Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Simone Billi (Lega): "la caccia fa bene all'ambiente"Vignale: "Piemonte Regione no caccia?"CCT: bilancio positivo all'Assemblea GeneraleUmbria: presentata bozza Calendario Venatorio 2018 - 2019Legge caccia Piemonte, diretta dal Consiglio regionalePiemonte, si inizia a parlare di caccia. Fidc mobilita i cacciatoriBerlato: Corte Costituzionale respinge ricorso su vigilanza venatoria Rolfi: “contenimento cinghiale, già al lavoro”Calendario Marche: la caccia al cinghiale parte primaArezzo, protesta sulla mancata vigilanza venatoriaLibera Caccia Toscana: proposte per il calendario venatorioTraguardo Internazionale per il Club del ColombaccioCampania: proposte migliorative sul calendario venatorio 2018 - 2019Sicilia: stanziati duecento mila euro per il coniglio selvaticoEnalcaccia Arezzo: corsi per cacciatori, iscrizioni aperteAlessio Piana tra gli amici di BigHunterTrento: nessuna limitazione per la caccia al cinghialeStefania Craxi: "il cinghiale, la mia passione"Anlc Piemonte: ecco perchè saremo in piazza l'8 giugnoSardegna. Cpa dice no agli AtcAnnotazione tesserino, Marras "la normativa deve essere chiara"Ok al Piano straordinario cinghiali nel Parco dei Gessi BolognesiLe novità sulla caccia in deroga in LombardiaCalendario Venatorio Marche: le proposte di FidcAnuu, la Giornata del Verde Pulito in LombardiaTesserino venatorio: approvata mozione in ToscanaGiulia La Cava, a caccia con i segugi. "Non c'è emozione più forte"Secondo anno per il progetto Lepre in SiciliaReggio Emilia: operativo controllo del cinghialeIn Spagna 100 mila cacciatori in piazza per pretendere rispettoToscana. Danni a scacchiera8 giugno. Manifestazione dei cacciatori a TorinoCambio di statuto per il Sindacato Venatorio ItalianoCaccia in deroga, Lombardia approva richiesta da inviare ad IspraPiemonte, partita caccia di selezione al cinghaleLazio, riunito nuovo Comitato Faunistico VenatorioCampania, ecco la bozza del Calendario Venatorio 2018 - 2019Anlc Umbria, proposte per il calendario venatorio 2018 - 2019Aria Nuova in Ekoclub PistoiaCinghiale: Fidc Umbria ricostituisce settorialeBERGAMO. REVOCATI I DIVIETI PER L’AVIARIABRESCIA. CORSO PER IL TRATTAMENTO CARNI DI SELVAGGINATOSCANA. CCT, REMASCHI E LEGGE OBIETTIVOToscana, ok mozione Pd per braccata nelle aree protetteLegge 157/92: ecco la proposta Caretta per la riforma della caccia CCT, ungulati? Puntare sul controllo come fa AlessandriaDepositata PdL Cirielli per la modifica della 157/92La caccia ai giovani: Yuri D'Onofrio “stiamo uniti”Lombardia, Massardi alla prima seduta annuncia impegno per la cacciaReport gestione ungulati Toscana, Remaschi "la legge funziona"Liguria, M5S chiede divieto per 4 specie cacciabiliAnuu, 60 anni di storia e tradizioniA Bergamo primo concorso sul cinghiale per aspiranti chefCinghiale, Emilia Romagna: ok a calendario venatorio 2018 - 2019 Emilia Romagna. Contrarietà della Lega sul calendario venatorio Piemonte: nuovi criteri per i Comitati di Atc e CaCastellani rieletto alla guida dell'Anuu MigratoristiMolise. Di Pietro "fondi trasferiti agli Atc"In Regione Bruzzone lascia il testimone ad Alessandro PianaDdl caccia Piemonte. Le osservazioni di AnlcFidc Marche, storno: nessuna preoccupazione per la sentenzaOffese contro cacciatori e Remaschi, la condanna della CCTIl Governatore De Luca ad Hunting Show SudCampania. Proposte al Calendario Venatorio 2018-2019 Torbjörn Larsson è il nuovo presidente dell'Alleanza dei cacciatori nordiciStorno. La Corte impallina la Regione MarcheLa Caretta presenta modifiche alla 157Spagna. I cacciatori manifestano per la cacciaDanni fauna selvatica. CCT chiede risposte urgenti a RemaschiCinghiali. Coldiretti Torino chiede azioni rapide I cacciatori francesi rilancianoIniziativa FIdC Bergamo. I ragazzi cuochi del “Galli” alle prese col cinghialePiacenza: successo della cena del pompiere-cacciatoreExpoRiva. Manifesto a sostegno della cacciaPiemonte. Al via caccia di selezione al cinghialeUmbria. Convenzione tra Regione e Carabinieri forestaliLombardia, Fabio Rolfi Assessore alla cacciaPer il Governo legittima proroga Pfv VenetoCapriolo: le proposte della Libera Caccia di PistoiaTar Torino, controllo cinghiali: "metodi ecologici derogabili"Toscana: respinta mozione 5 Stelle per la sospensione della cacciaAnuu Campania, riconfermato Presidente ParvoloCon la sua cucina di caccia, Fabrizia Meroi è Chef donna 2018Lombardia: ecco cosa si aspettano i cacciatori dalla nuova GiuntaCaccia Ungulati. Da Siena le nuove proposte della CCT Basilicata: "Aprire un tavolo per la caccia nei Parchi"Abruzzo, Febbo "cinghiali, confusione in Regione"Caretta "costituito Intergruppo parlamentare per la cultura rurale"Greenpeace, precisazioni su partecipazione a ExpoRivaPuglia, rimandato esame ddl fauna selvatica Caretta "il M5S sulla caccia ha gettato la maschera"Ungulati Toscana, "nel 2017 meno abbattimenti, più incidenti stradali"Fauna in difficoltà. Intervengono i cacciatoriAmiche di BigHunter, Yamila B.: "movimenti anticaccia specchio di una società in crisi"Anuu, agricoltura "un modello da riformare?"Calabria: incontro sulle modifiche alla legge sulla cacciaExpoRiva Caccia Pesca Ambiente: + 5% di visitatoriFidc Pordenone presenta gli studi sulle migrazioniBraia: abbattimento cinghiali tutto l'anno è realtà in Basilicata

News Caccia

Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"


lunedì 24 aprile 2017
    

La vastissima area colpita dalle persistenti scosse iniziate il 24 agosto 2016 è chiamata dagli esperti "cratere sismico" e coinvolge 131 comuni su quattro regioni: Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo. Il territorio interessato necessita di tanti inteventi, in primis la necessità di ritrovare una stabilità economica per le popolazioni che lo abitano.

Su questo si innesca una idea del Prof. Bernardino Ragni, quasi una provocazione. Per meglio dire un progetto sul quale poter lavorare, che parte dal presupposto che un bene, particolarmente presente in quelle aree, la fauna selvatica, non è stato scalfito dalla furia devastante del sisma. Su questa si può provare a pensare di fare impresa sotto più punti di vista.
 
Se ne parla nell'ambito della prossima edizione del Caccia Village, domenica 14 maggio alle ore 11 (Sala Europa). Il Prof. Ragni ha individuato tre percorsi Economici potenziali che afferiscono alla filiera alimentare, a quella venatoria e alla filiera naturalistica. Fruire della risorsa selvaggina sotto l'aspetto del prelievo venatorio, sotto l'aspetto della creazione di percorsi enogastromici e sotto l'aspetto della osservazione naturalistica e fotografica è il punto di forza verso il quale cacciatori, imprenditori, naturalisti dovrebbero poter convergere per l'utilizzo della risorsa rinnovabile. Il Prof. Bernardino Ragni è autore del libro Wildlife Economy,presentato con successo nella scorsa edizione di Caccia Village.

Leggi tutte le news

7 commenti finora...

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

Buongiorno..è si Renato.Siamo proprio noi. Stretta di mano.. Le squadre dei cinghialai ? O han tolto loro totalmente voce in capitolo o aspettano che la manna scenda dal cielo portata da un improbabile messia.Non riesco a decifrare bene questo immobilismo e polverosa staticità.Parlo delle mie zone ma temo che anche da te la situazione sia analoga.Se mi smentisci non mi arrabbio. Un caro saluto

da Massimiliano 27/04/2017 9.46

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

Si Massimiliano, credo anch'io di conoscerti attraverso un forum di passionisti colombai... Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano le squadre dei cinghialai... Un caro saluto

da Renato 26/04/2017 21.44

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

Francamente giustificazioni a questo abberro di gestione faunistica,da parte della mia regione,non ne trovo.Per mio conto prima o poi qualcuno dovrà rispondere di tale mattanza autorizzata nel nome di una emergenza (?) tragicomicamente inguazzabugliata in un pentolone dove dentro ci hanno messo di tutto un pò. E se ne stanno vantando pubblicamente... Invece di trarre frutti e benefici di questa abbondanza (?).. ..la vogliano mettere a ZERU ANIMALU .... pazzesco che tutti tacciono Da come scrivi (mi permetto il tu) penso di conoscere di chi Renato trattasi.

da Massimiliano 26/04/2017 14.22

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

certo Massimiliano, la regione Toscana non ha colto o non ha voluto o è stata costretta dagli eventi calamitosi,a considerare una calamità il proliferare di specie selvatiche dalle carni pregiate da gestire e utilizzare come eccellenze gastronomiche territoriali. Un grave e dannoso errore! La logica vorrebbe che una abbondanza alimentare di pregio dovesse essere gestita in modo razionale come fonte di reddito certificato di zone particolari! Solo il sindaco di S.Vincenzo rispose alla mia ipotesi di gestione di questo fenomeno, ritenendola valida ma improponibile per carenze finanziarie dei comuni. Avevo proposto un centro pubblico di raccolta carcasse, trasformazione e commercializzazione di carni selvatiche di alto valore proteico, eccellenze territoriali....saluto

da Renato 26/04/2017 14.03

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

Bell'idea! Bravo Ragni!

da vecchio cedro 26/04/2017 9.36

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

Renato...ti sembra forse che la Regione Toscana abbia classificato ungulati e similari come una risorsa e una opportunità ? A me e non solo a me ,sembra che abbiano deciso proprio l'opposto (e cioè annoverarli come una calamità ) e quindi cercare in tutti i modi-maniere di far tabula rasa . Orrore raccapriccio !!!!!!!

da Massimiliano 26/04/2017 7.56

Re:Fauna selvatica e terremoto: Ragni "verso la Wildlife economy del cratere"

Il 18/0/2014 ho inviato ai sindaci della val di cornia un ipotesi di gestione delle specie selvatiche in espansione, ungulati in genere. Una abbondanza alimentare di carni pregiate dovrebbe essere accolta favorevolmente e gestita come eccellenza territoriale. Ad oggi il legislatore e l'associazionismo venatorio non considerano questo fenomeno come una opportunità, bensì come una calamità. Sono daccordo con il professor Ragni, e auspico che chi ha potere decisionale e gestionale sposi questa necessaria e produttiva alternativa.

da Renato 25/04/2017 22.45