Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Simone Billi (Lega): "la caccia fa bene all'ambiente"Vignale: "Piemonte Regione no caccia?"CCT: bilancio positivo all'Assemblea GeneraleUmbria: presentata bozza Calendario Venatorio 2018 - 2019Legge caccia Piemonte, diretta dal Consiglio regionalePiemonte, si inizia a parlare di caccia. Fidc mobilita i cacciatoriBerlato: Corte Costituzionale respinge ricorso su vigilanza venatoria Rolfi: “contenimento cinghiale, già al lavoro”Calendario Marche: la caccia al cinghiale parte primaArezzo, protesta sulla mancata vigilanza venatoriaLibera Caccia Toscana: proposte per il calendario venatorioTraguardo Internazionale per il Club del ColombaccioCampania: proposte migliorative sul calendario venatorio 2018 - 2019Sicilia: stanziati duecento mila euro per il coniglio selvaticoEnalcaccia Arezzo: corsi per cacciatori, iscrizioni aperteAlessio Piana tra gli amici di BigHunterTrento: nessuna limitazione per la caccia al cinghialeStefania Craxi: "il cinghiale, la mia passione"Anlc Piemonte: ecco perchè saremo in piazza l'8 giugnoSardegna. Cpa dice no agli AtcAnnotazione tesserino, Marras "la normativa deve essere chiara"Ok al Piano straordinario cinghiali nel Parco dei Gessi BolognesiLe novità sulla caccia in deroga in LombardiaCalendario Venatorio Marche: le proposte di FidcAnuu, la Giornata del Verde Pulito in LombardiaTesserino venatorio: approvata mozione in ToscanaGiulia La Cava, a caccia con i segugi. "Non c'è emozione più forte"Secondo anno per il progetto Lepre in SiciliaReggio Emilia: operativo controllo del cinghialeIn Spagna 100 mila cacciatori in piazza per pretendere rispettoToscana. Danni a scacchiera8 giugno. Manifestazione dei cacciatori a TorinoCambio di statuto per il Sindacato Venatorio ItalianoCaccia in deroga, Lombardia approva richiesta da inviare ad IspraPiemonte, partita caccia di selezione al cinghaleLazio, riunito nuovo Comitato Faunistico VenatorioCampania, ecco la bozza del Calendario Venatorio 2018 - 2019Anlc Umbria, proposte per il calendario venatorio 2018 - 2019Aria Nuova in Ekoclub PistoiaCinghiale: Fidc Umbria ricostituisce settorialeBERGAMO. REVOCATI I DIVIETI PER L’AVIARIABRESCIA. CORSO PER IL TRATTAMENTO CARNI DI SELVAGGINATOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVOToscana, ok mozione Pd per braccata nelle aree protetteLegge 157/92: ecco la proposta Caretta per la riforma della caccia CCT, ungulati? Puntare sul controllo come fa AlessandriaDepositata PdL Cirielli per la modifica della 157/92La caccia ai giovani: Yuri D'Onofrio “stiamo uniti”Lombardia, Massardi alla prima seduta annuncia impegno per la cacciaReport gestione ungulati Toscana, Remaschi "la legge funziona"Liguria, M5S chiede divieto per 4 specie cacciabiliAnuu, 60 anni di storia e tradizioniA Bergamo primo concorso sul cinghiale per aspiranti chefCinghiale, Emilia Romagna: ok a calendario venatorio 2018 - 2019 Emilia Romagna. Contrarietà della Lega sul calendario venatorio Piemonte: nuovi criteri per i Comitati di Atc e CaCastellani rieletto alla guida dell'Anuu MigratoristiMolise. Di Pietro "fondi trasferiti agli Atc"In Regione Bruzzone lascia il testimone ad Alessandro PianaDdl caccia Piemonte. Le osservazioni di AnlcFidc Marche, storno: nessuna preoccupazione per la sentenzaOffese contro cacciatori e Remaschi, la condanna della CCTIl Governatore De Luca ad Hunting Show SudCampania. Proposte al Calendario Venatorio 2018-2019 Torbjörn Larsson è il nuovo presidente dell'Alleanza dei cacciatori nordiciStorno. La Corte impallina la Regione MarcheLa Caretta presenta modifiche alla 157Spagna. I cacciatori manifestano per la cacciaDanni fauna selvatica. CCT chiede risposte urgenti a RemaschiCinghiali. Coldiretti Torino chiede azioni rapide I cacciatori francesi rilancianoIniziativa FIdC Bergamo. I ragazzi cuochi del “Galli” alle prese col cinghialePiacenza: successo della cena del pompiere-cacciatoreExpoRiva. Manifesto a sostegno della cacciaPiemonte. Al via caccia di selezione al cinghialeUmbria. Convenzione tra Regione e Carabinieri forestaliLombardia, Fabio Rolfi Assessore alla cacciaPer il Governo legittima proroga Pfv VenetoCapriolo: le proposte della Libera Caccia di PistoiaTar Torino, controllo cinghiali: "metodi ecologici derogabili"Toscana: respinta mozione 5 Stelle per la sospensione della cacciaAnuu Campania, riconfermato Presidente ParvoloCon la sua cucina di caccia, Fabrizia Meroi è Chef donna 2018Lombardia: ecco cosa si aspettano i cacciatori dalla nuova GiuntaCaccia Ungulati. Da Siena le nuove proposte della CCT Basilicata: "Aprire un tavolo per la caccia nei Parchi"Abruzzo, Febbo "cinghiali, confusione in Regione"Caretta "costituito Intergruppo parlamentare per la cultura rurale"Greenpeace, precisazioni su partecipazione a ExpoRivaPuglia, rimandato esame ddl fauna selvatica Caretta "il M5S sulla caccia ha gettato la maschera"Ungulati Toscana, "nel 2017 meno abbattimenti, più incidenti stradali"Fauna in difficoltà. Intervengono i cacciatoriAmiche di BigHunter, Yamila B.: "movimenti anticaccia specchio di una società in crisi"

News Caccia

Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina


venerdì 23 giugno 2017
    

Regione che vai usanza che trovi. Nel rapporto Italiani Coop sui consumi a tavola (da rielaborazione dei dati Istat) emerge che i cittadini toscani hanno una predilizione particolare per la carne di selvaggina. Nella classifica delle preferenze sui consumi nessun'altra regione raggiunge il consumo pro capite, in fatto di spesa, registrato in Toscana: 210 euro spesi all'anno, secondo il Rapporto.
 
Il che stima quindi solo una piccola parte dei reali consumi di cacciagione. Come è ovvio, la maggior parte della selvaggina consumata, non passa attraverso canali ufficiali della distribuzione dei prodotti alimentari ma arriva sulle tavole grazie ad un sistema di distribuzione “parallela”. Nel frattempo in molte zone italiane, e in particolare in Toscana, la Regione e i suoi apparati e servizi sul territorio, si stanno adoperando per costituire una filiera meglio coordinata in fatto di sicurezza alimentare e di tracciabilità delle carni. Da un precedente rapporto Coop era anche emerso che i toscani sono soddisfatti della qualità della vita e del tempo libero, sono sociali e solidali (in termine di volontariato) e consumano più della media nazionale. L’identikit del toscano è quello di un uomo soddisfatto, amante del buon cibo e consumatore culturale di buona qualità.

Spulciando gli altri dati del Rapporto Mille tavole, emerge che in Abruzzo si preferisce l’agnello, usato per i deliziosi quanto tipici, arrosticini. “Vino e salumi – spiegano dalla Coop - compaiono più spesso sulle tavole dell’Emilia Romagna. Ai piemontesi non si possono togliere i grissini (insieme al pane spendono 512 euro) e ai marchigiani la pasta ripiena, i siciliani comprano più di tutti pollo (336 euro all’anno) e pesce (613 euro l’anno) mentre liguri e residenti della Sardegna sono i più grandi acquirenti rispettivamente di olio di oliva e caffè”.

La carne, soprattutto quella rossa, costituisce una delle più significative voci di spesa degli italiani. In particolare per la carne di vitello otto regioni (Calabria Piemonte Valle D'aosta, Sicilia, Liguria, Abruzzo, Umbria, Campania) superano i 500 euro pro capite. Per il maiale e per il pollo si spendono tra i 100 e i 300 euro pro capite l'anno, con punte in Sicilia, Lazio, Campania, Piemonte, Valle D'Aosta (oltre 300 euro di pollame l'anno). Una considerazione quindi va fatta. Se si tenesse conto che la carne rossa è apprezzata, e che nello stesso tempo potrebbe aiutare a mitigare l'impatto ambientale ed economico (utilizzando la risorsa dei nostri boschi), otterremmo anche una più ordinata presenza di ungulati in tutto l'Appennino. A tutto vantaggio della salute, visto che
la carne di selvaggina è sicuramente la più sana e ricca di elementi nutritivi.

“La tavola diviene lo specchio di una società che si frammenta e che cerca sempre più spesso una nuova vicinanza alle proprie radici – spiega ancora la Coop – Partendo forse proprio dalle vecchie ricette della nonna, fatte con i prodotti locali, magari indisponibili nelle altre regioni vicine o lontane che siano, oggi ogni italiano ha una sua dispensa diversa da quelle di tutti gli altri”.

Leggi tutte le news

4 commenti finora...

Re:Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina

alla faccia di quei 4 sfigati e anoressici vegani

da mortadella 26/06/2017 8.13

Re:Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina

Cinghialetto arrosto ripieno con la pasta di salame provare per credere.

da Il Nibbio 23/06/2017 16.32

Re:Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina

se si conta l'autoconsumo, che per la selvaggina sfugge a qualsiasi controllo, ma che è consistente, visto che anche Bighunter.net offre strumenti da cucina buoni per il trattamento delle carni (spiumatrici, tritacarne, macchinette x il sottovuoto, arnesi da macellaio ecc.), credo che con l'aria di miseria che tira la selvaggina sia ovunque la carne più apprezzata e consumata dagli italiani.

da Rino Cucca 23/06/2017 14.05

Re:Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina

SPERIAMO CHE IL POPOLO ITALIANO RINSAVISCA E CHE RIPRENDA QUESTE SANE TRADIZIONI ITALIANE ESPELLENDO COME CORPI ESTRANEI LE VARIE ASSOCIAZIONI ANIMALARE E VEGANE CON IN TESTA ENPA E WWF!SALUTI A TUTTI GLI AMANTI DELLA SELVAGGINA A TAVOLA E DEL BUON VIVERE!

da mariolino 23/06/2017 11.06