HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Fava: abbattimento cinghiali su tutto il territorio regionale La Regione Lazio presenta il Calendario venatorio 2017 - 2018 Arrivano gli Atc anche in Sardegna, piovono critiche Caccia tordo a fine gennaio. Sorrenti sulla novità sarda (e non solo) Molise, ok da Ispra sui corsi per la caccia di selezione Esposto in Sicilia “basta con le vessazioni dei guardiacaccia” Puglia, approvati altri articoli sulla caccia Mozione Berlato si oppone a no Ispra sulla caccia in deroga Anuu: "Europa chiama Regione, da Brescia un appello alla concretezza" Arcicaccia Veneto: "luci e ombre sul calendario venatorio 2017 - 2018" Sciacallo dorato in Lombardia, la prima prova viene dai cacciatori Piacenza: scene di isteria per un cinghiale CONTROLLO FAUNISTICO: CONFERENZA REGIONI CHIEDE MODIFICA 157/92 Lazio: firmato il Calendario Venatorio 2017 - 2018 CCT: sul fronte cinghiali la protesta continua Ispra, muflone all'Elba: nessuna alternativa all'abbattimento Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina Cpa Sardegna chiede modifica del calendario venatorio Cct, Romagnoli spiega le ragioni della sospensione di Arcicaccia Toscana: "esigenze venatorie, illustrata proposta di legge" CCT: proposta indecente sulla lepre Educazione ambientale con i cacciatori: altre due iniziative Fidc Campania "Calendario venatorio, luci ed ombre" Lombardia: nominati componenti dei comitati di gestione di Atc e CA Marche: istituzione e modifica delle Zone di ripopolamento e cattura La Sardegna allunga la caccia ai tordi Wwf Abruzzo sul piede di guerra per il Calendario venatorio Se la didattica naturalistica la fanno i cacciatori: l'esempio di Genova Anuu: Corte Costituzionale, un duplice grazie Legge Parchi, la Lega non ci sta: “Caccia sottratta alla competenza delle Regioni” In Puglia prosegue l'iter della nuova legge sulla caccia Eps Campania: approvate le graduatorie per gli Atc Ok della Camera alla riforma della 394 Sentenza controllo fauna, Fidc Umbria "intervenga Conferenza Stato - Regioni" Molise: ok a regolamento sulla selvaggina Pistoia, Arci Caccia e Anlc: "Al più presto le modifiche di legge per ridurre i danni" Pescara autorizza l'abbattimento dei cinghiali L'Emilia Romagna prepara la deroga per storno e piccione Libera Caccia: Sparvoli confermato fino al 2020 Fidc su sentenza controllo faunistico. "Si ripensi alla legislazione in materia" Eps Campania, qualche perplessità sul calendario venatorio Bertacchi (Fidc BG) su diniego Ispra roccoli "ormai siamo al ridicolo" "Cinghiali e cornacchie? Per il giudice ci devono pensare i carabinieri" Controllo fauna dopo sentenza Liguria: le preoccupazioni di Coldiretti Puglia, avanti con il ddl sulla caccia di selezione "E poi ci siamo noi tassidermisti": Piergiorgio Prevot e il suo laboratorio Presentati a Roma i Delegati Territoriali della Fondazione UNAOnlus Bracconaggio: il ruolo dei cacciatori, conferenza a Bruxelles “Attività venatoria con finalità commerciale”: ecco come funziona in Lombardia "I cacciatori non possono sostituirsi ai guardiacaccia pubblici" Bruzzone sulla sentenza della Corte "ora i cinghiali ci mangeranno?" Remaschi risponde a interrogazione 5 Stelle sugli Atc Deroghe Lombardia, Fava "da Ispra bocciatura senza merito" Incostituzionalità per aclune norme liguri sulla caccia Campania: approvato calendario venatorio 2017 - 2018 Ungulati nelle aree protette toscane: “Quando i contenimenti?” Atc Grosseto: Chiesta la modifica delle regole per la caccia di selezione Caccia di selezione in Lazio: la Regione risponde sui ritardi Abruzzo: respinto ricorso di quattro squadre su assegnazione delle zone Veneto: approvato Calendario Venatorio 2017 - 2018 Toscana: dal 15 giugno caccia di selezione al capriolo IN ITALIANO IL LIBRO BIANCO SULLA DIRETTIVA UCCELLI Avifauna Migratoria Fidc: beccacce 2017, risultati dello studio satellitare Una precisazione da Urca Toscana Basilicata "serve Piano straordinario cinghiali" Amministrative 2017: disfatta dei Verdi, tutti i risultati Sardegna: Piano Faunistico Venatorio in dirittura d'arrivo Risposta alla lettera aperta di Urca Siena alla Regione Toscana Anuu: insolita primavera e una strana risalita migratoria Anche Libera Caccia ricorre contro il Calendario venatorio piemontese Amministrative giugno 2017: sconfitta per i 5 Stelle Cacciatori e un po' scienziati ARCT: al lavoro per la Casa comune dei cacciatori Caccia aree contigue, deciderà il regolamento del Parco Marche: al via caccia di selezione al cinghiale All'Università di Cagliari presentati i dati del Centro Studi beccaccia Amministrative 11 giugno: attenti a quei Verdi! Lista civica a Lucca "per l'abolizione della caccia" sostiene Tambellini Homo Sapiens, trovati resti ancora più antichi. “Erano grandi cacciatori" Chiara Squartini, 19 anni. La caccia? “La cosa più naturale di questo mondo” Fava difende il contenimento delle volpi dagli attacchi animalisti Sardegna: emanato quarto regolamento per la caccia al cinghiale Molise. Di Pietro: “Approvato in Giunta il calendario venatorio” FIdC Bolgare (BG) e Anuu insieme per il progetto “Ad ali spianate” Premio Rigoni Stern a Leoni e Melchiorre L'Anuu ancora sul tema rappresentanza nei comitati di gestione ATC Chieti. I cacciatori aiutano i più bisognosi Ispra in crisi? Potrà finanziarsi con il contenimento nei Parchi Carniere allodola: Regione Lombardia dovrà risarcire la LAC "Lasciamo in tanti l'Arci Caccia, nasce l'ARCT per rafforzare la CCT" Valle d'Aosta, Elena Michiardi "priorità al Calendario Venatorio" Game Fair 2017: visitatori in crescita Piemonte: ricorso delle associazioni venatorie contro il calendario 2017 - 2018 Lombardia: caccia in deroga "Ispra contraddice le linee Guida del Ministro Galletti" Ecco cosa si sta facendo per la caccia sulla Direttiva Uccelli Cav Campania: La Regione rigetti parere Ispra su calendario venatorio Protesta dei cinghialai in Calabria contro il disciplinare Fidc BG “L’investimento nella ricerca sta dando risultati” Clamoroso: il sindaco Raggi "si dimentica" di nominare delegati M5S negli Atc Volpe Toscana: CCT "Tar sposa tesi animaliste, intervenga Regione" Chiudono le scuole, bilancio Fidc Brescia sui progetti educativi Puglia: riforma caccia, sentite le associazioni venatorie in commissione Umbria: approvato calendario venatorio 2017 - 2018 Di Pietro "mia iniziativa sulla 157 inoltrata alle altre Regioni" La Fidc Petriolo festeggia la piccola grande Italia Allarme Enpa: in Puglia proposto controllo a cani e gatti inselvatichiti Appello Fidc ai cacciatori sulla riforma della 394 "facciamoci sentire" Nasce in Veneto l'Intergruppo per la Cultura Rurale Umbria, le associazioni venatorie "La giunta ripari al lavoro incompleto della commissione” Il Governo risponde sul problema cinghiali: i Parchi possono intervenire

News Caccia

Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze


giovedì 11 maggio 2017
    

cinghiali In una lettera inviata all’Assessore all’agricoltura della Regione Toscana Marco Remaschi, al Dirigente del Settore Paolo Banti e alle associazioni venatorie i capidistretto dell’ATC Firenze-Prato inviano la propria proposta per l'applicazione della legge obiettivo per quanto riguarda la caccia in braccata.
 
Di seguito il testo:

PROPOSTA PER L’APPLICAZIONE E L’ATTUAZIONE DELLA LEGGE OBIETTIVO NEI DISTRETTI PER LA CACCIA AL CINGHIALE IN BRACCATA

La l.r.10/2016 ha voluto tracciare una divisione, più netta di quanto fosse stato in passato, fra le Aree Vocate e le Aree Non Vocate alle specie ungulate, in particolare modo per quanto attiene il Cinghiale.
Una suddivisione, quella determinata dall’art.3 comma 1, che per il suo estremo dettaglio non può che essere soggetta a creare difficoltà nella sua applicazione e pertanto suscettibile non solo a non produrre i risultati attesi ma addirittura ad appesantire ulteriormente le dinamiche di danneggiamenti alle produzioni agricole ed a favorire locali esplosioni di popolazioni ungulate.
Le difficoltà di applicazione emerse in fase di ripartizione del territorio, si concretizzano ulteriormente allorché, con altrettanto estremo dettaglio, sono state individuate le forme di caccia praticabili nei due distinti spazi gestionali.
Vorremmo sottolineare che il concetto di Area Vocata ed Area Non Vocata sorge per differenziare gli obiettivi di gestione e non dovrebbe condizionare le forme di caccia applicabili che sono invece intimamente connesse alla qualità del territorio ed all’uso del suolo che lo caratterizza.
Tracciare un limite netto, in quanto a vocazionalità, fra le diverse destinazioni del territorio in un contesto ambientale e vegetazionale quale quello toscano, appare quantomeno complesso poiché caratterizzato da una discontinuità significativa e da una elevata variabilità ambientale con alternanza di aree aperte e bosco; impedire poi l’attuazione delle braccate nelle aree aperte (suscettibili di coltivazione) ed in quelle coltivate (come si classifica il Castagneto da frutto?) di qualsiasi ampiezza, rischia di depotenziare la forma di caccia più “redditizia” e quindi suscettibile di produrre maggiore impatto nel contenimento del cinghiale.
Senza nulla togliere alle finalità della l.r. 10/2016, riteniamo che debbano essere adottati accorgimenti correttivi alla norma che favoriscano il raggiungimento degli obiettivi programmati senza intaccarne, anzi potenziandone, l’impianto strategico.
Per le motivazioni sopra esposte si è ritenuto opportuno produrre una proposta, da applicare anche in via sperimentale nel territorio dell’ATC FI-PO Sottoanmbito 4 – o meglio nell’ATC 4- Firenze Nord – , che si concretizzi nei punti seguenti:
1- Individuazione di Distretti di Gestione funzionali all’attività di caccia al cinghiale in braccata comprendenti le Aree Vocate alla specie, mantenendo le attuali ed evitando la frammentazione, ed eventuali inclusi caratterizzati da diversa vocazionalità; individuazione, altresì, di una fascia confinante di 200 metri per una più efficace gestione, nel periodo della caccia in braccata, sotto il profilo del contenimento dei danni alle colture agricole e della realizzazione del Piano di prelievo.
Tali Unità di Gestione potrebbero essere perimetrate dall’ATC e non potranno eccedere in superficie i preesistenti Distretti ancorché ridisegnati sulla base delle mutate caratteristiche vegetazionali e territoriali.
2- Ampliamento delle forme di caccia nei Distretti di Gestione così delimitati, consentendo il prelievo in selezione e con il cane limiere, nel periodo in cui non è autorizzata la caccia in braccata, limitatamente ai cacciatori iscritti alle squadre dell’Unità di Gestione con l’obiettivo di dissuasione e contenimento dei danni alle produzioni agricole.
3- Responsabilizzazione delle squadre e dei cacciatori iscritti chiamati a contenere i danni alle produzioni agricole attraverso la collaborazione nella messa in opera di impianti di prevenzione e dissuasione, nonché attraverso l’attuazione del prelievo nelle diverse forme consentite all’interno del distretto. Consapevoli della responsabilità etica (la sicurezza stradale e l’incolumità dei cittadini), della necessità e urgenza di contribuire alla costruzione di un percorso virtuoso che porti armonia tra portatori di interessi diversi e legittimi (Impresa agricola, mondo venatorio e ambientalista) riteniamo importante: La collaborazione dei Distretti di Gestione con l’ATC alla redazione del Piano di abbattimento che dovrà tenere conto delle specificità dei Distretti e della conoscenza del territorio, dei censimenti, delle potenzialità alimentari, della consistenza e caratteristiche delle specie presenti, della presenza di predatori che interferiscono e modificano gli areali degli ungulati e del cinghiale in particolare. La omogenea apertura dell’attività venatoria su tutto iol territorio provinciale e/o all’interno dell’ATC. La tempestiva messa a disposizione dei Distretti di tutto il materiale necessario alla prevenzione, attraverso convenzioni stipulate dagli ATC con chi garantisce il miglior rapporto qualità/prezzo. La tempestiva conoscenza e mappatura delle aree – a gestione conservativa e non conservativa – con colture a rischio. La possibilità di realizzare, per mezzo dell’erogazione di una quota del bilancio dell’ATC, miglioramenti ambientali e/o mirati foraggiamenti dissuasivi in aree circoscritte, idonee e lontane dalle colture.
4- La messa a punto di sistemi di premialità o penalizzazione nel caso del raggiungimento o meno degli obiettivi programmati per ciascuna Unità di Gestione attraverso la sottoscrizione di specifiche convenzioni fra ATC e responsabili delle squadre richiede una condivisione delle responsabilità di tutti i soggetti interessati. Pertanto riteniamo importante: Non fissare apriori nessun onere a carico dei cacciatori, ma effettuare delle verifiche in un arco temporale di 2/3 anni sulla prevenzione attuata e sull’impegno profuso per il raggiungimento degli obiettivi gestionali programmati e concordati (modifica dell’art.83, comma 1, lettera l). Prevedere il risarcimento, previo un oggettivo accertamento, per il ferimento o la morte del cane nel corso di interventi ex art.37 L.reg. 3/94. A tal fine riteniamo che gli oneri debbano essere a carico dei soggetti richiedenti l’intervento e che possa e debba essere condiviso da ATC e Impresa agricola attraverso la creazione di un fondo. La cancellazione del comma 5 dell’art. 89nella parte che recita “messa in atto anche da parte dei singoli componenti della squadra nell’interesse della medesima” . In uno Stato di diritto, la responsabilità ricade su chi trasgredisce una norma e non può colpire in modo indiscriminato.
La formula di gestione proposta potrebbe risultare particolarmente efficace per territori quali quello di cui trattasi dove, nelle aree appenniniche, è diffusa la coltivazione del Marrone che si inserisce nelle aree boscate e che, ai sensi della legge 10 dovrebbero essere escluse dalle Aree Vocate.

(Per i Distretti di gestione per la caccia al cinghiale dell’A.T.C. Firenze-Prato Ambito 4 – Antonio Muratore)

Leggi tutte le news

6 commenti finora...

Re:Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze

praticamente...se ho capito bene vorrebbero vocare tutto il territorio e all' interno dei distretti gestire il cinghiale solo con gli iscritti alle squadre? E se poi ci sono i danni....non prevedere niente a carico dei cacciatori? Ganzi!! Bho..

da springer 12/05/2017 10.22

Re:Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze

Se eliminiamo le quadrare organizzate e i selecontrollori in il territorio. Il problema si risolve

da Mauro68 12/05/2017 9.20

Re:Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze

Se eliminiamo le quadrare organizzate e i selecontrollori in il territorio. Il problema si risolve

da Mauro68 12/05/2017 9.20

Re:Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze

Lucio 90: lei è un altro che mi pare non conosca il cinghiale.... Es.: se io ho sempre cacciato nella mia zone e abbatto 70 cinghiali a stagione, se mi mette in un altra zona (che non conosco) facendomi girare( come propone), se ne ammazzo 23 nella stagione è grazia ricevuta..... P.s. per me va benissimo andare a girare!

da l.b. 11/05/2017 21.55

Re:Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze

Una buona proposta, aggiungerei la possibilità di utilizzare al meglio le carni pregiate di selvaggina ungulata. Centro di raccolta, stoccaggio, lavorazione e commercializzazione come eccellenze gastronomiche territoriali. Le squadre e i selettori gestori di questa ricchezza alimentare, pur continuando le battute tradizionali in calendario. Nei restanti nove mesi dell'anno, in azione personale disponibile per giusta causa. Facciamo di questa abbondanza una risorsa e non un problema.

da Renato 11/05/2017 18.07

Re:Cinghiale in braccata: nuove proposte dai capidistretto di Firenze

Per risolvere il problema " cinghiale" è molto semplice: fare ruotare le squadre massimo 1 anno il problema è risolto, purtroppo, non c'è la volontà politica per fare questo, con la conseguenza che tra poco privatizzeranno la caccia perchè gli agricoltori hanno capito che questo sistema non può più garantirgli il dovuto risarcimento dei danni.

da Lucio 90 11/05/2017 17.51