Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Anuu: arrivano i tordi bottacciIrruzione animalisti. Parapiglia alla convention di ZingarettiBrescia, slitta l'avvio della caccia al cinghialeToscana, Fidc e CCT a difesa del calendario venatorioQuote squadre cinghiale, interviene Arci Caccia UmbriaCaccia e comunicazione. Conferenza al Parlamento UeBenevento, assegnate aree cinghiale alle squadreFinalmente colombacci. E tordiAbruzzo, Fidc "nostro ricorso fa reintrodurre specie in calendario venatorio"Vigilanza venatoria, dalla Cct un prontuarioSardegna, niente da fare per la mezza giornata a pernice e lepreCalendario venatorio Abruzzo. Pubblicata 4° versioneVignale "in Piemonte altri 10 mila ettari saranno sottratti alla caccia"Aggredirono cacciatori. A processo 11 animalistiAnche questa è cacciaEmilia Romagna, Piano faunistico in aula a novembreIn Abruzzo si discute ricorso contro i limiti alla cacciaFidc Jesi, "affidateci monitoraggio ambiente a costo zero"Firenze, no al rincaro della quota per le squadreAccorpamento Atc e Ca Piemonte. Respinti gli appelli Mazzali "pareri Ispra non attendibili"Trento, torna la doppia opzione di cacciaCCT, il punto dopo gli incendi dei monti pisani"Un passo anomalo"Cremona, Capanno danneggiato: due arrestatiAssessore Mai "Calendario Venatorio Liguria resta in vigore"Sardegna, su nuova sospensione convocato Comitato faunisticoSardegna, Consiglio di Stato respinge l'appello pro cacciaTorino, sospeso controllo cinghiali Sparvoli scrive a SalviniAbruzzo, nuova versione del Calendario VenatorioBruzzone, "da Tar più protezione al cinghiale. Daremo battaglia"Il Tar della Liguria gela i cacciatori su cinghiale e turdidiComi, Cicu e Sernagiotto scrivono al Ministro CostaNo anche da Abruzzo su divieto caccia cinghiale domenicaMarcia indietro di Costa. "Su caccia ogni Regione faccia ciò che ritiene"Fontana: "vergognoso che Ispra non ci dia i dati"Manifestazione cacciatori Sicilia, ricevuti in RegioneCinghiali, quello che la scienza non diceMinistro Stefani "sulla caccia decidono le Regioni"Caretta, sulla caccia Ministro Costa asseconda gli animalistiSparvoli (Anlc): "un'ostilità inaccettabile"Lipu propone divieto di caccia ovunque si sia svolto un illecitoSaltano le deroghe in LombardiaCCT: "maldestro tentativo di recupero del Ministro Costa"Divieto caccia domenica, altre risposte dalle Regioni Capigruppo Lega, "Costa rispetti lavoro Regioni"Rolfi, Lombardia "Costa smetta di fare il militante animalista"Caselli risponde a Costa "il tema vero è il rispetto delle regole"Costa rilancia “non accettabile disattendere pareri Ispra"Incidente Apricale. La vittima aveva un fucileSicilia, confermata decisione Tar. Protesta dei cacciatori Incidente Apricale. Costa chiede divieto caccia domenicaNuovi ricorsi anticaccia nelle MarcheAbruzzo, per Pepe il Calendario Venatorio resiste al TarMarche, ok in commissione a nuove norme sulla cacciaInterrogazione in Veneto sulla mobilità venatoriaMonte Serra, definite aree precluse alla cacciaAnche da Federcaccia solidarietà ad Elisa Dalla Lega solidarietà ad Elisa PerroneRegione Sardegna modifica Calendario Venatorio Toscana, divieto di caccia nelle zone incendiateCaccia capanno, sì in Lombardia alle giornate integrative Abruzzo, Tar invita la Regione a reinserire specie cacciabiliLombardia: audizione Ispra sulle derogheCCT Cacciatori da subito impegnati nelle squadre antincendioCabina di Regia "disinformazione senza fine"Caretta risponde alla BrambillaSardegna: nuove richieste a Ispra per il calendario venatorioAmici di Scolopax sostiene ricorso in AbruzzoIncendio Monte Serra, Bruzzone ringrazia i cacciatoriSardegna, Consiglio di Stato accorda anticipo udienza Brambilla, nuovo attacco alla cacciaSosteniamo ElisaDisturbo venatorio nelle campagne ferraresiLombardia, il 9 ottobre si discutono deroghe e richiami viviSicilia, si muovono le associazioni venatorieSelvatici e buoni a Terra Madre: "Più valore alla selvaggina"La Rai ci ricasca, ancora un servizio anti cacciaTemperature in calo, finalmente arriva l'autunnoCaccia pernice e lepre Sardegna: no anche dal Consiglio di StatoMamone Capria firma il ricorso contro la caccia toscanaSu Rai 3 Toscana le idiozie degli anticacciaRegione Sicilia esegue sospensione caccia Cinghiale, appello di Rolfi a Ministro CentinaioPiemonte. Caccia al cinghiale di lunedìMazzali: "approvato in Commissione mio Pdl richiami vivi"Toscana, proposte dopo il Tavolo caccia Liguria, nuove regole per la caccia al cinghialeLombardia, regole sulla caccia vaganteTar Sicilia sospende Calendario VenatorioLazio, per l'emergenza cinghiali arruolati i cacciatoriCorona scatenato in tv. "Sfido chiunque sulla caccia"La caccia in FranciaAbruzzo, da Fidc nuovo ricorso su Calendario VenatorioBigHunter Giovani, Diego Dolcetti “La caccia è la mia libertà”Questa è la caccia nella societàIn Toscana ricorso contro calendario venatorioFidc Bergamo, luci e ombre su nuove disposizioniLegambiente Lazio "no a caccia selettiva nei Parchi"Lombardia, aumentato carniere specialisti allodolaIl primo tordo in migrazione Urca, Ezio Conti nuovo presidente
 Stampa   

News Caccia

Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"


venerdì 20 ottobre 2017
    

 Subito misure efficaci per attenuare i crescenti conflitti tra umani e grandi carnivori in Europa. E' questo in sostanza il messaggio uscito dalla Conferenza tenuta a Bruxelles il 17 ottobre "Coesistere con grandi carnivori: sfide e soluzioni" al Parlamento europeo.
 
La conferenza è stata presieduta dal deputato Karl-Heinz Florenz, gruppo PPE, presidente dell'Intergruppo del Parlamento europeo "Biodiversità, caccia e ruralità" ed è stata organizzata dalla FACE, Federazione delle Associazioni venatorie europee.
  Florenz ha evidenziato la necessità di sviluppare piani di gestione adeguati per i lupi e gli altri animali selvatici che causano conflitti. "Occorre tener conto - ha ricordato -  non solo di fattori ecologici ma economici e sociali. Dobbiamo affrontare obiettivamente la questione, considerando seriamente preoccupazioni di molti agricoltori e proprietari di terreni. Dobbiamo coinvolgere maggiormente i coltivatori colpiti, i proprietari di terreni, i cacciatori e gli operatori locali nel processo decisionale".
 
Il Dr. Nicola Notaro, responsabile dell'Unità Protezione della natura della DG Ambiente (Commissione Europea), si è concentrato sul fatto che i grandi carnivori sono parte integrante degli ecosistemi e dei paesaggi in tutta Europa e l'approccio chiave per la gestione dei conflitti tra gli interessi umani e la presenza di specie carnivori di grandi dimensioni è quello di sviluppare un dialogo costruttivo con gli stakeholder, gli agricoltori, i cacciatori e le istituzioni. Questo dialogo dovrebbe includere lo scambio di conoscenze, collaborare e utilizzare gli strumenti forniti nell'attuale legislazione e politica dell'UE, sufficientemente flessibili da adattarsi a contesti e aree geografiche differenti. In particolare ha fatto riferimento al piano d'azione dell'UE per la natura, la gente e l'economia come mezzo per realizzare queste azioni.
 
Csaba Borboly, membro del Comitato delle regioni e Presidente del Consiglio della contea di Harghita in Romania, ha segnalato lo sviluppo di una relazione all'interno del Comitato delle regioni, incentrata sul miglioramento della coesistenza tra le persone e i grandi carnivori. Dalla sua regione ha descritto i conflitti generati dall'orso bruno in Romania. Ha poi sollevato la problematica della recente limitazione delle quote di prelievo ed evidenziato la necessità la Romania utilizzi fondi UE per le aree Natura 2000 e migliorare la coesistenza nonché la necessità di sostenere approcci scientifici nel processo decisionale.
 
Secondo Daniel Heindl, della Camera Agricoltura della Bassa-Austria, il pascolo tradizionale e l'agricoltura pastorale sono diventati estremamente difficili in alcune aree. Ha sostenuto che l'allevamento tradizionale dei pascoli alpini, che è cresciuto nel corso dei secoli, è un bene ecologico e culturale delle Alpi e deve essere mantenuto in futuro, senza elaborate misure protettive.
 
Luis Suarez, di WWF Spagna, ha fatto riferimento a diversi esempi di buona coesistenza tra persone e grandi carnivori. Ha affermato che i conflitti possono essere risolti e riferiti ad una vasta gamma di misure preventive e ha sottolineato la necessità di una buona collaborazione con gli stakeholder. Ha dimostrato come gli strumenti di finanziamento dell'UE LIFE ei fondi nazionali per lo sviluppo rurale possono essere utilizzati con successo per migliorare la coesistenza tra persone e grandi carnivori.
 
Alla conferenza hanno partecipato numerosi deputati del Parlamento europeo che hanno partecipato attivamente alla discussione, come Bendt Bendtsen (Danimarca), Annie Schreijer-Pierik (Nederlands), Renata Briano e Herbert Dorfmann (Italia), John Stuart Agnew (Regno Unito) , Stefan Eck (Germania) e altri.
 

Per approfondimenti:
 

Manifesto per la conservazione dei grandi carnivori in Europa redatto da IUCN (l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura)

Accedi su WeHunter per parlare della tua caccia preferita
 
 

 

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

Al lupo basta fargli fare la fine di quello presente nella favola di Cappuccetto Rosso.

da Fucino Cane 21/10/2017 17.52

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

Tante parole ma i fatti dove sono, io caccio a 20km da Piacenza primo appennino ho trovato gia' una decina di carcasse di caprioli mangiati dai lupi mica siamo in canada, quando avranno finito di mangiare cinghiali e caprioli vedremo cosa succedera'.............

da LUCA BG 20/10/2017 16.53

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

morale?......?

da toni el cacciator 20/10/2017 15.14