Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Vignale: "Piemonte Regione no caccia?"CCT: bilancio positivo all'Assemblea GeneraleUmbria: presentata bozza Calendario Venatorio 2018 - 2019Legge caccia Piemonte, diretta dal Consiglio regionalePiemonte, si inizia a parlare di caccia. Fidc mobilita i cacciatoriBerlato: Corte Costituzionale respinge ricorso su vigilanza venatoria Rolfi: “contenimento cinghiale, già al lavoro”Calendario Marche: la caccia al cinghiale parte primaArezzo, protesta sulla mancata vigilanza venatoriaLibera Caccia Toscana: proposte per il calendario venatorioTraguardo Internazionale per il Club del ColombaccioCampania: proposte migliorative sul calendario venatorio 2018 - 2019Sicilia: stanziati duecento mila euro per il coniglio selvaticoEnalcaccia Arezzo: corsi per cacciatori, iscrizioni aperteAlessio Piana tra gli amici di BigHunterTrento: nessuna limitazione per la caccia al cinghialeStefania Craxi: "il cinghiale, la mia passione"Anlc Piemonte: ecco perchè saremo in piazza l'8 giugnoSardegna. Cpa dice no agli AtcAnnotazione tesserino, Marras "la normativa deve essere chiara"Ok al Piano straordinario cinghiali nel Parco dei Gessi BolognesiLe novità sulla caccia in deroga in LombardiaCalendario Venatorio Marche: le proposte di FidcAnuu, la Giornata del Verde Pulito in LombardiaTesserino venatorio: approvata mozione in ToscanaGiulia La Cava, a caccia con i segugi. "Non c'è emozione più forte"Secondo anno per il progetto Lepre in SiciliaReggio Emilia: operativo controllo del cinghialeIn Spagna 100 mila cacciatori in piazza per pretendere rispettoToscana. Danni a scacchiera8 giugno. Manifestazione dei cacciatori a TorinoCambio di statuto per il Sindacato Venatorio ItalianoCaccia in deroga, Lombardia approva richiesta da inviare ad IspraPiemonte, partita caccia di selezione al cinghaleLazio, riunito nuovo Comitato Faunistico VenatorioCampania, ecco la bozza del Calendario Venatorio 2018 - 2019Anlc Umbria, proposte per il calendario venatorio 2018 - 2019Aria Nuova in Ekoclub PistoiaCinghiale: Fidc Umbria ricostituisce settorialeBERGAMO. REVOCATI I DIVIETI PER L’AVIARIABRESCIA. CORSO PER IL TRATTAMENTO CARNI DI SELVAGGINATOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVOToscana, ok mozione Pd per braccata nelle aree protetteLegge 157/92: ecco la proposta Caretta per la riforma della caccia CCT, ungulati? Puntare sul controllo come fa AlessandriaDepositata PdL Cirielli per la modifica della 157/92La caccia ai giovani: Yuri D'Onofrio “stiamo uniti”Lombardia, Massardi alla prima seduta annuncia impegno per la cacciaReport gestione ungulati Toscana, Remaschi "la legge funziona"Liguria, M5S chiede divieto per 4 specie cacciabiliAnuu, 60 anni di storia e tradizioniA Bergamo primo concorso sul cinghiale per aspiranti chefCinghiale, Emilia Romagna: ok a calendario venatorio 2018 - 2019 Emilia Romagna. Contrarietà della Lega sul calendario venatorio Piemonte: nuovi criteri per i Comitati di Atc e CaCastellani rieletto alla guida dell'Anuu MigratoristiMolise. Di Pietro "fondi trasferiti agli Atc"In Regione Bruzzone lascia il testimone ad Alessandro PianaDdl caccia Piemonte. Le osservazioni di AnlcFidc Marche, storno: nessuna preoccupazione per la sentenzaOffese contro cacciatori e Remaschi, la condanna della CCTIl Governatore De Luca ad Hunting Show SudCampania. Proposte al Calendario Venatorio 2018-2019 Torbjörn Larsson è il nuovo presidente dell'Alleanza dei cacciatori nordiciStorno. La Corte impallina la Regione MarcheLa Caretta presenta modifiche alla 157Spagna. I cacciatori manifestano per la cacciaDanni fauna selvatica. CCT chiede risposte urgenti a RemaschiCinghiali. Coldiretti Torino chiede azioni rapide I cacciatori francesi rilancianoIniziativa FIdC Bergamo. I ragazzi cuochi del “Galli” alle prese col cinghialePiacenza: successo della cena del pompiere-cacciatoreExpoRiva. Manifesto a sostegno della cacciaPiemonte. Al via caccia di selezione al cinghialeUmbria. Convenzione tra Regione e Carabinieri forestaliLombardia, Fabio Rolfi Assessore alla cacciaPer il Governo legittima proroga Pfv VenetoCapriolo: le proposte della Libera Caccia di Pistoia Tar Torino, controllo cinghiali: "metodi ecologici derogabili"Toscana: respinta mozione 5 Stelle per la sospensione della cacciaAnuu Campania, riconfermato Presidente ParvoloCon la sua cucina di caccia, Fabrizia Meroi è Chef donna 2018Lombardia: ecco cosa si aspettano i cacciatori dalla nuova GiuntaCaccia Ungulati. Da Siena le nuove proposte della CCT Basilicata: "Aprire un tavolo per la caccia nei Parchi"Abruzzo, Febbo "cinghiali, confusione in Regione"Caretta "costituito Intergruppo parlamentare per la cultura rurale"Greenpeace, precisazioni su partecipazione a ExpoRivaPuglia, rimandato esame ddl fauna selvatica Caretta "il M5S sulla caccia ha gettato la maschera"Ungulati Toscana, "nel 2017 meno abbattimenti, più incidenti stradali"Fauna in difficoltà. Intervengono i cacciatoriAmiche di BigHunter, Yamila B.: "movimenti anticaccia specchio di una società in crisi"Anuu, agricoltura "un modello da riformare?"Calabria: incontro sulle modifiche alla legge sulla cacciaExpoRiva Caccia Pesca Ambiente: + 5% di visitatoriFidc Pordenone presenta gli studi sulle migrazioniBraia: abbattimento cinghiali tutto l'anno è realtà in Basilicata

News Caccia

LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI


martedì 17 ottobre 2017
    

deroghe storno provincia di Roma"Le coltivazioni di oliva itrana nel Comune di Rocca Massima (Latina) sono a rischio" denuncia il consigliere regionale Giuseppe Simeone, che chiede all'assessore all'agricoltura della Regione Lazio Hausmann un intervento immediato e risolutivo.

"Come ogni anno queste colture di pregio, che rappresentano una eccellenza nella provincia di Latina e nel Lazio, sono oggetto di vere e proprie devastazioni da parte degli storni che danneggiano in modo irreparabile le colture olivicole locali che rappresentano la principale fonte di sostentamento per gli agricoltori. Su sollecitazione del sindaco di Rocca Massima, Angelo Tomei - fa sapere Simeone - ho inviato una nota all’assessore regionale all’agricoltura, Carlo Hausmann, chiedendogli, considerato che a quanto risulta nel calendario venatorio della Regione Lazio 2017–2018 lo storno rientra tra le specie non cacciabili, nell’immediato di valutare la possibilità di modificare il calendario venatorio,  per consentire l’abbattimento di questa specie, anche all’interno degli oliveti, contribuendo ad attuare un’azione di contenimento della loro diffusione. E, contestualmente, considerato che tale specialità di olive raggiunge la massima maturazione nei mesi di febbraio e marzo periodo in cui risultano essere più incisivi gli attacchi da parte degli storni che devastano colture e raccolti, chiedendogli di attivare tutte le procedure necessarie per assicurare, a chiusura della stagione venatoria in corso il 31 gennaio 2018, l’avvio di un programma di abbattimento controllato degli storni assicurando agli agricoltori di non vedere andare in fumo anche quest’anno il frutto dei propri sacrifici e del proprio lavoro. Si tratta di interventi non rinviabili: gli storni distruggono interi oliveti, mangiando le olive e danneggiando le piazzole di raccolta del frutto mandando in fumo mesi di lavoro e sacrifici nonché il futuro stesso di intere aziende agricole”. (da Il CaffèTV).

Leggi tutte le news

13 commenti finora...

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Forza Cignali, forza Stornidatece sotto, magnateve pure la corona di lazzaro alla faccia degli integralisti animalari...tanto loro vanno di olietto de semi...pe la dieta...l'anima dei mejo [email protected]@@@ci vostra

da MarcoC 19/10/2017 10.26

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Mi,devono PREGARE e PAGARE,solo adesso si accorgono che sono NOCIVI.....se li mettono nel C.V. senza tante limitazioni,forse....

da MARCELLO64 18/10/2017 18.54

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Ancora non lo capite che li dovete inserire nel calendario venatorio. Nessuno prende le deroghe.

da Giovanni 18/10/2017 12.25

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Ancora non lo capite che li dovete inserire nel calendario venatorio. Nessuno prende le deroghe.

da Giovanni 18/10/2017 12.25

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Vero cacciatore la penso come te.

da Il paese dei balocchi 18/10/2017 12.24

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Vietato abbattere gli storni durante l'autunno ma consentiamo il loro abbattimento in maggio-luglio quando hanno i piccoli nel nido.Cacciatori ( cacciatori?),se siete veramente cacciatori dovreste vergognarvi di partecipare a queste azioni.

da Vero cacciatore 18/10/2017 11.19

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

ho un amico perugino che gia da tre anni ha il permesso di abbattere 300 storni l'anno dentro una azienda vinicola e lo fa da maggio a luglio, anche in Toscana le deroghe a storni e piccioni siano consentite gia da diversi anni, solo in questa Regione sembra una utopia e siamo davvero invasi da un po' di tutto oltre gli storni, gabbiani cornacchie, piccioni, pappagalli, ma di che stiamo a parlare!

da giusva 18/10/2017 9.37

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Ma dai... per dare delle deroghe devi inginocchiarti e supplicarli e poi partoriscono deroghe ridicole( vedi deroga storno in Puglia). Adesso L'assessore chiede addirittura il controllo fuori periodo venatorio... Si faranno una sonora risata e cominceranno a dire che prima ci voglio i dati scientifici, un censimento della popolazione... bla bla bla,,, io non parteciperei mai al controllo se non li inseriscono nel calendario... Gli direi ora ARRANGIATEVI...

da OSTUNI81 18/10/2017 8.43

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Buongiorno, se il Comune di Roma amministrato da 5 STALLE, mi rimborsa assicurazione e versamenti, sono disponibile a partecipare alla campagna di abbattimento controllato degli storni nel territorio dell' ATC RM1 - ATC RM2

da FABIO 18/10/2017 7.51

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

NO CHE FALSITA' STATE RACCONTANDO NON SONO NOCIVI PER LE COLTURE.....A ROMA PIACE VEDERLI VOLTEGGIARE IN ARABESCHI DI MOVIMENTI, PERO' I LORO ESCREMENTI DISTURBANO TALUNI ALLORA SPENDIAMO SOLDI CON GLI INUTILI PERSUASORI ACUSTICI; NELLE CAMPAGNE LIMITROFE DICO ROMA PERCHE' SONO DI ROMA,FANNO UNA STRAGE DI OLIVE E NON SOLO MA NON SONO NOCIVI COSA MAI PENSATE, ANDATELO A RACCONTARE AL POVERO CONTADINO DI TURNO.

da PICO69 17/10/2017 20.37

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Solo gli storni ??

da jamesin 17/10/2017 19.06

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

Ma se magnasero tutto !!!!

da A.le 17/10/2017 17.00

Re:LAZIO. OLIVE A RISCHIO: ARRIVANO GLI STORNI

no ma che dite sono quasi estinti!!!!!!!!!!!!!!!!!!

da beox 17/10/2017 16.53