HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Lombardia. Deroghe: Regione chiede parere a ISPRA Svizzera. Stop alla caccia nelle tane FIdC Brescia. Rinnovo dei comitati di gestione Arezzo. Corso per iscrizione albo regionale caccia al cinghiale Abruzzo. Pronto il nuovo regolamento prelievo ungulati Il coraggio dell'avventura FIdC Siena. Al via nuovi corsi rivolti ai cacciatori Molise. Di Pietro, incontro con i Presidenti ATC Grosseto. Nuove procedure per l'iscrizione all'Atc Valle D'Aosta. Elezioni per il Comitato regionale gestione venatoria Francia. Firmato accordo tra Oise e cacciatori CIC International. Simposio internazionale della caccia a Montreux Reggio Emilia. Proposte per la gestione degli ungulati Veneto. Guardie zoofile non possono esercitare vigilanza venatoria con solo decreto prefettizio Perugia. L'Atc 2 porta gli alunni delle scuole sulle tracce della fauna selvatica Atc RA3 dona ad Accumuli 1.500 euro Anuu: “Il buon senso arriva dall’Europa” Amiche di BigHunter, Eleonora Peruzzi: “la caccia e il cane, una cosa sola” Fidc Umbria: il futuro delle specie selvatiche passa anche dall’attività venatoria Calendario venatorio Emilia Romagna: tordi fino al 31 gennaio Lupo: il Veneto uscirà dal Progetto Life WolfAlps Nulla di fatto sulla caccia in deroga in Lombardia Bruzzone su Radio 24: "Spiegare la caccia nelle scuole in maniera onesta" Molise: Giunta istituisce la caccia di selezione Obbligo segnatura tesserino migratoria, Commissione UE: Diritto UE non lo prevede Caccia argomento didattico? Bruzzone a Radio 24 Piemonte: approvato calendario venatorio 2017 - 2018 Animalisti e caccia: in tv la Innocenzi non soddisfa le attese CONGRESSO IUGB. ACCETTATI DUE LAVORI DELL’UFFICIO AVIFAUNA FIDC Briano e l'Intergruppo presentano risoluzione su Piano d'azione delle Direttive Natura Fidc Rieti rilancia dopo le difficoltà post terremoto Molise: da Consulta venatoria ok a calendario venatorio 2017 - 2018 Emergenza cinghiali, Bruzzone: "aumentare il numero dei cacciatori" Ad "Animali come noi" si parla di caccia Guardia uccisa a Portomaggiore: amava la caccia e la natura Sammuri, testo della Legge 394 esce ulteriormente migliorato SIFaP-FederFauna, Bonciolini: ''Basta diffamare la Falconeria'', esposto in Procura Regione Toscana: approvato nuovo regolamento caccia BigHunter Giovani. Francesco Pucci: "la caccia ci rende più responsabili" Tordi, Libera Caccia: "nulla di nuovo sui pareri Ispra" FIDC: TAR MARCHE RIGETTA IN TOTO IL RICORSO AL CV REGIONALE Rappresentanti cacciatori negli Atc: diffida alla dirigente Bonomo Sicilia. Buone prospettive per il calendario venatorio Lombardia: proposta Magoni sull'addestramento cani In Inghilterra una scuola insegna a sparare e scuoiare animali ai bambini Genova, i cinghiali catturati scappano dal Cras dell'Enpa: “non siamo noi la soluzione” Coldiretti: in Italia oltre un milione di cinghiali Dieci giorni in più per la caccia ai tordi Tesserino venatorio sullo smartphone, in Toscana presentata l'App Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio Lega Nord Emilia Romagna: ora posticipare chiusura caccia al tordo Acma: chiarimenti dal Ministero sui richiami vivi Dopo due anni la Regione rinnova le Commissioni d'esame in Campania Arci Caccia pubblica il nuovo statuto della CCT APPROVATO IN CONFERENZA STATO REGIONI PIANO ANTI BRACCONAGGIO "Troppo pochi i cinghiali abbattuti": Biella rimprovera i propri selettori Lombardia: stagione a rischio per gli aspiranti nuovi cacciatori Atc Brescia: limite di tre giorni per la stanziale, "ecco perchè è sbagliato" A Spoleto un dibattito sulla selvaggina nobile stanziale Pisa: Atc bloccato dalle dimissioni del Comitato di Gestione Toscana: in Consiglio regionale una mozione sugli storni Coldiretti Lombardia: emergenza nutrie non si vuole risolvere In Puglia ambientalisti chiedono commissariamento Atc DATE DI MIGRAZIONE DEI TURDIDI. ISPRA MODIFICA LA SUA VALUTAZIONE Ispra nega ancora le deroghe per storno, fringuello e peppola Virgilio Bertagnoli "la pirografia e la beccaccia le mie passioni" Emilia Romagna: parere favorevole su calendario venatorio 2017 - 2018 Veneto: no alla conversione in Parco delle aree Natura 2000 Caccia cinghiale Umbria: confermato divieto di iscrivere nuove squadre Sabatini: "Calendario Lazio affronti emergenza cinghiali" Fondazione Una: svolto incontro a Bergamo su progetto Selvatici e Buoni In Toscana nasce la Consulta del Padule di Fucecchio In Piemonte Vivifauna promuove caccia, turismo e prodotti locali L'essenza della caccia nel racconto di un alunno di terza media La Fenaveri alla Fiera della Caccia di Ariano Irpino Tempo d'esami per i cacciatori toscani Nuovo statuto per la Libera Caccia LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle Amiche di BigHunter, Maria Nagy “a caccia con etica” Basilicata: ok al Piano di controllo per la Provincia di Matera Parco Colli, la Regione "incrementeremo gli abbattimenti reclutando cacciatori" L'AIW sempre in più Atc a tutela anche dei diritti di caccia Campania: sancita unità e proposta condivisa Calendario venatorio Confavi "ribelliamoci allo scempio della Riforma sulle Aree Protette" LEGGE SUI PARCHI. INGLOBATE LE AREE CONTIGUE Chiude in positivo ExpoRiva Fidc Piemonte ringrazia i cacciatori scesi in piazza

News Caccia

Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio


mercoledì 5 aprile 2017
    

A commento dell'approvazione del “Piano d’azione nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici” da parte della Conferenza Stato Regioni il 30 marzo 2017, La Federazione Italiana della Caccia ripropone un articolo a firma Valter Trocchi e Daniel Tramontana pubblicato sul primo numero dell’anno de “Il cacciatore Italiano” che "contiene alcune interessanti riflessioni tuttora di piena attualità".

 Eccolo:

CACCIA E BRACCONAGGIO: UN ACCOSTAMENTO IMPROPRIO E IMPRODUTTIVO

Il 25 novembre 2016, il Comitato Paritetico per la Biodiversità si è riunito per esaminare il Piano d’Azione Nazionale per il contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici, in vista dell’inoltro del documento alla Conferenza Stato-Regioni per l’approvazione definitiva.

Il Piano – redatto da ISPRA su incarico del MATTM – era già stato presentato in bozza alle Associazioni Ambientaliste e Venatorie nell’estate scorsa, e la Federcaccia si era dichiarata aperta ad un confronto costruttivo, ma con spirito critico. Difatti, la bozza del Piano era apparsa fin da subito densa di pregiudizi sul mondo venatorio, e assai poco attenta agli aspetti tecnici del fenomeno del bracconaggio. Di conseguenza, si è sottolineato che il tema della discussione è l’uccisione illecita di uccelli selvatici, mentre la caccia non può essere accostata ad un’attività illecita o intesa come motivazione per illeciti contro l’ambiente. La caccia è un’attività che contribuisce concretamente alla conservazione della fauna e degli habitat, basti pensare al contrasto degli interventi di bonifica delle zone umide, alla promozione dei ripristini ambientali, alle reintroduzioni e, per l’appunto, alla vigilanza contro gli atti di bracconaggio. Insomma, i cacciatori sono direttamente interessati alla conservazione degli habitat e degli ecosistemi di cui la fauna cacciata è parte fondamentale, e per questa ragione contribuiscono a contrastare il degrado ambientale in atto per evidenti ragioni antropiche. Coerentemente, i cacciatori aderiscono (attraverso la FACE) all’iniziativa No Net Loss (“nessuna perdita netta”) nell’ambito della Biodiversity Strategy europea, tesa a fermare entro il 2020 la perdita di biodiversità e il degrado dei cosiddetti “servizi ecosistemici”, tra i quali rientra a pieno titolo anche la fruizione venatoria.

Dispiace quindi che gli estensori del Piano non abbiano distinto tra il contesto cinegetico e le responsabilità di singoli cittadini (spesso estranei all’ambiente venatorio, oltretutto), e dispiace ancor di più che questa cecità non consenta di vedere le possibili sinergie con il mondo venatorio e le necessarie collaborazioni. Certo, se la redazione di tali documenti viene intesa come l’ennesima occasione per rappresentare una commistione tra la caccia e il bracconaggio, è ben difficile intavolare discussioni costruttive… Ciò è accaduto, certamente, con la prima bozza del Piano d’azione, ma in buona parte anche con l’ultima versione. Il fenomeno del bracconaggio, così come i fenomeni di criminalità ambientale, non sono in alcun modo giustificabili, non fanno parte della caccia e la caccia ne è la prima vittima. Questo non significa che taluni cacciatori non possano infrangere le norme vigenti consapevolmente, ma in tal caso si collocano automaticamente fuori dalla caccia e in un contesto di bracconaggio. Su come affrontare queste situazioni in Italia la FIdC si è dimostrata aperta, anzitutto additando la necessità di una maggiore azione di prevenzione e di contrasto da parte degli Organi di vigilanza preposti. Inoltre, non si deve dimenticare che la Federcaccia ha già operativi sul territorio ben 2.712 Agenti volontari (dato 2015). Purtroppo però va rilevato che sono proprio gli Organi istituzionalmente preposti ad avere progressivamente indebolito lo strumento della vigilanza negli ultimi decenni. Basti pensare a cos’è accaduto con il passaggio dei Guardiacaccia degli ex Comitati Provinciali della Caccia ai Corpi di Polizia Provinciali, che sono tutt’ora distratti consapevolmente rispetto alle esigenze di lotta al bracconaggio. E ora si temono, giustamente, le possibili conseguenze del passaggio del CFS ai Carabinieri.

Ecco, se il Piano d’azione costituisse un’occasione di riflessione su tale trend negativo, ci sarebbe da esserne più che lieti. Il dubbio è però legittimo. Perché, quindi, un Piano con tale impostazione e non una seria presa di coscienza delle responsabilità che, già oggi, sono in capo alle medesime Istituzioni? Perché l’affidamento della redazione del Piano all’ISPRA, e non alle Istituzioni competenti ed edotte su tali illeciti? Il “contrasto degli illeciti contro gli uccelli selvatici”, attiene di riflesso alla conservazione degli uccelli, ma non è una materia di tipo ornitologico, richiede soprattutto altre tipologie di competenze. Da dove nasce allora questo Piano? Perché occuparsi soltanto del bracconaggio verso gli Uccelli e non anche verso i Mammiferi, come logica vorrebbe?

In generale, la necessità di azioni contro il bracconaggio deriva da una serie d’impegni assunti dall’Italia nell’ambito di accordi internazionali. La redazione di un Piano d’azione, per esempio, è richiesta dalla Roadmap towards eliminating illegal killing, trapping and trade of birds redatta dalla Commissione Europea per definire le priorità internazionali e monitorare i progressi degli Stati membri in questo campo. Più nello specifico, l’UE ha richiamato l’Italia ad arginare il bracconaggio sugli uccelli attraverso una procedura PILOT (5283/13/ENVI), una sorta di “pre-procedura d’infrazione”, che è stata inviata al Governo italiano nel 2013 (non si sa bene a seguito di quali statistiche fornite a Bruxelles sul fenomeno).

Visto lo strumento attivato, però, viene da pensare che a Bruxelles non sia ben chiaro che in Italia i Piani d’azione non hanno una valenza giuridica vincolante e forse sarebbe stato più utile fornire prove di impegni concreti assunti dalle Autorità preposte, adeguatamente coinvolte. Azioni non concertate con queste stesse Autorità ben difficilmente potranno trovare concrete possibilità d’applicazione. Allora perché descrivere in modo enfatico il fenomeno del bracconaggio sugli uccelli, riecheggiando le campagne scandalistiche di talune Associazioni, in luogo di un’analisi tecnica coinvolgente le Autorità preposte, soprattutto nella definizione delle azioni di contrasto?

Da come si legge, il Piano si basa una eterogenea serie di informazioni sugli illeciti commessi a danno dell’avifauna, dalle quali emergono le seguenti otto tipologie principali:

  1. La cattura di piccoli uccelli, per lo più a fini commerciali, con l’impiego di archetti, lacci, vischio, trappole, reti;
  2. Il prelievo illegale degli uccelli acquatici;
  3. L’abbattimento di rapaci e altri uccelli protetti tramite armi da fuoco (per lo più per tradizioni locali, malcostume venatorio o vandalismo);
  4. L’uccisione di specie protette dalle norme vigenti ma considerate “nocive” o “problematiche” (come cormorani, aironi, gabbiani o rapaci), attraverso l’uso di armi da fuoco, bocconi avvelenati o altri mezzi vietati;
  5. Il prelievo di uova/pulcini dai nidi di rapaci per finalità commerciali;
  6. La cattura di adulti con l’impiego di trappole o reti, e il prelievo di uova/pulcini dai nidi di specie ornamentali (anche per finalità commerciali);
  7. L’importazione e il commercio di fauna selvatica dall’estero per rifornire i circuiti della ristorazione o il mercato degli uccelli vivi;
  8. Il mancato rispetto delle regolamentazioni sul prelievo venatorio.

 

Queste tipologie – si noti – non riflettono esattamente le fattispecie di illecito sancite dalla Legge n. 157/’92, dalle norme regionali di recepimento o da altre norme di Legge (le uniche, cioè, che possono rientrare in statistiche ufficiali basate sui verbali di accertamento delle infrazioni), ma sono in qualche modo “interpretate”, paradossalmente, anche nelle intenzioni presunte dei bracconieri. Riesce ben difficile immaginare un Agente che, redigendo un verbale, si mette a ponderare se una Poiana è stata uccisa per “vandalismo” o per “malcostume” … il punto è che la Poiana è una specie particolarmente protetta ai sensi dell’art. 2, c. 1b., ed è proprio questo che verosimilmente rientra nelle statistiche degli illeciti! Pur con questi dubbi circa la valenza di quel sistema di classificazione (quantitativa?) degli atti di bracconaggio, si nota che il Piano colloca all’ultimo posto il “mancato rispetto delle regolamentazioni sul prelievo venatorio”, confermando dunque che i sette punti precedenti non riguardano il contesto venatorio. Tuttavia, leggiamo, sempre secondo gli estensori del Piano, che “una parte significativa di prelievi illegali è svolta da possessori di licenza di caccia e si verifica durante la stagione venatoria”. Un’incongruenza, certo, ma meno palese di quella scritta nella bozza iniziale del documento (in parte rivista dopo le critiche mosse dalla FIdC), che asseriva: “una parte non trascurabile dei reati contro la fauna selvatica viene praticata da persone che sono cacciatori” e “si calcola che quasi l’80% degli illeciti sia commesso durante la stagione venatoria, malgrado questa duri solo quattro mesi”. Ebbene, da dove nasce la convinzione che per essere bracconieri occorra avere anche la licenza di caccia? In fondo, chi preleva la fauna selvatica per ragioni economiche/commerciali (come si scrive), prevalentemente in tempi diversi da quelli consentiti dai calendari venatori, potrebbe anche evitare di pagare le non trascurabili tasse di concessione e il tesserino dell’ATC/CA.

Un’altra contestazione mossa agli estensori dalla FIdC concerne la richiesta di ripristinare il reato di “furto venatorio” nell’ambito dell’Azione 2.1.1 “Adeguamento del quadro normativo nazionale”. Terminologia a parte, non sembra sia compito di un Piano d’azione entrare nel merito della tipologia e dell’entità delle sanzioni da applicare a tutte le forme di prelievo “attuate in contrasto con le disposizioni contenute nella legge n. 157/1992”. E questo vale soprattutto considerando che la redazione del Piano è stata affidata all’ISPRA, non ad Organi istituzionalmente competenti sugli illeciti di tale natura. Infatti, si è fatto rilevare, che il “furto venatorio” si applica oggi ai bracconieri che operano al di fuori del contesto sanzionatorio previsto dalla Legge n. 157/1992. Per gli illeciti enunciati dalla Norma è previsto, invece, un complesso e dettagliato apparato sanzionatorio, con sanzioni penali (per le fattispecie di illecito del 1° c. dell’art. 30), sanzioni amministrative-pecuniarie (per quelle del 1° c. dell’art. 31) e sanzioni accessorie (art. 32). Tale apparato è modulato in relazione alla pericolosità sociale degli illeciti e al rilievo faunistico del danno in base alle specie selvatiche che ne siano oggetto. Se tale richiesta degli estensori fosse recepita, l’applicazione indistinta del “furto venatorio” implicherebbe di punire allo stesso modo un bracconiere che abbatte una Cornacchia e uno che abbatte un Orso o un Pollo sultano, e questa non è assolutamente una soluzione tecnicamente accettabile.

In definitiva, sebbene sia indiscutibile la necessità d’intensificare le misure di prevenzione e di vigilanza antibracconaggio, non pare che il Piano d’azione possa realmente contribuire, con questa sua impostazione, alla conservazione del patrimonio faunistico italiano e ci si augura che, come tale, non sia approvato dalle Autorità competenti.

Valter Trocchi e Daniel Tramontana


 

 

Leggi tutte le news

12 commenti finora...

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Sarà.........ma a forza di vin brule ci hanno fatto un culo tanto.

da Annibale 06/04/2017 20.23

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Bravo Gino se queste tesi scritte probabilmente da uno studente servissero alla caccia le leggerei pure bastavano le ultime 4 righe.

da Mino 51 06/04/2017 10.52

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Tutta questa roba scritta sulla base delle boiate di Un ENTE che confessa di non avere i dati per le deroghe. UN costosissimo libro dei sogni scritto sicuramente nel dormiveglia dopo generosi sorsi di vin brûlé!! Se i problemi della caccia fossero queste cazzate scritte da questi sarei ottimista sul futuro. Queste proposte finiranno nel cesso.

da Gino 05/04/2017 21.14

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Una volta tanto son d accordo.....bella difesa professionale ..complimenti sinceri.

da Annibale 05/04/2017 21.06

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Accostare la categoria dei cacciatori, a dei bracconieri è come dire che la cioccolata è come la merda.

da Fucino Cane 05/04/2017 21.02

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Al nostro amico che si permette di fare certi commenti ,vorrei dirgli innanzitutto come si permette di parlare di allevatori ,se lui conosce qualche disonesto non è detto che lo siano tutti.poi voglio digli che lui non può proprio fare la nostra caccia non sotto l aspetto economico.non faccio i conti in tasca a nessuno, ma lui mi sembra che non sia proprio attrezzato,siamo nel 2017, e mi parla ancora di armadi ma questo è fuori di testa ,allora per gente così che gli ambientalisti riscuotono consensi . caro amico ti devi munite di una stanza, di un foto periodo. , lampade solari, mangimi per ogni periodo dell'anno ,vitamine,ecc..devi studiare le migrazioni le stagioni solo così potrai rispettare le regole e avere ottimi risultati.alla redazione cancellate quelle cazzate. .grazie

da pensate prima di parlare 05/04/2017 19.25

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

QUESTO E' UN VERO E PROPRIO ATTACCO ALLA CATEGORIA DEI CACCIATORI PERPETRATO DAGLI ANIMALARI DELL'ISPRA CON LA COMPLICITA' DEL PD CHE GOVERNA!CI RIVEDREMO ALLE PROSSIME ELEZIONI QUALORA LOR SIGNORI SI DEGNERANNO DI FAR VOTARE ANCORA IL POPOLO ITALIANO STUFO DELLA TIRANNIDE DEL PD E COMPAGNIA!

da mariolino 05/04/2017 19.18

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Al caro considerazioni nostalgiche,sono anch'io un cacciatore con richiami vivi e faccio molti sacrifici per la mia passione, sia di tempo che di denaro, ma dalle passioni non si può trarre un guadagno,le leggi se pur sbagliate vanno rispettate, quando muore un richiamo vivo ne compri uno nuovo consegni il vecchio anello e denunci il nuovo alla provincia,non puoi dire siccome ho fame allora vado a rubare.

da allodolaiomatto 05/04/2017 17.48

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Si ma i Cacciatori anziani? Ma paiantatela li.

da Venezia 05/04/2017 17.36

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Concordo con il commento di "Basta richiami elettronici". Certi interventi servono solo a metterci in cattiva luce e a squalificarci (se mai ancora ce ne fosse bisogno). Il pericolo di questi "Forum" è che tutti hanno la parola,

da L'Uccellin verde riò 05/04/2017 17.34

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accostamento è improprio

Pubblicare commenti come quello di CONSIDERAZIONI NOSTALGICHE su un blog pubblico come questo ha un solo effetto: dare sostegno a chi vuole che quel piano divenga legge, con buona pace di quei cacciatori che bracconieri non lo sono e basta, e che cacciano rispettando le regole. Sarei grato alla Redazione se cancellasse simili commenti, che squalificano la nostra categoria

da BASTA RICHIAMI ELETTRONICI 05/04/2017 17.19

Re:Caccia e bracconaggio, Fidc: l'accosamento è improprio

COMMENTO RIMOSSO

da CONSIDERAZIONI NOSTALGICHE 05/04/2017 15.52