Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
BigHunter Giovani, Ercole Giori “la caccia mi ha insegnato tanto”Mai: contro ungulati servono più cacciatoriAnlc Lazio: Calendario Venatorio da rifareAtc Brescia bloccatoPiano Nazionale Allodola: ecco il testoSardegna, Comitato faunistico approva Calendario 2018 - 2019Lazio, Approvato Calendario Venatorio 2018 - 2019Problema appostamenti, incontro CCT in RegioneFidc Veneto: Regione corregga Calendario VenatorioMarche, Ricorso animalista contro il Piano cinghialiLa grouse favorisce il turismoMondo Venatorio a colloquio con Sottosegretario GavaCaccia Tortora, interrogazione Bruzzone al MinistroVandali a Clusone per la Fiera degli uccelliCia Umbra: caccia cinghiali, modificare la 157 Liguria, parte iter Parco Nazionale PortofinoDalle liguri denuncia su legge caccia Piemonte Fidc avvia collaborazione faunistica con la RomaniaCCT: si pianifichi agricoltura rispettosa della biodiversitàFedercaccia in assemblea. Chiesto confronto con CentinaioAlessandria: Tar sospende piano cinghialiCpa Sardegna: "sospenderemo volontariato dei cacciatori"Wwf Abruzzo. Danni cinghiali? Paghino gli AtcPiemonte: ok a modifiche calendario venatorioCCT: Regione Toscana approva calendario venatorio 2018 - 2019Italia, reati in calo ma...Caretta presenta alla Camera Proposta su disturbo venatorioDeroghe caccia Lombardia: Lac dichiara guerra a RolfiAppostamenti Sic e Zps: Arci Caccia Toscana scrive alla Regione Campania: eliminata inutile gabella per i cinghialaiIpotesi nuovo Parco Nazionale, il commento di Fidc MarcheCentinaio a fianco di Costa contro abbattimenti lupo?Consiglio regionale, approvate modifiche a legge sulla cacciaDisturbo venatorio: incostituzionale la legge venetaBruzzone propone Intergruppo Ambiente e attività ruraliNuovo presidente per Arci Caccia VeneziaItaliano il Progetto del mese FacePreapertura tortora: le osservazioni di Fidc alle RegioniCosta: reati bracconaggio siano delitti ambientaliParte campagna tesseramento della Fondazione UnaCalendario Venatorio Marche: ok anche a tortora in preaperturaSparvoli chiede tavolo tecnico sulla cacciaRegione Abruzzo commissaria Atc VomanoFidc Bergamo "cacciatori: non partecipate a controlli faunistici"Consiglio di Stato: i danni dei cinghiali li pagano i cacciatoriTortora: Libera Caccia invia documento tecnico alle RegioniNel weekend altre iniziative solidali dai cacciatoriSelezione ungulati: a settembre esami per Prato e PistoiaArci Caccia: no a nuovo Parco tra Marche, Umbria e ToscanaCCT chiede a Regione Toscana di riconfermare la tortoraAtc di Benevento nel caosFidc "tortora, dal Ministero posizione ambigua e contradditoria"Bruzzone su caccia alla tortoraCCT: "Intergruppo animalista? Stiamo uniti"Brescia, a processo per il controllo cinghialiRiccardo Tamburini, fotografo e cacciatore. Ecco la sua arteMai “per il controllo dei cinghiali fondamentali i cacciatori”CCT: allarme appostamenti caccia nelle aree Natura 2000Centinaio a Monteriggioni a colloquio con agricoltori e cacciatoriCacce in deroga, si riprovaBanca dati nazionale ungulati, scendono in campo i cacciatoriCalendario venatorio: Regione Basilicata perde l'appelloCinghiale, Federcaccia Umbria formalizza la settoriale Caccia, Rolfi: "Sulle deroghe inviate le controdeduzioni a Ispra"Richiami vivi acquatici, necessaria nuova derogaPontida, Salvini difende i cacciatoriSicilia: si espande il progetto lepre italicaArci Caccia Toscana: nuove nomineBRUZZONE SOSTIENE STEFANO MAIPIEMONTE: ARCICACCIA RILANCIACACCIA SOTTO ATTACCO, LA LIPU FA LA SUA MOSSALOMBARDIA: AREE IDONEE E NON IDONEE AL CINGHIALELiguria: primo anno senza tasse per i neo-cacciatoriLA CCT DI PISA PARLA DI SELVAGGINA STANZIALELOMBARDIA: La Regione contro i pareri ISPRA sulle derogheCacciatori dell’Empolese Valdelsa per AmatriceCinghiali Veneto: prorogato il regime sperimentaleColdiretti Calabria chiede aiuto dei cacciatori sui cinghialiCPA TOSCANA: OSSERVAZIONI SUL CALENDARIO VENATORIOL’ex dirigente dei Verdi lascia la BrambillaFIDC VENETO SCRIVE ALL’ASSESSORE SUL CALENDARIO VENATORIOTROPPI ORSI IN ROMANIAOSSERVAZIONI AL GOVERNO SULLA LEGGE PIEMONTESEFRANCIA. IN OCCITANIA I CACCIATORI SI ORGANIZZANOIN LIGURIA LA PERNICE STA BENEFIDC Campania pro e contro del calendario venatorio 2018-2019Grigioni caccia e tutela ungulatiLOMBARDIA. A RISCHIO LE CATTURE PER USO RICHIAMICACCIA DI SELEZIONE A LUCCA: VICINI ALLA SOLUZIONEMassimo Buconi su esternazioni ENPA sulla caccia al capriolo in UmbriaBenevento: approvato disciplinare di caccia al cinghialeSicilia: iniziato la formazione per il progetto Lepre ItalicaMalta condannata per le catture in deroga di fringuelliFidc Caserta: un buon calendario venatorioPuglia, legge caccia: risolti profili di illegittimità costituzionaleLombardia, Beccalossi “un segnale positivo sulle deroghe”Calendario venatorio Toscana: le osservazioni di Anlc e Arci Caccia

News Caccia

Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"


venerdì 20 ottobre 2017
    

 Subito misure efficaci per attenuare i crescenti conflitti tra umani e grandi carnivori in Europa. E' questo in sostanza il messaggio uscito dalla Conferenza tenuta a Bruxelles il 17 ottobre "Coesistere con grandi carnivori: sfide e soluzioni" al Parlamento europeo.
 
La conferenza è stata presieduta dal deputato Karl-Heinz Florenz, gruppo PPE, presidente dell'Intergruppo del Parlamento europeo "Biodiversità, caccia e ruralità" ed è stata organizzata dalla FACE, Federazione delle Associazioni venatorie europee.
  Florenz ha evidenziato la necessità di sviluppare piani di gestione adeguati per i lupi e gli altri animali selvatici che causano conflitti. "Occorre tener conto - ha ricordato -  non solo di fattori ecologici ma economici e sociali. Dobbiamo affrontare obiettivamente la questione, considerando seriamente preoccupazioni di molti agricoltori e proprietari di terreni. Dobbiamo coinvolgere maggiormente i coltivatori colpiti, i proprietari di terreni, i cacciatori e gli operatori locali nel processo decisionale".
 
Il Dr. Nicola Notaro, responsabile dell'Unità Protezione della natura della DG Ambiente (Commissione Europea), si è concentrato sul fatto che i grandi carnivori sono parte integrante degli ecosistemi e dei paesaggi in tutta Europa e l'approccio chiave per la gestione dei conflitti tra gli interessi umani e la presenza di specie carnivori di grandi dimensioni è quello di sviluppare un dialogo costruttivo con gli stakeholder, gli agricoltori, i cacciatori e le istituzioni. Questo dialogo dovrebbe includere lo scambio di conoscenze, collaborare e utilizzare gli strumenti forniti nell'attuale legislazione e politica dell'UE, sufficientemente flessibili da adattarsi a contesti e aree geografiche differenti. In particolare ha fatto riferimento al piano d'azione dell'UE per la natura, la gente e l'economia come mezzo per realizzare queste azioni.
 
Csaba Borboly, membro del Comitato delle regioni e Presidente del Consiglio della contea di Harghita in Romania, ha segnalato lo sviluppo di una relazione all'interno del Comitato delle regioni, incentrata sul miglioramento della coesistenza tra le persone e i grandi carnivori. Dalla sua regione ha descritto i conflitti generati dall'orso bruno in Romania. Ha poi sollevato la problematica della recente limitazione delle quote di prelievo ed evidenziato la necessità la Romania utilizzi fondi UE per le aree Natura 2000 e migliorare la coesistenza nonché la necessità di sostenere approcci scientifici nel processo decisionale.
 
Secondo Daniel Heindl, della Camera Agricoltura della Bassa-Austria, il pascolo tradizionale e l'agricoltura pastorale sono diventati estremamente difficili in alcune aree. Ha sostenuto che l'allevamento tradizionale dei pascoli alpini, che è cresciuto nel corso dei secoli, è un bene ecologico e culturale delle Alpi e deve essere mantenuto in futuro, senza elaborate misure protettive.
 
Luis Suarez, di WWF Spagna, ha fatto riferimento a diversi esempi di buona coesistenza tra persone e grandi carnivori. Ha affermato che i conflitti possono essere risolti e riferiti ad una vasta gamma di misure preventive e ha sottolineato la necessità di una buona collaborazione con gli stakeholder. Ha dimostrato come gli strumenti di finanziamento dell'UE LIFE ei fondi nazionali per lo sviluppo rurale possono essere utilizzati con successo per migliorare la coesistenza tra persone e grandi carnivori.
 
Alla conferenza hanno partecipato numerosi deputati del Parlamento europeo che hanno partecipato attivamente alla discussione, come Bendt Bendtsen (Danimarca), Annie Schreijer-Pierik (Nederlands), Renata Briano e Herbert Dorfmann (Italia), John Stuart Agnew (Regno Unito) , Stefan Eck (Germania) e altri.
 

Per approfondimenti:
 

Manifesto per la conservazione dei grandi carnivori in Europa redatto da IUCN (l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura)

Accedi su WeHunter per parlare della tua caccia preferita
 
 

 

Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

Al lupo basta fargli fare la fine di quello presente nella favola di Cappuccetto Rosso.

da Fucino Cane 21/10/2017 17.52

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

Tante parole ma i fatti dove sono, io caccio a 20km da Piacenza primo appennino ho trovato gia' una decina di carcasse di caprioli mangiati dai lupi mica siamo in canada, quando avranno finito di mangiare cinghiali e caprioli vedremo cosa succedera'.............

da LUCA BG 20/10/2017 16.53

Re:Grandi carnivori, UE "leggi sufficientemente flessibili per gestire i conflitti"

morale?......?

da toni el cacciator 20/10/2017 15.14