Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Simone Billi (Lega): "la caccia fa bene all'ambiente"Vignale: "Piemonte Regione no caccia?"CCT: bilancio positivo all'Assemblea GeneraleUmbria: presentata bozza Calendario Venatorio 2018 - 2019Legge caccia Piemonte, diretta dal Consiglio regionalePiemonte, si inizia a parlare di caccia. Fidc mobilita i cacciatoriBerlato: Corte Costituzionale respinge ricorso su vigilanza venatoria Rolfi: “contenimento cinghiale, già al lavoro”Calendario Marche: la caccia al cinghiale parte primaArezzo, protesta sulla mancata vigilanza venatoriaLibera Caccia Toscana: proposte per il calendario venatorioTraguardo Internazionale per il Club del ColombaccioCampania: proposte migliorative sul calendario venatorio 2018 - 2019Sicilia: stanziati duecento mila euro per il coniglio selvaticoEnalcaccia Arezzo: corsi per cacciatori, iscrizioni aperteAlessio Piana tra gli amici di BigHunterTrento: nessuna limitazione per la caccia al cinghialeStefania Craxi: "il cinghiale, la mia passione"Anlc Piemonte: ecco perchè saremo in piazza l'8 giugnoSardegna. Cpa dice no agli AtcAnnotazione tesserino, Marras "la normativa deve essere chiara"Ok al Piano straordinario cinghiali nel Parco dei Gessi BolognesiLe novità sulla caccia in deroga in LombardiaCalendario Venatorio Marche: le proposte di FidcAnuu, la Giornata del Verde Pulito in LombardiaTesserino venatorio: approvata mozione in ToscanaGiulia La Cava, a caccia con i segugi. "Non c'è emozione più forte"Secondo anno per il progetto Lepre in SiciliaReggio Emilia: operativo controllo del cinghialeIn Spagna 100 mila cacciatori in piazza per pretendere rispettoToscana. Danni a scacchiera8 giugno. Manifestazione dei cacciatori a TorinoCambio di statuto per il Sindacato Venatorio ItalianoCaccia in deroga, Lombardia approva richiesta da inviare ad IspraPiemonte, partita caccia di selezione al cinghaleLazio, riunito nuovo Comitato Faunistico VenatorioCampania, ecco la bozza del Calendario Venatorio 2018 - 2019Anlc Umbria, proposte per il calendario venatorio 2018 - 2019Aria Nuova in Ekoclub PistoiaCinghiale: Fidc Umbria ricostituisce settorialeBERGAMO. REVOCATI I DIVIETI PER L’AVIARIABRESCIA. CORSO PER IL TRATTAMENTO CARNI DI SELVAGGINATOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVOToscana, ok mozione Pd per braccata nelle aree protetteLegge 157/92: ecco la proposta Caretta per la riforma della caccia CCT, ungulati? Puntare sul controllo come fa AlessandriaDepositata PdL Cirielli per la modifica della 157/92La caccia ai giovani: Yuri D'Onofrio “stiamo uniti”Lombardia, Massardi alla prima seduta annuncia impegno per la cacciaReport gestione ungulati Toscana, Remaschi "la legge funziona"Liguria, M5S chiede divieto per 4 specie cacciabiliAnuu, 60 anni di storia e tradizioniA Bergamo primo concorso sul cinghiale per aspiranti chefCinghiale, Emilia Romagna: ok a calendario venatorio 2018 - 2019 Emilia Romagna. Contrarietà della Lega sul calendario venatorio Piemonte: nuovi criteri per i Comitati di Atc e CaCastellani rieletto alla guida dell'Anuu MigratoristiMolise. Di Pietro "fondi trasferiti agli Atc"In Regione Bruzzone lascia il testimone ad Alessandro PianaDdl caccia Piemonte. Le osservazioni di AnlcFidc Marche, storno: nessuna preoccupazione per la sentenzaOffese contro cacciatori e Remaschi, la condanna della CCTIl Governatore De Luca ad Hunting Show SudCampania. Proposte al Calendario Venatorio 2018-2019 Torbjörn Larsson è il nuovo presidente dell'Alleanza dei cacciatori nordiciStorno. La Corte impallina la Regione MarcheLa Caretta presenta modifiche alla 157Spagna. I cacciatori manifestano per la cacciaDanni fauna selvatica. CCT chiede risposte urgenti a RemaschiCinghiali. Coldiretti Torino chiede azioni rapide I cacciatori francesi rilancianoIniziativa FIdC Bergamo. I ragazzi cuochi del “Galli” alle prese col cinghialePiacenza: successo della cena del pompiere-cacciatoreExpoRiva. Manifesto a sostegno della cacciaPiemonte. Al via caccia di selezione al cinghialeUmbria. Convenzione tra Regione e Carabinieri forestaliLombardia, Fabio Rolfi Assessore alla cacciaPer il Governo legittima proroga Pfv VenetoCapriolo: le proposte della Libera Caccia di PistoiaTar Torino, controllo cinghiali: "metodi ecologici derogabili"Toscana: respinta mozione 5 Stelle per la sospensione della cacciaAnuu Campania, riconfermato Presidente ParvoloCon la sua cucina di caccia, Fabrizia Meroi è Chef donna 2018Lombardia: ecco cosa si aspettano i cacciatori dalla nuova GiuntaCaccia Ungulati. Da Siena le nuove proposte della CCT Basilicata: "Aprire un tavolo per la caccia nei Parchi"Abruzzo, Febbo "cinghiali, confusione in Regione"Caretta "costituito Intergruppo parlamentare per la cultura rurale"Greenpeace, precisazioni su partecipazione a ExpoRivaPuglia, rimandato esame ddl fauna selvatica Caretta "il M5S sulla caccia ha gettato la maschera"Ungulati Toscana, "nel 2017 meno abbattimenti, più incidenti stradali"Fauna in difficoltà. Intervengono i cacciatoriAmiche di BigHunter, Yamila B.: "movimenti anticaccia specchio di una società in crisi"

News Caccia

Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori


venerdì 27 ottobre 2017
    

Storno A Pesaro, precisamente nel quartiere di Pantano, la situazione dovuta ai troppi storni, al loro chiasso e agli escrementi che si depositano su marciapiedi e cortili, ha portato diversi residenti a lamentarsi per la miriade di volatili ritenuti infestanti.
 
Tra le polemiche per l'esigua possibilità di cacciarli, sul quotidiano Il Resto del Carlino si inserisce il naturalista Massimo Pandolfi, secondo cui la colpa sarebbe dei  cacciatori: “si tratterebbe di animali di migrazione – ha dichiarato – che si spostano in città, per colpa dei cacciatori, i quali, cacciandoli nelle zone di campagna, li costringono ad emigrare”. Una dichiarazione così non poteva rimanere senza risposta.

A rispondere ci ha pensato Riccardo Rossi, presidente della comunale Fidc “L'affermazione di Pandolfi – scrive – è debole e scorretta e non fa comprendere il fenomeno in atto. Lo sturnus vulgaris, nella sua parziale evoluzione, da uccello migratore a stanziale trova riparo notturno, da alcuni decenni, nel verde urbano; così come avviene nei canneti alla foce dei fiumi per buona parte dell'anno, anche in tempi di caccia chiusa. Il picco di presenze si raggiunge in questo periodo, ma è un assommarsi di quantità già stabili”.


Aggiunge Rossi sul quotidiano: “per i regolamenti restrittivi, la caccia allo storno - consentita nelle Marche e in altre regioni in deroga, n.d.r.- viene limitata, da settembre a dicembre, in prossimità di colture e nella valle del Foglia è praticata da un numero ristretto di cacciatori”. Semmai quindi sarebbe la caccia la soluzione, se applicata non come mero palliativo, ma come strumento regolatore della specie.  
Leggi tutte le news

21 commenti finora...

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Ciao, e' vero la colpa e' dei cacciatori, in quanto allevano gli storni e li liberano per i ripopolamenti.

da ANTOINE 30/10/2017 12.37

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

In Lombardia (milano/lodigiano) ormai queste specie di animali trovano riparo solo nei centri abitati inquanto l'ambiente delle nostre campagne è notevolmente cambiato nell'ultimo decennio a causa dei moderni mezzi utilizzati in agricoltura. Non esistono più ne siepi ne roveti ne alberi da frutta. Non parliamo poi di alberi a grande fusto che, anno dopo anno, sono sempre meno. Anche i fossati che una volta venivano utilizzati per irrigare campi e marcite vengono chiusi con le ruspe ed i terreni livellati come se fossero tavoli da biliardo. Fermandosi ad osservare la campagna lo sguardo dell'osservatore mira per chilometri e chilometri in qualsiasi direzione senza trovare altro che paesi o strade ad interrompere la monotonia di una piattezza assoluta. In tutto questo le nostre associazioni invece di correre ai ripari sedendosi attorno ad un tavolo con gli agricoltori per studiare piani ed investimenti di riqualifica ambientale litigano tra di loro per qualche iscritto in più lascindo la Caccia in una spasmodica agonia verso un declino che almeno qui in pianura non vede luce in fondo al tunnel.

da Edoardo 30/10/2017 11.06

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Se lo storno fosse tra le specie cacciabili, si allenterebbe anche la pressione su allodole e turdidi, troppo ci vuole? Sarebbe la classica fava per due piccioni, purtroppo in Italia le decisioni le prende la politica, ecco perché stiamo così.

da giusva 30/10/2017 9.39

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

ma cosa sveglia!! le aavv quali arci federcaccia sono legate al pd cosa volete facciano contro i loro beniamini, per poi non controbattere i pareri di un naturalista.....potrebbero inacidire Legambiente loro alleata per distruggere ciò che della caccia è rimasto!!

da dardo 30/10/2017 8.44

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

intanto un ignorantone del genere è riuscito a far scrivere su un importante quotidiano una balla grossa come una montagna,vediamo chi e capace di controbattere,associazioni venatorie svegliaaaaaaa.

da argo 30/10/2017 7.33

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

non c'è mai fine al peggio !!!

da anonimo 29/10/2017 23.13

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Ignorateli, polemizzare con loro non serve a niente se non a dar loro importanza.

da Frank 44 29/10/2017 19.02

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

il tipo di sinistra si droga sicuramente ah ah ah

da ahaha 29/10/2017 16.28

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Se questo si ritiene un naturalista, ha dato prova di un ignoranza in materia a dir poco ci logica.....

da Dardo 29/10/2017 12.07

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Levategli il fiasco....

da Storno. 28/10/2017 23.04

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Chi uccide uno Storno a Brescia si becca un penale dalla Forestale , FORZA STORNI AVANTI COSI

da luigi 28/10/2017 21.27

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Quel cretino non sa che lo storno e nell'elenco dei protetti? In Puglia da anni non si caccia e se solo in deroga in alcune province ma cosa vogliono questi ignoranti sono solo buoni a farsi fare la cacca in testa da questi volatili che in altri paesi europei sono cacciabili senza deroga....vergognoso!!!

da Marc58 28/10/2017 19.37

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Ma questo Massimo Pandolfi dove vive? e si autodefinisce naturalista! Piuttosto che rilasciare interviste sarebbe meglio che si informasse sul come stanno le cose .Pietoso, atteggiamento ignorante e pietoso!

da bretone 28/10/2017 19.03

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

E allora i tordi che sono cacciabili perche non si vedono nelle citta?forse sono meno intelligenti .che cog.....ne

da Francesco 28/10/2017 19.00

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Come mai lo storno cacciabile in 10 paesi della UE, è in aumento esponenziale, mentre la rondine protetta da noi sin dal 1929 è in dimunuizione. Vorrei che qualche naturalista della domenica,mi dica il perchè di questo."aspetto risposta"

da Il Nibbio 28/10/2017 15.55

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

MA COME SI FA' A DIRE SIMILI STUPIDAGGINI E QUESTO SAREBBE UN NATURALISTA?OPPURE L'EGREGIO NATURALISTA VUOL GETTARE FANGO AD OGNI COSTO SUI CACCIATORI?MAH!

da mariolino veterinario 28/10/2017 11.56

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Sig. Rossi , ricordagli che lo storno, in parte, ha cominciato a fermarsi in Italia, invece di proseguire per il nord africa, nel periodo invernale dagli anni 20 circa. Se lo storno da allora ha deciso di svernare in Italia non certo per colpa dei cacciatori.

da un cacciatore 28/10/2017 8.00

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

UN'ALTRA MENTE BEN PENSANTE CHE DI MIGRAZIONE/HABITAT DEI VARI VOLATILI(QUANTO PARE) NON NE SA ABBASTANZA E ALLORA ARRANCA SENTENZIANDO E DANDO COLPE A CHI E' PIU' FACILE COLPIRE....SVIANDO LE VERE RESPONSABILITA'; MEDIOCRI BUGIARDI

da PICO69 27/10/2017 20.27

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Giusto, i dormitori in città servono solo per un vantaggio energetico, e luogo sicuro da attacchi predatori, di giorno mangia nelle campagne fino a 40 km circostanti. Lo storno e' un uccello con uno spirito di adattabilità eccezionale. Fortemente gregario ad eccezione nel periodo riproduttivo. In grande aumento numerico nei paesi che si affacciano sul mar Tirreno ed in calo nel centro nord Europa. Dite al signor ambientalista che gli storni ci sono anche e soprattutto nelle regioni dove non vengono abbattuti in deroga. Finché non ci sarà la volontà politica di reinserirlo tra le specie cacciabili il problema non si risolverà.

da Simone 79 27/10/2017 19.29

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Quando verrà inserito nel calendario venatorio i storno caleranno, altrimenti nessuno gli spar. Basta con ste deroghe. I storni sono aumentati da quando si è chiusa la caccia a marzo. Riflettete.

da Giovanni 27/10/2017 18.27

Re:Troppi storni? C'è chi incolpa i cacciatori

Mai sentita in vita mia una bufala così demenziale. Lo storno dorme in città per la differenza di gradi notturna che esiste tra la città più calda che delle campagne. Sono circa 3/4 gradi che per lo storno significa consumare meno energia per affrontare la notte. Che scuole si fanno per diventare naturalisti???

da Lucio 27/10/2017 18.10