HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
"Cacciatori di Molvena angeli della solidarietà" Rudy De Candido: Lo scultore di Cadore “La lunga telenovela del Regolamento sulla caccia al cinghiale” Abbattimento lupo, fenomeno complesso nei dati Riforma caccia ATC: ecco la bozza della Regione Toscana Frosinone: le guardie Provinciali tornano a fare vigilanza venatoria La Lega interroga Galletti: "l'Europa ci chiede di eradicare la nutria" BigHunter Giovani. Samuele Carenzi “nelle nostre associazioni serve più grinta” Veneto: Regione aumenta i selecontrollori nel Parco dei Colli Euganei Caccia con l’arco, a ExpoRiva si impara la tecnica con Emilio Petricci Squadre e aree di caccia. Continua lo scontro Fidc Toscana - Arci Di Pietro inizia le consultazioni con i cacciatori sulla prossima stagione Benevento: le deleghe caccia e pesca tornano alla Regione Indipendent: sulla caccia africana il Principe William ha ragione Fidc Lazio: in cento a tavola a Paliano degustando selvaggina Zone cinghiale, ArciCaccia a Fidc Toscana: "maldestra manipolazione" Sorrentino: cinghiali fuori controllo, no all'ideologia animalista Fidc Genova sponsorizza concorso fotografico rivolto alle scuole Romanzo con citazioni venatorie maremmane adottato da università americana Censimento Cervidi: dall'Urca moduli e promemoria per i censitori Anuu Campania invia proposta su calendario venatorio 2017 - 2018 Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia 59° Assemblea Nazionale di Anuu Migratoristi Fidc Toscana: Sorrentino contro assegnazione diretta squadre cinghiale Federcaccia Piemonte risponde a La Stampa (e…all’assessore!) Briano su Affaritaliani “caccia: tra Francia e Italia differenze ingiustificabili” Cinghiali a Roma “pericolo mortale in città” Molise: autorizzata caccia di selezione al cinghiale Fidc Pistoia: riconsegna tesserini ad agosto per i selecontrollori Piano faunistico Abruzzo: presentata convenzione con Ispra REPORT FACE, ECCO COSA FANNO I CACCIATORI PER LA BIODIVERSITA' Avifauna Migratoria a convegno sulla gestione nel Delta del Po Trasferito Ufficio Caccia di Chieti. Febbo furioso Fidc Brescia: deroghe e richiami vivi, a che punto siamo? Mancata ripartizione agli Atc: sale la protesta in Calabria Calendario venatorio Piemonte 2017 - 2018. Ecco la bozza Eps Campania: calendario venatorio, ecco le richieste dei cacciatori Atc Pistoia: al via progetto pilota "Nidi artificiali" MAGNIFICA SEGOLENE. Quel rispetto per la caccia che ci sembra fantascienza Tortora, i prelievi italiani sono sostenibili TIZIANA COLLEONI: La pittrice della Valsugana con l’arte nel cuore IL DOV'E' DELLA CACCIA IN TOSCANA Amiche di BigHunter: Christelle "Il futuro della caccia sono le donne" I Parchi gestiscano la fauna: Mozione Vignale in Piemonte Atc Roma 2: aperte le preiscrizioni al corso per selecontrollori Campania, Anuu: calendario venatorio va rivisto sulla migratoria Francia: i candidati alla presidenza dai cacciatori Eps Campania: si accettano proposte sul calendario venatorio Il Governo impugna la legge veneta su disturbo venatorio e piscatorio Genova affronta l'emergenza cinghiali in città con il contenimento Calendario Venatorio Lazio: raggiunto accordo con gli Atc su cinghiale Caccia in cucina: grande partecipazione alla 15esima edizione Caccia di selezione cinghiali e caprioli: ok dall'Ispra in Molise Piano faunistico Emilia Romagna: le richieste di Confagricoltura Campania: ecco la bozza di calendario venatorio 2017 - 2018 Mori: “guardie venatorie: norme illegali dalla Regione Lazio” Bruxelles: Direttive natura, ecco come la caccia può migliorarne l'applicazione FAO: la caccia contribuisce alla protezione della fauna minacciata Niente fagiani di ricattura, salta ripopolamento nell'Atc di Arezzo Arci Caccia: legge danni fauna selvatica Marche va rivista Direttive Natura, Briano: “La Commissione europea ascolti anche i cacciatori” 8 MARZO: FESTEGGIAMO LE NOSTRE CACCIATRICI Lombardia: intergruppo caccia convoca associazioni venatorie Lazio presentata bozza calendario venatorio 2017 -2018 Divieto di caccia, la mancata tabellazione non attenua la condanna Vincenzo Scordo: “giovani, uniamoci per una caccia migliore e diversa” Unità: Fidc Toscana fa il punto con il Presidente Dall'Olio PESCARA. POSITIVO IL SELECONTROLLO DEL CINGHIALE A BRESCIA UN CORSO PER PREPARARE I TROFEI I cacciatori di Giffone (RC) per la natura Umbria. Cecchini convoca riunione per calendario venatorio 2017/2018 Viterbo. Successo per il nuovo regolamento caccia al cinghiale Tar Liguria blocca abbattimento cinghiali a Cervo (IM) Eps Campania: al via esami abilitazione caccia In Umbria proposta filiera corta delle carni di cinghiale E IL LUPO METTE LE ALI Il lavoro dell'Ufficio Avifauna migratoria Fidc in un video FACE contesta documento inglese sulla caccia ai trofei Basilicata: controllo cinghiale e girata con cane limiere Fidc Brescia "le norme, la quota e i 'tredicisti'" Di Pietro già al lavoro sul calendario venatorio 2017 - 2018 Madonie, prima ordinanza per abbattere i cinghiali. Chiamati i cacciatori Contest I giovani e la caccia: ecco le foto vincitrici CCT: passo avanti verso la casa comune dei cacciatori toscani Atc Brescia, la Regione dice no alla quota per l'appostamento temporaneo Atc Pisa: si dimette il Comitato di Gestione Corte dei conti UE: fondi non utilizzati per i siti Natura 2000 PIOMBO: CHI CONSUMA SELVAGGINA NON RISCHIA DI PIU' Legge Obbiettivo Toscana: agricoltori in disaccordo sugli abbattimenti Bruzzone: a caccia come in Francia, la Liguria invia richiesta all'Ispra per i turdidi Toscana: parte il monitoraggio della beccaccia Valentina Piccioli, 25 anni “la caccia tiene noi giovani lontano dai veri pericoli” In Toscana 5 milioni di storni causano 4 milioni di danni l'anno Legge Obbiettivo Toscana: 100 mila i cinghiali abbattuti Tassa caccia in Lombardia anche con bollettino Fidc Brescia: passa mozione 5 Stelle in Regione su caso lupo Fidc Piemonte ringrazia i cacciatori scesi in piazza

News Caccia

Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia


lunedì 20 marzo 2017
    

Il Consiglio comunale di Massarosa, in provincia di Lucca, ha approvato all'unanimità una mozione per chiedere alla Regione Toscana di semplificare le norme, in materia venatoria e urbanistica, per il rilascio delle autorizzazioni per gli appostamenti di caccia fissi e precari. In sostanza si richiede un adeguamento della disciplina regionale rispetto a quella nazionale al duplice fine di venire incontro al mondo venatorio e non appesantire l’attività degli uffici comunali.
 
“Oggi la normativa regionale, che discende dal combinato disposto delle leggi n. 3 del 1994 e n. 65 del 2014, consente la realizzazione degli appostamenti di caccia fissi o precari – dichiara il vice-sindaco Damasco Rosi – ma la assoggetta ad una procedura che rende il rilascio di tale autorizzazione complesso e dispendioso, non solo per chi lo richiede, ma anche per gli uffici comunali chiamati ad affrontare le varie casistiche”.

“Con questa mozione – prosegue – si chiede che vi sia da parte della Regione Toscana il recepimento, all’interno del proprio quadro normativo, della disciplina nazionale introdotta in ultimo dal collegato ambientale alla legge di stabilità 2016. In esso infatti, il legislatore nazionale, anche al fine di dare indirizzi uniformi in questa materia, introduce il principio per cui l’autorizzazione rilasciata dalla Provincia costituisce già di per sé titolo abilitativo e condizione per la sistemazione del sito e l’istallazione degli appostamenti strettamente funzionali all’attività venatoria, che possono permanere fino alla scadenza dell’autorizzazione stessa e che, fatte salve le preesistenze a norma delle leggi vigenti, non comportino alterazione permanente dello stato dei luoghi, abbiano natura precaria, siano realizzati in legno o con altri materiali leggeri o tradizionali della zona, o con strutture in ferro anche tubolari, o in prefabbricato quando interrati o immersi, privi di opere di fondazione e che infine siano facilmente ed immediatamente rimuovibili alla scadenza dell’autorizzazione”.

“Il territorio di Massarosa – conclude Rosi – anche per la sua conformazione, è fortemente caratterizzato, sin dall’antichità, da una forte presenza di appassionati della pratica venatoria. Gli appostamenti di caccia agli acquatici, gli appostamenti fissi alla minuta selvaggina e gli appostamenti ai colombacci, quindi, come da tradizione, si trovano in molte aree del nostro comune dove è consentita la loro presenza. Dobbiamo dunque, con un approccio laico, risolvere le problematiche emerse, superare i dubbi, i fraintendimenti e un eccesso di burocratizzazione – dato che la Regione Toscana equipara gli appostamenti venatori a manufatti aventi rilevanza edilizia con conseguente applicazione della relativa normativa – e mettere in condizione i cacciatori, muniti di tutti i permessi e nel rispetto della legge, di svolgere l’attività che è loro consentita. Con in mano il mandato del consiglio comunale ci faremo dunque portatori di queste istanze”. (GoNews)


Leggi tutte le news

3 commenti finora...

Re:Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia

È mai possibile che in questo paese deve essere sempre tutto complicato, ci vuole una legge che modifica un altra che a sua volta ne cambia un altra ancora,che deve essere firmata da non so chi ,autorizzato da pinco pallino,ecc....è così difficile far pagare un bollettino intestato alla provincia che rilascia un semplice autorizzazione.

da stufo 21/03/2017 12.56

Re:Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia

A Massarosa, dovete levare quei sudici della LIPU... che "puppa" soldi e basta!

da L.b. 20/03/2017 20.37

Re:Massarosa (LU) chiede alla Regione semplificazione su appostamenti di caccia

Di fatto nella legge Regionale 65/14 a livello edilizio/urbanistico il problema sembra superato (se in struttura precaria non serve nulla), rimane quello ambientale consistente nell'autorizzazione paesaggistica semplificata o non, in quanto la gran parte dei capanni ricade in area contigua al parco, aree boscate, aree soggette a vincolo paesaggistico per decreto. Quindi la regione puo' fare ben poco.

da Simone 79 20/03/2017 19.39