani Roberto Vivarelli Presidente ATC Siena 3 Nord. Vivarelli ha ribadito con forza alcune richieste e valutazioni che gli Ambiti hanno rivolto alla Regione Toscana inerenti il funzionamento dei Comitati di gestione e la necessità di un radicale ripensamento sulla governance; in particolare sul ruolo e le funzioni che vengono a determinarsi tra Regione e ATC. La mancanza di un nuovo Piano Faunistico che sappia leggere l’attualità del territorio agro – silvo - pastorale per disegnare il futuro, rappresenta oggi un limite reale per l’attività degli ATC Toscani, per una corretta e rinnovata attività degli istituti faunistici e per l’efficace gestione delle popolazioni faunistiche.

Nel convegno, la posizione ed il punto di vista del mondo venatorio è stata rappresentata dal Dott. Marco Romagnoli Segretario Regionale della Confederazione Cacciatori Toscani. La CCT di cui anche l’EPS è parte integrante assieme alle altre Associazioni Confederate (Federcaccia Toscana, ANUU Migratoristi, ARCT), rappresenta oggi oltre il 60% dei cacciatori toscani. Il segretario ha esordito con una prima considerazione di carattere politico; l’Assessore Remaschi ha recentemente annunciato la volontà di celebrare a fine giugno una Conferenza Regionale sulla caccia. Occorre però recuperare prima il rapporto tra cacciatori agricoltori e ATC che da tempo appare logorato e circoscritto in tavoli di confronto dove le decisioni vengono continuamente rinviate. La Confederazione, ritiene che il ritardo sull’approvazione del PFVR debba necessariamente essere colmato. Non si tratta di un atto burocratico o formale ha asserito Romagnoli, bensì di un documento che sancisce la volontà politica oltre alle scelte tecniche che la Regione intenderà attivare per uscire dalle secche nelle quali il modello toscano è finito in questi ultimi anni.

Romagnoli ha ripreso i temi più volte evidenziati dalla Confederazione in questi mesi sui quali occorrerà con urgenza procedere:
- Affrontare, ripensare ed innovare la governance istituzionale sulla caccia;
- Ripensare il ruolo e le funzioni dell’ATC sviluppando gli strumenti di confronto anche a livello locale per far si che il nuovo Piano rappresenti il frutto del confronto e del coinvolgimento del territorio e delle varie istanze e proposte espresse.
- Criteri univoci sulla nuova pianificazione e ferma opposizione a procedure “stralcio” poiché il territorio è da considerarsi un “unicum” su cui armonizzare le singole azioni. Azioni che dovranno vedere coinvolti i vari enti gestori (Regione, ATC, Parchi, AFV e AAVV)
- Risorse ed investimenti pubblici per la gestione faunistica
- Un diverso approccio al tema degli ungulati ritenuta ormai esaurita l’esperienza della Legge Obiettivo n.10/2016
- Affrontare la crisi della piccola selvaggina stanziale con strumenti nuovi (Distretti per la stanziale, miglioramenti ambientali, rilancio qualitativo degli istituti faunistici.
- La migratoria: dati e scienza a difesa dei calendari venatori
- Una nuova gestione del comparto danni provocati dalla fauna selvatica alle produzioni agricole

Infine il segretario Romagnoli ha voluto anche richiamare l’attenzione sul rapporto con ISPRA e sulla necessità che la Regione riattivi e valorizzi altri riferimenti scientifici quali il CIRSEMAF e le Università per rafforzare l’autonomia decisionale e legislativa della regione contrastando le pulsioni centraliste del Ministero dell’Ambiente in materia di caccia.

Una responsabilità che spetta al mondo politico. I cacciatori Toscani aspettano risposte; risposte che stanno dentro il dibattito della campagna elettorale in corso e del futuro governo della Regione Toscana.

I lavori si sono conclusi con l’intervento del Consigliere Regionale della Lega Nord Roberto Salvini,che raccogliendo l’invito degli organizzatori ha chiarito le priorità del suo gruppo consiliare, ribadendo la centralità per la Lega degli interessi di agricoltori e cacciatori nella più complessa tematica riguardante il territorio e l’ambiente.
 
 
 
Confederazione Cacciatori Toscani
Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"

CCT fatelo almeno che sia IMMUNE DA EVENTUALI RICORSI!

da Tordela 05/04/2019 9.47

Re:Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"

X TOSCANACCIO le chiedo scusa ma se posso darle un consiglio si faccia l assicurazione privata, è l unico modo per ribellarsi a questa tirannia delle aavv. almeno quelli non vi prendono in giro .questi a cui fin ora si è rivolto pensano solo a riempirsi le tasche e a prendesi poltrone e privilegi.

da genny 4 bott 02/04/2019 19.29

Re:Piano faunistico Toscana. Cct "una priorità"

Ottimi propositi. Ma per questa storia del calendario bocciato dal TAR, è vero che qualcuno ha omesso documentazione importante? Così dicono in giro. Chi è stato? C'è modo di saperlo? Non vorrei rinnovare la tessera sbagliando bottega.

da Toscanaccio 02/04/2019 17.13