Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Lombardia, il 9 ottobre si discutono deroghe e richiami viviSicilia, si muovono le associazioni venatorieLa Rai ci ricasca, ancora un servizio anti cacciaTemperature in calo, finalmente arriva l'autunnoCaccia pernice e lepre Sardegna: no anche dal Consiglio di StatoMamone Capria firma il ricorso contro la caccia toscanaSu Rai 3 Toscana le idiozie degli anticacciaRegione Sicilia esegue sospensione caccia Cinghiale, appello di Rolfi a Ministro CentinaioPiemonte. Caccia al cinghiale di lunedìMazzali: "approvato in Commissione mio Pdl richiami vivi"Toscana, proposte dopo il Tavolo caccia Liguria, nuove regole per la caccia al cinghialeLombardia, regole sulla caccia vaganteTar Sicilia sospende Calendario VenatorioLazio, per l'emergenza cinghiali arruolati i cacciatoriCorona scatenato in tv. "Sfido chiunque sulla caccia"La caccia in FranciaAbruzzo, da Fidc nuovo ricorso su Calendario VenatorioBigHunter Giovani, Diego Dolcetti “La caccia è la mia libertà”Questa è la caccia nella societàIn Toscana ricorso contro calendario venatorioFidc Bergamo, luci e ombre su nuove disposizioniLegambiente Lazio "no a caccia selettiva nei Parchi"Lombardia, aumentato carniere specialisti allodolaIl primo tordo in migrazione Urca, Ezio Conti nuovo presidenteStagione venatoria 2018 - 2019 al viaDa Regione Toscana circolare su annotazione forma di cacciaMarche, respinto ricorso Wwf e LacTar Abruzzo fa slittare apertura caccia lepreLa Lombardia tira dritto sulla caccia in derogaRegione Sardegna annuncia ricorso al Consiglio di StatoAtc Piemonte, aggiornamenti sull'appello Fidc Fidc, valutazione complessivamente positiva sul Decreto ArmiSardegna, il Tar dà ragione agli animalistiCCT "No alle trasformazioni a tavolino delle ZRC"Caccia cinghiale Umbria, no ai nuovi balzelliSiena, vigne ormai danneggiate dai caprioliCastellani "e quasi ci siamo..."Remaschi "ordinanza Tar dimostra correttezza Piano caccia capriolo"A Macerata processione dei cacciatoriApertura caccia: il punto del Sen. BruzzoneArci Caccia Toscana, Legge Obbiettivo da rivedereA Pesaro un progetto per la starnaCapriolo Toscana, Tar respinge sospensiva di UrcaI primi tordiItalia ostaggio dei cinghiali. Coldiretti "sono oltre un milione" Caccia selezione Toscana, problemi e nuove prospettiveMolise, proposti 15 giorni in più per la caccia al cinghialeVeneto, ok uso richiami vivi caccia acquaticiAbruzzo, mercoledì 12 la decisione del Tar sulla sospensivaCaccia cinghiale Umbria: Fidc chiede chiarimentiFidc: preapertura, tradizione sostenibileCecchini, Consiglio di Stato conferma validità preaperturaConvegno Anlc sul rilancio della caccia PiemonteseCCT a Grosseto. "Solo l'unità dei cacciatori potrà salvare la caccia"Fidc Umbria: Consiglio di Stato conferma sospensione ungulatiConfagricoltura Cosenza "rivitalizzare ruolo Atc"Utr Brescia approva Piano abbattimento lepreAnuu: migrazione ostacolata dalle temperatureTorbjörn Larsson nuovo Presidente FACEToscana, piano di prelievo Daino e MufloneToscana, accordi reciprocità caccia con Umbria e LazioDisturbo Venatorio: Mazzali si rivolge alle PrefettureProposta Piano Faunistico, audizione in Emilia RomagnaRegione Sardegna: bene anticipo dibattimento TarTar Sardegna accorda anticipo udienza su calendarioElba vocata al cinghiale. Coldiretti si defilaAbruzzo, modifiche al Calendario Venatorio Umbria, Wwf: su caccia Cecchini lasciata sola Lai: dimostrata tutela pernice e lepre sarde dai cacciatoriPernice e lepre sarda, censimenti favorevoli alla cacciaVignale "in Piemonte un'altra occasione persa sulla caccia"Richiami acquatici, nuovo dispositivo dal MinisteroGoverno impugna legge Puglia su controllo fauna selvaticaCinghiali Grosseto. Arci Caccia chiede l'intervento della RegioneAbruzzo, sarà estesa la caccia cinghiale in braccata Benevento: assegnate aree caccia cinghialeFidc Sardegna sul ricorso Elisa Picci: "è ora di un riconoscimento alle cacciatrici"Preapertura: caccia chiusa a Zeri e MulazzoArcicaccia Abruzzo: "approvare nuovo Piano faunistico"Marchetti (FI): In Toscana avvio caccia tra mille incogniteSardegna: sospesa caccia lepre e pernice sardeDisturbo caccia, Bertacchi allerta le Forze dell'OrdinePreapertura il 2 e 9 settembre: Fidc Umbra soddisfattaPreapertura caccia 2018: dove quando comePreapertura caccia Umbria: la Regione confermaDeroghe Lombardia, due Progetti di legge per autorizzarleToscana, nuove procedure per appostamenti in aree Natura 2000Cacciatrici, meeting internazionale contro gli stereotipi CCT: positivo incontro sulla caccia con il Presidente RossiCacciatori abruzzesi in piazza il 6 settembreGeorge alla sua prima battuta di cacciaCaprioli Toscana, precisazione da Urca – UncaaPreapertura caccia salva in SiciliaSpagna: primo studio su importanza economica della cacciaPiemonte, Proroga per i commissari degli AtcPreapertura caccia Umbria: convocata Consulta venatoriaMolise: ecco il calendario venatorio 2018 – 2019Urca, i motivi del ricorso sul capriolo in ToscanaPiemonte: modificate date caccia corvidiPreapertura caccia Toscana 1 e 2 settembreCaccia, fermento in vista dell'aperturaAbruzzo, calendario venatorio sotto attaccoArcicaccia su piccione e tortora dal collare in Toscana Cecina vieta caccia in preapertura sul litorale
 Stampa   

News Caccia

Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"


martedì 19 dicembre 2017
    

Ecco il comunicato pubblicato dalla Federcaccia che infomra sugli esiti dell'ultima assemblea nazionale:
 
 
"Una Federazione forte e ben radicata sul territorio, arricchita di competenze e professionalità, che si occupa del contingente e delle necessità quotidiane dei cacciatori, ma con uno sguardo attento e lucido al futuro, ampliando i propri campi di interesse e di azione per portare la caccia a essere riferimento e interlocutrice autorevole nelle questioni ambientali e faunistiche e a veder riconosciuta la propria dignità e cultura nella società. Una Federcaccia che sia elemento catalizzatore per una unione dei cacciatori in un momento difficile per l'attività venatoria, che richiede progetti lungimiranti, costanza e  volontà nel perseguirli.

Questa la visione, la mission come si usa dire oggi, scaturita - ma sarebbe meglio dire confermata - dalla due giorni di lavori svoltisi nello scorso fine settimana a Roma e che hanno visto riunirsi il Consiglio nazionale prima e l'Assemblea nazionale poi.

Due giorni impegnativi, in cui non sono mancati momenti di confronto e di chiarimento anche intensi e argomentati, come è proprio di una grande associazione come la nostra, capace però di fare sintesi e concentrarsi sull'essenziale condividendo le decisioni e le linee di condotta più importanti, come sempre è stato nel corso di questa presidenza.

Politica associativa interna e rapporti con le altre associazioni venatorie; l'ormai imminente appuntamento con le urne e la recrudescenza degli attacchi alla caccia, in gran parte conseguenza proprio della campagna elettorale in atto; ma anche le opportunità per una riqualificazione della nostra attività e ruolo date dalla nuova Pac e dai piani di sviluppo rurale attraverso interventi di miglioramento ambientale finalizzati a recupero della fauna migratoria e stanziale in sinergia con le associazioni agricole, così come dai piani faunistici venatori regionali sono stati alcuni dei temi affrontati nella relazione del Presidente Gian Luca Dall'Olio e su cui si è espressa l'assemblea, presieduta con garbo e competenza da Lorenzo Bertacchi, provinciale di Bergamo.

"Federcaccia ha bisogno di una visione - ha detto il Presidente Dall'Olio - e una visione concreta per essere tale deve essere in grado di fare una analisi critica della situazione per poter procedere consapevolmente in una direzione specifica".

Anche lo stato dell'arte di studi e ricerche intraprese e in corso dagli Uffici tecnici di Federcaccia e che non pochi risultati positivi hanno portato per tutti i cacciatori, in termini di calendari e tempi di prelievo, così come di ricorsi vinti davanti ai Tar, ma anche col riconoscimento per la Federazione di un ruolo a livello europeo anche presso la Commissione Ambiente è stato ampiamente illustrato, così come i campi di intervento ad oggi non ancora o non sufficientemente affrontati.

A partire dalle relazioni del dottor Michele Sorrenti (Attività FIdC in ambito europeo e dell'Ufficio Avifauna Migratoria alla gestione venatoria italiana) e della dottoressa Giorgia Romeo (Possibile ibridazione fra lepre italica ed europea), passando per il dottor Michele Bottazzo (Politica Agricola Comunitaria: un'opportunità per il mondo venatorio), il dottor Daniel tramontana (Progetto lepre italica in Sicilia) e il dottor Valter Trocchi (Il progetto Life per la reintroduzione della starna italica), per chiudere con il dottor Ivano Artuso (10 anni di indagine Uncza sulla selvaggina di montagna) e la dottoressa Antonella Abate (Progetti di ricerca su lepre e cesena di Federcaccia Lombardia) i presenti hanno potuto avere un quadro di insieme di quanto realizzato da Federcaccia e dai tanti cacciatori che a titolo gratuito e volontariamente prendono parte a queste iniziative, ma anche di quanto ancora c'è da fare con l'impegno di tutti.

"Un percorso da consolidare e continuare - ha rimarcato il vicepresidente Carnacina a margine delle relazioni tecniche - riprendendo in mano alcune cose che non abbiamo portato a termine, confrontandoci e superando le eventuali criticità o diversità di lettura nelle opportune sedi, senza pregiudiziali, perché ormai abbiamo dimostrato che il futuro della caccia passa dalla ricerca e senza il sostegno della scienza non è più possibile pensare di poter sostenere le nostre azioni. Oltre la teoria conta la concretezza e noi abbiamo saputo costruire una rete sul territorio coordinando i volontari perché i cacciatori sono fondamentali nelle operazioni di monitoraggio e di raccolta dati. È questa la strada che dobbiamo percorrere convintamente".

Un richiamo a proseguire nell'impegno senza lasciarsi distrarre dai problemi contingenti è venuto anche dal vicepresidente Massimo Buconi. "Non ci può essere una visione alta del ruolo della Federcaccia senza avere alle spalle una struttura composta dai regionali, provinciali e comunali che la sostenga e le dia risorse e forze per sostenerla. Le due cose sono strettamente legate, due facce della stessa medaglia. Siamo tutti una Federazione, siamo tutti Federcaccia".

Attenzione alle regioni dove la presenza e l'azione della Federazione sembra aver bisogno di sostegno e rilancio è alla base di un progetto annunciato dal vicepresidente Antonio D'Angelo, che ha espresso anche la necessità di un confronto e una analisi dell'andamento delle iniziative degli ultimi anni per fare un punto più chiaro del quadro dei progetti in cui si è impegnata Federcaccia nazionale.

Ospite dei lavori l'avvocato Alberto Maria Bruni, che fra le altre cose ha esposto la recente approvazione del decreto legislativo recante le disposizioni volte a prevenire e gestire l'introduzione e la diffusione delle specie esotiche invasive, precisando che adesso è espressamente consentito alle Regioni, oltreché alle Provincie Autonome, di avvalersi finalmente anche di soggetti privati, un risultato perseguito con determinazione da FIdC, così come le proposte di modifica dell'articolo 12 e 19 della 157/92 inserite come emendamento alla legge di bilancio e mirate rispettivamente a riaprire la possibilità per i cacciatori formati di prendere parte agli interventi di controllo e di attuazione dei piani di abbattimento e ad escludere dall'obbligo di soccorso della fauna selvatica in difficoltà le specie esotiche invasive e le specie sottoposte ai piani di controllo, prevedendo altresì la possibilità di sopprimere dette specie sul luogo di eventuali incidenti stradali anche da parte di cacciatori di selezione adeguatamente formati ed iscritti in appositi registri tenuti dalle Regioni.

Un emendamento di assoluta chiarezza e al servizio del sistema Paese, che è invece stato ritirato, come si è saputo pochi giorni dopo l'Assemblea, su pressione dei Verdi e di altre sigle abolizioniste per mere questioni ideologiche mantenendo così la difficoltà di Regioni e Province nella gestione faunistica del territorio.

Fra gli appuntamenti d'obbligo dell'Assemblea di dicembre la votazione del Bilancio preventivo 2018, approvato sia in Consiglio nazionale che dall'Assemblea.

"Nonostante la costante riduzione delle entrate da tesseramento dovute al fisiologico calo dei cacciatori - ha giustamente voluto ricordare il presidente Dall'Olio - la cura e l'attenzione poste nella gestione dei conti da questo consiglio di presidenza, con l'aiuto e la collaborazione di tutta la struttura federale, non solo ha in solo un anno ripianato il disavanzo ereditato dalla precedente gestione, ma ha anche consentito un costante aumento degli investimenti in termini di uffici e iniziative di ricerca, con l'acquisizione di competenze professionali a tempo determinato e indeterminato mantenendo i bilanci degli ultimi anni sempre a pareggio".

Gli auguri per le prossime festività natalizie ai presenti e a tutti i cacciatori, hanno concluso anche questa Assemblea".

Roma, 19 dicembre 2017
 

Leggi tutte le news

8 commenti finora...

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

...Ed infine un plauso alla gestione degli atc romani e non solo per i cinque anni di prontacaccia allegramente lanciati sotto il solleone di luglio.Manca una relazioned i Pompetti o Calzetta su questa grande politica faunisticache haprodotto il deserto:

da porocacciatore 22/12/2017 21.39

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Certo che bisogna ammirare con quanta passione è lavoro Sorrenti ha portato avanti la scienza che ci voleva nella ricerca, in special modo di tordi e beccacce dove ormai i dati ci sono e sono solo da mettere sul tavolo di qualcuno. Però ci sarebbe da dire che mettere sempre avanti questi dati mi sembra che la cosa incominci ad essere stantia. Bisognerebbe che un po ci si fermi sulla scienza ormai e mettere mano ai lavori per portare alla conoscenza la caccia verso tutti i cittadini Italiani la cui maggior parte viene adesso mala informata dai nostri detrattori sui media. Se questi che ci vogliono male sanno che bisogna usare le varie TV per farsi belli, mi pare proprio che noi ci faccia schifo a vederci sulle varie televisioni. Io per questo direi : mettiamo da parte i soldini per la scienza e usiamoli per far conoscere la caccia ai cittadini rispondendo pan per focaccia alle stilettate che ci vengono affibbiate sui media, altrimenti che qualcuno dal vertice ci spieghi perché le VISIONI sulle varie TV nazionali da parte nostra sono solo sogni. Un cordiale saluto a Sorrenti, presidente subito.

da jamesin 19/12/2017 21.33

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Ho, ma questi di fidc che stanno a fare, ora hanno pure le visioni?!...

da s.g. 19/12/2017 21.05

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Hanno preso tutto da renzi, @azzate su @azzate sott'olio tra poco ci prometterà gli 80 euro sulla licenza

da nun ce crede più nessuno 19/12/2017 19.48

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Assemblee sveglia tante parole niente fatti noi cacciatori siamo stanchi di sentire tante parole e non si fa mai niente però i soldi delle tessere li volete cerchiamo di piantarla

da Un cacciatore 19/12/2017 17.59

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Magari, riuscissero a federare tutti in una coalizione che tenesse conto degli affari. Si renderebbero conto che devono smetterla di rubarsi le briciole in via di tumulazione e si darebbero da fare per trovare nuovi e più arzilli iscritti. Ma questi amici miei atto secondo (o terzo, ormai) cercano di difendere quella dorata casa di riposo dove si trovano a loro insaputa. Che avessero l'alzhaimer?

da Sweitzer 19/12/2017 17.53

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Federcaccia S.P.A. avanti tutta!

da Follow the money 19/12/2017 17.45

Re:Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"

Secondo me, le periferie andrebbero riformate proprio per ripartire da capo. Bisogna riavvolgere il nastro, perchè se andiamo avanti così ci saranno sempre più mugugni e sempre meno mugugnatori. Gente come Tonino d'Angelo (ma quanti ce ne sono di tonini dalle nostre parti, su e giù per lo stivale, anche con incarichi importanti!) mweritano una medaglia e un avvio al buen retiro, accuditi e coccolati come se fossero nelle migliori case di riposo. Tanto, anche se si cominciasse ora a riformare il sistema, ma la vedo difficile, prima di vedere un qualche risultato passerebbe una decina d'anni. E l'unica opportunità ce l'ha la Federcaccia, perchè con le altre, briciola briciola, è peggio che andar di notte. Cercasi uomini con le p...lle.

da Diogene 19/12/2017 17.07