Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Arci Caccia scrive al Ministro CingolaniMarche, Tar dispone limitazioni sul calendario venatorioUmbria: in arrivo altre giornate per il controllo del cinghialeSardegna: si decide per lepre e pernice sardaLombardia: Mazzali per un corpo di polizia ittico venatorio regionaleFrancia. Aumentano i candidati cacciatoriSparvoli confermato alla guida di Anlc fino al 2025Cinghiale in Piemonte. La parola ai cacciatoriFedercaccia Abruzzo: sentenza del TAR inaccettabileCommissione Ue risponde ad Arci CacciaToscana vieta prelievo della tortoraCinghiali in Piemonte. Coldiretti all'attacco55ª assemblea Uncza. All'ombra del ghiacciaioNota Ispra siccità e incendi. La risposta di FidcAbruzzo: modificato calendario venatorioCongresso Arci Caccia. Confermato il Presidente MaffeiSicilia, la Regione modifica il calendarioAbruzzo: ordinanza del Tar dà ragione agli animalistiToscana. Tar sospende tortora, pavoncella e moriglioneSparvoli (ANLC): "Ispra ci ha dichiarato guerra, ma noi risponderemo"Chianciano, aperto il XII congresso nazionale Arci CacciaIspra chiede limitazioni sulla caccia a causa di incendi e siccitàToscana: Cabina di Regia chiede chiarimento sulla tortoraSicilia. Nuovo decreto del Tar sulle date di aperturaInterrogazione Bruzzone sul Piano Nazionale TortoraMazzali chiede uniformità procedure caccia e pescaUmberto Venturini Presidente AcvDario Faccin nuovo Presidente nazionale ConfaviToscana. Al via il cinghialeUmbria. Una protestaLombardia: nuove regole per la carne di selvagginaSvizzera. Aumentano le donne a cacciaUk. Attacco alla cacciaLisa, cacciatrice in Corsica30 mila presenze alla sagra degli oseiGiannini attacca blog La cornacchiaTortora. Il Molise si adeguaTar Veneto sospende anche caccia alla pavoncellaSicilia: nuovo decreto riapre la caccia da sabato 4Sardegna. Niente tortora in preaperturaTortora. Sospensione anche per le MarcheNuova sospensione in Abruzzo e rinvio dell'udienzaSicilia: Tar blocca l'apertura della cacciaFrancia. Lo sport si schieraToscana. Promemoria per lo stornoTrentino. I camosci stanno beneMancata preapertura in Calabria. L'assessore bacchetta l'opposizioneSvizzera: Mostra sulla caccia al Museo Alpino di BernaCct: approvata delibera sulla preaperturaFrancia. Aumentano i cacciatoriPuglia: Tar respinge richiesta sospensiva sulla tortoraCalabria: Tar sospende caccia tortora e quaglia fino al 22 settembreSicilia: approvate modifiche al Calendario VenatorioEmilia Romagna. Pompignoli "vergognosa scelta sulla tortora"Acma aggiorna sulla situazione richiami viviTortora. La Cabina di Regia protesta con Mite e Conferenza Stato RegioniLombardia: pasticcio sulla coturniceRaccolta ali tortora. Il progetto Fidc continuaTorino: preapertura al colombaccio e altre modificheEmilia Romagna: la Regione toglie la tortora dalla PreaperturaCabina regia Toscana "ora lavorare per Piano tortora"Richiami vivi. Nuova circolare ministeriale ne permette l'utilizzoLazio. Arci Caccia "senza Piano tortora impossibile prelievo"Arci Caccia "Ma in Europa la legge è uguale per tutti?"Francia. Il Presidente dei cacciatori chiede le dimissioni della Ministra all'AmbientePreapertura. Anche la Regione Lazio risponde piccheKey Concept. Le associazioni scrivono al GovernoValle Canna. I cacciatori s'impegnano, gli animalisti si fanno fotografareAcma denuncia ritardi per il moriglioneTortora. Berlato protestaTortora in Toscana. La CCT non ci staToscana. Saccardi e la mancata preapertura alla tortoraIncendi. La Regione Sicilia arruola anche i cacciatoriLazio: le associazioni venatorie chiedono la preaperturaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale


lunedì 30 marzo 2009
    

bracconaggio in ItaliaNel corso della quarta mostra mercato Exporiva Caccia Pesca Ambiente di questi giorni a Riva del Garda, si è tenuto un convegno sul problema del bracconaggio in Italia, molto sentito e sofferto all'interno del mondo venatorio che, anche se totalmente estraneo, ne sconta spesso ingiustamente le conseguenze a livello mediatico.

Secondo il Comandante del nucleo investigativo di polizia forestale del comando provinciale di Vicenza Isidoro Furlan, il fenomeno non accenna a diminuire in alcune regioni e sarebbe addirittura sotto il controllo della mafia.

Nel 2008 l'ispettorato Generale del Corpo Forestale dello Stato ha accertato 1.738 reati riguardanti la fauna selvatica autoctona, con 6 arresti, 5.587 violazioni amministrative e sanzioni pecuniarie per 2,4 milioni di euro.

La regione con maggiori illeciti accertati è la Toscana (881), seguita dal Lazio (698) e dall'Abruzzo (518), poi Basilicata (400), Emilia Romagna (385), Puglia (369) e Veneto (366). I maggiori sequestri hanno peraltro riguardato il Veneto (70) e l'Umbria (67).

Il maggior numero di reati è stato accertato in Puglia (221, con 159 persone denunciate), nel Lazio (180-112), in Campania (170-121), in Lombardia (140-119) e in Calabria (127 - 110).

(ANSA)

Leggi tutte le news

19 commenti finora...

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

siete una manica di buffoni

da Diego 18/03/2010 21.02

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

caro Stefano I, sei un bravo politico;"non guardare ciò che faccio io ma vai a guardare gli altri".Io sono una guardia volontaria e ti posso assicurare che in materia venatoria chi è senza peccato scagli la prima pietra, nel senso che su 10 cacciatori controllati 6 sono a posto e 4 no. Tutte le "minuzie" come le chiami tu, sono reati, punto. Il bracconaggio fa parte di questi reati ripunto.Mi sembri troppo di parte e chi è cosi' non vuole vedere le soluzioni

da vittorio vezzulli 17/11/2009 11.38

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

la forestale non sono altro che parassiti con la divisa, i bracconieri da loro citati non sono altro che cacciatori sanzionati perche' hanno lasciato qualche bossolo per terra in quanto non conoscono ... in quale modo viene espulso da un automatico ect., o perche' stai attraversando una stradina di campagna con il fucile carico, o perche' si e' violato il numero max di capi consentiti magari 1/2 pz. in piu',o perche' si e' tardato di quache minuto oltre orario consentito.., o perche' si e' trovati a distanza leggermente diversa da strade ,casolari o altro, e altre stronzate che solo la g.forestale e' capace di constatare, effetuano la posta... al cacciatore... dire che sono ridicoli e' poco . invece di vigilare realmente sull'integrita' del luogo dove si va a cacciare, luoghi dove gente effettua discariche indiscriminate di materiali di scarto edile,liquami o altro.. dovrebbero vergognarsi in parte..siamo noi a stipendiarli non il wwf e compagni.

da stefano l. -br- 09/04/2009 9.58

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Numerosi esposti alla magistratura presentati da cacciatori della provincia di Verona hanno permesso l'avvio di un'indagine che ha smascherato gravi illeciti da parte di Polizia Provinciale e diversi esponenti della Lipu. In seguito a queste segnalazioni la magistratura ha proceduto ai dovuti controlli che hanno permesso l'emanazione di 20 avvisi di garanzia e gli arresti domiciliari di un ufficiale provinciale

da DA PAOLO T FANO PU 08/04/2009 21.57

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Numerosi esposti alla magistratura presentati da cacciatori della provincia di Verona hanno permesso l'avvio di un'indagine che ha smascherato gravi illeciti da parte di Polizia Provinciale e diversi esponenti della Lipu. In seguito a queste segnalazioni la magistratura ha proceduto ai dovuti controlli che hanno permesso l'emanazione di 20 avvisi di garanzia e gli arresti domiciliari di un ufficiale provinciale

da DA PAOLO T FANO PU 08/04/2009 21.56

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

x tutti. mi piacerebbe sapere con questa precisione incredibile usata per le sanzioni venatorie, quanta DROGA gira nei locali notturni, nelle discoteche, nelle SCUOLE in ITALIA cosi tanto per sapere visto che gli animali interessati, sono PERSONE e non bestie. lo so chiedo l'impossibile visto l'enorme giro di affari che muove questo BUSINNES.

da da paolo t fano pu 04/04/2009 16.27

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

a ragààà...lo capite o no che stiamo a tutti sul cazzo??? e che della caccia in italia nessuno se ne fotte un cazzo??

da uno 02/04/2009 16.06

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Ha volte è meglio stare zitti per non rischiare di fare brutte figure.

da Silvano 02/04/2009 9.12

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Lo stesso è stato fatto sugli incidenti di caccia! Hanno riportato come incidente il pensionato che deteneva il fucile da caccia e magari non lo usava da secoli, ma che ha sparato al vicino! O colui che andando a caccia si è rovesciato con l'auto! Ma che obbiettività è questa! Marciare sulle disgrazie per i propri intenti diffamatori, che schifo!

da Francesko 01/04/2009 21.48

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

come è stato descritto da loro, tutti i reati sono di bracconaggio, come ad esempio uno che ammazza un fringuello e ciò mi sa di ridicolo; è giusto punire il bracconiere nel vero senza della parola e non fare di tutta l'erba un fascio, come è stato desritto. saluti

da massimo da prato 31/03/2009 11.23

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Per fare un indagine seria occorrerebbe stabilire il concetto di base.Cosa si intende per reato di bracconaggio.Si può intendere qualsiasi reato riguardante la fauna? se si allora si uniformerebbero tutti i reati commessi dai cacciatori e da chi non è cacciatore.Altrimenti dobbiamo distinguere: il cacciatore munito di regolare licenza da chi non lo è.Poi ancora,la gravità del reato.Diventa difficile considerare alla stessa stregua l'abbattimento di uno storno in zona a divieto,con l'abbattimento di un cinghiale dentro un demanio.La materia è complessa e se vogliamo studiarla,va fatto con metodo statistico/scientifico serio.Il riportare dei dati semplicemente,dice poco e non può servire a impostare una seria politica di controllo che tenga conto dei costi e dei benefici.Per i dati empirici ,di cui ognuno di noi viene a conoscenza,ritengo che il fenomeno abbia meno impatto sulla fauna,di quello che viene presentato.

da vico 30/03/2009 22.37

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

X Massimo. Il sembriamo mi pare un pò troppo azzardato. Personalmente non mi riconosco nella categoria "BRACCONIERI". Sono cacciatore. Ho preso qualche multa per qustioni amminisrative come tanti, non dobbiamo accumunarci ai bracconieri ma dobbiamo combatterli.

da Francesco 30/03/2009 19.31

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Se sono reati MA VERI non le stupidate classificate come tali è semplice BRACCONIERE e se ha la licenza gli si toglie! .5587 sanzioni cioè multe, bossoli, distanze tra cacciatori, timbro sul tesserino con correzione ( vedi mio padre 74 anni capannista)non mi sembrano poi così tante visto che siamo 800 mila e senza dire se sono giuste o no.

da Luigi V. 30/03/2009 17.44

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Certo per le sansioni amministrative andrebbero un'attimo fatte delle considerazioni poichè è come se si deicesse che tutti i guidatori siano dei delinquenti facendo solo riferimento a chi guida ubriaco e a chi corre in strada a 200 km/h.Lo stare in regola quando si va a caccia date le molte leggi da rispettare vedi distanze, timbratura del tesserino, numero di capi da abbattere ecc..certo non è facile ma la cosa che mi fa arrabbiare di piu' è che molto spesso i veri delinquenti della caccia non vengano mai puniti come si deve in assanza di leggi italiane chiare e senza via di fuga con un buon avvocato!!!!! Stessa cosa per il controllo notturno....Quale guardia venatoria o altro ente puo' permettersi di rischiare per prendere qualche bracconiere notturno???Ok che dovrebbe essere il loro lavoro ma chi rischia di prendere magari qualche pallottola per salvare un'animale??????Poi lo stato con il diritto alla privacy e tutte quelle altre cazzate sulla tutela (percarità giustissime in qualche caso ma vergognose nella maggior parte) che non puoi permettere di dire o fare qualcosa che partono denuce da tutte le parti, come la mettiamo???? Saluti ale

da Alessandro 30/03/2009 15.58

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Mi piacerebbe avere i dati aggregati per tipologie di reato.Comunque anche triplicandoli( questi dati sono solo quelli della Forestale),la percentuale rispetto ai 700.000 cacciatori,rimane bassa.Inoltre debbo supporre che in questi numeri siano compresi anche quelli commessi da persone privi di porto armi,licenza di caccia ecc.Non per voler sminuire il problema,ma tutto deve essere riportato a dei dati in percentuale.

da vico 30/03/2009 13.05

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Però ragazzi si parla di 5587 sanzioni amministrative:tipo non aver raccolto il bossolo oppure vicinanza di coltura in atto,beh per i 6 arresti sono con voi x il BRACCONIERE ma per il semplice amministrativo,devo essere chiamato così anche se a fine giornata nella fretta non ho segnato i capi abbattuti?

da vincenzo 30/03/2009 12.17

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Piu' che spacciatori, pedofili ecc... considererei queste personaggi morti di fame visto che oggi come oggi non si dovrebbe cacciare per sfamarsi ma solo per passione.Poi ricorda caro Massimo che si sta parlando di ''BRACCONIERI'' e non di ''CACCIATORI'' quindi possono parlarne con i termini piu' dispregiativi poichè non facciamo parte della categoria....

da Alessandro 30/03/2009 11.52

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

Massimo a mio parere è giusto che i cacciatori prendano le dovute distanze da questi episodi e che ne riconoscano l'esistenza,senza sentirsi parte in causa, la caccia è ben altra cosa, chi la pratica nel rispetto delle regole non ha niente da spartire con chi commette reati di bracconaggio.

da Paolo, Perugia 30/03/2009 11.42

Re:Situazione bracconaggio in Italia: i dati della forestale

detti in questi termini sembriamo un branco di spacciatori, pedofili, stupratori e ciò mi sembra un po' ridicolo; NO COMMENT, saluti.

da massimo da prato 30/03/2009 11.08