Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Fidc Umbria: opportuni chiarimenti, i cacciatori non partecipino ai contenimentiCronache falconiere dall'Andalusia: Margherita SporeniRegione Umbria risponde a Wwf: il contenimento non è cacciaElezioni: ecco il manifesto del mondo venatorio alla politicaBuconi (Fidc): giù le mani, cacciatori no bracconieri!Vignale: palese incostituzionalità su legge caccia GiuntaPassione colombaccio. Federico Celsi: “il più bel ottobre di sempre”Sorrenti: la battaglia su calendari e deroghe continua in UeAddio al padre della Wildlife Economy, Bernardino RagniChiusa caccia ai turdidi in Trentino. Protestano i capannisti I boschi di Capri ripuliti dai cacciatoriRaduno internazionale falconieri in FriuliPosticipo tordi in Lazio pubblicato sul BurFvg, chiusura anticipata beccaccia: Fidc impugna il decretoElezioni: Meloni vuole candidare Berlato Fidc Brescia, "controllo cinghiali? I cacciatori non partecipino"Basilicata, Fidc: una scelta europea per le date su tordi e beccacceBasilicata: pubblicato su Bur posticipo chiusura cacciaDa Siena, Cct, Atc e agricoltori chiedono cambio passoCinghiali Sassuolo, continuano le proteste degli animalistiMigratoria e recupero habitat: A Vicenza il punto di Face Med A Hit l'assemblea del Cic ItaliaFriuli: nasce l'associazione Cacciatori FvgTesserino venatorio, in Toscana mozione per educare i controlloriDella caccia ai tordi e dell'ambientalismo che in Italia non esisteUmbria: modifiche al regolamento sugli AtcSentenza Tar su vigilanza venatoria: condannate Enpa e LacL'Anuu Reggio Calabria adotta un pezzo di verde pubblicoDalla Francia buone notizie su beccaccino e frullinoPiemonte: ok in Commissione alla nuova legge sulla cacciaAmiche di BigHunter, Martina Rebecchi "per me la caccia è vita"In Alaska la selvaggina si macella a scuolaMai: importanti novità per la caccia in LiguriaAddio a Novello NovelliVeneto: Berlato riconfermato alla guida della III CommissioneAbruzzo: Arcicaccia, Libera Caccia ed Eps incontrano PepeSempre più ungulati nei Parchi toscani. Ok piano a San RossoreDirettive Uccelli e Habitat: a Roma l'incontro con la Commissione UEAbilitazioni venatorie: buone notizie dal Friuli Elezioni e caccia: allarme 5 StelleCaccia tordi Lazio al 31 gennaio: Zingaretti firma il posticipoFidc Toscana: dalla Lav a lezione di violenzaArci Caccia Pistoia: in pericolo il Progetto LepreElezioni Politiche 2018. La caccia si unisce in una Cabina di regiaPasso indietro sulla caccia alla volpe in InghilterraControllo cinghiale nei Parchi: i corsi nella Provincia di ArezzoPiemonte: ecco come vanno avanti gli Atc dopo il TarItalia Nostra e Lipu Puglia criticano la nuova legge sulla caccia40 ANNI DI SHOT SHOWLUPO. IN NORVEGIA RIAPRESIENA. PROTESTE PER I PRELIEVI NELLE AREE PROTETTEELEZIONI. SORRENTINO SCRIVE AI PARTITISassuolo: Controllo cinghiali, la Lav denuncerà i cacciatori Toscana: corsi ai cacciatori per il controllo nelle Aree ProtetteFidc Brescia sulle novità introdotte dalla Regione LombardiaSvizzera: diffamava i cacciatori, condannato anticacciaCinghiali, per Confagricoltura "bisogna cambiare la 157/92"Toscana: caccia cinghiale aree non vocate, il Piano per il 2018Abruzzo: nel nuovo Piano stop alle immissioni di selvaggina?Veneto: con i nuovi confini del Parco della Lessinia, più territorio cacciabileToscana, Presidenti Atc in subbuglioProroga per la caccia ai turdidi e beccaccia in BasilicataBeccaccia: il punto di vista di FidcMozione a Varese per chiudere la caccia per due anniVicopisano ringrazia i suoi cacciatoriFagiani in salsa francesePiacenza: a rischio abilitazioni venatorie nel 2018 Giovane cacciatore cade in dirupo. L'ultimo saluto a GabrieleProtocollo fra Arci Caccia e Carabinieri ForestaliCONFAVI. ARCICACCIA RISPONDETAR VENETO BOCCIA ARCICACCIAFEDERPARCHI. UN VIDEO DI CINQUE MINUTI SULLA GESTIONE DEL CINGHIALEBASILICATA. VERSO IL CONTROLLO DEI CINGHIALI

News Caccia

Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"


venerdì 20 ottobre 2017
    

 Subito misure efficaci per attenuare i crescenti conflitti tra umani e grandi carnivori in Europa. E' questo in sostanza il messaggio uscito dalla Conferenza tenuta a Bruxelles il 17 ottobre "Coesistere con grandi carnivori: sfide e soluzioni" al Parlamento europeo.
 
La conferenza è stata presieduta dal deputato Karl-Heinz Florenz, gruppo PPE, presidente dell'Intergruppo del Parlamento europeo "Biodiversità, caccia e ruralità" ed è stata organizzata dalla FACE, Federazione delle Associazioni venatorie europee.
  Florenz ha evidenziato la necessità di sviluppare piani di gestione adeguati per i lupi e gli altri animali selvatici che causano conflitti. "Occorre tener conto - ha ricordato -  non solo di fattori ecologici ma economici e sociali. Dobbiamo affrontare obiettivamente la questione, considerando seriamente preoccupazioni di molti agricoltori e proprietari di terreni. Dobbiamo coinvolgere maggiormente i coltivatori colpiti, i proprietari di terreni, i cacciatori e gli operatori locali nel processo decisionale".
 
Il Dr. Nicola Notaro, responsabile dell'Unità Protezione della natura della DG Ambiente (Commissione Europea), si è concentrato sul fatto che i grandi carnivori sono parte integrante degli ecosistemi e dei paesaggi in tutta Europa e l'approccio chiave per la gestione dei conflitti tra gli interessi umani e la presenza di specie carnivori di grandi dimensioni è quello di sviluppare un dialogo costruttivo con gli stakeholder, gli agricoltori, i cacciatori e le istituzioni. Questo dialogo dovrebbe includere lo scambio di conoscenze, collaborare e utilizzare gli strumenti forniti nell'attuale legislazione e politica dell'UE, sufficientemente flessibili da adattarsi a contesti e aree geografiche differenti. In particolare ha fatto riferimento al piano d'azione dell'UE per la natura, la gente e l'economia come mezzo per realizzare queste azioni.
 
Csaba Borboly, membro del Comitato delle regioni e Presidente del Consiglio della contea di Harghita in Romania, ha segnalato lo sviluppo di una relazione all'interno del Comitato delle regioni, incentrata sul miglioramento della coesistenza tra le persone e i grandi carnivori. Dalla sua regione ha descritto i conflitti generati dall'orso bruno in Romania. Ha poi sollevato la problematica della recente limitazione delle quote di prelievo ed evidenziato la necessità la Romania utilizzi fondi UE per le aree Natura 2000 e migliorare la coesistenza nonché la necessità di sostenere approcci scientifici nel processo decisionale.
 
Secondo Daniel Heindl, della Camera Agricoltura della Bassa-Austria, il pascolo tradizionale e l'agricoltura pastorale sono diventati estremamente difficili in alcune aree. Ha sostenuto che l'allevamento tradizionale dei pascoli alpini, che è cresciuto nel corso dei secoli, è un bene ecologico e culturale delle Alpi e deve essere mantenuto in futuro, senza elaborate misure protettive.
 
Luis Suarez, di WWF Spagna, ha fatto riferimento a diversi esempi di buona coesistenza tra persone e grandi carnivori. Ha affermato che i conflitti possono essere risolti e riferiti ad una vasta gamma di misure preventive e ha sottolineato la necessità di una buona collaborazione con gli stakeholder. Ha dimostrato come gli strumenti di finanziamento dell'UE LIFE ei fondi nazionali per lo sviluppo rurale possono essere utilizzati con successo per migliorare la coesistenza tra persone e grandi carnivori.
 
Alla conferenza hanno partecipato numerosi deputati del Parlamento europeo che hanno partecipato attivamente alla discussione, come Bendt Bendtsen (Danimarca), Annie Schreijer-Pierik (Nederlands), Renata Briano e Herbert Dorfmann (Italia), John Stuart Agnew (Regno Unito) , Stefan Eck (Germania) e altri.
 

Per approfondimenti:
 

Manifesto per la conservazione dei grandi carnivori in Europa redatto da IUCN (l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura)

Accedi su WeHunter per parlare della tua caccia preferita
 
 

 

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

Al lupo basta fargli fare la fine di quello presente nella favola di Cappuccetto Rosso.

da Fucino Cane 21/10/2017 17.52

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

Tante parole ma i fatti dove sono, io caccio a 20km da Piacenza primo appennino ho trovato gia' una decina di carcasse di caprioli mangiati dai lupi mica siamo in canada, quando avranno finito di mangiare cinghiali e caprioli vedremo cosa succedera'.............

da LUCA BG 20/10/2017 16.53

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

morale?......?

da toni el cacciator 20/10/2017 15.14