HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Piacenza: scene di isteria per un cinghiale CONTROLLO FAUNISTICO: CONFERENZA REGIONI CHIEDE MODIFICA 157/92 Lazio: firmato il Calendario Venatorio 2017 - 2018 CCT: sul fronte cinghiali la protesta continua Ispra, muflone all'Elba: nessuna alternativa all'abbattimento Rapporto Italiani Coop. La Toscana va matta per la selvaggina Cpa Sardegna chiede modifica del calendario venatorio Cct, Romagnoli spiega le ragioni della sospensione di Arcicaccia Toscana: "esigenze venatorie, illustrata proposta di legge" CCT: proposta indecente sulla lepre Educazione ambientale con i cacciatori: altre due iniziative Fidc Campania "Calendario venatorio, luci ed ombre" Lombardia: nominati componenti dei comitati di gestione di Atc e CA Marche: istituzione e modifica delle Zone di ripopolamento e cattura La Sardegna allunga la caccia ai tordi Wwf Abruzzo sul piede di guerra per il Calendario venatorio Se la didattica naturalistica la fanno i cacciatori: l'esempio di Genova Anuu: Corte Costituzionale, un duplice grazie Legge Parchi, la Lega non ci sta: “Caccia sottratta alla competenza delle Regioni” In Puglia prosegue l'iter della nuova legge sulla caccia Eps Campania: approvate le graduatorie per gli Atc Ok della Camera alla riforma della 394 Sentenza controllo fauna, Fidc Umbria "intervenga Conferenza Stato - Regioni" Molise: ok a regolamento sulla selvaggina Pistoia, Arci Caccia e Anlc: "Al più presto le modifiche di legge per ridurre i danni" Pescara autorizza l'abbattimento dei cinghiali L'Emilia Romagna prepara la deroga per storno e piccione Libera Caccia: Sparvoli confermato fino al 2020 Fidc su sentenza controllo faunistico. "Si ripensi alla legislazione in materia" Eps Campania, qualche perplessità sul calendario venatorio Bertacchi (Fidc BG) su diniego Ispra roccoli "ormai siamo al ridicolo" "Cinghiali e cornacchie? Per il giudice ci devono pensare i carabinieri" Controllo fauna dopo sentenza Liguria: le preoccupazioni di Coldiretti Puglia, avanti con il ddl sulla caccia di selezione "E poi ci siamo noi tassidermisti": Piergiorgio Prevot e il suo laboratorio Presentati a Roma i Delegati Territoriali della Fondazione UNAOnlus Bracconaggio: il ruolo dei cacciatori, conferenza a Bruxelles “Attività venatoria con finalità commerciale”: ecco come funziona in Lombardia "I cacciatori non possono sostituirsi ai guardiacaccia pubblici" Bruzzone sulla sentenza della Corte "ora i cinghiali ci mangeranno?" Remaschi risponde a interrogazione 5 Stelle sugli Atc Deroghe Lombardia, Fava "da Ispra bocciatura senza merito" Incostituzionalità per aclune norme liguri sulla caccia Campania: approvato calendario venatorio 2017 - 2018 Ungulati nelle aree protette toscane: “Quando i contenimenti?” Atc Grosseto: Chiesta la modifica delle regole per la caccia di selezione Caccia di selezione in Lazio: la Regione risponde sui ritardi Abruzzo: respinto ricorso di quattro squadre su assegnazione delle zone Veneto: approvato Calendario Venatorio 2017 - 2018 Toscana: dal 15 giugno caccia di selezione al capriolo IN ITALIANO IL LIBRO BIANCO SULLA DIRETTIVA UCCELLI Avifauna Migratoria Fidc: beccacce 2017, risultati dello studio satellitare Una precisazione da Urca Toscana Basilicata "serve Piano straordinario cinghiali" Amministrative 2017: disfatta dei Verdi, tutti i risultati Sardegna: Piano Faunistico Venatorio in dirittura d'arrivo Risposta alla lettera aperta di Urca Siena alla Regione Toscana Anuu: insolita primavera e una strana risalita migratoria Anche Libera Caccia ricorre contro il Calendario venatorio piemontese Amministrative giugno 2017: sconfitta per i 5 Stelle Cacciatori e un po' scienziati ARCT: al lavoro per la Casa comune dei cacciatori Caccia aree contigue, deciderà il regolamento del Parco Marche: al via caccia di selezione al cinghiale All'Università di Cagliari presentati i dati del Centro Studi beccaccia Amministrative 11 giugno: attenti a quei Verdi! Lista civica a Lucca "per l'abolizione della caccia" sostiene Tambellini Homo Sapiens, trovati resti ancora più antichi. “Erano grandi cacciatori" Chiara Squartini, 19 anni. La caccia? “La cosa più naturale di questo mondo” Fava difende il contenimento delle volpi dagli attacchi animalisti Sardegna: emanato quarto regolamento per la caccia al cinghiale Molise. Di Pietro: “Approvato in Giunta il calendario venatorio” FIdC Bolgare (BG) e Anuu insieme per il progetto “Ad ali spianate” Premio Rigoni Stern a Leoni e Melchiorre L'Anuu ancora sul tema rappresentanza nei comitati di gestione ATC Chieti. I cacciatori aiutano i più bisognosi Ispra in crisi? Potrà finanziarsi con il contenimento nei Parchi Carniere allodola: Regione Lombardia dovrà risarcire la LAC "Lasciamo in tanti l'Arci Caccia, nasce l'ARCT per rafforzare la CCT" Valle d'Aosta, Elena Michiardi "priorità al Calendario Venatorio" Game Fair 2017: visitatori in crescita Piemonte: ricorso delle associazioni venatorie contro il calendario 2017 - 2018 Lombardia: caccia in deroga "Ispra contraddice le linee Guida del Ministro Galletti" Ecco cosa si sta facendo per la caccia sulla Direttiva Uccelli Cav Campania: La Regione rigetti parere Ispra su calendario venatorio Protesta dei cinghialai in Calabria contro il disciplinare Fidc BG “L’investimento nella ricerca sta dando risultati” Clamoroso: il sindaco Raggi "si dimentica" di nominare delegati M5S negli Atc Volpe Toscana: CCT "Tar sposa tesi animaliste, intervenga Regione" Chiudono le scuole, bilancio Fidc Brescia sui progetti educativi Puglia: riforma caccia, sentite le associazioni venatorie in commissione Umbria: approvato calendario venatorio 2017 - 2018 Di Pietro "mia iniziativa sulla 157 inoltrata alle altre Regioni" La Fidc Petriolo festeggia la piccola grande Italia Allarme Enpa: in Puglia proposto controllo a cani e gatti inselvatichiti Appello Fidc ai cacciatori sulla riforma della 394 "facciamoci sentire" Nasce in Veneto l'Intergruppo per la Cultura Rurale Umbria, le associazioni venatorie "La giunta ripari al lavoro incompleto della commissione” Il Governo risponde sul problema cinghiali: i Parchi possono intervenire Elena Michiardi rappresenterà i cacciatori valdostani Riforma Parchi: incertezza sulla caccia nelle zone pre parco Toscana: LAV vince ricorso al Tar, annullato Piano volpi Fidc Toscana "polemiche fuori luogo. Ma la caccia che c'entra?" Basilicata: presentata proposta per risolvere emergenza cinghiali Campania: pubblicate le graduatorie di ammissione negli Atc Abruzzo: attriti Arci- Fidc sulla Fenaveri

News Caccia

LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle


mercoledì 29 marzo 2017
    

Lunedì 27 marzo la Camera ha dato il via alla discussione della proposta di legge di modifica della 394 (la legge quadro sulle aree protette), che, come abbiamo visto, contiene diverse criticità sollevate da più parti. Le associazioni ambientaliste criticano in particolare il sistema delle nomine delle figure cardine dell'Ente Parco, che potranno essere locali e indipendenti dai meriti protezionisti, l'ingresso di altri portatori di interesse (agricoltori, per esempio) nei consigli direttivi e la possibilità, di attingere al bacino dei cacciatori di selezione, per le operazioni di gestione della fauna (cosa che per altro in molti casi già avviene).

Dal mondo venatorio invece si alza un generale malcontento per la previsione, incomprensibile, di affidare la regolamentazione delle aree contigue (che non sono Parco) ai gestori dei parchi stessi, di fatto allargando i confini delle aree protette (quanti Parchi limiteranno la caccia fino ad ora regolamente praticata in queste zone cuscinetto?). Ma quali sono gli umori su questa disposizione espressi in aula? Purtroppo, almeno per il momento, il dibattito langue.

Cinque Stelle: bandire la caccia nelle aree contigue

Registriamo l'intervento di Mirco Busto (M5S) scandalizzato perché la legge, così come formulata, non adotta un'interdizione decisa della caccia nelle aree contigue “ci sono un sacco di altre aree dove si può cacciare” ha detto Busto. Quindi, ma non è certo una sorpresa, i grillini chiederanno di bandire completamente la caccia anche in queste zone.

Residenti o iscritti all'Atc?

La deputata Serena Pellegrino (Sel) si limita invece a far notare le contraddizioni nel testo. “Attraverso la modifica che è stata apportata al comma 1 dell'articolo 5, si afferma che la caccia può essere esercitata solo dai soggetti residenti nel parco o nelle aree contigue e, appena dopo si dice, invece, che l'attività venatoria può essere esercitata solo da soggetti aventi facoltà di accesso all'ambito territoriale di caccia comprendente l'area contigua. Ovvero: la prima parte è stata modificata, la seconda è esattamente come uscita dal Senato. Insomma, chi è che può cacciare nei parchi e nelle aree contigue?” chiede.

Realacci: sì all'abbattimento nei Parchi ma non del lupo

L'intervento del Presidente Ermete Realacci (PD) se da un lato ha difeso l'opzione dell'abbattimento della fauna all'interno dei Parchi attraverso specifici Piani (la novità è che prima passino obbligatoriamente da pareri Ispra), dall'altro ha assecondato alcune obiezioni animaliste. “C'è una grande differenza fra il lupo e il cinghiale” ha detto sostenendo la propria contrarietà all'abbattimento previsto dal Piano Ministeriale “gli abbattimenti vanno stralciati, perché il lupo è un pezzo importante della fauna selvatica” ha detto. E poi sul cinghiale, ha aggiunto, “si potranno fare anche forme di contenimento non cruento: non erano previsti nella legge n. 394, sono previsti adesso nella legge”.

“I cacciatori sono il passato”

Parlando di cacciatori, Realacci ha evidenziato che nel testo è stato tolto, come richiesto dagli ambientalisti, il fatto che potessero partecipare agli abbattimenti, dopo adeguati corsi e qualificazione, anche quelli residenti al di fuori dalle aree dei parchi o delle aree contigue. Poi ha aggiunto “in Italia le aree contigue esistono soltanto nel Parco del Cilento, lo dico per capirci [incomprensibile passaggio visto che tutti i Parchi, regionali e nazionali, hanno aree contigue, fra approvate e proposte di costituzione definite, ndr] . E - continua il Presidente della Commissione Ambiente - bisogna anche sapere, quando si parla di lobby, di cose, con la testa rivolta al passato, che oggi i cacciatori sono la metà di quando nacque la legge n. 394: è un esercito in ritirata; cerchiamo di fare i conti con l'Italia del futuro, non con l'Italia del passato”. Che vuol dire? Vuol dire, in sostanza, che per Realacci i cacciatori non sono il problema? O non contano più nulla?

Leggi tutte le news

27 commenti finora...

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Arcicaccia non è il problema, il problema è chi si associa. Arcicaccia= lipu,wwf,en la etc.

da L.b. 05/04/2017 20.24

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

io sono dell'idea che non c'è attualmente un partito in Italia a cui interessi la CACCIA. E che meriti quindi il nostro appoggio.

da Giulio 30/03/2017 14.50

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Siamo veramente all'ultima spiaggia.Credo sinceramente che Se Tutto Va Bene Siamo ROVINati povera ITALIA che brutta fine che abbiamo fatto e a quanto sembra per il futuro non ci aspetta niente di buono sotto ogni aspetto.

da A votare che ci andate a fare? 30/03/2017 9.14

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Il problema, o il vantaggio, sono le aree contigue accorpate. La vera anomalia è la competenza assegnata alle categorie, tutte, a livello territoriale, tranne i cacciatori, reprobi. Ha fatto bene Realacci a dire che i cacciatori sono pochi e quindi - contrariamente ai cinque stelle e a tutti coloro che cercano un nemico (fasullo) per continuare a destrutturare il territorio - non costituiscono un problema. Peccato, però, che essendo pochi, contano sempre meno, essendo anche vecchi e stanchi. E qui sta il peccato mortale delle nostre associazioni. TUTTE. Non aver capito che il mondo cambia, e non aver voluto impegnarsi per costituire una classe dirigente al passo coi cambiamenti. E il danno maggiore, nell'ignavia totale, l'hanno fatto le frange estreme. L'Arcicaccia da una parte, incapace di farsi capire, e le diverse bande oltranziste, che hanno ottusamente difeso il bidone. E ancora oggi ci provano. Attenzione: il bidone sta diventando sempre più vuoto. Cambiate strategia, se potete, a destra aprite gli occhi; a sinistra, l'Arcicaccia sta facendo tutto da sola: si sta suicidando, sta morendo, abbandonata anche dagli ultimi topi.

da finchelabarcava 30/03/2017 9.13

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Salvini pensaci TU!!!! Presentate le liste anche al sud!!!!!!!!!

da mai 5 stalle 30/03/2017 9.00

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

lega tutta la vita anche se servirebbe il vecchio e sano MSI MOLTO MEGLIO O AN

da Gin 30/03/2017 8.12

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Anche io viro alle prossime elezioni ormai la sinistra è matrigna, cambio anche per tante altre cose che riguardano la vita del Paese e noi Italiani, ormai non più tutelati e considerati come chi scende dai barconi, se il progressismo è questo, va fermato.

da giusva 30/03/2017 7.56

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

M5S altro controsenso, non vogliono i clandestini però votano contro il reato di clandestinità ,sono contro gli sprechi e fanno spendere 300 milioni per un referendum inutile, sono contro gli enti inutili e poi votano sto schifo di legge, mangiate un po di carne le vitamine scarseggiano.

da stufo 30/03/2017 5.24

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Votare per la lega o fratelli d'italia?

da Giorgio 29/03/2017 23.34

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

comunque c'è scritto una minchiata - la 394/91 prevedeva e prevede il controllo/abbattimenti della fauna selvatica proprio da personale abilitato esterno come i cacciatori formati da apposito corso, etc, etc. ed anche controllo non cruento. Poi la 394/91 è stata recepita da tutte le regioni con propria L.Regionale sulle aree protette e questo aspetto del controllo/abbattimenti della fauna selvatica è attualmente previsto. Quindi quale è la novità, anche ora i moduli formativi e i piani di controllo hanno il parere dell'ISPRA

da Stefano De Vita 29/03/2017 22.18

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

il mio amico umano ha messo una "L" in più

da INOX 29/03/2017 21.34

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Fra quattro o cinque anni non ci fanno andare a caccia neanche con il sale sulla coda. state a vedere se conto delle musse

da ZERO ASSOLLUTO + breton INOX 29/03/2017 21.31

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Ci sarebbe da mettere sulla bilancia i voti di 800.000 mila cacciatori + quelli dei famigliari, prima di dire che non siamo un problema. Poi in seguito vedremo se contiamo o meno.

da jamesin 29/03/2017 18.16

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Soldi spesi senza nessun introito. L'ambiente si può proteggere benissimo senza la recinzione parco se si da in mano ai vari fruitori dell'ambiente come caccia, pesca e appassionati di ambiente e dei comuni delle aree interessate, con notevole risparmio di soldi.

da jamesin 29/03/2017 18.11

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Cari, nel senso che ci costate in soldi e in sconfitte e umiliazioni ,e illustrissimi Presidenti Nazionali delle nostre Aavv........sarà mica il caso che dopo questa ennesima scoppola vi mettiate da parte......e per essere piu chiari date le dimissioni e poi a casa. Prego signori accomodatevi.

da Annibale 29/03/2017 15.51

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

XArgo: aggiungi pure chi vuoi alla lista dei partiti sicuramente non sbaglieresti, ma non ho capito cosa faresti tu ora!

da Mino 51 29/03/2017 14.20

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Argo, avevo riposto molte speranze sul pd, ma dopo anni e anni di mezzi proclami non vedo un barlume di miglioramento. Se avessero voluto dimostrare la loro vicinanza ne avrebbero avuto tutto il tempo. Quando sembra che abbiano fatto qualcosa, è solo per ridarci quanto loro ci hanno tolto. Al governo ci sono loro e dovevano essere loro a legiferare, non lo hanno mai fatto e quindi si cambia, in meglio, in peggio ? Chissà, la politica è una scommessa, io cambio.

da Federico 29/03/2017 14.20

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

non contiamo niente! questa è la cruda realtà.

da Nob 29/03/2017 14.19

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Se qualche cacciatore vota M5S,BRAVO PIRLA!!! Questi è come quello si taglia i propri gioielli di famiglia per fare un dispetto alla propria moglie. Non si lamenti poi però se il mondo della caccia và in questo modo.

da Fucino Cane 29/03/2017 14.00

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

ALLORA PER CHI VOLETE VOTARE SE NON PER LA LEGA O FRATELLI D'ITALIA PER IL CIUFOLO?

da mariolino 29/03/2017 13.04

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

ti sei chiesto per quale motivo lega e fratelli provano a non fare danno? i 5 stelle hanno dimostrato apertamente di essere contro la caccia,il pd ci sta fracassando le palle ogni giorno,quindi il ragionamento non dovrebbe essere molto complicato da capire,a quale mulino pensi stiano tirando l'acqua?poi la lega se andra' al governo non ci andra' da sola,ma sappiamo gia' tutti con chi visto le prove di rinnamoramento che quotidianamente fanno,e quindi?sono cose gia viste e provate ma si sa gli italiani hanno la memoria corta.

da argo 29/03/2017 13.00

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Bravo Federico io la penso come te, ognuno di noi, se cacciatore, deve prendere atto della situazione, e comportarsi di conseguenza senza tenere il piede in due scarpe.O CACCIA O PD E M5S a voi (noi) la scelta.Fin troppo evidente coi fatti che uno esclude l'altro.

da Mino 51 29/03/2017 12.45

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Mentre le proteste delle Associazioni Venatorie si sprecano, il tutto va avanti tra colpi bassi e prese per il c..o. Possiamo tranquillamente prendere atto che di noi non frega niente a nessuno, ma la sinistra non ha fatto i conti su chi vanno realmente i voti degli animalisti, cioè ai 5 stelle. Gli unici che provano a non fare danni, lo dico a denti stretti, sono ahimè lega e fratelli d'Italia. Che fare ora ? Tapparsi gli occhi e mettere la crocetta proprio lì, sperando che i grillini continuino nella loro ignoranza e si rovinino da soli. Il PD ? Per i cacciatori purtroppo, non pervenuto, ha dimostrato tante parole e pochi fatti. Personalmente mi pesa un pochettino ammetterlo, ma il mio voto a questo partito, pensando alla caccia, è stato un flop. Quindi si svolta e si spera.

da Federico 29/03/2017 12.19

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Se la grande maggioranza dei portatori di interesse, ancorché con e per motivazioni diverse, nega e rifiuta questa proposta di legge, significa che chi vorrebbe farla applicare attuerebbe un colpo di mano, un sistema che, con evidenza significa buttar fuori i veri fruitori della risorsa ambientale che, mi preme far ricordare, NON sono gli abitanti di metropoli o città ma coloro che vivono o abitano i centri rurali, le frazioni di campagna, i paesi; coloro che in questi ambienti lavorano e ne traggono un sostentamento praticando delle attività che sono strettamente correlate. Agricoltori, allevatori, addetti alla pastorizia, pescatori di professione, piscicoltori e anche cacciatori e pescatori sportivi. La legge di imbalsamazione serve solo per chi vuole avere o far assegnare soldi e poltrone. Dieci milioni di euro l'anno sono una spesa inaccettabile se si pensa alle condizioni economiche del nostro paese che ben ben più di altri, in termini percentuali, possiede già territorio estremamente protetto e non sempre controllato (proprio per via della carenza di risorse economiche). No cari Galletti, Realacci e company. una riforma largamente NON condivisa sarebbe una riforma attuata da un regime di dittatura. Sulla caccia vale quanto ho scritto in precedenti commenti; siete avversari (il PD come i 5stelle) per non dire nemici, che potrebbe risultare inelegante, inelegante nei vostri confronti perché la politica, quella vera, dialoga senza alcuna forma di preconcetto e vessazione verso tutti quei cittadini che svolgono attività lecite, tradizionali e anche di gestione come lo è la caccia.La politica, una finezza troppo sottile per voi ???

da Flavio romano 29/03/2017 11.24

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Per Realacci i cacciatori non contano più nulla, certo chi è che conta secondo lui in questo strano Paese? I vari girotondini dei salotti romani che si atteggiano ad ambientalisti della domenica, con tanto di villa in campagna a cui da noia lo sparo dei cacciatori o questa miriade di di animalari pettinagatti e vegani fancazzisti che vanno a rompere gli zibedei a chi si busca la stozza giornaliera, il tempo darà ragione a chi veramente conta in questo Paese, prima o poi ci rifaremo, non vedo l'ora

da giusva 29/03/2017 11.22

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

CACCIATORI VOTATE CINQUE STELLE CHE VE LO METTE NEL RETRO!

da mariolino 29/03/2017 11.21

Re:LEGGE PARCHI E AREE CONTIGUE. Da Realacci ai Cinque Stelle

Vi posso assicurare che ci sono ancora tantissimi cacciatori che votano cinque stelle, non sapendo che questi sono contro la caccia.

da tordo molisano. 29/03/2017 11.13