Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Cacciatori gente per bene: le sentinelle della naturaVolpi, troppe predazioni. Toscana modifica piano di controlloSottosegretario Ambiente Silvia Velo firma appello Cct per la cacciaAnimalisti Liguria: "dal Governo accolto nostro esposto"CCT: Altre importanti adesioni dai candidati toscani Liguria: Governo impugna ancora legge su controllo fauna selvaticaCacciatori gente per bene: la caccia è impegnoBaggio. Mocavero fa sponda ai Cinque StelleFidc Brescia: indicazioni di voto per le regionali in LombardiaRichiami vivi acquatici: Ministero proroga divietoElezioni Politiche 2018. I Capigruppo di Forza Italia incontrano la Cabina di RegiaCacciatori gente per bene: i veri ambientalistiAnlc Piemonte denuncia mala gestione risorse Atc e CaUngulati Piemonte, Ferrero "gli strumenti per ridurli ci sono"Governare la biodiversità: Regione Toscana presenta nuove cartografieRoberto Baggio in udienza nella causa contro gli animalistiConsenso trasversale per il programma del mondo venatorioCacciatori gente per bene: basta con i pregiudiziCamilla Fabbri: ecco cosa farà il Pd per la cacciaLiguria: al via lavori nuovo Piano faunistico venatorioRegionali Lombardia: Fontana, Gori e i loro programmi sulla cacciaCacciatori gente per bene. A testa alta nella societàElezioni Politiche 2018. FI in Umbria sottoscrive i punti della cacciaPappagalli scomparsi, accusò i cacciatori. Cpa ottiene udienzaVarese: Vandali animalisti devastano sede ArcicacciaArci Caccia porta la beccaccia in casa BerettaAppello Cct elezioni: aderiscono Marras, Barabotti e MoriCacciatori gente per bene: pretendiamo rispettoFratelli d’Italia sottoscrive il programma del mondo venatorioCaccia e mondo agricolo. Un dialogo fruttuosoBruzzone: incontro sulla caccia a CagliariLa caccia italiana a colloquio con la Commissione EuropeaPd Emilia Romagna: riabilitare munizioni piomboCCT alla Regione: definire il ruolo della Polizia ProvincialeCacciatori gente per bene: dare il massimo, sempreElezioni: la Lega in Romagna sottoscrive il manifesto della cacciaFagiani Pianosa, il progetto di Fidc FirenzeSammuri risponde all'Arci Caccia "già distribuiti 600 fagiani agli Atc"Eradicazione fagiani e ibridi di pernice da Pianosa: è polemicaCacciatori gente per bene: caccia è amore per la naturaElezioni: La Lega sottoscrive i punti del mondo venatorioGiuseppe Galati (NCI): "i cacciatori vanno rappresentati e tutelati"M5S, programma animali (e caccia) non pervenutoMatteo Favero (Pd): l'Italia ha bisogno dei cacciatoriEnpa: ridurre caccia e restringere calendari venatoriCacciatori gente per bene: una risorsa per l'ambienteElezioni 4 marzo. CCT: appello ai candidatiFidc Begamo: "cinghiali, i cacciatori non partecipino più ai controlli"Game Fair Grosseto si sposta a settembreCastaldi (M5S) apre alle doppiette. Poi rettifica: "la caccia non mi piace"Hit e i minori. Berlato "più rispetto per i possessori di armi"Lazio: calendario venatorio a febbraioCacciatori: persone per bene, formate ed impegnate Cruciani, Prandini e Testa protagonisti degli eventi della UNA a HIT ShowSalvini e Bruzzone all'Hit ShowBrescia: ancora offese al mondo venatorioRiccardo Augusto Marchetti (Lega) “la caccia tra i miei valori”Regionali Lombardia: fermento in attesa delle listePiemonte, esame legge caccia. Anlc scrive ai politiciCacciatori, gente per bene: ristabiliamo la veritàBruzzone "farò valere la voce dei cacciatori dove conta"Cacciatori, gente per beneSardegna: ok a nuovi piani controllo Sabato a Hit tavolo internazionale sulla cacciaLazio, elezioni regionali. I candidatiElezioni: Maura Antonella Malaspina si impegna per la cacciaVeneto: ok a proroga Piano fanistico venatorioElezioni: Noi con l’Italia – Idea Popolo e Libertà sottoscrive i punti della cacciaTar Liguria annulla la deroga allo stornoCacciatori gente per beneLa situazione della selvaggina stanziale in provincia di PisaCacciatori gente per beneMarche: Elisabetta Foschi si candida per la cacciaTOSCANA. I PUNTI DELLA CRISICaccia, Operazione verità: passa parolaTOSCANA. CONFERENZA PROGRAMMATICA.Chiude la stagione, puntuali polemiche e falsitàBrescia: su controllo cinghiali possibile autorizzare i cacciatoriBasilicata: cresce il numero dei cinghiali abbattutiPd Emilia Romagna a favore delle munizioni di piomboBrambilla, alias BerlusconiControllo faunistico: Tar Abruzzo solleva questione costituzionale Bruzzone candidato al Senato con la LegaCct: conferenza programmatica sui problemi della caccia toscanaWwf: incrementare la vigilanza venatoriaLa Meloni candida Caretta e Berlato Liberi e Uguali contro la caccia in derogaElezioni: ancora sui 5 Stelle e la cacciaArci Caccia Veneto: cabina di regia? "Bene ma non sufficiente"Fidc Marche al Tg3 “nessun allungamento della stagione di caccia”Lombardia al votoAnlc Toscana a CCT "noi critici sulla legge Obbiettivo dall'inizio"CCT: contraddizioni in Libera Caccia toscanaContenimento cinghiali: cacciatori a tutela del Padule di Fucecchio Anlc Toscana a Remaschi: un disastro la gestione della caccia Fondi antibracconaggio Veneto: istanza al Governo dagli animalisti Contenimento cinghiali: In Umbria proposta filiera carne

News Caccia

Controllo cinghiale Parco Colli: Pan risponde a Zanoni


giovedì 4 maggio 2017
    

A quanto affermato nell’articolo apparso sul Mattino di Padova dal titolo “Zanoni (Pd): Il piano va contro la legge e l’Europa”, risponde l’assessore regionale all’agricoltura e alla caccia.
 
“Innanzitutto non si tratta di un calendario venatorio, ovvero non si tratta di caccia ma di interventi di contenimento e controllo numerico di una specie dannosa; il passaggio in Terza Commissione per il Piano Triennale di controllo del cinghiale invocato dal consigliere regionale – precisa l’assessore - non è previsto per legge; il parere consultivo della commissione consiliare competente è previsto solo nel caso di piani regionali pluriennali complessivi (di norma quinquennali), che comprendano cioè più specie di fauna selvatica. Quello approvato dalla Giunta regionale la scorsa settimana è invece un piano di dettaglio, che interessa solo ed esclusivamente, nell’arco di un triennio, il controllo della presenza e dei danni provocati dal cinghiale”.
 
Il Piano non viola la legge nazionale sui parchi – aggiunge - che prevede la possibilità di attuare interventi anche di abbattimento selettivo necessari per ricomporre squilibri ecologici accertati dall’Ente gestore; gli abbattimenti possono essere realizzati da personale d’istituto e da persone espressamente autorizzate dall’Ente parco stesso. Non viola nemmeno la legge regionale n. 40/1984, che all’articolo 20 prevede la possibilità, anche tramite abbattimento, di ricomporre fenomeni degenerativi di specie e di sovrappopolamento; inoltre, con l’articolo 9 della L. R. n. 4/2015 - Disposizioni in materia di aree naturali protette regionali - si prevede che “L’ente parco che abbia regolamentato i prelievi faunistici e gli abbattimenti selettivi necessari per ricomporre squilibri ecologici, può autorizzare i soggetti privati residenti nel territorio del parco che abbiano riscontrato danni nel proprio fondo a dotarsi di specifici chiusini, secondo le modalità e con le procedure definite dall’ente parco medesimo”. In pratica, il Piano non apre alla caccia nei parchi e non apre ai cacciatori nei parchi; il Piano vuole solo mettere a regime, in uno stesso quadro e con uno stesso livello di approccio e di intensità, il controllo della specie in tutto il territorio regionale, sia in aree protette che nel restante territorio: lo stesso ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, istituto di riferimento nazionale afferente al Ministero dell’Ambiente), in vari pareri e nell’ambito di specifiche audizioni presso le Commissioni Parlamentari di Camera e Senato, ha più volte ribadito la necessità di un approccio coordinato e coerente tra diverse aree del territorio regionale.
 
“Infine – puntualizza ancora l’assessore - il richiamo al Regolamento (UE) n. 1143/2014 non è pertinente: la specie Sus scrofa L. non rientra nell’elenco delle specie esotiche invasive a cui fa riferimento il regolamento. Quanto alle problematiche connesse all’uso dell’arco, lo stesso rischio di ferire solamente l’animale è rinvenibile anche con l’uso dell’arma da fuoco; il Piano prevede tutte le modalità per evitare ogni inutile sofferenza, tra cui il controllo due volte al giorno dei chiusini o, nel caso di ferimento del capo, l’attivazione delle usuali procedure di recupero del capo da parte di squadre di operatori e cani specializzati, come avviene del resto anche nell’ambito dei piani di prelievo in selezione di ungulati. In riferimento al tema dell’impatto delle misure previste dal Piano sulla specie target e sulle altre specie, è sufficiente rilevare come l’ISPRA, nel suo parere, non abbia ritenuto di inserire nulla in termini di vincoli e prescrizioni attuative e vincolanti al Piano”.
 

Leggi tutte le news

0 commenti finora...